Lettera aperta all'Ammiraglio Francesco Ricci Comandante del Dipartimento marittimo dello Jonio e del Canale d'Otranto
di Alessandro Marescotti
Condividi questo articolo



Lettera aperta all'Ammiraglio Francesco Ricci
Comandante del Dipartimento marittimo dello Jonio e del Canale d'Otranto




Gentile Ammiraglio,
un anno fa, in delegazione con il missionario comboniano Alex Zanotelli ed
altri amici impegnati per la pace, portammo in Ammiragliato un ramoscello
d'ulivo e donammo la bandiera arcobaleno. Fu un'esperienza di confronto e
come tale positiva. Proseguo con questa lettera il dialogo cominciato
allora.

Ora Le scrivo per l'esercitazione Royal Sorbet 2005 che simula
l'affondamento di un sottomarino.

Constato quanta preparazione e quanti mezzi ci vogliano per salvare
cinquanta o cento di vite umane.
Avete avviato un'imponente simulazione di soccorso con 11 unità navali
specializzate nel soccorso subacqueo. So che vi avvalete della
collaborazione di elicotteri e specialisti di 24 nazioni. Sono francamente
colpito del vostro livello di organizzazione e di coordinamento. Auguro il
pieno successo per l'attività di addestramento finalizzata al salvataggio
di vite umane.



Apprezzo in particolare l'impostazione mentale che vi caratterizza.

Voi vi state attivando PRIMA che affondi realmente un sottomarino. Altri
aspettano invece il giorno DOPO. Troppi politici oggi sono silenti:
continuano a non vedere, a non sentire e a non parlare. Proprio come le tre
scimmiette. Approfittano del vostro segreto militare per non assumersi
responsabilità. Credono che sia compito solo dei "pacifisti" denunciare i
rischi nucleari. Come se non vivessero su questa terra e in questa città.
La loro ottica è sconcertante. Lo dico con amarezza.

Se voi militari in mare vi state addestrando, qui a terra viceversa le
autorità civili non addestrano nessuno. Forse perché non sanno come
evacuare un'intera città, come è previsto nel piano di emergenza nucleare.

E' questo il motivo, signor Ammiraglio, per cui l'Unione Europea ha avviato
una procedura di infrazione verso l'Italia per non osservanza delle norme
europee a tutela delle popolazioni interessate al rischio nucleare,
recepite nel decreto legislativo 230/95 e mai attuate.

E' questo, signor Ammiraglio, il motivo per cui chiediamo - di fronte a
tanta palese inadempienza delle autorità civili competenti - che non venga
concessa alcuna preventiva autorizzazione alla sosta di navi e sottomarini
a propulsione nucleare.

Il ministro della Difesa Antonio Martino pochi giorni fa ha specificato in
risposta all'interrogazione parlamentare dell'on. Mauro Bulgarelli
n.4-13777 che "il permesso di sosta delle citate unità - da richiedere di
volta in volta - è subordinato alla preventiva autorizzazione da parte
della Difesa". E' pertanto discrezionale il potere di cui dispone il
Ministero della Difesa e chi lo dovesse esercitare in assenza del rispetto
delle norme del decreto legislativo 230/95 credo si assumerebbe una grave
responsabilità.

Lei ha studiato cosa è il plutonio.

Lei sa che basterebbe mezzo grammo di plutonio - prodotto dai sottomarini a
propulsione nucleare - per uccidere gli abitanti dell'intera provincia di
Taranto (apprendo da un docente universitario di chimica come Enzo Tiezzi
che un milionesimo di grammo è di plutonio è sufficiente ad uccidere una
singola persona).

Lei sa che il tempo di dimezzamento della radioattività del plutonio è di
24 mila anni.

E' questo il motivo, signor Ammiraglio, per cui il 26 giugno parteciperò al
corteo indetto dalle organizzazioni pacifiste.

Sappiamo che la Marina Militare Italiana non possiede sottomarini a
propulsione nucleare e proprio per questo ritengo che la difesa delle acque
territoriali possa prescindere dai "mostri al plutonio" americani,
britannici o francesi.

Mi permetta, per concludere, di farle anche delle domande su Sorbet Royal
2005, se riterrà di rispondermi. L'esercitazione prende in considerazione
solo il "caso migliore" ossia l'affondamento di un sottomarino
convenzionale. In campo militare invece si suole considerare anche quello
che in gergo definite "the worst case", il caso peggiore: in questo caso
l'affondamento di un sottomarino a propulsione nucleare. Perché tale
eventualità non viene presa in considerazione da Sorbet Royal 2005?

Ho letto molto per documentarmi sul rischio nucleare e ho scoperto che a
Chernobyl le fughe radioattive furono ridotte lanciando dagli elicotteri 5
mila tonnellate di sabbia, borio, argilla, dolomia, stagno, ecc. Tale
materiale - annota un esperto come Francois Ramade in "Castastrofi
ecologiche" (McGrow-Hill) - assorbì un notevole quantitativo di radiazioni,
abbattendo l'inquinamento potenziale. Gli elicotteri russi volarono a 50
metri dal tetto del reattore sventrato. Nessuno degli elicotteristi è
purtroppo sopravvissuto. Senza quegli eroi oggi sconteremmo un'eredità
radioattiva di gran lunga superiore. E di questo potrebbero saperne di più
i comandanti militari della Russia e dell'Ucraina che attualmente sono
coinvolti nell'esercitazione Sorbet Royal 2005. Le chiedo pertanto se è
previsto l'intervento di elicotteri in caso di incidente nucleare in mare e
se gli elicotteri di cui disponete siano schermati dalle radiazioni
nucleari a protezione dell'equipaggio.
Le ho chiesto troppo?

Cordiali saluti

Alessandro Marescotti
Presidente di PeaceLink
a.marescotti@peacelink.it



Condividi questo articolo

in InVento di Pace: Un anno dopo, Fallujah è ancora una citta distrutta''L’Italia svergogna la guerra''. La lettera di Don Tonino Bello ai Parlamentari italianiLondra - I servizi cercano nuove spieSomalia - Ucciso un uomo di pace Abdulkadir Yahya Ali era l'unico capace di far dialogare le fazioni in lotta. Fino a che non è arrivata al QaedaIl mondo in guerra - Sono in corso almeno 24 conflitti. Costati finora 5 milioni e mezzo di vite umaneTariq Ramadan - Londra - Con voce forte e chiara, dobbiamo esprimere il nostro dissenso, la nostra condanna e il nostro impegnoCecenia (Russia) - Un popolo dimezzato - Ammissione ufficiale: 300 mila ceceni morti e 200 mila spariti nel nulla<img src=http://www.radiokcentrale.it/indeximages/grozny1.jpg border=0><br>Cecenia: il miraggio di un cambiamento sostanzialeLa guerra giusta - Il testo e l'audio della conferenza di Howard Zinn organizzata da Emergency che lo storico statunitense ha tenuto il 23 giugno a RomaL'anima e il profitto - di Emanuele SeverinoIl vero scontro di civiltà È religioso e culturale, come pensa Huntington, o politico, sui valori della democrazia? Colloquio tra Ferdinando Adornato e Franco CardiniLettera aperta all'Ammiraglio Francesco Ricci Comandante del Dipartimento marittimo dello Jonio e del Canale d'OtrantoNo ad un nuovo conflitto tra Etiopia ed EritreaAdotta un popolo - Ospita una persona: incontra un popolo in occasione dell´Assemblea e della Marcia Perugia-AssisiUna voce contro - Per la prima volta in Italia il rabbino pacifista Michael LernerTRA LE FORME DEL PENSIERO … Dell’azione emotiva sul comportamentoMarcia Perugia-Assisi per la giustizia e la pace - Io voglio. Tu vuoi. Noi possiamoLa prima bandiera della PaceOrrori di traduzione- Vietato criticare Israele. a proposito del ''Middle East Media Research Institute''Esportare la civiltà. Con la forza. Il diritto d'ingerenza umanitaria dopo la caduta del muro di Berlino:  ecco come ritorna il vecchio discorso coloniale sulla ''missione civilizzatrice''.Assisi: troppa autonomia, i frati sotto tutelaAssisi: Benedetto XVI ha intrapreso la via della restaurazione - di GAD LERNERLe armi biochimiche: percorso storico-giuridico<img 
src=http://www.nuovofriuli.com/photo/2005.03/2005.0311.05.falluja.jpg border=0><br>COMUNICATO DEL COMITATO SCIENZIATE E SCIENZIATI CONTRO LA GUERRAIraq - 15.11.2005 - I numeri del massacro - Secondo l'Onu, più di 30mila i civili uccisi dal marzo 2003 <i>''Il costo pagato dai civili deve condurre a una nuova riflessione sulla natura del conflitto e sulla proporzionalità dell'impiego della forza''</i>Io sono stato a Falluja - Javier Couso, fratello di José, il cameraman di Tele5 assassinato a Baghdad dagli statunitensi, ha visitato Falluja ed ha raccolto eccezionali testimonianzeFallujah - L'inchiesta ed il videoAtto pubblico in luogo oscenoCiampi - LE FASI DELLA GESTIONE EDUCATIVA DEL CONFLITTOLione - Un buddista Tendai: dal ricordo di Hiroshima l’appello ad ''un umanesimo spirituale di pace''Brasile - Un referendum che ci riguarda da vicinoDISOBBEDIENZA PROGETTO DI SE' PARTECIPAZIONE - La riflessione filosofica su individuo e politica nel '900LA PSICANALISI SOCIALE DI FRANCO FORNARI L’estensione della psicanalisi ad applicazioni politico-socialiL'INSEGNANTE DIALOGICO E AFFETTIVO <b>L’educazione alla Pace e alla gestione dei conflitti come guida per l’allievo</b>Un omicidio a freddo ad un posto di blocco non e' un Un omicidio a freddo ad un posto di blocco non e' un Peace Games - ''Giriamo per il mondo tenendoci per mano''Forum del Movimento contro la Guerra - Sessione tematica ''Informazione di guerra, massmedia e organizzazione del consenso''TRIBUNALE MONDIALE SULL'IRAQ - Sessione su 'Illegalità della guerra in Iraq ed i crimini commessi in violazione delle norme internazionali e costituzionaliL'Iraq è un giro di prova - Noam Chomsky aprile 2003Fermiamo la censura preventiva sulla guerraAmiche a Baghdad di SIMONA PARI e SIMONA TORRETTAInformazione dall'Iraq occupatoFermate il massacro- Appello per Falluja - di Giuliana SgrenaVerso le elezioni iracheneNon si raggiunge la pace con un trattato. Si deve cominciare dalle vittime, dal basso.Il buon soldato GranerRIFLESSIONE di HAIFA ZANGANA: <b>DONNE E DEMOCRAZIA IN IRAQ</b>Londra ha dato rifugio a diversi esponenti del radicalismo islamico in base a un patto di non belligeranza. Ma dopo l'11 settembre tutto è cambiatoLuisa Muraro - <b>Altrimenti, che vita è? </b>Riflessioni sul sequestro e la liberazione di Giuliana SgrenaL'omaggio di Assia Djebar a Giuliana SgrenaLA CULTURA DELLA PACE - Il superamento della deumanizzazione dell’altroDINAMICHE DI CONFLITTO - Aggressività, sicurezza identitaria e valorizzazione del sèATTUALITA’ DELLA LOTTA GANDHIANA IN INDIAL’AUTODETERMINAZIONE POLITICA DEI VILLAGGI PROMOSSA DA GANDHI E’ LA VIA DI DIO PER LA PACE NEL MONDO. UN NUOVO TESTAMENTO PER IL 21° SECOLOQuinta Conferenza Internazionale del museo della pace: <b>il ruolo dell'arte, della memoria , dell'educazione. Di Carla AmatoLA PEDAGOGIA DEL DIALOGO - Le modalità relazionali di fiducia e confronto con l’alterità. La relazione socio-affettiva come stimolo ad una pedagogia alternativa alla cultura dominante.La Campagna Control Arms in Italia 
Controlla le armi!!EDUCARE ALLA GESTIONE DEI CONFLITTI - L’educazione alla pace all’interno delle dinamiche sociocomunitarie per prevenire i conflitti a livello internazionale.L’EDUCAZIONE ALLA PACE. CONFLITTI, AFFETTI, CULTURA: FRANCO FORNARI 2005. Convegno InternazionaleGli Usa e il ''nemico universale'' di William PfaffLA FASE DI START-UP DI UN PROGETTO DI PREVENZIONE DEL BULLISMO.<b>Crescere in pace </b>- Proposte didattiche nell'ambito della campagna di sostegno a distanza dei bambini afghani orfani in PakistanDIECI PAROLE DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINONON C' È PACE SENZA GIUSTIZIA NON C' È GIUSTIZIA SENZA PERDONO - MESSAGGIO DI SUA SANTITÀ GIOVANNI PAOLO II PER LA CELEBRAZIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELLA PACE<b><IMG src=http://www.unponteper.it/images/news/newroz.jpg border=0> <br>Kurdistan terra divisa, compendio storico di Mauro di ViesteTRA LE FORME DEL PENSIERO… Dell’azione emotiva sul comportamento.  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati