Rapporto del Miur sul successo scolastico degli alunni stranieri
Condividi questo articolo


Rapporto del Miur sul successo scolastico degli alunni stranieri
Il Ministro Moratti:
"Affrontiamo la sfida della piena cittadinanza"


"Insieme al traguardo. Indagine sugli esiti degli alunni con cittadinanza non italiana" è il titolo del nuovo rapporto promosso dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Direzione generale per lo studente. Dopo aver consolidato il metodo di rilevazione del numero di alunni stranieri con l'indagine annuale "Alunni con cittadinanza non italiana" (arrivata al settimo anno) il Miur ha elaborato questa nuova ricerca per sollecitare una sensibilità e un'attenzione specifica sugli esiti scolastici degli alunni stranieri.

"Dal rapporto", ha detto il Ministro Letizia Moratti, "emerge un minore successo scolastico degli alunni stranieri rispetto agli italiani. Si tratta di un fenomeno che si registra in tutta Europa e che ci preoccupa perché è indice di una integrazione non pienamente raggiunta. Il successo scolastico è infatti uno degli elementi qualitativi su cui misurare l'integrazione. Ci dobbiamo impegnare, a tutti i livelli, perché, attraverso una maggiore consapevolezza di questo fenomeno, possiamo individuare quelle misure adatte alle singole realtà territoriali che ci consentano di affrontare la sfida della piena cittadinanza degli alunni stranieri".

Nei diversi ordini di scuola

Dall'osservazione dell'esito scolastico degli alunni italiani a confronto con quello degli alunni stranieri si rileva come costante il minore successo scolastico degli allievi stranieri nei diversi ordini di scuola.
Il divario fra i tassi di promozione degli allievi stranieri e di quelli italiani è inferiore di 3,36 punti nella scuola primaria, di 7,06 nella secondaria di I grado, e di ben 12,56 nella secondaria di II grado, nella quale più di un alunno straniero su quattro non consegue la promozione.

Nelle scuole secondarie di secondo grado

Nelle diverse tipologie di scuole secondarie di II grado si può osservare che l'istruzione classica, scientifica e magistrale fa registrare la maggior percentuale di promossi fra gli studenti stranieri: 80,30% rispetto al 90,51 degli italiani. Negli istituti professionali si registra invece la minore percentuale di promossi: 70,40% per gli stranieri contro il 78,90 per gli italiani.

Le diverse realtà territoriali

La rilevazione del divario negli esiti scolastici sul territorio presenta un quadro molto differenziato e disomogeneo, a macchia di leopardo anche all'interno delle stesse regioni e province.
Tra le regioni che hanno il minor divario negli esiti tra allievi stranieri e italiani rispetto al totale nazionale e contemporaneamente una presenza significativa di stranieri si notano: il Friuli-Venezia Giulia per la scuola primaria (1,13 in meno rispetto a 3,36 punti in meno della media nazionale), l'Emilia Romagna per la secondaria di I grado (4,94 punti in meno rispetto al 7,06 della media nazionale) e, tra le regioni con presenza straniera percentualmente significativa, il Piemonte per la secondaria di II grado (9,92 punti in meno rispetto ai 12,56 punti della media nazionale).

Il confronto con alcuni paesi europei

I monitoraggi già conclusi, sugli aspetti quantitativi e qualitativi dell'integrazione degli alunni stranieri, mettono in luce come l'impegno del nostro Paese non sia da meno rispetto a Paesi di più lunga e consolidata immigrazione quali la Germania, il Regno Unito, la Spagna e la Francia.
Questi Paesi, peraltro, vedono tendenzialmente le seconde generazioni, ovvero quelle composte dai figli di origine straniera nati nel Paese in cui sono arrivati i genitori, più esposte al disagio, alle devianze e in generale ai comportamenti a rischio.
L'Italia, Paese di più recente immigrazione, sta ora affrontando questa seconda fase e, tuttavia, il confronto con la situazione e con le misure adottate in altri paesi europei fa emergere problematiche simili. L'indagine evidenzia anche che in nessun paese si è riusciti finora a risolvere adeguatamente il problema della piena integrazione e promozione degli allievi stranieri.
Secondo il Rapporto del Miur si rende necessario "giocare d'anticipo", cioè puntare con maggiore determinazione a un inserimento precoce dei bambini nella realtà culturale e linguistica del Paese di accoglienza, a partire dalla scuola dell'infanzia.

Il Rapporto è disponibile sul sito www.istruzione.it

Roma, 14 gennaio 2005



Condividi questo articolo

in a scuola: Salam Aleikum - corso di arabo a Modena - 3° annoIl fallimento della scuola multiculturale tedesca: un insuccesso che fa pensareMIUR - ALUNNI STRANIERI - La scuola dell'accoglienza e dell'integrazione ed il nuovo Ufficio per gli alunni stranieriScuola: La Riforma non facilita l'integrazione scolastica dei figli di immigrati. Una carta dell'integrazione e il no alla Moratti della Fondazione ZancanIn Francia: documentazioneIl sistema educativo francese - Le tendenze attualiIl modello francese - ORGANISATION DE LA SCOLARITÉ DES ÉLÈVES NOUVELLEMENT ARRIVÉS EN FRANCE SANS MAÎTRISE SUFFISANTE DE LA LANGUE FRANÇAISE OU DES APPRENTISSAGESA.s. 2004/2005 - Scuola secondaria di II grado: alunni promossi su 100 scrutinatiScuola: carta dell'integrazione e il no alla MorattiLavorare come mediatore interculturaleAumentano gli stranieri nella scuola italiana, inserimento problematicoAumentano gli stranieri: la scuola e' impreparata, mancano risorse, a rischio il sistema didatticoGenitori neri - <b>E' meglio essere diversi per sopravvivere meglio</b>Primo Rapporto di aggiornamento sul monitoraggio della Convenzione sui diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza in Italia Anno 2004-2005La linea dura di Blair. Immigrati? Soltanto se utili all’economia e se sanno l’ingleseMa in matematica gli alunni stranieri sono più bravi!Sì all’ora di educazione al saper vivere insieme - Un'inchiesta di TuttoscuolaAlunni con cittadinanza non italiana: Sempre di più e sempre più colti, in un anno il 27,9% in più (25 novembre 2005)CAMPAGNA NAZIONALE NELLE SCUOLE PER UNA MULTICULTURALITÀ QUALE FATTORE POSITIVO, FONTE DI ARRICCHIMENTO E DI CRESCITAUN  CONTRIBUTO  PER  L’INTERCULTURA  NELLA  SCUOLA - di Luigi AmbrosiJournée mondiale des enseignants - Messaggio congiunto di Unesco, Unicef, Undp (programma di sviluppo Onu) e Ilo (Organizzazione internazionale del lavoro)Il punto sull'attuazione della Legge 53: 27 schede per saperne di più+20% CRESCITA FIGLI STRANIERI IN ITALIADiversi per religione, uguali per la leggeLa scuola italiana di fronte al fenomeno migratorio e alcuni principi per I’ Educazione interculturale - a cura di Marina Medi<img 
src=http://www.studyincanada.com/graphics/littleb.gif border=0><br> MILANO  -  Alle superiori è boom di iscritti stranieri. All’istituto professionale Marignoni sono l’80Bambini e migrazione: diritto all’istruzione e intercultura. Di Fabrizio PappalardoL'EDUCAZIONE INTERCULTURALE NELLA SCUOLA SUPERIORE di Claudio EconomiIntercultura fase due - LA SCUOLA DIFFICILE - Lucrezia Pedrali per Cem MondialitàScuole in Friuli V.G.: rischio di ''ghetti'' per gli stranieriChildren in between - CITTADINANZA, BENESSERE E IDENTITÀ DEI MINORI DI ORIGINE IMMIGRATA - Rapporto internazionale di ricercaRapporto Bénisti<b> ''Sur la prévention de la délinquance''</b>L'iniziativa di Bologna di ''educazione alla pari'':una conferma positiva - Di Elvira CavalloUn progetto di educazione alla pari a BolognaVerso una cittadinanza inclusiva: quale ruolo per la scuola? Ubax Cristina Ali Farah - maggio 2004Dal MIUR - <b>Indagine sugli esiti degli Alunni con Cittadinanza non Italiana</b>Interventi di mediazione linguistica e culturale a Lugo e nella Bassa Romagna<b>Rapporto del Miur </b>sul successo scolastico degli alunni stranieriNARRATIVA E RIFLESSIONE.GLI ATTORI PRINCIPALI DEL DISAGIO NASCOSTO IN CLASSETRACCIA DI ELABORAZIONE - UN PERCORSO DI DIDATTICA GEOGRAFICA<b>LA METODOLOGIA DELL’APPRENDIMENTO </b>LA CONDUZIONE DEL PENSIERO ATTRAVERSO LE DISCIPLINE SCOLASTICHE. Primo percorso lineare di produzione scritta in area storicaMETODOLOGIA DIDATTICA IN AREA STORICA. Svolgimento di un percorso d’apprendimento a tappe.La scuola nel Primo Rapporto di aggiornamento sul monitoraggio della Convenzione sui diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza in Italia Anno 2004-2005 a cura del Gruppo di LavoroADOLESCENZA STUPEFACENTE.
I giovani e le drogheIl “significare attivo” del soggetto - LA VISIONE DEL MONDO E DELLA REALTA’<b> L’azione educativa e la capacità di “significare” il mondo</b>Conoscere lingue diverse, mediare tra le culture, percorrere itinerari comuniPATOLOGIA E PREVENZIONE - Le potenzialità di cambiamento, di trasformazione e di recuperoI MODELLI TEORICI DELL’INTERAZIONE - Dalla psicologia dell’educazione alla teoria dei sistemi - di LAURA TUSSIA scuola un'ora dedicata alle diverse culture del mondoCampagna mondiale per l’educazione: giudizio negativo per l’ItaliaBerlusconi bocciato! L'Italia diciottesima nel rapporto sulla campagna mondiale per l'educazione 2005Cinesi, rumeni, peruviani a Firenze tra i banchi c´è mezzo mondo''Mare nostrum a scuola'' un'esperienza a Bologna - resoconto di Carla Castelli<b>Dal MIUR - Un'analisi dei fattori in gioco  </b> Percorsi ed esiti scolastici degli alunni con cittadinanza non italiana70mila alunni stranieri in più nelle scuole italiane - L'esperto: l'essenziale è superare l'ostacolo della linguaLA FASE DI START-UP DI UN PROGETTO DI PREVENZIONE DEL BULLISMO - Ruolo della mediazione relazionale, linguistica e culturaleLE PRASSI/MODALITA’ E GLI STRUMENTI EDUCATIVI UTILIZZATI A SCUOLA NEL PROCESSO DI SOCIALIZZAZIONE NORMATIVA.<b>I modelli integrazionista e costruzionista </b>GLI STRUMENTI EDUCATIVI PER LA SOCIALIZZAZIONE - LE PRASSI/MODALITA’ E GLI STRUMENTI EDUCATIVI UTILIZZATI A SCUOLA NEL PROCESSO DI SOCIALIZZAZIONE NORMATIVA. I modelli integrazionista e costruzionistaI PROCESSI EVOLUTIVILa valutazione degli alunni di recente immigrazione nella scuola dell'obligoIL PROCESSO DI CRESCITA E DI SOCIALIZZAZIONE Dall’individuazione all’appartenenza  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati