Cinesi, rumeni, peruviani a Firenze tra i banchi c´è mezzo mondo
Condividi questo articolo


Nelle elementari e medie di Firenze ci sono ragazzini di 45 nazionalità diverse

Cinesi, rumeni, peruviani tra i banchi c´è mezzo mondo

 

di Claudia Riconda

 

Demba non aveva mai visto «le case lunghe», Demba non era mai entrato dentro una macchina, Demba ha preso l´ascensore e «credevo di cadere giù», Demba per giorni non ha dormito perché in Senegal «sentivo il rumore degli elefanti e qui no». Demba non ci voleva proprio vivere, in Italia, a Firenze. Non parlava la lingua, non ci capiva, aveva sempre freddo. Ora, dice, ora che ho imparato l´italiano, voglio restare, ho dei nuovi amici, conosco ogni via del mio quartiere.

A Firenze ce ne sono 2.479 di ragazzini come lui: sono gli stranieri iscritti nelle scuole elementari e medie del Comune. Sono loro a riempire le classi: nel quartiere 5 sono il 38 per cento di tutti gli alunni, nell´1 sono il 21 per cento, nel 4 il 18, nel 2 il 17, nel 3 il 6 per cento. Tantissimi i cinesi, il 17 per cento, poi albanesi il 15, rumeni il 10, poi filippini e peruviani, marocchini e rom. Bambini di 45 nazionalità diverse che hanno difficoltà a inserirsi nella nuova realtà perché non ne conoscono la lingua: arrivano all´improvviso, per motivi più diversi, guerre, malattie, fame, e vengono subito iscritti nelle nostre scuole. Da quattro anni l´assessorato alla pubblica istruzione di Daniela Lastri organizza per loro corsi di alfabetizzazione all´interno delle scuole (700 mila euro l´anno l´investimento del Comune): attualmente i centri specializzati sono tre, l´Ulysse presso la scuola Agnesi nel centro storico (che da settembre si sposterà temporaneamente al quartiere 2 per ristrutturazione dell´Agnesi), il Ghandi alla Paolo Uccello zona Novoli-Brozzi, il Giufà alla Barsanti nel quartiere 4 (non sono lezioni extrascolastiche, ma rientrano proprio nel piano di offerta formativa della scuola). Si apprende l´italiano, ma senza perdere la propria lingua, la propria cultura. Uno scambio continuo, non solo tra le parole, ma anche tra le culture, la geografia, le usanze.

Si impara la ricetta degli gnocchi, ma intanto si insegna agli altri quella del cous cous marocchino, si ascolta come si pronuncia una parola in italiano e però poi si spiega agli altri come non storpiarne una cinese, si scrivono pensieri, sogni, paure, e soprattutto si disegna quello che si vorrebbe: in una mappa delle Piagge i bambini del centro Ghandi hanno disegnato il mare. L´esperienza di questi quattro anni è diventata tre libri, «Viaggio negli alfabeti», pubblicati oggi dalla casa editrice Vannini, che saranno in tutte le librerie d´Italia. C´è la storia del senegalese Demba, e di molti altri bambini che hanno imparato l´italiano nei tre centri: quest´anno sono stati 730, e in media hanno seguito le lezioni per due giorni e mezzo alla settimana. Oltre un terzo cinesi (il 35 per cento, in leggero calo rispetto al boom del 2001-2002), poi Rom (16 per cento, in calo anche loro), mentre rumeni (10 per cento) e rumeni (il 4) sono in aumento costante.


(23 maggio 2005 - ore 11.43)


larepubblica/firenze



Condividi questo articolo

in a scuola: Salam Aleikum - corso di arabo a Modena - 3° annoIl fallimento della scuola multiculturale tedesca: un insuccesso che fa pensareMIUR - ALUNNI STRANIERI - La scuola dell'accoglienza e dell'integrazione ed il nuovo Ufficio per gli alunni stranieriScuola: La Riforma non facilita l'integrazione scolastica dei figli di immigrati. Una carta dell'integrazione e il no alla Moratti della Fondazione ZancanIn Francia: documentazioneIl sistema educativo francese - Le tendenze attualiIl modello francese - ORGANISATION DE LA SCOLARITÉ DES ÉLÈVES NOUVELLEMENT ARRIVÉS EN FRANCE SANS MAÎTRISE SUFFISANTE DE LA LANGUE FRANÇAISE OU DES APPRENTISSAGESA.s. 2004/2005 - Scuola secondaria di II grado: alunni promossi su 100 scrutinatiScuola: carta dell'integrazione e il no alla MorattiLavorare come mediatore interculturaleAumentano gli stranieri nella scuola italiana, inserimento problematicoAumentano gli stranieri: la scuola e' impreparata, mancano risorse, a rischio il sistema didatticoGenitori neri - <b>E' meglio essere diversi per sopravvivere meglio</b>Primo Rapporto di aggiornamento sul monitoraggio della Convenzione sui diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza in Italia Anno 2004-2005La linea dura di Blair. Immigrati? Soltanto se utili all’economia e se sanno l’ingleseMa in matematica gli alunni stranieri sono più bravi!Sì all’ora di educazione al saper vivere insieme - Un'inchiesta di TuttoscuolaAlunni con cittadinanza non italiana: Sempre di più e sempre più colti, in un anno il 27,9% in più (25 novembre 2005)CAMPAGNA NAZIONALE NELLE SCUOLE PER UNA MULTICULTURALITÀ QUALE FATTORE POSITIVO, FONTE DI ARRICCHIMENTO E DI CRESCITAUN  CONTRIBUTO  PER  L’INTERCULTURA  NELLA  SCUOLA - di Luigi AmbrosiJournée mondiale des enseignants - Messaggio congiunto di Unesco, Unicef, Undp (programma di sviluppo Onu) e Ilo (Organizzazione internazionale del lavoro)Il punto sull'attuazione della Legge 53: 27 schede per saperne di più+20% CRESCITA FIGLI STRANIERI IN ITALIADiversi per religione, uguali per la leggeLa scuola italiana di fronte al fenomeno migratorio e alcuni principi per I’ Educazione interculturale - a cura di Marina Medi<img 
src=http://www.studyincanada.com/graphics/littleb.gif border=0><br> MILANO  -  Alle superiori è boom di iscritti stranieri. All’istituto professionale Marignoni sono l’80Bambini e migrazione: diritto all’istruzione e intercultura. Di Fabrizio PappalardoL'EDUCAZIONE INTERCULTURALE NELLA SCUOLA SUPERIORE di Claudio EconomiIntercultura fase due - LA SCUOLA DIFFICILE - Lucrezia Pedrali per Cem MondialitàScuole in Friuli V.G.: rischio di ''ghetti'' per gli stranieriChildren in between - CITTADINANZA, BENESSERE E IDENTITÀ DEI MINORI DI ORIGINE IMMIGRATA - Rapporto internazionale di ricercaRapporto Bénisti<b> ''Sur la prévention de la délinquance''</b>L'iniziativa di Bologna di ''educazione alla pari'':una conferma positiva - Di Elvira CavalloUn progetto di educazione alla pari a BolognaVerso una cittadinanza inclusiva: quale ruolo per la scuola? Ubax Cristina Ali Farah - maggio 2004Dal MIUR - <b>Indagine sugli esiti degli Alunni con Cittadinanza non Italiana</b>Interventi di mediazione linguistica e culturale a Lugo e nella Bassa Romagna<b>Rapporto del Miur </b>sul successo scolastico degli alunni stranieriNARRATIVA E RIFLESSIONE.GLI ATTORI PRINCIPALI DEL DISAGIO NASCOSTO IN CLASSETRACCIA DI ELABORAZIONE - UN PERCORSO DI DIDATTICA GEOGRAFICA<b>LA METODOLOGIA DELL’APPRENDIMENTO </b>LA CONDUZIONE DEL PENSIERO ATTRAVERSO LE DISCIPLINE SCOLASTICHE. Primo percorso lineare di produzione scritta in area storicaMETODOLOGIA DIDATTICA IN AREA STORICA. Svolgimento di un percorso d’apprendimento a tappe.La scuola nel Primo Rapporto di aggiornamento sul monitoraggio della Convenzione sui diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza in Italia Anno 2004-2005 a cura del Gruppo di LavoroADOLESCENZA STUPEFACENTE.
I giovani e le drogheIl “significare attivo” del soggetto - LA VISIONE DEL MONDO E DELLA REALTA’<b> L’azione educativa e la capacità di “significare” il mondo</b>Conoscere lingue diverse, mediare tra le culture, percorrere itinerari comuniPATOLOGIA E PREVENZIONE - Le potenzialità di cambiamento, di trasformazione e di recuperoI MODELLI TEORICI DELL’INTERAZIONE - Dalla psicologia dell’educazione alla teoria dei sistemi - di LAURA TUSSIA scuola un'ora dedicata alle diverse culture del mondoCampagna mondiale per l’educazione: giudizio negativo per l’ItaliaBerlusconi bocciato! L'Italia diciottesima nel rapporto sulla campagna mondiale per l'educazione 2005Cinesi, rumeni, peruviani a Firenze tra i banchi c´è mezzo mondo''Mare nostrum a scuola'' un'esperienza a Bologna - resoconto di Carla Castelli<b>Dal MIUR - Un'analisi dei fattori in gioco  </b> Percorsi ed esiti scolastici degli alunni con cittadinanza non italiana70mila alunni stranieri in più nelle scuole italiane - L'esperto: l'essenziale è superare l'ostacolo della linguaLA FASE DI START-UP DI UN PROGETTO DI PREVENZIONE DEL BULLISMO - Ruolo della mediazione relazionale, linguistica e culturaleLE PRASSI/MODALITA’ E GLI STRUMENTI EDUCATIVI UTILIZZATI A SCUOLA NEL PROCESSO DI SOCIALIZZAZIONE NORMATIVA.<b>I modelli integrazionista e costruzionista </b>GLI STRUMENTI EDUCATIVI PER LA SOCIALIZZAZIONE - LE PRASSI/MODALITA’ E GLI STRUMENTI EDUCATIVI UTILIZZATI A SCUOLA NEL PROCESSO DI SOCIALIZZAZIONE NORMATIVA. I modelli integrazionista e costruzionistaI PROCESSI EVOLUTIVILa valutazione degli alunni di recente immigrazione nella scuola dell'obligoIL PROCESSO DI CRESCITA E DI SOCIALIZZAZIONE Dall’individuazione all’appartenenza  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati