Cecenia: il miraggio di un cambiamento sostanziale
Condividi questo articolo








Cecenia: il miraggio di un cambiamento sostanziale


La Commissione Internazionale per la Salvezza (IRC) che lavora dal 1933 informando sulle guerre in corso e gli stati che si trovano in una situazione post-bellica di transizione ha pubblicato, il 23 Giugno, un rapporto sulla Cecenia.


A seguire nell'articolo sono proposti i passaggi chiave della relazione.


Le 2 guerre in Cecenia


Tra il 1994-96, durante la prima guerra cecena i morti civili sono stati stimati intorno a 50,000, migliaia sono rimasti senza casa e gran parte del territorio è andato incontro alla distruzione.


Nell'Ottobre 1999 i separatisti ceceni hanno compiuto incursioni nella Repubblica del Dagestan e diversi attacchi nelle città russe con bombe uccidendo centinaia di persone. Il governo russo ha risposto con raid aerei in supporto alle operazioni di terra. Così 300,000 ceceni hanno lasciato la loro casa alloggiando per la maggior parte nei campi per i rifugiati allestiti nella Repubblica di Ingushetia, alcuni di essi sono ritornati successivamente in Cecenia ma la situazione rimane fortemente instabile e sembra estendersi a tutti gli stati del Nord-Caucaso. Altre 170,000 civili si sono spostati all'interno della Cecenia in zone che considerano più sicure rispetto alla loro residenza abituale.


I rifugiati in Ingushetia


La popolazione in Ingushetia è quasi raddoppiata con l'arrivo dei rifugiati ceceni peggiorando ulteriormente le condizioni già misere di questa regione. I ceceni vivono in accampamenti con tende e in edifici abbandonati ricevendo scarsa assistenza. Il governo russo ha organizzato l'ultimo accampamento di tende nel Giugno del 2004, in questo modo il resto della gente ha dovuto spostarsi verso gli stabilimenti spontanei, oppure cercando aiuto e alloggio presso la popolazione locale, o ancora tornando in Cecenia visto che nessun'altra possibilità si è aperta. Vi sarebbero 32.000 persone che tornerebbero per questo motivo a casa ma vi sono problemi tra i quali ad esempio quelli di ottenere i documenti di registro.


Violazioni dei diritti umani


Le organizzazioni per la tutela dei diritti umani hanno riportato quotidianamente serie violazioni e abusi come arresti ingiustificati, rapimenti, torture, violenze e omicidi. Sono stati commessi principalmente da forze di polizia e agenti privati che operano in Cecenia. L'organizzazione non governativa russa Memorial ha riferito di 396 persone sparite nel 2004, di cui 187 sono state rilasciate, 24 sono state ritrovate morte e 175 sono tuttora disperse.


Crescita dell'instabilità e diffusione del terrorismo


L'instabilità della situazione cecena si starebbe estendendo alle altre repubbliche del Nord-Caucaso, con scontri tra le forze federali russe e/o la polizia locale e i gruppi ribelli come nel Nord Ossetia, Dagestan e Kabardino-Balkaria. Le attività terroristiche riescono a diffondersi facendo leva sulle tensioni tra i gruppi etnici e alimentandole a loro volta.


Tutto ciò si lega a un deterioramento progressivo della situazione politica, economica e sociale dell'intera regione che è potenzialmente il seme per un escalation di violenza e di conflitti, cioè il contesto ideale in cui il terrorismo internazionale può espandersi. La mancanza di speranza per il futuro si diffonde tra i giovani trasformandosi in una tragica pulsione emotiva verso l'estremismo, sono infatti numerose le informazioni secondo le quali in Afghanistan ed Iraq sarebbero presenti combattenti ceceni.


Corruzione


Il programma russo di ricostruzione della Cecenia si muove a rilento e in un sistema corrotto. Le famiglie le quali hanno vista distrutta interamente la loro casa per la politica della compensazione russa dovrebbero essere risarcite ma i fondi si disperdono tra i diversi ufficiali governativi a partire da Mosca. Inoltre le case solo parzialmente distrutte non rientrano nei piani di compensazione dei danni e dunque le famiglie proprietarie non ricevono indennizzi. Si calcola che soltanto il 50% delle persone che vivono nelle peggiori condizioni nei vari alloggi temporanei allestiti in Cecenia riceveranno fondi grazie alla politica della compensazione. In aggiunta il governo e le amministrazioni locali sono percepite come largamente corrotte e insensibili. Negli ultimi mesi si sono verificate numerose manifestazioni nelle repubbliche del Nord-Caucaso, esclusa la Cecenia, affinché vi sia un cambiamento al sistema dei governi corrotti.


Alto tasso di povertà e di disoccupazione


Il dipartimento del Lavoro ceceno riferisce di un tasso di disoccupazione in Cecenia dell'80%. Quello dei rifugiati in Ingushetia secondo l'Onu si attesterebbe al 90%. L'Onu all'inizio del 2005 ha stimato nel 63% della popolazione le persone cecene le cui condizioni possono essere considerate di povertà e di forte povertà; le più povere vivono nelle aree urbane. Il WHO(Organizzazione Mondiale della Sanità) ha riferito che il tasso di mortalità infantile in Cecenia ed Ingushetia è il doppio rispetto a quello della Federazione Russa nel suo insieme.


Ostacoli alle Ong da parte degli agenti governativi


Nei primi due mesi del 2005 agenti governativi avrebbero incrementato le azioni contro le Ong per impedire di svolgere il loro operato efficacemente ed in piena autonomia. Per i membri delle Ong espatriati è diventata una vera sfida poter rinnovare il loro visto e conseguentemente entrare in Cecenia. Il registro delle Ong deve essere rinnovato ogni 6 mesi contro i 12 del passato aumentando i già citati problemi di rinnovo dei visti. Vi sono frequenti controlli da parte delle forze di polizia per vedere computer, liste dei membri e altri documenti. In molti casi queste visite sono compiute illegalmente senza l'esposizione di un'autorizzazione e di una documentazione.


Conclusioni


Alla descrizione fin qui riportata del contesto ceceno l'IRC conclude con un appello rivolto alle organizzazioni internazionali e alla Russia perché si valutino attentamente tutte le problematiche che riguardano la regione e si discuta per un cambio di rotta politica che porti alla tutela dei diritti umani del popolo ceceno, alla sua sicurezza e conseguentemente ad una pace sostanziale.


Il susseguirsi di rapporti e relazioni sulla Cecenia rappresentano, dal punto di vista dell'informazione, un buon segno ma ciò che dovrebbe preoccupare è il fatto che nella maggior parte dei casi cambiano i titoli ma i contenuti risultano tragicamente gli stessi; nulla sembra evolversi, la speranza di un cambiamento diventa all'orizzonte un miraggio lontano.


(Ultimo aggiornamento lunedì, 27 giugno 2005 19:08 )


http://www.warnews.it/index.php/content/view/1786/37/



Condividi questo articolo

in InVento di Pace: Un anno dopo, Fallujah è ancora una citta distrutta''L’Italia svergogna la guerra''. La lettera di Don Tonino Bello ai Parlamentari italianiLondra - I servizi cercano nuove spieSomalia - Ucciso un uomo di pace Abdulkadir Yahya Ali era l'unico capace di far dialogare le fazioni in lotta. Fino a che non è arrivata al QaedaIl mondo in guerra - Sono in corso almeno 24 conflitti. Costati finora 5 milioni e mezzo di vite umaneTariq Ramadan - Londra - Con voce forte e chiara, dobbiamo esprimere il nostro dissenso, la nostra condanna e il nostro impegnoCecenia (Russia) - Un popolo dimezzato - Ammissione ufficiale: 300 mila ceceni morti e 200 mila spariti nel nulla<img src=http://www.radiokcentrale.it/indeximages/grozny1.jpg border=0><br>Cecenia: il miraggio di un cambiamento sostanzialeLa guerra giusta - Il testo e l'audio della conferenza di Howard Zinn organizzata da Emergency che lo storico statunitense ha tenuto il 23 giugno a RomaL'anima e il profitto - di Emanuele SeverinoIl vero scontro di civiltà È religioso e culturale, come pensa Huntington, o politico, sui valori della democrazia? Colloquio tra Ferdinando Adornato e Franco CardiniLettera aperta all'Ammiraglio Francesco Ricci Comandante del Dipartimento marittimo dello Jonio e del Canale d'OtrantoNo ad un nuovo conflitto tra Etiopia ed EritreaAdotta un popolo - Ospita una persona: incontra un popolo in occasione dell´Assemblea e della Marcia Perugia-AssisiUna voce contro - Per la prima volta in Italia il rabbino pacifista Michael LernerTRA LE FORME DEL PENSIERO … Dell’azione emotiva sul comportamentoMarcia Perugia-Assisi per la giustizia e la pace - Io voglio. Tu vuoi. Noi possiamoLa prima bandiera della PaceOrrori di traduzione- Vietato criticare Israele. a proposito del ''Middle East Media Research Institute''Esportare la civiltà. Con la forza. Il diritto d'ingerenza umanitaria dopo la caduta del muro di Berlino:  ecco come ritorna il vecchio discorso coloniale sulla ''missione civilizzatrice''.Assisi: troppa autonomia, i frati sotto tutelaAssisi: Benedetto XVI ha intrapreso la via della restaurazione - di GAD LERNERLe armi biochimiche: percorso storico-giuridico<img 
src=http://www.nuovofriuli.com/photo/2005.03/2005.0311.05.falluja.jpg border=0><br>COMUNICATO DEL COMITATO SCIENZIATE E SCIENZIATI CONTRO LA GUERRAIraq - 15.11.2005 - I numeri del massacro - Secondo l'Onu, più di 30mila i civili uccisi dal marzo 2003 <i>''Il costo pagato dai civili deve condurre a una nuova riflessione sulla natura del conflitto e sulla proporzionalità dell'impiego della forza''</i>Io sono stato a Falluja - Javier Couso, fratello di José, il cameraman di Tele5 assassinato a Baghdad dagli statunitensi, ha visitato Falluja ed ha raccolto eccezionali testimonianzeFallujah - L'inchiesta ed il videoAtto pubblico in luogo oscenoCiampi - LE FASI DELLA GESTIONE EDUCATIVA DEL CONFLITTOLione - Un buddista Tendai: dal ricordo di Hiroshima l’appello ad ''un umanesimo spirituale di pace''Brasile - Un referendum che ci riguarda da vicinoDISOBBEDIENZA PROGETTO DI SE' PARTECIPAZIONE - La riflessione filosofica su individuo e politica nel '900LA PSICANALISI SOCIALE DI FRANCO FORNARI L’estensione della psicanalisi ad applicazioni politico-socialiL'INSEGNANTE DIALOGICO E AFFETTIVO <b>L’educazione alla Pace e alla gestione dei conflitti come guida per l’allievo</b>Un omicidio a freddo ad un posto di blocco non e' un Un omicidio a freddo ad un posto di blocco non e' un Peace Games - ''Giriamo per il mondo tenendoci per mano''Forum del Movimento contro la Guerra - Sessione tematica ''Informazione di guerra, massmedia e organizzazione del consenso''TRIBUNALE MONDIALE SULL'IRAQ - Sessione su 'Illegalità della guerra in Iraq ed i crimini commessi in violazione delle norme internazionali e costituzionaliL'Iraq è un giro di prova - Noam Chomsky aprile 2003Fermiamo la censura preventiva sulla guerraAmiche a Baghdad di SIMONA PARI e SIMONA TORRETTAInformazione dall'Iraq occupatoFermate il massacro- Appello per Falluja - di Giuliana SgrenaVerso le elezioni iracheneNon si raggiunge la pace con un trattato. Si deve cominciare dalle vittime, dal basso.Il buon soldato GranerRIFLESSIONE di HAIFA ZANGANA: <b>DONNE E DEMOCRAZIA IN IRAQ</b>Londra ha dato rifugio a diversi esponenti del radicalismo islamico in base a un patto di non belligeranza. Ma dopo l'11 settembre tutto è cambiatoLuisa Muraro - <b>Altrimenti, che vita è? </b>Riflessioni sul sequestro e la liberazione di Giuliana SgrenaL'omaggio di Assia Djebar a Giuliana SgrenaLA CULTURA DELLA PACE - Il superamento della deumanizzazione dell’altroDINAMICHE DI CONFLITTO - Aggressività, sicurezza identitaria e valorizzazione del sèATTUALITA’ DELLA LOTTA GANDHIANA IN INDIAL’AUTODETERMINAZIONE POLITICA DEI VILLAGGI PROMOSSA DA GANDHI E’ LA VIA DI DIO PER LA PACE NEL MONDO. UN NUOVO TESTAMENTO PER IL 21° SECOLOQuinta Conferenza Internazionale del museo della pace: <b>il ruolo dell'arte, della memoria , dell'educazione. Di Carla AmatoLA PEDAGOGIA DEL DIALOGO - Le modalità relazionali di fiducia e confronto con l’alterità. La relazione socio-affettiva come stimolo ad una pedagogia alternativa alla cultura dominante.La Campagna Control Arms in Italia 
Controlla le armi!!EDUCARE ALLA GESTIONE DEI CONFLITTI - L’educazione alla pace all’interno delle dinamiche sociocomunitarie per prevenire i conflitti a livello internazionale.L’EDUCAZIONE ALLA PACE. CONFLITTI, AFFETTI, CULTURA: FRANCO FORNARI 2005. Convegno InternazionaleGli Usa e il ''nemico universale'' di William PfaffLA FASE DI START-UP DI UN PROGETTO DI PREVENZIONE DEL BULLISMO.<b>Crescere in pace </b>- Proposte didattiche nell'ambito della campagna di sostegno a distanza dei bambini afghani orfani in PakistanDIECI PAROLE DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINONON C' È PACE SENZA GIUSTIZIA NON C' È GIUSTIZIA SENZA PERDONO - MESSAGGIO DI SUA SANTITÀ GIOVANNI PAOLO II PER LA CELEBRAZIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELLA PACE<b><IMG src=http://www.unponteper.it/images/news/newroz.jpg border=0> <br>Kurdistan terra divisa, compendio storico di Mauro di ViesteTRA LE FORME DEL PENSIERO… Dell’azione emotiva sul comportamento.  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati