Peace Games - ''Giriamo per il mondo tenendoci per mano''
Condividi questo articolo



"Giriamo per il mondo tenendoci per mano"


Week end formativo organizzato da Peace Games, associazione impegnata nei processi educativi nei Paesi in via di sviluppo


di Enrico De Grazia


L'associazione Peace Games, organizzazione non governativa creata dalla Uisp nel 1990 per promuovere e sostenere le iniziative di aiuto umanitario e di cooperazione allo sviluppo, propone un week-end formativo rivolto a tutti gli operatori sportivi, gli insegnanti, gli educatori che lavorano con bambini e ragazzi in diversi contesti educativi e che necessitano di strumenti concreti di lavoro per organizzare e gestire laboratori sulle tematiche dell’educazione alla pace, alla legalità e allo sviluppo. L'iniziativa, intitolata "Giriamo il mondo tenendoci per mano", avrà luogo a Rimini il 16 e 17 aprile 2005, presso l'Hotel Brown, via Pola 29 (Piazzale Kennedy). Essa costituisce la prima tappa di un percorso formativo che si svilupperà nel biennio 2005- 2006. Infatti tra le azioni concrete di intervento che Peace Games ha inserito nel suo programma biennale c’è la costruzione e realizzazione di una proposta formativa permanente che possa diventare occasione di crescita personale e professionale continuativa sulle tematiche dell’educazione alla pace, alla legalità, allo sviluppo.


La struttura organizzativa del corso prevede un momento iniziale di presentazione di Peace Games e del tema del corso: l’educazione alla pace; seguiranno 3 workshop paralleli su tematiche differenti, che costituiranno la parte centrale del week-end. I workshop verranno ripetuti il sabato pomeriggio e la domenica mattina. In tal modo ogni partecipante potrà scegliere due delle tre proposte, in base alle proprie preferenze e alle proprie esperienze maturate. Un momento finale farà da raccordo tra le diverse esperienze. L'iniziativa è stata pensata su due livelli differenti: uno internazionale, per preparare gli operatori e i responsabili di progetti all’estero; uno nazionale e territoriale per gli operatori che si muovono nelle scuole, nei centri estivi, nelle cooperative e associazioni italiane. Il costo per la partecipazione al week end è di € 165,00, per chi arriva il venerdì sera e usufruisce di due giorni a pensione completa; € 150,00 per chi arriva il sabato mattina e usufruisce di una pensione completa e un pasto aggiuntivo; € 110,00 per chi abita nelle vicinanze e usufruisce del servizio alberghiero solo per i pranzi di sabato e domenica. Il costo è comprensivo di partecipazione al corso, vitto e alloggio, attestato di partecipazione, dispensa. Le iscrizioni potranno essere effettuate entro e non oltre le ore 17.00 del giorno lunedì 4 aprile 2005.


Per il 2005, oltre a questo week end, sono previste due ulteriori tappe organizzate da Peace Games. La prima si svolgerà nel periodo giugno-luglio: un seminario che intende coinvolgere in prima persona tutti coloro che negli anni scorsi hanno seguito i progetti Peace Games all’estero. Dal seminario dovrebbe scaturire una traccia di lavoro per impostare un percorso formativo rivolto agli operatori ed educatori che intendono in futuro fare esperienze all’estero. Tale percorso verrà concretizzato nel 2006. La seconda tappa, presumibilmente nel mese di novembre, sarà la continuazione della proposta formativa rivolta a chi opera sul territorio nazionale. Nel 2006, oltre a quanto già anticipato, c’è l’intenzione di organizzare un momento di informazione-formazione per le figure dirigenziali delle associazioni che si interessano di temi legati alla cooperazione internazionale, e un percorso pensato e rivolto specificatamente agli immigrati.


La missione di Peace Games è sempre stata quella di valorizzare le potenzialità dello sport come strumento di crescita e di aggregazione al servizio delle società in via di sviluppo. I progetti realizzati e quelli in fase di preparazione propongono le attività sportive come veicolo di comunicazione e di convivenza nelle realtà lacerate da conflitti o come strumento di integrazione e di supporto ai processi educativi in atto nei Paesi in via di sviluppo. In questo senso si rivolge alle fasce tradizionalmente deboli come bambini, disabili o anziani, ma soprattutto ai giovani in quanto soggetti ricettivi in grado di moltiplicare e trasmettere messaggi positivi. In collaborazione con i partner dei Paesi destinatari, l'associazione opera nella formazione degli operatori locali, nell'animazione, nella ristrutturazione e allestimento di spazi sportivi e ludici e di centri di aggregazione sociale. Nei Paesi in situazione di emergenza interviene anche con la riabilitazione di strutture ed edifici e con la distribuzione di beni di prima necessità.


Per ulteriori informazioni:
www.peacegamesuisp.org
Per informazioni potete contattare Elena o Beatrice c/o Comitato UISP del Trentino allo 0461/231128.
Per le indicazioni su come raggiungere l’hotel Brown, potete consultare il sito www.hotelbrown.com



Condividi questo articolo

in InVento di Pace: Un anno dopo, Fallujah è ancora una citta distrutta''L’Italia svergogna la guerra''. La lettera di Don Tonino Bello ai Parlamentari italianiLondra - I servizi cercano nuove spieSomalia - Ucciso un uomo di pace Abdulkadir Yahya Ali era l'unico capace di far dialogare le fazioni in lotta. Fino a che non è arrivata al QaedaIl mondo in guerra - Sono in corso almeno 24 conflitti. Costati finora 5 milioni e mezzo di vite umaneTariq Ramadan - Londra - Con voce forte e chiara, dobbiamo esprimere il nostro dissenso, la nostra condanna e il nostro impegnoCecenia (Russia) - Un popolo dimezzato - Ammissione ufficiale: 300 mila ceceni morti e 200 mila spariti nel nulla<img src=http://www.radiokcentrale.it/indeximages/grozny1.jpg border=0><br>Cecenia: il miraggio di un cambiamento sostanzialeLa guerra giusta - Il testo e l'audio della conferenza di Howard Zinn organizzata da Emergency che lo storico statunitense ha tenuto il 23 giugno a RomaL'anima e il profitto - di Emanuele SeverinoIl vero scontro di civiltà È religioso e culturale, come pensa Huntington, o politico, sui valori della democrazia? Colloquio tra Ferdinando Adornato e Franco CardiniLettera aperta all'Ammiraglio Francesco Ricci Comandante del Dipartimento marittimo dello Jonio e del Canale d'OtrantoNo ad un nuovo conflitto tra Etiopia ed EritreaAdotta un popolo - Ospita una persona: incontra un popolo in occasione dell´Assemblea e della Marcia Perugia-AssisiUna voce contro - Per la prima volta in Italia il rabbino pacifista Michael LernerTRA LE FORME DEL PENSIERO … Dell’azione emotiva sul comportamentoMarcia Perugia-Assisi per la giustizia e la pace - Io voglio. Tu vuoi. Noi possiamoLa prima bandiera della PaceOrrori di traduzione- Vietato criticare Israele. a proposito del ''Middle East Media Research Institute''Esportare la civiltà. Con la forza. Il diritto d'ingerenza umanitaria dopo la caduta del muro di Berlino:  ecco come ritorna il vecchio discorso coloniale sulla ''missione civilizzatrice''.Assisi: troppa autonomia, i frati sotto tutelaAssisi: Benedetto XVI ha intrapreso la via della restaurazione - di GAD LERNERLe armi biochimiche: percorso storico-giuridico<img 
src=http://www.nuovofriuli.com/photo/2005.03/2005.0311.05.falluja.jpg border=0><br>COMUNICATO DEL COMITATO SCIENZIATE E SCIENZIATI CONTRO LA GUERRAIraq - 15.11.2005 - I numeri del massacro - Secondo l'Onu, più di 30mila i civili uccisi dal marzo 2003 <i>''Il costo pagato dai civili deve condurre a una nuova riflessione sulla natura del conflitto e sulla proporzionalità dell'impiego della forza''</i>Io sono stato a Falluja - Javier Couso, fratello di José, il cameraman di Tele5 assassinato a Baghdad dagli statunitensi, ha visitato Falluja ed ha raccolto eccezionali testimonianzeFallujah - L'inchiesta ed il videoAtto pubblico in luogo oscenoCiampi - LE FASI DELLA GESTIONE EDUCATIVA DEL CONFLITTOLione - Un buddista Tendai: dal ricordo di Hiroshima l’appello ad ''un umanesimo spirituale di pace''Brasile - Un referendum che ci riguarda da vicinoDISOBBEDIENZA PROGETTO DI SE' PARTECIPAZIONE - La riflessione filosofica su individuo e politica nel '900LA PSICANALISI SOCIALE DI FRANCO FORNARI L’estensione della psicanalisi ad applicazioni politico-socialiL'INSEGNANTE DIALOGICO E AFFETTIVO <b>L’educazione alla Pace e alla gestione dei conflitti come guida per l’allievo</b>Un omicidio a freddo ad un posto di blocco non e' un Un omicidio a freddo ad un posto di blocco non e' un Peace Games - ''Giriamo per il mondo tenendoci per mano''Forum del Movimento contro la Guerra - Sessione tematica ''Informazione di guerra, massmedia e organizzazione del consenso''TRIBUNALE MONDIALE SULL'IRAQ - Sessione su 'Illegalità della guerra in Iraq ed i crimini commessi in violazione delle norme internazionali e costituzionaliL'Iraq è un giro di prova - Noam Chomsky aprile 2003Fermiamo la censura preventiva sulla guerraAmiche a Baghdad di SIMONA PARI e SIMONA TORRETTAInformazione dall'Iraq occupatoFermate il massacro- Appello per Falluja - di Giuliana SgrenaVerso le elezioni iracheneNon si raggiunge la pace con un trattato. Si deve cominciare dalle vittime, dal basso.Il buon soldato GranerRIFLESSIONE di HAIFA ZANGANA: <b>DONNE E DEMOCRAZIA IN IRAQ</b>Londra ha dato rifugio a diversi esponenti del radicalismo islamico in base a un patto di non belligeranza. Ma dopo l'11 settembre tutto è cambiatoLuisa Muraro - <b>Altrimenti, che vita è? </b>Riflessioni sul sequestro e la liberazione di Giuliana SgrenaL'omaggio di Assia Djebar a Giuliana SgrenaLA CULTURA DELLA PACE - Il superamento della deumanizzazione dell’altroDINAMICHE DI CONFLITTO - Aggressività, sicurezza identitaria e valorizzazione del sèATTUALITA’ DELLA LOTTA GANDHIANA IN INDIAL’AUTODETERMINAZIONE POLITICA DEI VILLAGGI PROMOSSA DA GANDHI E’ LA VIA DI DIO PER LA PACE NEL MONDO. UN NUOVO TESTAMENTO PER IL 21° SECOLOQuinta Conferenza Internazionale del museo della pace: <b>il ruolo dell'arte, della memoria , dell'educazione. Di Carla AmatoLA PEDAGOGIA DEL DIALOGO - Le modalità relazionali di fiducia e confronto con l’alterità. La relazione socio-affettiva come stimolo ad una pedagogia alternativa alla cultura dominante.La Campagna Control Arms in Italia 
Controlla le armi!!EDUCARE ALLA GESTIONE DEI CONFLITTI - L’educazione alla pace all’interno delle dinamiche sociocomunitarie per prevenire i conflitti a livello internazionale.L’EDUCAZIONE ALLA PACE. CONFLITTI, AFFETTI, CULTURA: FRANCO FORNARI 2005. Convegno InternazionaleGli Usa e il ''nemico universale'' di William PfaffLA FASE DI START-UP DI UN PROGETTO DI PREVENZIONE DEL BULLISMO.<b>Crescere in pace </b>- Proposte didattiche nell'ambito della campagna di sostegno a distanza dei bambini afghani orfani in PakistanDIECI PAROLE DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINONON C' È PACE SENZA GIUSTIZIA NON C' È GIUSTIZIA SENZA PERDONO - MESSAGGIO DI SUA SANTITÀ GIOVANNI PAOLO II PER LA CELEBRAZIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELLA PACE<b><IMG src=http://www.unponteper.it/images/news/newroz.jpg border=0> <br>Kurdistan terra divisa, compendio storico di Mauro di ViesteTRA LE FORME DEL PENSIERO… Dell’azione emotiva sul comportamento.  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati