Iraq - 15.11.2005 - I numeri del massacro - Secondo l'Onu, più di 30mila i civili uccisi dal marzo 2003 ''Il costo pagato dai civili deve condurre a una nuova riflessione sulla natura del conflitto e sulla proporzionalità dell'impiego della forza''
Condividi questo articolo


Iraq - 15.11.2005
I numeri del massacro
Secondo l'Onu, sarebbero più di 30mila i civili iracheni uccisi dal marzo 2003



“Il costo pagato dalle popolazioni civili durante queste operazioni deve condurre a una nuova riflessione sulla natura del conflitto e sulla proporzionalità dell'impiego della forza”. Questa la conclusione di un rapporto delle Nazioni Unite, reso pubblico ieri, sulla guerra in Iraq. Un rapporto che stima in più di 30mila le vittime civili dall'inizio del conflitto nel marzo 2003.


Presa di coscienza. Della ricerca sulle vittime civili del conflitto si è occupata la Unami, la missione di assistenza delle Nazioni Unite in Iraq. La notizia è che adesso lo sa anche l'Onu. Perchè il mondo lo sapeva da tempo e in particolare lo sapeva e lo denunciava Iraq Body Count, un'organizzazione indipendente composta da medici e ricercatori universitari degli Stati Uniti. Da tempo sul loro sito si registrano meticolosamente le vite perdute di questa guerra. Che non sono solo quelle dei civili, ma anche quelle dei 2267 militari stranieri morti dall'inizio della guerra e delle migliaia di guerriglieri che hanno perso la vita in combattimento o negli attacchi suicidi. Una mattanza. Ma anche la vita di chi sopravvive non è facile. Il rapporto Onu non si limita al calcolo delle vittime. Il documento accusa sia l'esercito iracheno che i militari della Coalizione di aver ripetutamente infranto le leggi internazionali e, in particolare, denuncia una serie di operazioni compiute dal 1 settembre al 31 ottobre 2005, nelle quali sono stati arrestati medici e sono stati occupati edifici sanitari. L'Onu condanna queste azioni che, come si legge nel rapporto, “sono contrarie alle leggi internazionali relative ai conflitti armati e costituiscono una violazione delle leggi che garantiscono i diritti dell'uomo”. Secondo l'inchiesta delle Nazioni Unite, più di diecimila famiglie irachene, solo nelle provincie di al-Anbar e Ninive (a maggioranza sunnita), sono state costrette a lasciare le loro case. Un esercito di profughi, affamati e bisognosi di cure, che nei luoghi preposti all'assistenza sanitaria trovano dei check-point militari.



Carceri infernali. Il rapporto dell'Onu cita anche i dati sulle persone detenute nelle carceri irachene: sono 23.394 i prigionieri in Iraq, dei quali 11.559 catturati dalla forza multinazionale. Una cifra enorme, che si può paragonare alla popolazione intera di una piccola cittadina. Tutti questi dati erano, da tempo, diffusi. Ma il rapporto esce due giorni dopo la visita a sorpresa del Segretario Generale delle Nazioni Unite Kofi Annan. Non era mai accaduto. E per la prima volta l'Onu, in un documento ufficiale, parla di cifre tanto gravi come queste. Sembra quasi che, dopo un'opposizione alla guerra iniziale, le Nazioni Unite abbiano deciso solo ora di porre fine al silenzio sulle vittime del conflitto e sulla situazione delle carceri e della sanità. In particolare questo documento inquadra, proprio perchè tratta temi differenti, la grave situazione nella quale versa l'Iraq. Dopo aver celebrato, con grande ritorno mediatico, le elezioni del gennaio e di ottobre 2005, il mondo si rende conto di come alla popolazione civile irachena non siano garantiti ancora la sicurezza, il cibo, l'assistenza sanitaria, la tutela dei propri diritti. E questo non è accettabile per un Paese democratico. Per quanto il documento sia reticente nell'analizzare come muoiono tutte queste persone, quante ne hanno uccise i terroristi e quante ne hanno uccise i militari della Coalizione, resta il dato di quante vite ha distrutto questa guerra. Quale che sia la linea dell'Onu, sembrano comunque lontani i giorni nei quali, con una dichiarazione scellerata, il ministro della Salute del Governo provvisiorio iracheno dichiarò che “non si sarebbe più tenuto il conto delle vittime del conflitto”. Oppure il giorno in cui il generale Usa Francks rispondeva stizzito ai giornalisti che lui “non contava le vittime civili”. Proprio da questa frase partì la campagna di Iraq Body Count. La cattiva notizia è che non hanno ancora finito di contare.

 



 



Condividi questo articolo

in InVento di Pace: Un anno dopo, Fallujah è ancora una citta distrutta''L’Italia svergogna la guerra''. La lettera di Don Tonino Bello ai Parlamentari italianiLondra - I servizi cercano nuove spieSomalia - Ucciso un uomo di pace Abdulkadir Yahya Ali era l'unico capace di far dialogare le fazioni in lotta. Fino a che non è arrivata al QaedaIl mondo in guerra - Sono in corso almeno 24 conflitti. Costati finora 5 milioni e mezzo di vite umaneTariq Ramadan - Londra - Con voce forte e chiara, dobbiamo esprimere il nostro dissenso, la nostra condanna e il nostro impegnoCecenia (Russia) - Un popolo dimezzato - Ammissione ufficiale: 300 mila ceceni morti e 200 mila spariti nel nulla<img src=http://www.radiokcentrale.it/indeximages/grozny1.jpg border=0><br>Cecenia: il miraggio di un cambiamento sostanzialeLa guerra giusta - Il testo e l'audio della conferenza di Howard Zinn organizzata da Emergency che lo storico statunitense ha tenuto il 23 giugno a RomaL'anima e il profitto - di Emanuele SeverinoIl vero scontro di civiltà È religioso e culturale, come pensa Huntington, o politico, sui valori della democrazia? Colloquio tra Ferdinando Adornato e Franco CardiniLettera aperta all'Ammiraglio Francesco Ricci Comandante del Dipartimento marittimo dello Jonio e del Canale d'OtrantoNo ad un nuovo conflitto tra Etiopia ed EritreaAdotta un popolo - Ospita una persona: incontra un popolo in occasione dell´Assemblea e della Marcia Perugia-AssisiUna voce contro - Per la prima volta in Italia il rabbino pacifista Michael LernerTRA LE FORME DEL PENSIERO … Dell’azione emotiva sul comportamentoMarcia Perugia-Assisi per la giustizia e la pace - Io voglio. Tu vuoi. Noi possiamoLa prima bandiera della PaceOrrori di traduzione- Vietato criticare Israele. a proposito del ''Middle East Media Research Institute''Esportare la civiltà. Con la forza. Il diritto d'ingerenza umanitaria dopo la caduta del muro di Berlino:  ecco come ritorna il vecchio discorso coloniale sulla ''missione civilizzatrice''.Assisi: troppa autonomia, i frati sotto tutelaAssisi: Benedetto XVI ha intrapreso la via della restaurazione - di GAD LERNERLe armi biochimiche: percorso storico-giuridico<img 
src=http://www.nuovofriuli.com/photo/2005.03/2005.0311.05.falluja.jpg border=0><br>COMUNICATO DEL COMITATO SCIENZIATE E SCIENZIATI CONTRO LA GUERRAIraq - 15.11.2005 - I numeri del massacro - Secondo l'Onu, più di 30mila i civili uccisi dal marzo 2003 <i>''Il costo pagato dai civili deve condurre a una nuova riflessione sulla natura del conflitto e sulla proporzionalità dell'impiego della forza''</i>Io sono stato a Falluja - Javier Couso, fratello di José, il cameraman di Tele5 assassinato a Baghdad dagli statunitensi, ha visitato Falluja ed ha raccolto eccezionali testimonianzeFallujah - L'inchiesta ed il videoAtto pubblico in luogo oscenoCiampi - LE FASI DELLA GESTIONE EDUCATIVA DEL CONFLITTOLione - Un buddista Tendai: dal ricordo di Hiroshima l’appello ad ''un umanesimo spirituale di pace''Brasile - Un referendum che ci riguarda da vicinoDISOBBEDIENZA PROGETTO DI SE' PARTECIPAZIONE - La riflessione filosofica su individuo e politica nel '900LA PSICANALISI SOCIALE DI FRANCO FORNARI L’estensione della psicanalisi ad applicazioni politico-socialiL'INSEGNANTE DIALOGICO E AFFETTIVO <b>L’educazione alla Pace e alla gestione dei conflitti come guida per l’allievo</b>Un omicidio a freddo ad un posto di blocco non e' un Un omicidio a freddo ad un posto di blocco non e' un Peace Games - ''Giriamo per il mondo tenendoci per mano''Forum del Movimento contro la Guerra - Sessione tematica ''Informazione di guerra, massmedia e organizzazione del consenso''TRIBUNALE MONDIALE SULL'IRAQ - Sessione su 'Illegalità della guerra in Iraq ed i crimini commessi in violazione delle norme internazionali e costituzionaliL'Iraq è un giro di prova - Noam Chomsky aprile 2003Fermiamo la censura preventiva sulla guerraAmiche a Baghdad di SIMONA PARI e SIMONA TORRETTAInformazione dall'Iraq occupatoFermate il massacro- Appello per Falluja - di Giuliana SgrenaVerso le elezioni iracheneNon si raggiunge la pace con un trattato. Si deve cominciare dalle vittime, dal basso.Il buon soldato GranerRIFLESSIONE di HAIFA ZANGANA: <b>DONNE E DEMOCRAZIA IN IRAQ</b>Londra ha dato rifugio a diversi esponenti del radicalismo islamico in base a un patto di non belligeranza. Ma dopo l'11 settembre tutto è cambiatoLuisa Muraro - <b>Altrimenti, che vita è? </b>Riflessioni sul sequestro e la liberazione di Giuliana SgrenaL'omaggio di Assia Djebar a Giuliana SgrenaLA CULTURA DELLA PACE - Il superamento della deumanizzazione dell’altroDINAMICHE DI CONFLITTO - Aggressività, sicurezza identitaria e valorizzazione del sèATTUALITA’ DELLA LOTTA GANDHIANA IN INDIAL’AUTODETERMINAZIONE POLITICA DEI VILLAGGI PROMOSSA DA GANDHI E’ LA VIA DI DIO PER LA PACE NEL MONDO. UN NUOVO TESTAMENTO PER IL 21° SECOLOQuinta Conferenza Internazionale del museo della pace: <b>il ruolo dell'arte, della memoria , dell'educazione. Di Carla AmatoLA PEDAGOGIA DEL DIALOGO - Le modalità relazionali di fiducia e confronto con l’alterità. La relazione socio-affettiva come stimolo ad una pedagogia alternativa alla cultura dominante.La Campagna Control Arms in Italia 
Controlla le armi!!EDUCARE ALLA GESTIONE DEI CONFLITTI - L’educazione alla pace all’interno delle dinamiche sociocomunitarie per prevenire i conflitti a livello internazionale.L’EDUCAZIONE ALLA PACE. CONFLITTI, AFFETTI, CULTURA: FRANCO FORNARI 2005. Convegno InternazionaleGli Usa e il ''nemico universale'' di William PfaffLA FASE DI START-UP DI UN PROGETTO DI PREVENZIONE DEL BULLISMO.<b>Crescere in pace </b>- Proposte didattiche nell'ambito della campagna di sostegno a distanza dei bambini afghani orfani in PakistanDIECI PAROLE DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINONON C' È PACE SENZA GIUSTIZIA NON C' È GIUSTIZIA SENZA PERDONO - MESSAGGIO DI SUA SANTITÀ GIOVANNI PAOLO II PER LA CELEBRAZIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELLA PACE<b><IMG src=http://www.unponteper.it/images/news/newroz.jpg border=0> <br>Kurdistan terra divisa, compendio storico di Mauro di ViesteTRA LE FORME DEL PENSIERO… Dell’azione emotiva sul comportamento.  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati