Somalia - Ucciso un uomo di pace Abdulkadir Yahya Ali era l'unico capace di far dialogare le fazioni in lotta. Fino a che non è arrivata al Qaeda
Condividi questo articolo


Somalia - 14.7.2005
Ucciso un uomo di pace
Abdulkadir Yahya Ali era l'unico capace di far dialogare le fazioni in lotta. Fino a che non è arrivata al Qaeda


  Scritto per noi da

Gianluca Ursini

 

“Era un uomo che poteva sedere nell’occhio del ciclone e da lì riuscire a farti sorridere”. Così una cooperante europea che ha lavorato insieme a lui per anni descrive Abdulkadir Yahya Ali, il più famoso degli attivisti somali impegnati nella pacificazione d’un Paese dilaniato da 14 anni di guerra civile. E’ stato brutalmente assassinato nella sua villa in periferia di Mogadiscio lunedì scorso da un gruppo di assalitori che hanno prima immobilizzato le sue cinque guardie del corpo e poi lo hanno ucciso di fronte alla moglie, intorno alle 2 del mattino. La sua Organizzazione non governativa, il ‘Centro per la ricerca e il Dialogo’ (‘Crd, Center for Research and Dialogue’ www.crdsomalia.org ) era la più conosciuta al di fuori della Somalia e nell’ambiente dei cooperanti internazionali. Secondo l‘uso musulmano il cadavere è stato già seppellito lunedì, ma per sabato è stata comunque indetta una cerimonia funebre, più che altro come commemorazione, vista la popolarità di cui godeva il personaggio, per il quale la capitale somala ha indetto una settimana di lutto e di eventi a lui dedicati. Di nuovo la Somalia al centro dell’attenzione internazionale, come in febbraio, dopo la morte della reporter Bbc Kate Peyton, 39 anni, assassinata da una raffica di mitra alla schiena.


 

Abdulkadir Yahya AliPerdita irrimediabile. “Yahya era un mentore della pace e della riconciliazione molto impegnato, il cui ottimismo non veniva mai a mancare -ha dichiarato il rappresentante Onu per la Somalia Maxwell Gaylard- questa è una gravissima perdita per Mogadiscio e il Paese, proprio in un momento molto particolare in cui la sua tenacia e il suo coraggio sarebbero serviti parecchio”.

“Conoscevo Yahya da oltre 15 anni -ha riferito per telefono a PeaceReporter Matt Bryden della Ong Usa ‘International Crisis Group’, (Icg)- e tenere un conto di ogni sua attività è molto difficile: di sicuro aveva in corso decine di progetti, tra i quali l’addestramento e l’educazione di bambini che avevano fatto i soldati, come pure la smobilitazione e il reinserimento nella società civile di intere bande di milizie armate a cui forniva un addestramento professionale. Tramite la sua intermediazione si sono svolti parecchi forum aperti ai capi di diverse fazioni, in cui sono stati affrontati i punti da superare per un dialogo aperto. Grazie a lui erano possibili dialoghi tra fazioni che altrimenti non avrebbero mai dialogato. Dobbiamo ringraziare Yahya se i gruppi che si contendono Mogadiscio hanno accettato di liberare le strade dai loro blocchi intorno alla capitale, come prima mossa per stabilire un governo di transizione per il Paese”.

“Tra gli internazionali la notizia ha portato molto sconforto, mentre i somali sono assolutamente scioccati”, riferisce la cooperante che ha parlato con PeaceReporter, ma preferisce restare anonima, aggiungendo: "Sapeva ricavare da chiunque un sorriso, era in grado di ottenere il meglio di qualunque persona: un uomo con un carisma unico".

 


miliziani per le strade di Mogadiscio‘La Base’ getta la sua ombra. L’esecuzione dell’omicidio fa credere che a eseguirlo sia stata un’organizzazione ben inquadrata, come il movimento jihadista che negli ultimi due anni nel Paese ha raccolto il testimone delle battaglie islamiste di al Qaeda. Un rapporto pubblicato lunedì scorso dalla ong ‘Icg’ monitorava la presenza nella capitale Mogadiscio di un nuovo gruppo affiliato alla ‘Base’ fondata da Osama bin Laden, che avrebbe portato a termine l’omicidio di quattro cooperanti internazionali tra ottobre 2003 e aprile 2004 nella regione semi autonoma del Somaliland, a nord ovest. Il rapporto sottolineava come nel caos seguito alla cacciata del dittatore Siad Barre nel 1991 si fosse già installato un gruppo chiamato ‘el Ittihad el Islami’, che voleva instaurare una dittatura teocratica nel Corno d’Africa. L’organizzazione è ufficialmente registrata come organo di carità musulmana, ma è stata segnalata dal governo Usa nella propria lista delle organizzazioni terroristiche più pericolose. Inoltre 14 anni d’instabilità hanno creato un ambiente favorevole a una comunità di “terroristi rifugiati dopo le campagne d’Afghanistan o irachena, spie etiopi ed esperti occidentali di controterrorismo”, come recita il rapporto. Il nuovo gruppo affiliato ad al Qaeda, guidato da un certo Aden Haslim Ayro, avrebbe una dozzina di membri; sopravvissuti dopo l’uccisione o la cattura di una dozzina di loro compagni da parte di servizi occidentali nelle regioni di Puntland e Somaliland. “Quel che ci fa meno preoccupare di loro -precisa Bryden- è che al momento sembra che godano di pochi appoggi e siano anzi respinti dalla comunità somala”.

 

mappa del PaeseUn frenata alla pace. “Adesso il processo di pacificazione conoscerà una brusca frenata -commenta Matt Bryden- quasi impossibile trovare per ogni gruppo un interlocutore che sia credibile come lui e che al tempo stesso goda della fiducia di tutte le parti coinvolte”. Yahya era indipendente dai movimenti e riceveva fondi per attuare i suoi progetti umanitari sia dalle agenzie Onu di Nairobi, Kenya - per esempio il Fondo Onu per lo Sviluppo (Undp) - come anche da clerici islamici. “Era in grado di ottenere un contatto oltre ogni trincea, ogni barricata, e in qualsiasi momento -continua Bryden- questo è quel che stupisce del suo assassinio: non si conoscevano suoi nemici, anche se era un uomo che non aveva nessun timore a dire come la pensasse, e questo poteva attirargli parecchie antipatie. Ma un omicidio del genere è una cosa senza precedenti”. “Un uomo come lui in grado di collegarsi a ogni fazione armata -commenta da Nairobi una cooperante europea che vuole mantenere l’anonimato- è una perdita immane, soprattutto adesso che il Governo è diviso sulla decisione se tornare o meno a Mogadiscio. Era stato in grado di smuovere la società civile somala: prima del suo arrivo tutti avevano timore di fronte le armi, lui era riuscito a coinvolgere le personalità più eminenti e a mostrare a tutti che i cittadini semplici avevano un potere  in mano con le manifestazioni. Un uomo coraggioso, che conosceva i rischi legati a rimanere a Mogadiscio, ma non voleva abbandonare il suo Paese per l’Europa, anzi continuava a ideare iniziative, come di recente un gruppo di attivisti presi dalla società civile, che avrebbe dovuto servire da gruppo di pressione pro pacificazione. Non si può capire quanto è grande la perdita per la Somalia”.


 

Il presidente somalo Abdullahi Yusuf (a destra) con il collega eritreoA Nairobi gazzarre. Mentre Yahya veniva ucciso, i gruppi di ‘signori della guerra’ che hanno deciso di formare insieme due anni or sono un Governo di transizione a Nairobi stanno ancora discutendo le condizioni alle quali portare nuovamente un esecutivo somalo nella sua capitale. Intanto il presidente del parlamento Sharif Hasar Shaikh Adan e altri signori della guerra di quell’area nominati ministri premono perché Mogadiscio sia capitale effettiva. Il presidente Abdullahi Yusuf ha deciso di muovere dalla sua regione settentrionale verso il sud, reclutando quante maggiori milizie possibili per strada. Intanto la è una chimera sempre più lontana; oggi il presidente Yusuf ha chiesto al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite di levare l'embargo alla vendita di armi al suo Paese, in vigore da 13 anni, per "permettere alle nostre forze nazionali ed alle forze di pace regionali di stabilizzare la situazione per il rientro del Governo". La Somalia sentirà a lungo la mancanza di  n uomo come Abdulkadir Yahya Ali.


http://www.peacereporter.net/dettaglio_articolo.php?idc=0&idart=3225


 


Condividi questo articolo

in InVento di Pace: Un anno dopo, Fallujah è ancora una citta distrutta''L’Italia svergogna la guerra''. La lettera di Don Tonino Bello ai Parlamentari italianiLondra - I servizi cercano nuove spieSomalia - Ucciso un uomo di pace Abdulkadir Yahya Ali era l'unico capace di far dialogare le fazioni in lotta. Fino a che non è arrivata al QaedaIl mondo in guerra - Sono in corso almeno 24 conflitti. Costati finora 5 milioni e mezzo di vite umaneTariq Ramadan - Londra - Con voce forte e chiara, dobbiamo esprimere il nostro dissenso, la nostra condanna e il nostro impegnoCecenia (Russia) - Un popolo dimezzato - Ammissione ufficiale: 300 mila ceceni morti e 200 mila spariti nel nulla<img src=http://www.radiokcentrale.it/indeximages/grozny1.jpg border=0><br>Cecenia: il miraggio di un cambiamento sostanzialeLa guerra giusta - Il testo e l'audio della conferenza di Howard Zinn organizzata da Emergency che lo storico statunitense ha tenuto il 23 giugno a RomaL'anima e il profitto - di Emanuele SeverinoIl vero scontro di civiltà È religioso e culturale, come pensa Huntington, o politico, sui valori della democrazia? Colloquio tra Ferdinando Adornato e Franco CardiniLettera aperta all'Ammiraglio Francesco Ricci Comandante del Dipartimento marittimo dello Jonio e del Canale d'OtrantoNo ad un nuovo conflitto tra Etiopia ed EritreaAdotta un popolo - Ospita una persona: incontra un popolo in occasione dell´Assemblea e della Marcia Perugia-AssisiUna voce contro - Per la prima volta in Italia il rabbino pacifista Michael LernerTRA LE FORME DEL PENSIERO … Dell’azione emotiva sul comportamentoMarcia Perugia-Assisi per la giustizia e la pace - Io voglio. Tu vuoi. Noi possiamoLa prima bandiera della PaceOrrori di traduzione- Vietato criticare Israele. a proposito del ''Middle East Media Research Institute''Esportare la civiltà. Con la forza. Il diritto d'ingerenza umanitaria dopo la caduta del muro di Berlino:  ecco come ritorna il vecchio discorso coloniale sulla ''missione civilizzatrice''.Assisi: troppa autonomia, i frati sotto tutelaAssisi: Benedetto XVI ha intrapreso la via della restaurazione - di GAD LERNERLe armi biochimiche: percorso storico-giuridico<img 
src=http://www.nuovofriuli.com/photo/2005.03/2005.0311.05.falluja.jpg border=0><br>COMUNICATO DEL COMITATO SCIENZIATE E SCIENZIATI CONTRO LA GUERRAIraq - 15.11.2005 - I numeri del massacro - Secondo l'Onu, più di 30mila i civili uccisi dal marzo 2003 <i>''Il costo pagato dai civili deve condurre a una nuova riflessione sulla natura del conflitto e sulla proporzionalità dell'impiego della forza''</i>Io sono stato a Falluja - Javier Couso, fratello di José, il cameraman di Tele5 assassinato a Baghdad dagli statunitensi, ha visitato Falluja ed ha raccolto eccezionali testimonianzeFallujah - L'inchiesta ed il videoAtto pubblico in luogo oscenoCiampi - LE FASI DELLA GESTIONE EDUCATIVA DEL CONFLITTOLione - Un buddista Tendai: dal ricordo di Hiroshima l’appello ad ''un umanesimo spirituale di pace''Brasile - Un referendum che ci riguarda da vicinoDISOBBEDIENZA PROGETTO DI SE' PARTECIPAZIONE - La riflessione filosofica su individuo e politica nel '900LA PSICANALISI SOCIALE DI FRANCO FORNARI L’estensione della psicanalisi ad applicazioni politico-socialiL'INSEGNANTE DIALOGICO E AFFETTIVO <b>L’educazione alla Pace e alla gestione dei conflitti come guida per l’allievo</b>Un omicidio a freddo ad un posto di blocco non e' un Un omicidio a freddo ad un posto di blocco non e' un Peace Games - ''Giriamo per il mondo tenendoci per mano''Forum del Movimento contro la Guerra - Sessione tematica ''Informazione di guerra, massmedia e organizzazione del consenso''TRIBUNALE MONDIALE SULL'IRAQ - Sessione su 'Illegalità della guerra in Iraq ed i crimini commessi in violazione delle norme internazionali e costituzionaliL'Iraq è un giro di prova - Noam Chomsky aprile 2003Fermiamo la censura preventiva sulla guerraAmiche a Baghdad di SIMONA PARI e SIMONA TORRETTAInformazione dall'Iraq occupatoFermate il massacro- Appello per Falluja - di Giuliana SgrenaVerso le elezioni iracheneNon si raggiunge la pace con un trattato. Si deve cominciare dalle vittime, dal basso.Il buon soldato GranerRIFLESSIONE di HAIFA ZANGANA: <b>DONNE E DEMOCRAZIA IN IRAQ</b>Londra ha dato rifugio a diversi esponenti del radicalismo islamico in base a un patto di non belligeranza. Ma dopo l'11 settembre tutto è cambiatoLuisa Muraro - <b>Altrimenti, che vita è? </b>Riflessioni sul sequestro e la liberazione di Giuliana SgrenaL'omaggio di Assia Djebar a Giuliana SgrenaLA CULTURA DELLA PACE - Il superamento della deumanizzazione dell’altroDINAMICHE DI CONFLITTO - Aggressività, sicurezza identitaria e valorizzazione del sèATTUALITA’ DELLA LOTTA GANDHIANA IN INDIAL’AUTODETERMINAZIONE POLITICA DEI VILLAGGI PROMOSSA DA GANDHI E’ LA VIA DI DIO PER LA PACE NEL MONDO. UN NUOVO TESTAMENTO PER IL 21° SECOLOQuinta Conferenza Internazionale del museo della pace: <b>il ruolo dell'arte, della memoria , dell'educazione. Di Carla AmatoLA PEDAGOGIA DEL DIALOGO - Le modalità relazionali di fiducia e confronto con l’alterità. La relazione socio-affettiva come stimolo ad una pedagogia alternativa alla cultura dominante.La Campagna Control Arms in Italia 
Controlla le armi!!EDUCARE ALLA GESTIONE DEI CONFLITTI - L’educazione alla pace all’interno delle dinamiche sociocomunitarie per prevenire i conflitti a livello internazionale.L’EDUCAZIONE ALLA PACE. CONFLITTI, AFFETTI, CULTURA: FRANCO FORNARI 2005. Convegno InternazionaleGli Usa e il ''nemico universale'' di William PfaffLA FASE DI START-UP DI UN PROGETTO DI PREVENZIONE DEL BULLISMO.<b>Crescere in pace </b>- Proposte didattiche nell'ambito della campagna di sostegno a distanza dei bambini afghani orfani in PakistanDIECI PAROLE DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINONON C' È PACE SENZA GIUSTIZIA NON C' È GIUSTIZIA SENZA PERDONO - MESSAGGIO DI SUA SANTITÀ GIOVANNI PAOLO II PER LA CELEBRAZIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELLA PACE<b><IMG src=http://www.unponteper.it/images/news/newroz.jpg border=0> <br>Kurdistan terra divisa, compendio storico di Mauro di ViesteTRA LE FORME DEL PENSIERO… Dell’azione emotiva sul comportamento.  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati