L’AUTODETERMINAZIONE POLITICA DEI VILLAGGI PROMOSSA DA GANDHI E’ LA VIA DI DIO PER LA PACE NEL MONDO. UN NUOVO TESTAMENTO PER IL 21° SECOLO
Il cantiere Educazione alla Pace - spazio Cipax
Condividi questo articolo



MOVIMENTO TAMIL NADU GRAMA SWARAJ,


Vinoba Ashram, KUTHUR – 611105, Nagai Dist.


"La terra appartiene a Dio, cioè alla comunità, le industrie ai villaggi ed il potere ai villaggi" – Gandhiji


 


S. JAGANNATHAN
PRESIDENTE


L’AUTODETERMINAZIONE POLITICA DEI VILLAGGI PROMOSSA DA GANDHI E’ LA VIA DI DIO PER LA PACE NEL MONDO.


UN NUOVO TESTAMENTO PER IL 21° SECOLO



 


La ricerca della Pace nel Mondo: Il mondo sta attraversando la nuova era del 21° Secolo ed il primo anno, il 2000, ha un significato speciale poiché coloro che sono impegnati nel servizio sociale ed in altre organizzazioni per il benessere pubblico lanceranno i loro nuovi piani e progetti per il benessere della società, tutti indirizzati al perseguimento della giustizia e della pace nel mondo. Possa il Grama Swaraj di Gandhi essere il tedoforo della pace.


I tre mali contro la Pace: Nei secoli passati, i seguenti tre mali sono stati la rovina e la maledizione del progresso della società.



  1. Accumulazione di ricchezze, potere del denaro, capitalismo;

  2. Concentrazione della terra nelle mani di pochi, potere dei proprietari terrieri, e per terzo la concentrazione del potere politico.

  3. Benché vi siano stati molti movimenti contro questi mali, i metodi sono stati antipopolari e violenti ed hanno portato alla dittatura.


    Il mondo non ha trovato soluzione a questi problemi, anzi, la concentrazione del potere del denaro, il potere legato alla terra ed il potere politico sono allo zenit alla fine del 20° secolo.


    L’India, antico Paese della cultura e della spiritualità, non è potuto sfuggire a questi tre mali, ma è caduto nella terribile schiavitù dell’imperialismo inglese per molti secoli. L’India aveva bisogno di un nuovo percorso per essere liberata dalla morsa di ferro del colonialismo inglese.


    "’Ama il Tuo Nemico’ fino all’amore tra Nazione e Nazione": Il primo secolo iniziò con la nascita di Gesù Cristo, la nascita di un nuovo prezioso modo di vivere per il quale non solo ci si ama reciprocamente e si ama il proprio vicino, ma si ama il proprio nemico. Questo messaggio divino di Gesù Cristo raggiunse vette ancora più nobili alla fine del 20° secolo, quando il Mahatma Gandhi, apostolo della Verità e della Non-violenza, dichiarò che il popolo dell’India odiava il dominio britannico, ma amava gli Inglesi, un amore divino tra nazione e nazione. L’India ha raggiunto la libertà attraverso la fratellanza universale tra gli uomini.



    L’invasione delle Multinazionali in India: L’India è di nuovo in pericolo di schiavitù nella morsa delle multinazionali che hanno invaso il paese su tutti i fronti. Il grande Himalaya è stato spogliato per la distruzione di grandi vecchi alberi e la costruzione di enormi dighe, collocate su promontori mettendo in pericolo l’intera nazione. L’altra risorsa nazionale, il bestiame, è stata seriamente impoverita a danno dell’economia rurale a causa della politica di esportazione della carne. Le multinazionali hanno invaso le aree della costa, come ai vecchi tempi dell’invasione con la politica di distruzione della terra, le aziende produttrici di gamberetti lungo la costa orientale e occidentale sono come bombe, che distruggono la madre terra, inquinano l’acqua potabile, foreste di alberi e mangrovie che muoiono, e l’intero ambiente viene inquinato.


    Contro questo capitalismo delle multinazionali, il movimento Grama Swaraj ha organizzato una lotta non violenta per quattro anni ed ha promosso un’azione giuridica presso la Corte Suprema contro la coltura dei gamberetti da parte delle multinazionali; la Corte Suprema ha deliberato che tutte le aziende di gamberetti del paese avrebbero dovuto chiudere entro la fine di Marzo del 1997. Ma purtroppo le multinazionali hanno un potere così grande ed una tale influenza politica che il giudizio della Corte Suprema non è stato applicato; esse continuano tranquillamente il loro commercio illegale, ed anche mentre veniva inoltrata una richiesta di revisione hanno introdotto con l’inganno in Senato l’Atto di Autorità sull’Acquicoltura, che in effetti è l’atto di Autorità delle Multinazionali.



    La nascita del Grama Swaraj: Gandhi fu improvvisamente tolto alla gente dopo solo cinque mesi di libertà per il brutale sparo di un tiranno della comunità. Non poté vivere abbastanza per dimostrare l’efficacia del Grama Swaraj per la giustizia e la pace nel mondo.


    Ma per l’eredità spirituale dell’India Vinobaji si fece avanti a lanciare un’energica ma non-violenta rivoluzione per la terra tramite la sua marcia a piedi per 14 anni di seguito, un’eccezionale impresa che lo portò a camminare attraverso il paese di villaggio in villaggio ridestando le coscienze, tanto che proprietari terrieri piccoli e grandi si fecero avanti a migliaia per donare volontariamente terra fino a milioni di acri; perciò, dal Bhoodan (dono della terra) al Gramdhan (proprietà comunitaria della terra), una grande rivoluzione non-violenta, quella terra appartiene alla comunità del villaggio e dal Gramdhan al Gram Swaraj, le popolazioni governano i villaggi.


    Il grande rivoluzionario Shri. Jayaprakash Narayanji, che rinunciò alla politica di partito e di potere, stimolò il popolo col suo movimento di rivoluzione totale per stabilire Janata Sarkars, governi popolari nei villaggi.



    Tre concetti basilari del Gram Swaraj: 1. La terra appartiene a Dio, il che significa proprietà comune della terra, la verità di base dichiarata da Gandhi , che eliminava così la proprietà privata della terra per mezzo della non-violenza.


    2. Le industrie ai villaggi, i beni di consumo, le necessità quotidiane, cibo, vestiti, alloggi, cure sanitarie, l’istruzione, le piccole imprese economiche al settore dei villaggi e le grandi industrie al settore pubblico; si ha così l’eliminazione del capitalismo.



  4. Pieni poteri ai villaggi per l’autogoverno e l’autosufficienza, arrivando così alla decentralizzazione del potere politico.



La marcia del Grama Swaraj a Delhi: Il movimento Grama Swaraj sarà rafforzato a Delhi, capitale dell’India, per sconfiggere le multinazionali. Entro la fine di Aprile o la prima settimana di Maggio si svolgerà una marcia popolare di importanti lavoratori agricoli provenienti dai sette stati della costa contro la coltura dei gamberetti. Lo scopo sarà quello di attirare l’attenzione della gente di Delhi, in special modo studenti, giovani e lavoratori, riguardo allo sfruttamento operato nel paese dalle multinazionali, con speciale riferimento alla distruzione dell’economia rurale per mezzo della coltura dei gamberetti. Il primo giorno della marcia sarà da Gandhi Samadi a Rashtrapathi Bhavan, per dimostrare davanti al Presidente, e gli altri giorni della marcia si svolgeranno attraverso gli importanti Mohallas della città di Delhi la mattina dalle 8 a.m. alle 12 a.m., e nel pomeriggio Dharana vicino alla Casa del Parlamento dalle 3 p.m. alle 6 p.m. per fare appello al Governo affinché metta in atto il Giudizio della Corte Suprema ed annulli l’Atto di Autorità sull’Acquicoltura.


Grama Swaraj ha anche il concetto di Nagar Swaraj, Grama Swaraj o Janata Sarkar o governo dei popoli nei villaggi. Così, Janata Sarkar in queste città e cittadine è Nagar Swaraj per stabilire la prosperità economica, l’uguaglianza e la libertà.


Il movimento Grama Swaraj o Nagar Swaraj a Delhi farà epoca nella storia dell’India. Il movimento Grama Swaraj a Delhi è un primo tentativo non solo di sconfiggere le multinazionali, ma di stabilire il Nagar Swaraj. Se la città di Delhi può avere un Governo Nazionale, perché le città più importanti come Bombay, Calcutta, Chennai e tutte le altre città di almeno un milione di abitanti non hanno un Governo popolare?


Facciamo appello a tutti gli amanti della giustizia e della pace per rafforzare il successo del Movimento Grama Swaraj a Delhi allo scopo di sconfiggere le multinazionali e di stabilire nei villaggi il Nagar Swaraj insieme al Grama Swaraj


http://www.romacivica.net/cipax/edpace.htm



Condividi questo articolo

in InVento di Pace: Un anno dopo, Fallujah è ancora una citta distrutta''L’Italia svergogna la guerra''. La lettera di Don Tonino Bello ai Parlamentari italianiLondra - I servizi cercano nuove spieSomalia - Ucciso un uomo di pace Abdulkadir Yahya Ali era l'unico capace di far dialogare le fazioni in lotta. Fino a che non è arrivata al QaedaIl mondo in guerra - Sono in corso almeno 24 conflitti. Costati finora 5 milioni e mezzo di vite umaneTariq Ramadan - Londra - Con voce forte e chiara, dobbiamo esprimere il nostro dissenso, la nostra condanna e il nostro impegnoCecenia (Russia) - Un popolo dimezzato - Ammissione ufficiale: 300 mila ceceni morti e 200 mila spariti nel nulla<img src=http://www.radiokcentrale.it/indeximages/grozny1.jpg border=0><br>Cecenia: il miraggio di un cambiamento sostanzialeLa guerra giusta - Il testo e l'audio della conferenza di Howard Zinn organizzata da Emergency che lo storico statunitense ha tenuto il 23 giugno a RomaL'anima e il profitto - di Emanuele SeverinoIl vero scontro di civiltà È religioso e culturale, come pensa Huntington, o politico, sui valori della democrazia? Colloquio tra Ferdinando Adornato e Franco CardiniLettera aperta all'Ammiraglio Francesco Ricci Comandante del Dipartimento marittimo dello Jonio e del Canale d'OtrantoNo ad un nuovo conflitto tra Etiopia ed EritreaAdotta un popolo - Ospita una persona: incontra un popolo in occasione dell´Assemblea e della Marcia Perugia-AssisiUna voce contro - Per la prima volta in Italia il rabbino pacifista Michael LernerTRA LE FORME DEL PENSIERO … Dell’azione emotiva sul comportamentoMarcia Perugia-Assisi per la giustizia e la pace - Io voglio. Tu vuoi. Noi possiamoLa prima bandiera della PaceOrrori di traduzione- Vietato criticare Israele. a proposito del ''Middle East Media Research Institute''Esportare la civiltà. Con la forza. Il diritto d'ingerenza umanitaria dopo la caduta del muro di Berlino:  ecco come ritorna il vecchio discorso coloniale sulla ''missione civilizzatrice''.Assisi: troppa autonomia, i frati sotto tutelaAssisi: Benedetto XVI ha intrapreso la via della restaurazione - di GAD LERNERLe armi biochimiche: percorso storico-giuridico<img 
src=http://www.nuovofriuli.com/photo/2005.03/2005.0311.05.falluja.jpg border=0><br>COMUNICATO DEL COMITATO SCIENZIATE E SCIENZIATI CONTRO LA GUERRAIraq - 15.11.2005 - I numeri del massacro - Secondo l'Onu, più di 30mila i civili uccisi dal marzo 2003 <i>''Il costo pagato dai civili deve condurre a una nuova riflessione sulla natura del conflitto e sulla proporzionalità dell'impiego della forza''</i>Io sono stato a Falluja - Javier Couso, fratello di José, il cameraman di Tele5 assassinato a Baghdad dagli statunitensi, ha visitato Falluja ed ha raccolto eccezionali testimonianzeFallujah - L'inchiesta ed il videoAtto pubblico in luogo oscenoCiampi - LE FASI DELLA GESTIONE EDUCATIVA DEL CONFLITTOLione - Un buddista Tendai: dal ricordo di Hiroshima l’appello ad ''un umanesimo spirituale di pace''Brasile - Un referendum che ci riguarda da vicinoDISOBBEDIENZA PROGETTO DI SE' PARTECIPAZIONE - La riflessione filosofica su individuo e politica nel '900LA PSICANALISI SOCIALE DI FRANCO FORNARI L’estensione della psicanalisi ad applicazioni politico-socialiL'INSEGNANTE DIALOGICO E AFFETTIVO <b>L’educazione alla Pace e alla gestione dei conflitti come guida per l’allievo</b>Un omicidio a freddo ad un posto di blocco non e' un Un omicidio a freddo ad un posto di blocco non e' un Peace Games - ''Giriamo per il mondo tenendoci per mano''Forum del Movimento contro la Guerra - Sessione tematica ''Informazione di guerra, massmedia e organizzazione del consenso''TRIBUNALE MONDIALE SULL'IRAQ - Sessione su 'Illegalità della guerra in Iraq ed i crimini commessi in violazione delle norme internazionali e costituzionaliL'Iraq è un giro di prova - Noam Chomsky aprile 2003Fermiamo la censura preventiva sulla guerraAmiche a Baghdad di SIMONA PARI e SIMONA TORRETTAInformazione dall'Iraq occupatoFermate il massacro- Appello per Falluja - di Giuliana SgrenaVerso le elezioni iracheneNon si raggiunge la pace con un trattato. Si deve cominciare dalle vittime, dal basso.Il buon soldato GranerRIFLESSIONE di HAIFA ZANGANA: <b>DONNE E DEMOCRAZIA IN IRAQ</b>Londra ha dato rifugio a diversi esponenti del radicalismo islamico in base a un patto di non belligeranza. Ma dopo l'11 settembre tutto è cambiatoLuisa Muraro - <b>Altrimenti, che vita è? </b>Riflessioni sul sequestro e la liberazione di Giuliana SgrenaL'omaggio di Assia Djebar a Giuliana SgrenaLA CULTURA DELLA PACE - Il superamento della deumanizzazione dell’altroDINAMICHE DI CONFLITTO - Aggressività, sicurezza identitaria e valorizzazione del sèATTUALITA’ DELLA LOTTA GANDHIANA IN INDIAL’AUTODETERMINAZIONE POLITICA DEI VILLAGGI PROMOSSA DA GANDHI E’ LA VIA DI DIO PER LA PACE NEL MONDO. UN NUOVO TESTAMENTO PER IL 21° SECOLOQuinta Conferenza Internazionale del museo della pace: <b>il ruolo dell'arte, della memoria , dell'educazione. Di Carla AmatoLA PEDAGOGIA DEL DIALOGO - Le modalità relazionali di fiducia e confronto con l’alterità. La relazione socio-affettiva come stimolo ad una pedagogia alternativa alla cultura dominante.La Campagna Control Arms in Italia 
Controlla le armi!!EDUCARE ALLA GESTIONE DEI CONFLITTI - L’educazione alla pace all’interno delle dinamiche sociocomunitarie per prevenire i conflitti a livello internazionale.L’EDUCAZIONE ALLA PACE. CONFLITTI, AFFETTI, CULTURA: FRANCO FORNARI 2005. Convegno InternazionaleGli Usa e il ''nemico universale'' di William PfaffLA FASE DI START-UP DI UN PROGETTO DI PREVENZIONE DEL BULLISMO.<b>Crescere in pace </b>- Proposte didattiche nell'ambito della campagna di sostegno a distanza dei bambini afghani orfani in PakistanDIECI PAROLE DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINONON C' È PACE SENZA GIUSTIZIA NON C' È GIUSTIZIA SENZA PERDONO - MESSAGGIO DI SUA SANTITÀ GIOVANNI PAOLO II PER LA CELEBRAZIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELLA PACE<b><IMG src=http://www.unponteper.it/images/news/newroz.jpg border=0> <br>Kurdistan terra divisa, compendio storico di Mauro di ViesteTRA LE FORME DEL PENSIERO… Dell’azione emotiva sul comportamento.  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati