Salam Aleikum - corso di arabo a Modena - 3° anno
Condividi questo articolo


SALAAM ALEIKUM


Corso di arabo a Modena


E’ ripreso giovedì scorso,per il terzo anno consecutivo,il corso di lingua araba presso la scuola elementare “Giovanni XXIII°”del 3° Circolo di Modena.


Il corso di quest’anno(3 ore la settimana per 20 settimane) presenta due importanti novità.


Il corso non è più riservato esclusivamente ai bambini arabofoni ma è aperto anche agli italiani che lo desiderano(fino ad ora sono stati una trentina)


L’insegnante è un professionista,un maestro presentato dall’ambasciata della Tunisia in Italia. Mentre nei due anni precedenti era una madrelinguista operante come mediatrice culturale presso Porta Aperta( struttura della Caritas di Modena).


Durante il corso i bambini studieranno principalmente grammatica,pronuncia e conversazione ma ci sarà spazio anche per approfondimenti culturali.


Non si studierà il Corano ma come ogni corso di lingua che si rispetti, verrà posta attenzione anche all’aspetto culturale.


Le famiglie sono entusiaste perché l’iniziativa va incontro alla domanda di rafforzamento della cultura d’origine dei genitori non italiani.


I quindici bambini arabofoni frequentano già le lezioni del maestro tunisino.


Si sta organizzando anche la frequenza degli italiani,che hanno richiesto di imparare l’arabo,perché essendo per lo più genitori,bisogna accertare la possibilità di aprire la scuola nelle ore serali.


L’iniziativa venne presa dal Collegio Docenti del 3°Circolo di Modena un paio di anni fa quando alcuni alunni obbligati nelle scuole del Circolo si presentarono come privatisti all’esame per essere ammessi alla classe successiva e furono bocciati perché,avendo frequentato esclusivamente la scuola coranica di Sassuolo,non avevano una sufficiente conoscenza della lingua italiana.


Ai genitori di quegli alunni però,in cambio della frequenza della scuola pubblica statale,venne offerto un corso per la conoscenza e il mantenimento della lingua araba.


I  genitori immigrati accettarono e da allora i bambini arabofoni del 3° Circolo possono studiare la lingua madre pur frequentando la scuola statale.


Si tratta della stessa offerta che quest’anno,con molti anni di ritardo e ad anno scolastico iniziato, Mario Dutto,direttore scolastico regionale della Lombardia,ha fatto alle famiglie di via Quaranta a Milano che avrebbero iscritto i loro figli in una scuola pubblica italiana,rinunciando alla scuola coranica,peraltro chiusa per motivi igienici. In questi giorni i corsi sono iniziati anche a Milano,in sette scuole(elementari e medie) e vi sono iscritti 320 bambini tra cui 110 ex alunni di via Quaranta,cinque bambini arabofoni di religione ebraica e un italiano.


A Modena le possibilità di imparare l’arabo non sono esclusive del 3°Circolo,infatti dal mese di febbraio il governo del Marocco metterà a disposizione di tutte le scuole modenesi un insegnante con una cattedra di 22 ore settimanali,come i maestri italiani.


Questo insegnante potrà svolgere un corso di arabo per un pomeriggio alla settimana


in tutti i Circoli del Comune di Modena che lo richiederanno. Due Circoli(il 3°e il 10°)


se lo sono già accapparato anche per tre ore al giorno,a giorni alterni,nelle due settimane di giugno al termine delle lezioni di questo anno scolastico. Questo intervento si differenzierà dal primo perché non insegnerà la lingua araba,ma cercherà di utilizzarla per affrontare il linguaggio specialistico delle diverse discipline.


 


Arturo Ghinelli


email:arturo.ghinelli@virgilio.it

Condividi questo articolo

in a scuola: Salam Aleikum - corso di arabo a Modena - 3° annoIl fallimento della scuola multiculturale tedesca: un insuccesso che fa pensareMIUR - ALUNNI STRANIERI - La scuola dell'accoglienza e dell'integrazione ed il nuovo Ufficio per gli alunni stranieriScuola: La Riforma non facilita l'integrazione scolastica dei figli di immigrati. Una carta dell'integrazione e il no alla Moratti della Fondazione ZancanIn Francia: documentazioneIl sistema educativo francese - Le tendenze attualiIl modello francese - ORGANISATION DE LA SCOLARITÉ DES ÉLÈVES NOUVELLEMENT ARRIVÉS EN FRANCE SANS MAÎTRISE SUFFISANTE DE LA LANGUE FRANÇAISE OU DES APPRENTISSAGESA.s. 2004/2005 - Scuola secondaria di II grado: alunni promossi su 100 scrutinatiScuola: carta dell'integrazione e il no alla MorattiLavorare come mediatore interculturaleAumentano gli stranieri nella scuola italiana, inserimento problematicoAumentano gli stranieri: la scuola e' impreparata, mancano risorse, a rischio il sistema didatticoGenitori neri - <b>E' meglio essere diversi per sopravvivere meglio</b>Primo Rapporto di aggiornamento sul monitoraggio della Convenzione sui diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza in Italia Anno 2004-2005La linea dura di Blair. Immigrati? Soltanto se utili all’economia e se sanno l’ingleseMa in matematica gli alunni stranieri sono più bravi!Sì all’ora di educazione al saper vivere insieme - Un'inchiesta di TuttoscuolaAlunni con cittadinanza non italiana: Sempre di più e sempre più colti, in un anno il 27,9% in più (25 novembre 2005)CAMPAGNA NAZIONALE NELLE SCUOLE PER UNA MULTICULTURALITÀ QUALE FATTORE POSITIVO, FONTE DI ARRICCHIMENTO E DI CRESCITAUN  CONTRIBUTO  PER  L’INTERCULTURA  NELLA  SCUOLA - di Luigi AmbrosiJournée mondiale des enseignants - Messaggio congiunto di Unesco, Unicef, Undp (programma di sviluppo Onu) e Ilo (Organizzazione internazionale del lavoro)Il punto sull'attuazione della Legge 53: 27 schede per saperne di più+20% CRESCITA FIGLI STRANIERI IN ITALIADiversi per religione, uguali per la leggeLa scuola italiana di fronte al fenomeno migratorio e alcuni principi per I’ Educazione interculturale - a cura di Marina Medi<img 
src=http://www.studyincanada.com/graphics/littleb.gif border=0><br> MILANO  -  Alle superiori è boom di iscritti stranieri. All’istituto professionale Marignoni sono l’80Bambini e migrazione: diritto all’istruzione e intercultura. Di Fabrizio PappalardoL'EDUCAZIONE INTERCULTURALE NELLA SCUOLA SUPERIORE di Claudio EconomiIntercultura fase due - LA SCUOLA DIFFICILE - Lucrezia Pedrali per Cem MondialitàScuole in Friuli V.G.: rischio di ''ghetti'' per gli stranieriChildren in between - CITTADINANZA, BENESSERE E IDENTITÀ DEI MINORI DI ORIGINE IMMIGRATA - Rapporto internazionale di ricercaRapporto Bénisti<b> ''Sur la prévention de la délinquance''</b>L'iniziativa di Bologna di ''educazione alla pari'':una conferma positiva - Di Elvira CavalloUn progetto di educazione alla pari a BolognaVerso una cittadinanza inclusiva: quale ruolo per la scuola? Ubax Cristina Ali Farah - maggio 2004Dal MIUR - <b>Indagine sugli esiti degli Alunni con Cittadinanza non Italiana</b>Interventi di mediazione linguistica e culturale a Lugo e nella Bassa Romagna<b>Rapporto del Miur </b>sul successo scolastico degli alunni stranieriNARRATIVA E RIFLESSIONE.GLI ATTORI PRINCIPALI DEL DISAGIO NASCOSTO IN CLASSETRACCIA DI ELABORAZIONE - UN PERCORSO DI DIDATTICA GEOGRAFICA<b>LA METODOLOGIA DELL’APPRENDIMENTO </b>LA CONDUZIONE DEL PENSIERO ATTRAVERSO LE DISCIPLINE SCOLASTICHE. Primo percorso lineare di produzione scritta in area storicaMETODOLOGIA DIDATTICA IN AREA STORICA. Svolgimento di un percorso d’apprendimento a tappe.La scuola nel Primo Rapporto di aggiornamento sul monitoraggio della Convenzione sui diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza in Italia Anno 2004-2005 a cura del Gruppo di LavoroADOLESCENZA STUPEFACENTE.
I giovani e le drogheIl “significare attivo” del soggetto - LA VISIONE DEL MONDO E DELLA REALTA’<b> L’azione educativa e la capacità di “significare” il mondo</b>Conoscere lingue diverse, mediare tra le culture, percorrere itinerari comuniPATOLOGIA E PREVENZIONE - Le potenzialità di cambiamento, di trasformazione e di recuperoI MODELLI TEORICI DELL’INTERAZIONE - Dalla psicologia dell’educazione alla teoria dei sistemi - di LAURA TUSSIA scuola un'ora dedicata alle diverse culture del mondoCampagna mondiale per l’educazione: giudizio negativo per l’ItaliaBerlusconi bocciato! L'Italia diciottesima nel rapporto sulla campagna mondiale per l'educazione 2005Cinesi, rumeni, peruviani a Firenze tra i banchi c´è mezzo mondo''Mare nostrum a scuola'' un'esperienza a Bologna - resoconto di Carla Castelli<b>Dal MIUR - Un'analisi dei fattori in gioco  </b> Percorsi ed esiti scolastici degli alunni con cittadinanza non italiana70mila alunni stranieri in più nelle scuole italiane - L'esperto: l'essenziale è superare l'ostacolo della linguaLA FASE DI START-UP DI UN PROGETTO DI PREVENZIONE DEL BULLISMO - Ruolo della mediazione relazionale, linguistica e culturaleLE PRASSI/MODALITA’ E GLI STRUMENTI EDUCATIVI UTILIZZATI A SCUOLA NEL PROCESSO DI SOCIALIZZAZIONE NORMATIVA.<b>I modelli integrazionista e costruzionista </b>GLI STRUMENTI EDUCATIVI PER LA SOCIALIZZAZIONE - LE PRASSI/MODALITA’ E GLI STRUMENTI EDUCATIVI UTILIZZATI A SCUOLA NEL PROCESSO DI SOCIALIZZAZIONE NORMATIVA. I modelli integrazionista e costruzionistaI PROCESSI EVOLUTIVILa valutazione degli alunni di recente immigrazione nella scuola dell'obligoIL PROCESSO DI CRESCITA E DI SOCIALIZZAZIONE Dall’individuazione all’appartenenza  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati