Alphabet City
Condividi questo articolo


Alphabet City
Articolo di
del 25/03/2005




Alphabet_Loisaida.jpgA Est della First Avenue e a Nord di East Houston Street, i nomi delle Avenue perdono i numeri che li caratterizzano, e si chiamano A, B, C e D: siamo nella Città dell'Alfabeto. E' la zona portoricana, a due passi da Tompkins Square.
Una decina di anni fà le guide di Manhattan e gli stessi newyorkesi sconsigliavano una passeggiata in questo quartiere, allora vessato dai giri di crak, dalla criminalità, dalle bande dei ragazzi di strada: i ghetto cats. Oggi Alphabet City è una zona affascinante, povera rispetto ai quartieri circostanti, abitata per lo piú da famiglie e da studenti della vicina New York University, assediata dai ristoranti, dai bistrot e dai café del limitrofo East Village.




E' una zona ancora autentica, dove la cultura portoricana parla dai muri zeppi di murales, si respira nelle zaffate di pollo fritto e fagioli rossi, si assorbe nella cantilena degli anziani che chiacchierano nello spagnolo dolce dei tropici, seduti su seggioline piazzate di fronte alla porta di casa.
La realtà portoricana del quartiere si rivela anche nel nome di Avenue C, chiamata da tutti quelli che abitano in zona LOISAIDA. La storia di questo nome si perde nei meandri del mito. C'è chi assicura sia lo storpiamento di Lower East Side, pronunciata come Lo-i-saida dai primi immigrati portoricani. C’é chi invece racconta sia un omaggio a Loiza A Taíno, una capa indo-portoricana che morí per difendere dal fuoco una foresta equatoriale, considerata un luogo sacro dell’isola di Portorico.

Ma si é a Portorico anche per sapori ed odori. A "‘Casa Adela", il piccolo squallido ristorante su Avenue C tra 4th e 5th Street, si puó mangiare con solo 7 dollari un pollo squisito, accompagnato da riso giallo e fagioli. C’è una portoricana mastodontica che ti chiede: “Que quieres chichita?” “Pollo”.
Non scrive mai le ordinazioni. Le urla. Si gira verso la cucina, porta le mani alla bocca a mo’ di imbuto e urla a squarciagola: “Un POLLOOOOOO!”. Se non lo finisci, ti dice anche di mangiarlo tutto, che devi mettere su ciccia se no fai poco l’amore. Poi ridacchia, come se conoscesse il segreto del mondo.


Alphabet_mural.jpgTra i palazzi di Alphabet City, piccole foreste tropicali spuntano ovunque, minuscole selve strappate all’asfalto e al cemento; come il Jardín della Tranquilidad, su Avenue C, o l’affascinante giardino di Avenue B e East 6th Street, dove si trova la Toy Tower, eretta da Eddy Boros, un’accozzaglia di giocattoli, cavalli di legno, bambole, accatastati in un’enorme zigurrat, troneggiante tra i baniani e altre piante dei tropici.
Tra i giardini, i muri delle case e delle vie grondano murales. Qui impari una cosa molto importante di New York City: a cogliere l’attimo, a fotografare quello che vedi immediatamente, perché in una sola settimana l’assetto dei murales puó cambiare all’improvviso. Alphabet City e la stessa New York sono realtá in mutazione instancabile. Impari perció a immortalare uno scorcio che ami, un angolo di Loisada, un palazzo fatiscente, prima che sia troppo tardi.
Forse piú di qualsiasi altra zona della Lower East Side, il quartiere portoricano è un quartiere in continuo mutamento. Sull’onda della moda, e per la sua vicinanza all’East Village, interi palazzi vengono abbattuti da un giorno all’altro, per far posto a costruzioni piú grandi e moderne. Gli affitti cominciano a salire alle stelle, ristoranti eleganti e sofisticati rimpiazzano vecchie bettole annerite dal fumo. Abitata fino a solo 5 anni fa da ispanici e afro americani, Alphabet City è ora invasa dai bianchi. La sua autenticitá è minata giorno dopo giorno dalla speculazione edilizia. Eppure è ancora un quartiere bellissimo, proprio perché è un caravanserraglio dove tutto si mescola, pieno di contraddizioni: ricchezza e povertá, lusso e squallore, tradizione e modernitá.
E’ una zona della Lower East Side da visitare subito, prima che la nuova ricchezza la cambi definitivamente.


http://www.nyc-site.com/rubriche/archives/000191.html



Condividi questo articolo

in Tutto il mondo e' quartiere: Egitto, la polizia carica i profughi. Morti almeno ventitre sudanesiLe culture dell’abitare - Carta della progettazione interculturalePeriferie. Nell´astronave dei nuovi alieni<img src=http://www.repubblica.it/2005/k/sezioni/esteri/periparigi1/11mat/ansa_7068751_17410.jpg border=0> <br>La rage des cités déclinée au femininAlessandro Dal Lago: Banlieues. Prima o poiLes Années banlieues - Dossier 1996Il disagio dell'altra Francia - Michele Calcaterra''Così cambiano le banlieue'' Intervista al sociologo Robert Castel*Poèmes de la banlieueCittà esclusive alla francese - Viaggio tra le fortezze dei ricchi - Hacène BelmessousQuei dannati alla periferia del paradiso: alle porte di Parigi, disagio sociale ed emarginazione - di Rabah Ait-Hamadouche''Il problema non è l'islam ma l'alienazione del ghetto'' Costruire spazi di fiducia reciproca. Tariq RamadanPerché non funziona l'integrazione - The EconomistFrancia, perché protestano - di  Paolo PapiPerché il diavolo abita in periferia - di  Pasquale ChessaPolitique de la ville et médiation : entre proximité et participationLe banlieue francesi: un fenomeno globale - Dopo più di 20 giorni di scontri e rivolte nelle periferie francesi, sembra essere tornata la calma27 ottobre - 3 novembre - Francia - Cronologia di una rivolta (Tratta da Le Monde)''Brucio tutto,  quindi esisto'' La voce delle  banlieue - Annamaria RiveraLa Moltitudine a caccia di quella via di fuga che nelle banlieues stanno cercando, senza ancora averla trovata. Toni NegriIL PRESIDENTE DI SOS RACISME - ''Rivolta di gente senza speranze''Non sono degli ''immigrati'' che si rivoltano nelle periferie della grande Parigi, ma dei giovani e giovanissimi francesi, di terza generazione.Immigrati a Roma: i punti di ritrovo di nove comunità. Le vie, i giardini, i parchi dove trascorrere insieme il tempo libero.<b>Il Paese delle città divise </b>- Dopo la dissoluzione della Repubblica Federale di Jugoslavia, con la creazione di Stati indipendenti, molte città sono state divise dai nuovi confini stataliTorino africana: San Salvario e Porta Palazzo-Borgo Dora, i due quartieri in cui si concentra la popolazione immigrata.San Salvario 2005: nasce ''Basta un ritaglio'' banca del tempo interetnicaLewis Mumford - LA CITTA' NELLA STORIA - (The City in History, 1961)Maria Pia Belski -<b> Periferia come centro</b> - in particolar modo a MilanoRoma - Il quartiere multietnico che non dorme mai: le tante etnie che popolano largo SperlongaAlphabet CityViaggio nella Roma multietnicaTurchi a Berlino - Dopo il muro, a Kreuzberg, in una città multietnicaAubervilliers - Parigi: la banlieu che resiste al fanatismoL'UE: E' UN PROBLEMA COMUNE, SERVE UNA RISPOSTA POLITICAParigi, banlieue in fiamme: il governo franceseLa banlieue parigina in fiamme di TAHAR BEN JELLOUNUna metropoli dal nulla, sfida cinese sul Fiume giallo: nasce Nuova ZhengzhouMediazione e prossimità, l'esperienza di Habiter au quotidien (Parigi)Tristi Banlieue di Barbara SpinelliBanlieue e sobborghi d'Europa - IDA DOMINIJANNI2050, il futuro dell'uomo è nelle città - L'esodo rurale toccherà anche i paesi in via di sviluppo. Demografi riuniti in Francia immortalano la popolazione del pianetaIl quartiere torinese di San Salvario: conflitti e prospettive in un quartiere urbano - Ires Piemonte, 1995  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati