Gli Usa e il ''nemico universale'' di William Pfaff
Condividi questo articolo


Gli Usa e il «nemico universale»
di William Pfaff


Donald Rumsfeld 

Alla fine di marzo due seri organi della stampa internazionale, il Financial Times di Londra e il parigino Le Monde, hanno scritto che il Dipartimento di Stato Usa ha creato un «Ufficio di Ricostruzione e Stabilizzazione» con il compito di organizzare gli interventi nei Paesi invasi dagli Stati Uniti per portarvi la democrazia oppure nel quadro della guerra al terrorismo. Attualmente nella lista d’attesa del suddetto ufficio figurano venticinque Paesi.
Per il momento compito dell’ufficio è la sorveglianza dei venticinque Paesi che Washington ritiene talmente instabili da giustificare potenzialmente un intervento militare americano. La lista verrà aggiornata ogni sei mesi.
A questi fortunati Paesi verrà garantito il trattamento “post-operatorio” che due anni fa è mancato in misura disastrosa in Iraq e che ancora oggi è alla base del fatto che latitano in Iraq la corrente elettrica, l’acqua pulita, le fognature e gli altri servizi e infrastrutture pubblici che invece esistevano al tempo di Saddam Hussein.
Questo ufficio del Dipartimento di Stato è incaricato di «guidare, coordinare e istituzionalizzare le capacità civili del governo americano di prevedere situazioni post-belliche e di stabilizzare e ricostruire società nella fase successiva ad un conflitto armato».
Nel marzo del 2005 il direttore dell’ufficio avrebbe chiesto la creazione di una “forza di reazione rapida” composta da 100 specialisti pronti ad accorrere nella prossima nazione invasa che dovesse avere bisogno di un intervento di ricostruzione successivo al conflitto.
Potrebbe sembrare che gli Stati Uniti abbiano imparato la sia pur inquietante lezione. Ma le cose non stanno così. È ormai noto che nel 2003 il Dipartimento di Stato aveva già preparato una grossa mole di studi sulle infrastrutture e sui piani di ricostruzione dell’Iraq, studi che si sarebbero resi necessari dopo l’invasione.
Tuttavia nessuno li ha mai degnati di uno sguardo. La responsabilità ricadeva sulla spalle del ministero della Difesa e i piani del Dipartimento di Stato furono ignorati o scartati dai collaboratori di Donald Rumsfeld sicuri come erano che i grati iracheni si sarebbero rialzati da soli e avrebbero da soli rimesso in piedi il Paese. Secondo la ben nota previsione di Wolfowitz, l’industria petrolifera “liberata” dell’Iraq avrebbe ben presto pagato con i suoi profitti i costi dell’invasione e della ricostruzione.
Invece gli iracheni hanno saccheggiato il loro Paese mentre gli americani stavano a guardare danneggiando ulteriormente le già fragili infrastrutture con le razzie e i furti. Le vittoriose truppe americane, stanche di farsi sparare addosso, hanno contribuito ulteriormente alla distruzione senza alcun apparente motivo (solo perché non era stato loro ordinato di non farlo) e hanno fatto la loro parte nei saccheggi.
Gli iracheni se ne sono stati ad aspettare il glorioso regalo americano di una bella vita che, come gli era stato assicurato, faceva parte delle salmerie della Terza Divisione di Fanteria e del Corpo di Spedizione dei Marines.
Ora il Dipartimento di Stato promette che la prossima volta che gli Stati Uniti riterranno necessario intervenire militarmente in uno Stato canaglia o in una nazione in crisi o in un Paese che dà ospitalità ai terroristi, tutto ciò non si ripeterà.
Va anche segnalato che il New York Times ha parlato di un documento di pianificazione del Dipartimento della Homeland Security (Sicurezza interna, ndt) chiamato «National Planning Scenarios» (Scenari di pianificazione interna, ndt). Questi scenari descrivono attacchi agli Stati Uniti che includono esplosioni nucleari, attacchi con gas sarin, epidemie di polmonite, attacchi con cloro allo stato gassoso e persino diffusione dell’afta epizootica tra l’incolpevole bestiame americano.
L’elenco – dice un portavoce – non intende essere esaustivo, ma indica solo quelle minacce «considerate più probabili o devastanti». Il documento è stato preparato per rispondere alle critiche del Congresso secondo cui il Dipartimento stava sprecando denaro non concentrandosi su «obiettivi maggiormente a rischio».
Il nuovo segretario alla Homeland Defense, Michael Chertoff, dice che intende «muoversi aggressivamente» per affrontare queste minacce. Il documento, dice il apporto, «contribuirà a decidere in che modo verranno distribuiti in futuro miliardi di dollari federali».
Chi dovrebbe realizzare questi attacchi contro gli Stati Uniti? Il documento non cita Al Qaeda, i terroristi islamici, gli Stati canaglia, l’asse del male, i cattivi, coloro che odiano la libertà, quanti sono gelosi dell’America e tutti gli altri spettri evocati negli ultimi anni nei discorsi dei funzionari dell’amministrazione Bush. Gli scenari parlano semplicemente di «Avversario Universale».
È l’Avversario Universale che ci perseguita furtivamente, che popola i nostri incubi e ispira oggi le paure del governo americano. Ma avremmo dovuto sapere che: «siate assennati e vigilanti» – disse l’apostolo Pietro – «perché il nostro avversario, il diavolo, gira attorno a noi come un leone ruggente cercando quelli che può divorare».
Il Dipartimento della Homeland Security sarà pronto; e il Dipartimento di Stato ricostruirà e stabilizzerà tutto quello – e tutti quelli – che rimarranno.



© Tribune Media Services
Traduzione di Carlo Antonio Biscotto

http://www.unita.it/index.asp?SEZIONE_COD=EDITO&TOPIC_TIPO=E&TOPIC_ID=42070



Condividi questo articolo

in InVento di Pace: Un anno dopo, Fallujah è ancora una citta distrutta''L’Italia svergogna la guerra''. La lettera di Don Tonino Bello ai Parlamentari italianiLondra - I servizi cercano nuove spieSomalia - Ucciso un uomo di pace Abdulkadir Yahya Ali era l'unico capace di far dialogare le fazioni in lotta. Fino a che non è arrivata al QaedaIl mondo in guerra - Sono in corso almeno 24 conflitti. Costati finora 5 milioni e mezzo di vite umaneTariq Ramadan - Londra - Con voce forte e chiara, dobbiamo esprimere il nostro dissenso, la nostra condanna e il nostro impegnoCecenia (Russia) - Un popolo dimezzato - Ammissione ufficiale: 300 mila ceceni morti e 200 mila spariti nel nulla<img src=http://www.radiokcentrale.it/indeximages/grozny1.jpg border=0><br>Cecenia: il miraggio di un cambiamento sostanzialeLa guerra giusta - Il testo e l'audio della conferenza di Howard Zinn organizzata da Emergency che lo storico statunitense ha tenuto il 23 giugno a RomaL'anima e il profitto - di Emanuele SeverinoIl vero scontro di civiltà È religioso e culturale, come pensa Huntington, o politico, sui valori della democrazia? Colloquio tra Ferdinando Adornato e Franco CardiniLettera aperta all'Ammiraglio Francesco Ricci Comandante del Dipartimento marittimo dello Jonio e del Canale d'OtrantoNo ad un nuovo conflitto tra Etiopia ed EritreaAdotta un popolo - Ospita una persona: incontra un popolo in occasione dell´Assemblea e della Marcia Perugia-AssisiUna voce contro - Per la prima volta in Italia il rabbino pacifista Michael LernerTRA LE FORME DEL PENSIERO … Dell’azione emotiva sul comportamentoMarcia Perugia-Assisi per la giustizia e la pace - Io voglio. Tu vuoi. Noi possiamoLa prima bandiera della PaceOrrori di traduzione- Vietato criticare Israele. a proposito del ''Middle East Media Research Institute''Esportare la civiltà. Con la forza. Il diritto d'ingerenza umanitaria dopo la caduta del muro di Berlino:  ecco come ritorna il vecchio discorso coloniale sulla ''missione civilizzatrice''.Assisi: troppa autonomia, i frati sotto tutelaAssisi: Benedetto XVI ha intrapreso la via della restaurazione - di GAD LERNERLe armi biochimiche: percorso storico-giuridico<img 
src=http://www.nuovofriuli.com/photo/2005.03/2005.0311.05.falluja.jpg border=0><br>COMUNICATO DEL COMITATO SCIENZIATE E SCIENZIATI CONTRO LA GUERRAIraq - 15.11.2005 - I numeri del massacro - Secondo l'Onu, più di 30mila i civili uccisi dal marzo 2003 <i>''Il costo pagato dai civili deve condurre a una nuova riflessione sulla natura del conflitto e sulla proporzionalità dell'impiego della forza''</i>Io sono stato a Falluja - Javier Couso, fratello di José, il cameraman di Tele5 assassinato a Baghdad dagli statunitensi, ha visitato Falluja ed ha raccolto eccezionali testimonianzeFallujah - L'inchiesta ed il videoAtto pubblico in luogo oscenoCiampi - LE FASI DELLA GESTIONE EDUCATIVA DEL CONFLITTOLione - Un buddista Tendai: dal ricordo di Hiroshima l’appello ad ''un umanesimo spirituale di pace''Brasile - Un referendum che ci riguarda da vicinoDISOBBEDIENZA PROGETTO DI SE' PARTECIPAZIONE - La riflessione filosofica su individuo e politica nel '900LA PSICANALISI SOCIALE DI FRANCO FORNARI L’estensione della psicanalisi ad applicazioni politico-socialiL'INSEGNANTE DIALOGICO E AFFETTIVO <b>L’educazione alla Pace e alla gestione dei conflitti come guida per l’allievo</b>Un omicidio a freddo ad un posto di blocco non e' un Un omicidio a freddo ad un posto di blocco non e' un Peace Games - ''Giriamo per il mondo tenendoci per mano''Forum del Movimento contro la Guerra - Sessione tematica ''Informazione di guerra, massmedia e organizzazione del consenso''TRIBUNALE MONDIALE SULL'IRAQ - Sessione su 'Illegalità della guerra in Iraq ed i crimini commessi in violazione delle norme internazionali e costituzionaliL'Iraq è un giro di prova - Noam Chomsky aprile 2003Fermiamo la censura preventiva sulla guerraAmiche a Baghdad di SIMONA PARI e SIMONA TORRETTAInformazione dall'Iraq occupatoFermate il massacro- Appello per Falluja - di Giuliana SgrenaVerso le elezioni iracheneNon si raggiunge la pace con un trattato. Si deve cominciare dalle vittime, dal basso.Il buon soldato GranerRIFLESSIONE di HAIFA ZANGANA: <b>DONNE E DEMOCRAZIA IN IRAQ</b>Londra ha dato rifugio a diversi esponenti del radicalismo islamico in base a un patto di non belligeranza. Ma dopo l'11 settembre tutto è cambiatoLuisa Muraro - <b>Altrimenti, che vita è? </b>Riflessioni sul sequestro e la liberazione di Giuliana SgrenaL'omaggio di Assia Djebar a Giuliana SgrenaLA CULTURA DELLA PACE - Il superamento della deumanizzazione dell’altroDINAMICHE DI CONFLITTO - Aggressività, sicurezza identitaria e valorizzazione del sèATTUALITA’ DELLA LOTTA GANDHIANA IN INDIAL’AUTODETERMINAZIONE POLITICA DEI VILLAGGI PROMOSSA DA GANDHI E’ LA VIA DI DIO PER LA PACE NEL MONDO. UN NUOVO TESTAMENTO PER IL 21° SECOLOQuinta Conferenza Internazionale del museo della pace: <b>il ruolo dell'arte, della memoria , dell'educazione. Di Carla AmatoLA PEDAGOGIA DEL DIALOGO - Le modalità relazionali di fiducia e confronto con l’alterità. La relazione socio-affettiva come stimolo ad una pedagogia alternativa alla cultura dominante.La Campagna Control Arms in Italia 
Controlla le armi!!EDUCARE ALLA GESTIONE DEI CONFLITTI - L’educazione alla pace all’interno delle dinamiche sociocomunitarie per prevenire i conflitti a livello internazionale.L’EDUCAZIONE ALLA PACE. CONFLITTI, AFFETTI, CULTURA: FRANCO FORNARI 2005. Convegno InternazionaleGli Usa e il ''nemico universale'' di William PfaffLA FASE DI START-UP DI UN PROGETTO DI PREVENZIONE DEL BULLISMO.<b>Crescere in pace </b>- Proposte didattiche nell'ambito della campagna di sostegno a distanza dei bambini afghani orfani in PakistanDIECI PAROLE DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINONON C' È PACE SENZA GIUSTIZIA NON C' È GIUSTIZIA SENZA PERDONO - MESSAGGIO DI SUA SANTITÀ GIOVANNI PAOLO II PER LA CELEBRAZIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELLA PACE<b><IMG src=http://www.unponteper.it/images/news/newroz.jpg border=0> <br>Kurdistan terra divisa, compendio storico di Mauro di ViesteTRA LE FORME DEL PENSIERO… Dell’azione emotiva sul comportamento.  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati