A scuola un'ora dedicata alle diverse culture del mondo
Condividi questo articolo



"A scuola un'ora dedicata alle diverse culture del mondo"



di Chiara Vergano BOLOGNA


 - Un’ora dedicata all’interculturalità. Un’ora alla settimana, nelle scuole elementari e medie, insieme a storia, geografia, matematica, italiano e tutte le altre materie. La proposta arriva dal Forum Metropolitano delle associazioni dei cittadini non comunitari di Bologna e provincia, e verrà "formalizzata" a tutti gli effetti domenica 22 maggio, al Centro interculturale "Massimo Zonarelli" di via Sacco, in occasione di una giornata particolare, di festa e di riflessione, dal titolo "A partire dai figli". Una giornata a cui tutti sono invitati, rappresentanti di famiglie, associazioni, scuola, organizzazioni sindacali, Comune e Provincia, "per stare insieme e per confrontarci – spiega Roland Jace, presidente del Forum – . Perché? E’ da un po’ di tempo che si parla di politiche in grado di andare oltre l’emergenza. Per noi questo vuol dire partire dai nostri figli, i figli dei cittadini stranieri e italiani, che insieme formeranno la società multietnica di domani".


La proposta alle istituzioni bolognesi
Roland Jace è arrivato dall’Albania nel 1988, vive a Bologna con la moglie e due figli, un bimbo e una bimba. "Domenica – annuncia – in occasione della tavola rotonda della mattina, lanceremo questa proposta, a livello comunale e provinciale: l’ora interculturale. Un’ora alla settimana dedicata all’interculturalità nelle scuole. Vorremmo che tutti dicessero la loro su quest’idea, che potrebbe trovare un’applicazione sperimentale". Tutti: Comune, Provincia, Csa (l’ex Provveditorato agli studi), insegnanti. "E’ un po’ una provocazione – prosegue il presidente del Forum – : giorno dopo giorno, vediamo che la scuola non ha più mezzi, né fondi, per sostenere risorse capaci di favorire l’inserimento di ragazzi che vengono da altri paesi, o figli di genitori stranieri". Se mancano i soldi, "ci tocca trovare altre risorse. Bene, questa è la nostra proposta…"


Nelle scuole è straniero l'8 per cento di bambini
Una proposta che nasce in una realtà – Bologna e provincia – dove ci sono 146 etnie straniere; dove la presenza media di alunni stranieri nelle scuole è attorno all’8 per cento, mentre in alcuni istituti raggiunge il 25, 30 per cento, in altri addirittura il 40% sul totale. "In città ci sono scuole dove si lavora molto bene con gli alunni che arrivano da altri paesi – prosegue Jace – ; come le medie ‘Saffi’, o le ‘Dozza’, ma non basta". In alcune scuole "l’interculturalità è affrontata trasversalmente, in tutte le materie, in altre invece è affidata all’insegnante di riferimento, ma non può essere basato tutto su un’unica persona". Proposte? "Si parla spesso di diritti generici – conclude Jace – , invece bisognerebbe fare cose più concrete, legate al contesto in cui viviamo, alle storie, alle provenienze e alle esperienze delle persone. Questo perché ogni bambino ha la sua dimensione".


La festa di domenica
Domenica, l’appuntamento con "A partire dai figli", iniziativa organizzata dal Forum Metropolitano in collaborazione con l’assessorato alle Politiche sociali della Provincia di Bologna, il Comune e il Quartiere San Donato e il Cd/Lei (Centro documentazione/Laboratorio educazione interculturale), è alle 10 con la tavola rotonda "Quale futuro e quale modello di convivenza ai nostri figli…"; dopo il buffet multietnico, nel pomeriggio sono in programma giochi, musiche, spettacoli e laboratori interculturali.


(18 maggio 2005 - ore 18.48)


www.ilpassaporto.it



Condividi questo articolo

in a scuola: Salam Aleikum - corso di arabo a Modena - 3° annoIl fallimento della scuola multiculturale tedesca: un insuccesso che fa pensareMIUR - ALUNNI STRANIERI - La scuola dell'accoglienza e dell'integrazione ed il nuovo Ufficio per gli alunni stranieriScuola: La Riforma non facilita l'integrazione scolastica dei figli di immigrati. Una carta dell'integrazione e il no alla Moratti della Fondazione ZancanIn Francia: documentazioneIl sistema educativo francese - Le tendenze attualiIl modello francese - ORGANISATION DE LA SCOLARITÉ DES ÉLÈVES NOUVELLEMENT ARRIVÉS EN FRANCE SANS MAÎTRISE SUFFISANTE DE LA LANGUE FRANÇAISE OU DES APPRENTISSAGESA.s. 2004/2005 - Scuola secondaria di II grado: alunni promossi su 100 scrutinatiScuola: carta dell'integrazione e il no alla MorattiLavorare come mediatore interculturaleAumentano gli stranieri nella scuola italiana, inserimento problematicoAumentano gli stranieri: la scuola e' impreparata, mancano risorse, a rischio il sistema didatticoGenitori neri - <b>E' meglio essere diversi per sopravvivere meglio</b>Primo Rapporto di aggiornamento sul monitoraggio della Convenzione sui diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza in Italia Anno 2004-2005La linea dura di Blair. Immigrati? Soltanto se utili all’economia e se sanno l’ingleseMa in matematica gli alunni stranieri sono più bravi!Sì all’ora di educazione al saper vivere insieme - Un'inchiesta di TuttoscuolaAlunni con cittadinanza non italiana: Sempre di più e sempre più colti, in un anno il 27,9% in più (25 novembre 2005)CAMPAGNA NAZIONALE NELLE SCUOLE PER UNA MULTICULTURALITÀ QUALE FATTORE POSITIVO, FONTE DI ARRICCHIMENTO E DI CRESCITAUN  CONTRIBUTO  PER  L’INTERCULTURA  NELLA  SCUOLA - di Luigi AmbrosiJournée mondiale des enseignants - Messaggio congiunto di Unesco, Unicef, Undp (programma di sviluppo Onu) e Ilo (Organizzazione internazionale del lavoro)Il punto sull'attuazione della Legge 53: 27 schede per saperne di più+20% CRESCITA FIGLI STRANIERI IN ITALIADiversi per religione, uguali per la leggeLa scuola italiana di fronte al fenomeno migratorio e alcuni principi per I’ Educazione interculturale - a cura di Marina Medi<img 
src=http://www.studyincanada.com/graphics/littleb.gif border=0><br> MILANO  -  Alle superiori è boom di iscritti stranieri. All’istituto professionale Marignoni sono l’80Bambini e migrazione: diritto all’istruzione e intercultura. Di Fabrizio PappalardoL'EDUCAZIONE INTERCULTURALE NELLA SCUOLA SUPERIORE di Claudio EconomiIntercultura fase due - LA SCUOLA DIFFICILE - Lucrezia Pedrali per Cem MondialitàScuole in Friuli V.G.: rischio di ''ghetti'' per gli stranieriChildren in between - CITTADINANZA, BENESSERE E IDENTITÀ DEI MINORI DI ORIGINE IMMIGRATA - Rapporto internazionale di ricercaRapporto Bénisti<b> ''Sur la prévention de la délinquance''</b>L'iniziativa di Bologna di ''educazione alla pari'':una conferma positiva - Di Elvira CavalloUn progetto di educazione alla pari a BolognaVerso una cittadinanza inclusiva: quale ruolo per la scuola? Ubax Cristina Ali Farah - maggio 2004Dal MIUR - <b>Indagine sugli esiti degli Alunni con Cittadinanza non Italiana</b>Interventi di mediazione linguistica e culturale a Lugo e nella Bassa Romagna<b>Rapporto del Miur </b>sul successo scolastico degli alunni stranieriNARRATIVA E RIFLESSIONE.GLI ATTORI PRINCIPALI DEL DISAGIO NASCOSTO IN CLASSETRACCIA DI ELABORAZIONE - UN PERCORSO DI DIDATTICA GEOGRAFICA<b>LA METODOLOGIA DELL’APPRENDIMENTO </b>LA CONDUZIONE DEL PENSIERO ATTRAVERSO LE DISCIPLINE SCOLASTICHE. Primo percorso lineare di produzione scritta in area storicaMETODOLOGIA DIDATTICA IN AREA STORICA. Svolgimento di un percorso d’apprendimento a tappe.La scuola nel Primo Rapporto di aggiornamento sul monitoraggio della Convenzione sui diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza in Italia Anno 2004-2005 a cura del Gruppo di LavoroADOLESCENZA STUPEFACENTE.
I giovani e le drogheIl “significare attivo” del soggetto - LA VISIONE DEL MONDO E DELLA REALTA’<b> L’azione educativa e la capacità di “significare” il mondo</b>Conoscere lingue diverse, mediare tra le culture, percorrere itinerari comuniPATOLOGIA E PREVENZIONE - Le potenzialità di cambiamento, di trasformazione e di recuperoI MODELLI TEORICI DELL’INTERAZIONE - Dalla psicologia dell’educazione alla teoria dei sistemi - di LAURA TUSSIA scuola un'ora dedicata alle diverse culture del mondoCampagna mondiale per l’educazione: giudizio negativo per l’ItaliaBerlusconi bocciato! L'Italia diciottesima nel rapporto sulla campagna mondiale per l'educazione 2005Cinesi, rumeni, peruviani a Firenze tra i banchi c´è mezzo mondo''Mare nostrum a scuola'' un'esperienza a Bologna - resoconto di Carla Castelli<b>Dal MIUR - Un'analisi dei fattori in gioco  </b> Percorsi ed esiti scolastici degli alunni con cittadinanza non italiana70mila alunni stranieri in più nelle scuole italiane - L'esperto: l'essenziale è superare l'ostacolo della linguaLA FASE DI START-UP DI UN PROGETTO DI PREVENZIONE DEL BULLISMO - Ruolo della mediazione relazionale, linguistica e culturaleLE PRASSI/MODALITA’ E GLI STRUMENTI EDUCATIVI UTILIZZATI A SCUOLA NEL PROCESSO DI SOCIALIZZAZIONE NORMATIVA.<b>I modelli integrazionista e costruzionista </b>GLI STRUMENTI EDUCATIVI PER LA SOCIALIZZAZIONE - LE PRASSI/MODALITA’ E GLI STRUMENTI EDUCATIVI UTILIZZATI A SCUOLA NEL PROCESSO DI SOCIALIZZAZIONE NORMATIVA. I modelli integrazionista e costruzionistaI PROCESSI EVOLUTIVILa valutazione degli alunni di recente immigrazione nella scuola dell'obligoIL PROCESSO DI CRESCITA E DI SOCIALIZZAZIONE Dall’individuazione all’appartenenza  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati