Campagna mondiale per l’educazione: giudizio negativo per l’Italia
Condividi questo articolo


Campagna mondiale per l’educazione:
pagella negativa per Silvio Berlusconi

I promotori della Campagna mondiale per un’educazione per tutti hanno pubblicato il rapporto “Missing the Mark” sull’attività svolta dai paesi più ricchi per quanto riguarda gli aiuti ai paesi in via di sviluppo nel campo dell’istruzione e hanno compilato le pagelle finali sulla base di cinque indicatori:


1. raggiungere l’obiettivo dello 0,7% del PIL per la cooperazione
2. finanziare una quota significativa per l’accesso all’educazione
3. impegnarsi a coordinare le attività per avere migliori risultati
4. focalizzare le azioni sui paesi più poveri dove la maggior parte della ragazze non frequenta la scuola
5. fornire aiuti di alta qualità per l’educazione


Giudizio negativo per l’Italia e per Silvio Berlusconi che con una brutta pagella e una E come giudizio finale – la valutazione va da A ad F – si colloca al 18° posto in compagnia della Spagna e in una posizione un po’ migliore dei paesi col profitto più basso di tutti : Nuova Zelanda, Stati Uniti ed Austria.


La compilazione della graduatoria ha come obiettivo quello di richiamare l’attenzione della società civile sull’impegno che i governi hanno preso cinque anni fa’ a New York di eliminare la povertà attraverso il raggiungimento di otto obiettivi, di cui uno relativo all’accesso ad un’educazione di qualità per tutti.


I risultati sono deludenti, perché la maggior parte dei paesi non ha rispettato l’impegno di destinare più risorse e soprattutto non ha voluto lavorare insieme con i paesi in via di sviluppo, dando loro le risorse necessarie per finanziare progetti dopo averne definito gli obiettivi e i piani di attuazione.


Fallito, inoltre, l’obiettivo di far sì che, nel 2005, il numero delle ragazze a scuola fosse uguale a quello dei maschi: mancano all’appello ancora 80milioni di bambine.


La pessima figura dell’Italia è, ancora una volta, dovuta alla scarsa quantità di aiuti che forniamo: i paesi dell’OCSE hanno promesso di destinare lo 0,7% del loro prodotto nazionale lordo agli aiuti in via di sviluppo e l’Italia nel 2004 ha stanziato lo 0,15% - lo 0,2% in meno rispetto al 2003 - collocandosi ultima nella classifica dei paesi donatori.


Nella giornata di ieri la FLC ha inviato il rapporto “ Missing the Mark” al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, per denunciare, ancora una volta, la mancata attuazione di un diritto universale come quello all’istruzione e il mancato rispetto degli impegni assunti da parte del governo italiano.
Ulteriori informazioni si possono trovare nel sito della Campagna Globale per l’educazione:

www.campaignforeducation.org



Roma, 18 maggio 2005


Lettera della Flc Cgil al Presidente del Consiglio


Campagna mondiale per l’educazione: graduatoria dei Paesi


 


http://www.cgilscuola.it/rubriche/Notizie%20internazionali/europaberlusconi.htm



Condividi questo articolo

in a scuola: Salam Aleikum - corso di arabo a Modena - 3° annoIl fallimento della scuola multiculturale tedesca: un insuccesso che fa pensareMIUR - ALUNNI STRANIERI - La scuola dell'accoglienza e dell'integrazione ed il nuovo Ufficio per gli alunni stranieriScuola: La Riforma non facilita l'integrazione scolastica dei figli di immigrati. Una carta dell'integrazione e il no alla Moratti della Fondazione ZancanIn Francia: documentazioneIl sistema educativo francese - Le tendenze attualiIl modello francese - ORGANISATION DE LA SCOLARITÉ DES ÉLÈVES NOUVELLEMENT ARRIVÉS EN FRANCE SANS MAÎTRISE SUFFISANTE DE LA LANGUE FRANÇAISE OU DES APPRENTISSAGESA.s. 2004/2005 - Scuola secondaria di II grado: alunni promossi su 100 scrutinatiScuola: carta dell'integrazione e il no alla MorattiLavorare come mediatore interculturaleAumentano gli stranieri nella scuola italiana, inserimento problematicoAumentano gli stranieri: la scuola e' impreparata, mancano risorse, a rischio il sistema didatticoGenitori neri - <b>E' meglio essere diversi per sopravvivere meglio</b>Primo Rapporto di aggiornamento sul monitoraggio della Convenzione sui diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza in Italia Anno 2004-2005La linea dura di Blair. Immigrati? Soltanto se utili all’economia e se sanno l’ingleseMa in matematica gli alunni stranieri sono più bravi!Sì all’ora di educazione al saper vivere insieme - Un'inchiesta di TuttoscuolaAlunni con cittadinanza non italiana: Sempre di più e sempre più colti, in un anno il 27,9% in più (25 novembre 2005)CAMPAGNA NAZIONALE NELLE SCUOLE PER UNA MULTICULTURALITÀ QUALE FATTORE POSITIVO, FONTE DI ARRICCHIMENTO E DI CRESCITAUN  CONTRIBUTO  PER  L’INTERCULTURA  NELLA  SCUOLA - di Luigi AmbrosiJournée mondiale des enseignants - Messaggio congiunto di Unesco, Unicef, Undp (programma di sviluppo Onu) e Ilo (Organizzazione internazionale del lavoro)Il punto sull'attuazione della Legge 53: 27 schede per saperne di più+20% CRESCITA FIGLI STRANIERI IN ITALIADiversi per religione, uguali per la leggeLa scuola italiana di fronte al fenomeno migratorio e alcuni principi per I’ Educazione interculturale - a cura di Marina Medi<img 
src=http://www.studyincanada.com/graphics/littleb.gif border=0><br> MILANO  -  Alle superiori è boom di iscritti stranieri. All’istituto professionale Marignoni sono l’80Bambini e migrazione: diritto all’istruzione e intercultura. Di Fabrizio PappalardoL'EDUCAZIONE INTERCULTURALE NELLA SCUOLA SUPERIORE di Claudio EconomiIntercultura fase due - LA SCUOLA DIFFICILE - Lucrezia Pedrali per Cem MondialitàScuole in Friuli V.G.: rischio di ''ghetti'' per gli stranieriChildren in between - CITTADINANZA, BENESSERE E IDENTITÀ DEI MINORI DI ORIGINE IMMIGRATA - Rapporto internazionale di ricercaRapporto Bénisti<b> ''Sur la prévention de la délinquance''</b>L'iniziativa di Bologna di ''educazione alla pari'':una conferma positiva - Di Elvira CavalloUn progetto di educazione alla pari a BolognaVerso una cittadinanza inclusiva: quale ruolo per la scuola? Ubax Cristina Ali Farah - maggio 2004Dal MIUR - <b>Indagine sugli esiti degli Alunni con Cittadinanza non Italiana</b>Interventi di mediazione linguistica e culturale a Lugo e nella Bassa Romagna<b>Rapporto del Miur </b>sul successo scolastico degli alunni stranieriNARRATIVA E RIFLESSIONE.GLI ATTORI PRINCIPALI DEL DISAGIO NASCOSTO IN CLASSETRACCIA DI ELABORAZIONE - UN PERCORSO DI DIDATTICA GEOGRAFICA<b>LA METODOLOGIA DELL’APPRENDIMENTO </b>LA CONDUZIONE DEL PENSIERO ATTRAVERSO LE DISCIPLINE SCOLASTICHE. Primo percorso lineare di produzione scritta in area storicaMETODOLOGIA DIDATTICA IN AREA STORICA. Svolgimento di un percorso d’apprendimento a tappe.La scuola nel Primo Rapporto di aggiornamento sul monitoraggio della Convenzione sui diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza in Italia Anno 2004-2005 a cura del Gruppo di LavoroADOLESCENZA STUPEFACENTE.
I giovani e le drogheIl “significare attivo” del soggetto - LA VISIONE DEL MONDO E DELLA REALTA’<b> L’azione educativa e la capacità di “significare” il mondo</b>Conoscere lingue diverse, mediare tra le culture, percorrere itinerari comuniPATOLOGIA E PREVENZIONE - Le potenzialità di cambiamento, di trasformazione e di recuperoI MODELLI TEORICI DELL’INTERAZIONE - Dalla psicologia dell’educazione alla teoria dei sistemi - di LAURA TUSSIA scuola un'ora dedicata alle diverse culture del mondoCampagna mondiale per l’educazione: giudizio negativo per l’ItaliaBerlusconi bocciato! L'Italia diciottesima nel rapporto sulla campagna mondiale per l'educazione 2005Cinesi, rumeni, peruviani a Firenze tra i banchi c´è mezzo mondo''Mare nostrum a scuola'' un'esperienza a Bologna - resoconto di Carla Castelli<b>Dal MIUR - Un'analisi dei fattori in gioco  </b> Percorsi ed esiti scolastici degli alunni con cittadinanza non italiana70mila alunni stranieri in più nelle scuole italiane - L'esperto: l'essenziale è superare l'ostacolo della linguaLA FASE DI START-UP DI UN PROGETTO DI PREVENZIONE DEL BULLISMO - Ruolo della mediazione relazionale, linguistica e culturaleLE PRASSI/MODALITA’ E GLI STRUMENTI EDUCATIVI UTILIZZATI A SCUOLA NEL PROCESSO DI SOCIALIZZAZIONE NORMATIVA.<b>I modelli integrazionista e costruzionista </b>GLI STRUMENTI EDUCATIVI PER LA SOCIALIZZAZIONE - LE PRASSI/MODALITA’ E GLI STRUMENTI EDUCATIVI UTILIZZATI A SCUOLA NEL PROCESSO DI SOCIALIZZAZIONE NORMATIVA. I modelli integrazionista e costruzionistaI PROCESSI EVOLUTIVILa valutazione degli alunni di recente immigrazione nella scuola dell'obligoIL PROCESSO DI CRESCITA E DI SOCIALIZZAZIONE Dall’individuazione all’appartenenza  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati