Ciampi - "Centinaia di miliardi in armamenti: società malata di egoismo e indifferenza"
Condividi questo articolo





Sent: Monday, October 17, 2005 3:45 PM

 

Subject: Ciampi: "Centinaia di miliardi in armamenti: società malata di egoismo e indifferenza"

Intervento del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi alla commemorazione del 60° Anniversario della fondazione della FAO




INTERVENTO DEL
PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
CARLO AZEGLIO CIAMPI
ALLA COMMEMORAZIONE DEL
60° ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA FAO

Roma - Sede della FAO,  17 ottobre 2005




Signor Direttore Generale,
Signori Delegati,
Signore e Signori,

ho accolto con grande piacere l'invito a partecipare alla commemorazione del 60° anniversario della fondazione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Agricoltura e l'Alimentazione.
Solo due settimane or sono - Signor Direttore Generale - Ella mi ha consegnato la Medaglia Agricola della FAO. E' un riconoscimento di cui sono particolarmente onorato e che considero un impegno per l'Italia - e mio personale - a continuare nella lotta alla fame; a sostenere la FAO con determinazione nella sua alta missione; a rafforzare ulteriormente il vincolo speciale che la lega alla FAO.
Rivolgo in questa occasione le mie felicitazioni al Presidente Lula, cui è stata conferita la stessa prestigiosa onorificenza.

Coloro che hanno conosciuto un mondo senza Nazioni Unite hanno caro l'enorme progresso compiuto dall'umanità; sanno quanto dobbiamo alla saggezza e alla lungimiranza degli ideatori e dei firmatari della Carta di San Francisco.
Essi cercarono di dare vita ad una società internazionale fondata sulla legalità e sulla solidarietà; seppero guardare lontano ed immaginare, mentre infuriava ancora la guerra, un mondo in cui ogni essere umano sarebbe stato in grado di soddisfare, dopo il diritto alla sicurezza, il diritto al cibo.
Dalla loro visione nacque la FAO che oggi, insieme all'IFAD e al PAM, compone il polo agroalimentare di Roma.
A Roma si stabilì, in seguito, anche l'Istituto Internazionale per le Risorse Genetiche Vegetali, preposto alla conservazione e alla valorizzazione della biodiversità.

A sessant'anni di distanza, la missione della FAO è più che mai indispensabile e attuale. Al di fuori del mondo industrializzato, centinaia di milioni di esseri umani vivono la disperazione quotidiana di non trovare di che nutrirsi, di non riuscire a dare la speranza di una vita dignitosa ai propri figli.
Fame e denutrizione stringono in una morsa letale popolazioni già vittime di terribili malattie - AIDS, malaria e tubercolosi - di guerre e conflitti etnici.
La coscienza non può non ribellarsi di fronte a questa strage silenziosa.

La cerimonia di oggi si svolge a poche settimane dalla conclusione del Vertice dei Capi di Stato e di Governo delle Nazioni Unite, che ha riaffermato l'impegno della comunità internazionale a raggiungere gli obiettivi del Millennio. Primo fra tutti, quello di ridurre della metà, entro il 2015, il numero delle persone che soffrono la fame.
Quell'obiettivo fu per la prima volta individuato quale fondamentale traguardo di civiltà e di coscienza proprio in questa sala, in occasione del Vertice Mondiale dell'Alimentazione nel 1996.

La Dichiarazione del Millennio riafferma la necessità di arginare il lacerante divario tra il Nord e il Sud del mondo attraverso un piano d'azione rigoroso.
All'ONU e alle sue istituzioni spetta il merito di aver indotto la comunità internazionale a cimentarsi con questa sfida - la massima sfida dei nostri tempi - imponendo un'agenda di mobilitazione sul tema dello sviluppo che non ha precedenti.

Sostenuta con determinazione, quell'agenda ha messo in moto un percorso scandito dalle tappe di Monterrey, di Johannesburg e del secondo Vertice dell'Alimentazione di Roma.

Cinque anni non sono passati invano.
Il volume di aiuti allo sviluppo è aumentato considerevolmente e aumenterà ancora, di quasi 50 miliardi di dollari l'anno entro il 2010; i governi dei Paesi sviluppati hanno promesso di raggiungere entro il 2015 un livello di aiuti pari allo 0,7% del loro Prodotto Interno Lordo; lo stock di debito dei Paesi poveri e più indebitati è stato ridotto del 61%, nell'ambito di un'iniziativa di remissione del debito di cui l'Italia è stata tra i promotori e a cui ha contribuito cancellando 2,6 miliardi di euro, con l'obiettivo di giungere quanto prima a 4,8 miliardi, pari al 100% del debito bilaterale nei nostri confronti; infine, poche settimane or sono, le Istituzioni Finanziarie Internazionali hanno approvato la proposta del G8 di eliminare il 100% del debito multilaterale dei Paesi più poveri.

Sono risultati incoraggianti.
Non bisogna mai dimenticare, tuttavia, che nessuna assistenza internazionale può sostituirsi all'assunzione di responsabilità fondamentali dirette.
I fattori chiave dello sviluppo sono gli stessi in ogni parte del mondo: stabilità, legittimità democratica dei governi, certezza del diritto, rispetto dei diritti umani e civili, libertà economica, tutela del patrimonio ambientale e delle proprie radici culturali. Creare queste condizioni, senza disperdere preziose risorse in sanguinosi conflitti armati e nei mille rivoli della corruzione, è compito primario dei beneficiari.

C'è ancora così tanto da fare. In Africa, in particolare, il raggiungimento degli obiettivi del Millennio appare come un traguardo ancora molto distante.
È soprattutto l'arretratezza rurale che frena lo sviluppo dell'Africa: terreni inariditi dall'avanzare della desertificazione e impoveriti da colture inadeguate.

Grave è anche la permanente carenza di infrastrutture essenziali per la raccolta e la conservazione dell'acqua e di efficienti sistemi di irrigazione.

Sempre di più l'approvvigionamento idrico, elemento indispensabile di un'agricoltura fiorente, appare come un problema strategico: bisogna mirare ad una gestione razionale di questa risorsa, che deve essere oggetto di collaborazione e non di conflitto fra i Paesi.

Lo sviluppo rurale è al cuore della rinascita dell'Africa.

Ne è ben consapevole la FAO, che ha impegnato la sua esperienza e le sue risorse per l'attuazione del programma di sviluppo agricolo della NEPAD.


Signor Direttore Generale,
l'Italia sostiene senza riserve gli sforzi della FAO. Il nostro programma di cooperazione con l'Organizzazione è tra i maggiori che conduciamo all'interno del sistema delle Nazioni Unite; esso si concentra sulla sicurezza alimentare, lo sviluppo sostenibile, l'assistenza alle politiche agricole, gli aiuti di emergenza.

L'Italia accompagna a tale azione un crescente impegno finanziario a favore dei programmi per la sicurezza alimentare della FAO, dell'IFAD e del PAM.

Il contributo italiano al Fondo Globale per la lotta contro l'AIDS, la malaria e la tubercolosi sarà innalzato da 100 a 130 milioni di euro nel prossimo biennio. Si aggiunge, in questo campo, l'opera benemerita di efficienti Associazioni di volontariato.

L'Italia è fortemente impegnata anche nella cooperazione sanitaria, nella ricerca biomedica e nei progetti di tutela ambientale.

I nostri centri di ricerca sono tra i più attivi nella formazione e nel trasferimento di tecnologie avanzate ai Paesi in via di sviluppo. Ricordo che questa è la missione specifica degli Istituti scientifici di Trieste, nati nell'alveo e nello spirito delle Nazioni Unite, che l'Italia ha voluto e largamente finanzia. Scienza e tecnologia sono strumenti essenziali per lo sviluppo rurale.

Il settore agricolo, tuttavia, potrà realizzare appieno il suo potenziale solo se i prodotti dei Paesi in via di sviluppo potranno accedere liberamente ai mercati dei Paesi industrializzati.
La positiva conclusione del Doha Round consentirebbe, secondo le stime della Banca Mondiale, di strappare alla povertà oltre cento milioni di persone.
Ci avviciniamo alla Conferenza Ministeriale dell'Organizzazione Mondiale del Commercio di Hong Kong. Non possiamo negare ai Paesi emergenti e ai Paesi poveri le opportunità del commercio internazionale, sulle quali si fonda tanta parte della nostra prosperità.


Signor Direttore Generale,
da oltre mezzo secolo la FAO si batte al fianco dei poveri, di coloro che soffrono la fame. Non vi è missione più nobile; non vi è compito che meglio rifletta lo spirito e la lettera della Carta delle Nazioni Unite, che impegna gli Stati membri ad impiegare gli "strumenti internazionali per promuovere il progresso economico e sociale di tutti i popoli".

La costruzione di un ordine mondiale più giusto è, in primo luogo, un imperativo morale. Ma non è solo questo: un mondo nel quale i benefici del progresso scientifico e della crescita economica siano ripartiti in modo più equo è anche un mondo più sicuro per tutti.

Una società che spende centinaia di miliardi in armamenti e consente che ogni anno muoiano di fame cinque milioni di bambini è una società malata di egoismo e di indifferenza.

Dobbiamo colmare il solco - fatto di ingiustizia e di disperazione - che divide Paesi ricchi e Paesi poveri; da esso traggono origine e alimento i fenomeni che minacciano la sicurezza di tutti noi: l'estremismo, il fondamentalismo, l'odio etnico.

A New York, lo scorso settembre, i leader mondiali ne hanno preso atto e hanno solennemente rilanciato l'alleanza solidale tra Nord e Sud per vincere la povertà.
E' un impegno che non può essere disatteso: ne dipende in larga misura la convivenza pacifica tra i nostri popoli nei prossimi decenni.

Signor Direttore Generale,
Signori Delegati,
Signore e Signori,
la povertà e la fame sono i più antichi nemici dell'umanità. Per la prima volta nella storia disponiamo dei mezzi per sconfiggerli: abbiamo le risorse economiche, la tecnologia e il sostegno dell'opinione pubblica.
Dipende soltanto da noi.


------------------------------ANNOTAZIONE PERSONALE DEL MITTENTE----------------------------------------

Personalmente ritengo questo discorso molto importante e da sostenere in relazione alla critica alle spese militari in esso contenuta. Il passo è stato evidenziato in grassetto. Chi vuole scrivere al Presidente della Repubblica per ringraziarlo e incoraggiarlo su questa strada può farlo inviando una e-mail a
presidenza.repubblica@quirinale.it

Avvertenze:
 
Indicare chiaramente il proprio nome, cognome oltre all'indirizzo postale tradizionale.

La dimensione di ogni messaggio di posta elettronica non deve superare le dieci pagine (massimo 50 KB) e non deve contenere allegati.

L'indirizzo postale tradizionale è:
Palazzo del Quirinale, 00187 Roma.

 

---------------------------------------------------------------

Fonte: Mailing list Africa dell'associazione PeaceLink.

 

Per ISCRIZIONI/CANCELLAZIONI: http://www.peacelink.it/mailing_admin.html


 


Condividi questo articolo

in InVento di Pace: Un anno dopo, Fallujah è ancora una citta distrutta''L’Italia svergogna la guerra''. La lettera di Don Tonino Bello ai Parlamentari italianiLondra - I servizi cercano nuove spieSomalia - Ucciso un uomo di pace Abdulkadir Yahya Ali era l'unico capace di far dialogare le fazioni in lotta. Fino a che non è arrivata al QaedaIl mondo in guerra - Sono in corso almeno 24 conflitti. Costati finora 5 milioni e mezzo di vite umaneTariq Ramadan - Londra - Con voce forte e chiara, dobbiamo esprimere il nostro dissenso, la nostra condanna e il nostro impegnoCecenia (Russia) - Un popolo dimezzato - Ammissione ufficiale: 300 mila ceceni morti e 200 mila spariti nel nulla<img src=http://www.radiokcentrale.it/indeximages/grozny1.jpg border=0><br>Cecenia: il miraggio di un cambiamento sostanzialeLa guerra giusta - Il testo e l'audio della conferenza di Howard Zinn organizzata da Emergency che lo storico statunitense ha tenuto il 23 giugno a RomaL'anima e il profitto - di Emanuele SeverinoIl vero scontro di civiltà È religioso e culturale, come pensa Huntington, o politico, sui valori della democrazia? Colloquio tra Ferdinando Adornato e Franco CardiniLettera aperta all'Ammiraglio Francesco Ricci Comandante del Dipartimento marittimo dello Jonio e del Canale d'OtrantoNo ad un nuovo conflitto tra Etiopia ed EritreaAdotta un popolo - Ospita una persona: incontra un popolo in occasione dell´Assemblea e della Marcia Perugia-AssisiUna voce contro - Per la prima volta in Italia il rabbino pacifista Michael LernerTRA LE FORME DEL PENSIERO … Dell’azione emotiva sul comportamentoMarcia Perugia-Assisi per la giustizia e la pace - Io voglio. Tu vuoi. Noi possiamoLa prima bandiera della PaceOrrori di traduzione- Vietato criticare Israele. a proposito del ''Middle East Media Research Institute''Esportare la civiltà. Con la forza. Il diritto d'ingerenza umanitaria dopo la caduta del muro di Berlino:  ecco come ritorna il vecchio discorso coloniale sulla ''missione civilizzatrice''.Assisi: troppa autonomia, i frati sotto tutelaAssisi: Benedetto XVI ha intrapreso la via della restaurazione - di GAD LERNERLe armi biochimiche: percorso storico-giuridico<img 
src=http://www.nuovofriuli.com/photo/2005.03/2005.0311.05.falluja.jpg border=0><br>COMUNICATO DEL COMITATO SCIENZIATE E SCIENZIATI CONTRO LA GUERRAIraq - 15.11.2005 - I numeri del massacro - Secondo l'Onu, più di 30mila i civili uccisi dal marzo 2003 <i>''Il costo pagato dai civili deve condurre a una nuova riflessione sulla natura del conflitto e sulla proporzionalità dell'impiego della forza''</i>Io sono stato a Falluja - Javier Couso, fratello di José, il cameraman di Tele5 assassinato a Baghdad dagli statunitensi, ha visitato Falluja ed ha raccolto eccezionali testimonianzeFallujah - L'inchiesta ed il videoAtto pubblico in luogo oscenoCiampi - LE FASI DELLA GESTIONE EDUCATIVA DEL CONFLITTOLione - Un buddista Tendai: dal ricordo di Hiroshima l’appello ad ''un umanesimo spirituale di pace''Brasile - Un referendum che ci riguarda da vicinoDISOBBEDIENZA PROGETTO DI SE' PARTECIPAZIONE - La riflessione filosofica su individuo e politica nel '900LA PSICANALISI SOCIALE DI FRANCO FORNARI L’estensione della psicanalisi ad applicazioni politico-socialiL'INSEGNANTE DIALOGICO E AFFETTIVO <b>L’educazione alla Pace e alla gestione dei conflitti come guida per l’allievo</b>Un omicidio a freddo ad un posto di blocco non e' un Un omicidio a freddo ad un posto di blocco non e' un Peace Games - ''Giriamo per il mondo tenendoci per mano''Forum del Movimento contro la Guerra - Sessione tematica ''Informazione di guerra, massmedia e organizzazione del consenso''TRIBUNALE MONDIALE SULL'IRAQ - Sessione su 'Illegalità della guerra in Iraq ed i crimini commessi in violazione delle norme internazionali e costituzionaliL'Iraq è un giro di prova - Noam Chomsky aprile 2003Fermiamo la censura preventiva sulla guerraAmiche a Baghdad di SIMONA PARI e SIMONA TORRETTAInformazione dall'Iraq occupatoFermate il massacro- Appello per Falluja - di Giuliana SgrenaVerso le elezioni iracheneNon si raggiunge la pace con un trattato. Si deve cominciare dalle vittime, dal basso.Il buon soldato GranerRIFLESSIONE di HAIFA ZANGANA: <b>DONNE E DEMOCRAZIA IN IRAQ</b>Londra ha dato rifugio a diversi esponenti del radicalismo islamico in base a un patto di non belligeranza. Ma dopo l'11 settembre tutto è cambiatoLuisa Muraro - <b>Altrimenti, che vita è? </b>Riflessioni sul sequestro e la liberazione di Giuliana SgrenaL'omaggio di Assia Djebar a Giuliana SgrenaLA CULTURA DELLA PACE - Il superamento della deumanizzazione dell’altroDINAMICHE DI CONFLITTO - Aggressività, sicurezza identitaria e valorizzazione del sèATTUALITA’ DELLA LOTTA GANDHIANA IN INDIAL’AUTODETERMINAZIONE POLITICA DEI VILLAGGI PROMOSSA DA GANDHI E’ LA VIA DI DIO PER LA PACE NEL MONDO. UN NUOVO TESTAMENTO PER IL 21° SECOLOQuinta Conferenza Internazionale del museo della pace: <b>il ruolo dell'arte, della memoria , dell'educazione. Di Carla AmatoLA PEDAGOGIA DEL DIALOGO - Le modalità relazionali di fiducia e confronto con l’alterità. La relazione socio-affettiva come stimolo ad una pedagogia alternativa alla cultura dominante.La Campagna Control Arms in Italia 
Controlla le armi!!EDUCARE ALLA GESTIONE DEI CONFLITTI - L’educazione alla pace all’interno delle dinamiche sociocomunitarie per prevenire i conflitti a livello internazionale.L’EDUCAZIONE ALLA PACE. CONFLITTI, AFFETTI, CULTURA: FRANCO FORNARI 2005. Convegno InternazionaleGli Usa e il ''nemico universale'' di William PfaffLA FASE DI START-UP DI UN PROGETTO DI PREVENZIONE DEL BULLISMO.<b>Crescere in pace </b>- Proposte didattiche nell'ambito della campagna di sostegno a distanza dei bambini afghani orfani in PakistanDIECI PAROLE DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINONON C' È PACE SENZA GIUSTIZIA NON C' È GIUSTIZIA SENZA PERDONO - MESSAGGIO DI SUA SANTITÀ GIOVANNI PAOLO II PER LA CELEBRAZIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELLA PACE<b><IMG src=http://www.unponteper.it/images/news/newroz.jpg border=0> <br>Kurdistan terra divisa, compendio storico di Mauro di ViesteTRA LE FORME DEL PENSIERO… Dell’azione emotiva sul comportamento.  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati