Scuola: carta dell'integrazione e il no alla Moratti
Fondazione Zancan 20 giugno, 2005
Condividi questo articolo



Scuola: carta dell'integrazione e il no alla Moratti



lunedì, 20 giugno, 2005






Gli alunni stranieri, figli di immigrati in Italia, nell’anno scolastico 2003-2004 sono stati 38.694 nella scuola dell’infanzia, 121.300 nella scuola primaria, 71.903 nella scuola secondaria di primo grado, 46.842 nella scuola secondaria di secondo grado, per un totale di 278.738, con percentuali diverse nei confronti degli alunni italiani secondo le varie regioni; nel Veneto, ad esempio, raggiungono una percentuale del 12%. Quale la situazione di questi ragazzi? Quali difficoltà vivono, quali gli ostacoli per una buona integrazione scolastica? Su queste domande la Fondazione Zancan di Padova ha promosso un seminario di ricerca nazionale, svoltosi a Malosco (Trento) da mercoledì 15 giugno a oggi, sabato 18 giugno 2005, dal titolo "L’integrazione scolastica dei minori immigrati dopo la Riforma".

I principali punti critici per l’integrazione scolastica dei minori immigrati, come emerso dal seminario, sono: le difficoltà di inserimento scolastico, soprattutto dei ragazzi stranieri che, con il ricongiungimento familiare, arrivano durante l’anno scolastico; il ritardo scolastico, perché spesso vengono inseriti in una classe che non corrisponde all’età anagrafica (in Lombardia, ad esempio, nell’anno scolastico 2003-2004 i ragazzi che pativano questo ritardo erano il 21% nella scuola primaria, il 53,2% nella scuola secondaria di primo grado, il 65,3% nella scuola secondaria di secondo grado); l’insuccesso scolastico: nella scuola secondaria di secondo grado i bocciati sono il 12,56%, e una parte consistente degli alunni stranieri ha difficoltà a proseguire gli studi dopo la terza media.

«La Riforma Moratti non facilita l’integrazione scolastica dei figli di immigrati - denuncia mons. Giovanni Nervo, presidente onorario della Fondazione Zancan - perché non parla mai di “interculturalità”, di “educazione interculturale”, non va mai al di là della “comunità locale, nazionale, europea”, non prevede risorse economiche e professionali per l’insegnamento della lingua italiana agli stranieri, condizione indispensabile per l’integrazione scolastica, e inoltre rende più difficile l’integrazione con alcune norme specifiche: riduzione del tempo obbligatorio di insegnamento, l’obbligo di due lingue comunitarie nella scuola secondaria di primo grado che, con la lingua italiana, significa per gli immigrati l’obbligo di tre lingue, e, ancora, la riduzione delle compresenze nella scuola primaria».

Durante il seminario, inoltre, è stata stesa una “Carta dell’integrazione scolastica”, che verrà diffusa nei prossimi mesi: il documento sintetizza alcune linee per l’integrazione scolastica dei ragazzi stranieri. Una prima parte del documento riguarda la scuola: i requisiti che essa dovrebbe possedere per definirsi interculturale e accogliente; di quali dispositivi e risorse, di tipo organizzativo, didattico, progettuale, dovrebbe dotarsi a questo scopo. Una seconda parte riguarda l’apporto che possono dare gli enti locali: la normativa relativa alla scolarità degli alunni stranieri richiama alcune competenze specifiche degli enti locali, che devono garantire l’effettiva realizzazione del diritto-dovere allo studio dei minori stranieri indipendentemente dalla loro posizione giuridica (anche cioè se sono irregolari). Il documento individua altresì ambiti di intervento degli enti in accordo con le istituzioni scolastiche, volti a facilitare il rapporto scuola-famiglia-territorio. Una terza parte della Carta, infine, riguarda l’apporto o gli ostacoli che possono venire dalla società civile all’integrazione scolastica dei minori stranieri: «se l’integrazione scolastica è compito proprio diretto degli operatori della scuola - conclude mons. Nervo -, è però vero che la scuola risente di quello che si vive nella società. Ci sono elementi che influiscono negativamente: i mass media, quando mettono in rilievo soltanto la criminalità degli immigrati; una cultura politica escludente e razzista. E ci sono elementi che influiscono positivamente e favoriscono l’integrazione scolastica: le famiglie dei bambini italiani che frequentano la scuola insieme con i bambini stranieri, lo sport, i mass media, quando danno rilievo a fatti positivi legati alla presenza degli immigrati».

 

Fondazione Zancan

 



Condividi questo articolo

in a scuola: Salam Aleikum - corso di arabo a Modena - 3° annoIl fallimento della scuola multiculturale tedesca: un insuccesso che fa pensareMIUR - ALUNNI STRANIERI - La scuola dell'accoglienza e dell'integrazione ed il nuovo Ufficio per gli alunni stranieriScuola: La Riforma non facilita l'integrazione scolastica dei figli di immigrati. Una carta dell'integrazione e il no alla Moratti della Fondazione ZancanIn Francia: documentazioneIl sistema educativo francese - Le tendenze attualiIl modello francese - ORGANISATION DE LA SCOLARITÉ DES ÉLÈVES NOUVELLEMENT ARRIVÉS EN FRANCE SANS MAÎTRISE SUFFISANTE DE LA LANGUE FRANÇAISE OU DES APPRENTISSAGESA.s. 2004/2005 - Scuola secondaria di II grado: alunni promossi su 100 scrutinatiScuola: carta dell'integrazione e il no alla MorattiLavorare come mediatore interculturaleAumentano gli stranieri nella scuola italiana, inserimento problematicoAumentano gli stranieri: la scuola e' impreparata, mancano risorse, a rischio il sistema didatticoGenitori neri - <b>E' meglio essere diversi per sopravvivere meglio</b>Primo Rapporto di aggiornamento sul monitoraggio della Convenzione sui diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza in Italia Anno 2004-2005La linea dura di Blair. Immigrati? Soltanto se utili all’economia e se sanno l’ingleseMa in matematica gli alunni stranieri sono più bravi!Sì all’ora di educazione al saper vivere insieme - Un'inchiesta di TuttoscuolaAlunni con cittadinanza non italiana: Sempre di più e sempre più colti, in un anno il 27,9% in più (25 novembre 2005)CAMPAGNA NAZIONALE NELLE SCUOLE PER UNA MULTICULTURALITÀ QUALE FATTORE POSITIVO, FONTE DI ARRICCHIMENTO E DI CRESCITAUN  CONTRIBUTO  PER  L’INTERCULTURA  NELLA  SCUOLA - di Luigi AmbrosiJournée mondiale des enseignants - Messaggio congiunto di Unesco, Unicef, Undp (programma di sviluppo Onu) e Ilo (Organizzazione internazionale del lavoro)Il punto sull'attuazione della Legge 53: 27 schede per saperne di più+20% CRESCITA FIGLI STRANIERI IN ITALIADiversi per religione, uguali per la leggeLa scuola italiana di fronte al fenomeno migratorio e alcuni principi per I’ Educazione interculturale - a cura di Marina Medi<img 
src=http://www.studyincanada.com/graphics/littleb.gif border=0><br> MILANO  -  Alle superiori è boom di iscritti stranieri. All’istituto professionale Marignoni sono l’80Bambini e migrazione: diritto all’istruzione e intercultura. Di Fabrizio PappalardoL'EDUCAZIONE INTERCULTURALE NELLA SCUOLA SUPERIORE di Claudio EconomiIntercultura fase due - LA SCUOLA DIFFICILE - Lucrezia Pedrali per Cem MondialitàScuole in Friuli V.G.: rischio di ''ghetti'' per gli stranieriChildren in between - CITTADINANZA, BENESSERE E IDENTITÀ DEI MINORI DI ORIGINE IMMIGRATA - Rapporto internazionale di ricercaRapporto Bénisti<b> ''Sur la prévention de la délinquance''</b>L'iniziativa di Bologna di ''educazione alla pari'':una conferma positiva - Di Elvira CavalloUn progetto di educazione alla pari a BolognaVerso una cittadinanza inclusiva: quale ruolo per la scuola? Ubax Cristina Ali Farah - maggio 2004Dal MIUR - <b>Indagine sugli esiti degli Alunni con Cittadinanza non Italiana</b>Interventi di mediazione linguistica e culturale a Lugo e nella Bassa Romagna<b>Rapporto del Miur </b>sul successo scolastico degli alunni stranieriNARRATIVA E RIFLESSIONE.GLI ATTORI PRINCIPALI DEL DISAGIO NASCOSTO IN CLASSETRACCIA DI ELABORAZIONE - UN PERCORSO DI DIDATTICA GEOGRAFICA<b>LA METODOLOGIA DELL’APPRENDIMENTO </b>LA CONDUZIONE DEL PENSIERO ATTRAVERSO LE DISCIPLINE SCOLASTICHE. Primo percorso lineare di produzione scritta in area storicaMETODOLOGIA DIDATTICA IN AREA STORICA. Svolgimento di un percorso d’apprendimento a tappe.La scuola nel Primo Rapporto di aggiornamento sul monitoraggio della Convenzione sui diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza in Italia Anno 2004-2005 a cura del Gruppo di LavoroADOLESCENZA STUPEFACENTE.
I giovani e le drogheIl “significare attivo” del soggetto - LA VISIONE DEL MONDO E DELLA REALTA’<b> L’azione educativa e la capacità di “significare” il mondo</b>Conoscere lingue diverse, mediare tra le culture, percorrere itinerari comuniPATOLOGIA E PREVENZIONE - Le potenzialità di cambiamento, di trasformazione e di recuperoI MODELLI TEORICI DELL’INTERAZIONE - Dalla psicologia dell’educazione alla teoria dei sistemi - di LAURA TUSSIA scuola un'ora dedicata alle diverse culture del mondoCampagna mondiale per l’educazione: giudizio negativo per l’ItaliaBerlusconi bocciato! L'Italia diciottesima nel rapporto sulla campagna mondiale per l'educazione 2005Cinesi, rumeni, peruviani a Firenze tra i banchi c´è mezzo mondo''Mare nostrum a scuola'' un'esperienza a Bologna - resoconto di Carla Castelli<b>Dal MIUR - Un'analisi dei fattori in gioco  </b> Percorsi ed esiti scolastici degli alunni con cittadinanza non italiana70mila alunni stranieri in più nelle scuole italiane - L'esperto: l'essenziale è superare l'ostacolo della linguaLA FASE DI START-UP DI UN PROGETTO DI PREVENZIONE DEL BULLISMO - Ruolo della mediazione relazionale, linguistica e culturaleLE PRASSI/MODALITA’ E GLI STRUMENTI EDUCATIVI UTILIZZATI A SCUOLA NEL PROCESSO DI SOCIALIZZAZIONE NORMATIVA.<b>I modelli integrazionista e costruzionista </b>GLI STRUMENTI EDUCATIVI PER LA SOCIALIZZAZIONE - LE PRASSI/MODALITA’ E GLI STRUMENTI EDUCATIVI UTILIZZATI A SCUOLA NEL PROCESSO DI SOCIALIZZAZIONE NORMATIVA. I modelli integrazionista e costruzionistaI PROCESSI EVOLUTIVILa valutazione degli alunni di recente immigrazione nella scuola dell'obligoIL PROCESSO DI CRESCITA E DI SOCIALIZZAZIONE Dall’individuazione all’appartenenza  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati