Non sono degli ''immigrati'' che si rivoltano nelle periferie della grande Parigi, ma dei giovani e giovanissimi francesi, di terza generazione.
Condividi questo articolo


Francesi di serie B

ANNA MARIA MERLO
il manifesto del 04 Novembre 2005


Non sono degli « immigrati » che si rivoltano nelle periferie della grande Parigi, ma dei giovani e giovanissimi francesi, di terza generazione, dopo che una scintilla ha fatto esplodere la rabbia che covano da tempo. Non è la maggioranza di questi giovani a bruciare le macchine dei loro vicini di casa e a prendere d'assalto i simboli dello stato, caserme di polizia e di pompieri, scuole, palestre, accanto ai simboli del consumo, concessionarie auto, agenzie bancarie, centri commerciali. Ma gli altri, che per il momento stanno a guardare e che hanno paura, ne condividono le motivazioni, se non il metodo. La morte di due di loro, che una voce subito ritenuta plausibile ha fatto credere che fossero inseguiti dalla polizia perché giudicati colpevoli di un furto (che non è mai esistito) e le parole irresponsabili del ministro degli interni, che li ha definiti indistantamente «gentaglia», non hanno fatto che confermare quello che sanno già : di essere giudicati senza prove come colpevoli a priori. Di essere cioè dei cittadini di serie B, meno eguali degli altri nella patria che annuncia l'égalité nel suo motto.

Non a caso la parola più ricorrente nei quartieri difficili è «rispetto». Chiedono rispetto alla polizia, che invece interviene senza ragione apparente, effettua controlli generalizzati, mentre non li difende e lascia agire impunite le bande degli spacciatori di droga e dei veri deliquenti. Chiedono rispetto agli imprenditori, che diradano le assunzioni quando i candidati portano un nome dall'assonanza straniera. La discriminazione esiste in Francia, le operazioni di testing di Sos Racisme lo dimostrano, persino per l'accesso alle discoteche.

Ma è sul terreno della disoccupazione che questa discriminazione è cresciuta. Questi ragazzini, nipoti degli operai emigrati per lavorare nella fabbriche negli anni del boom, alcuni dei quali non hanno mai visto i genitori alzarsi per andare a lavorare, non sanno più a chi credere. Il discorso ufficiale è l'«eguaglianza delle possibilità», che la scuola eguale per tutti dovrebbe garantire. Ma le loro scuole sono peggiori di quelle del centro città, gli insegnanti appena possono scappano verso aule più calme.

Uno studio ha rivelato che i ragazzini delle medie in banlieue hanno a disposizione una media di 400 parole, mentre i loro coetanei più fortunati ne dispongono di 2500. Quelli che non sanno esprimersi, trovano uno sfogo nella violenza, ma è più sorda e più terribile la rivolta che cova tra coloro che hanno creduto alla favola dell'«ascensore sociale» attraverso lo studio e che si ritrovano disoccupati. O precari, quando sono fortunati (condividendo in questo la sorte degli altri giovani europei, ma manca un movimento politico per canalizzare questa rabbia, in Francia come altrove). Vedono i caïd viaggiare con grosse auto, unico «modello» reale, mentre i pochi che riescono se ne vanno dai quartieri difficili, come ha già fatto la maggioranza dei franco-francesi che hanno potuto farlo.

Poco per volta si è costruito il ghetto, sociale ed etnico e oggi non c'è da stupirsi che le reazioni siano da ghettizzati: manca solo più l'espandersi del ripiego identitario, che già la presenza di imam radicali annuncia, anche se per il momento il fenomeno è ancora agli inizi (ma la confusione, volutamente incrementata dall'estrema destra, tra immigrati e giovani francesi di origine immigrata gli sta creando un terreno favorevole). E i politici al governo, intanto, si fanno una guerra per bande, perché i tempi della politica sono brevi - ci sono le presidenziali nel 2007 - mentre i tempi della ricostruzione sociale sono lunghi.




http://www.ilmanifesto.it/Quotidiano-archivio/04-Novembre-2005/art5.html



Condividi questo articolo

in Tutto il mondo e' quartiere: Egitto, la polizia carica i profughi. Morti almeno ventitre sudanesiLe culture dell’abitare - Carta della progettazione interculturalePeriferie. Nell´astronave dei nuovi alieni<img src=http://www.repubblica.it/2005/k/sezioni/esteri/periparigi1/11mat/ansa_7068751_17410.jpg border=0> <br>La rage des cités déclinée au femininAlessandro Dal Lago: Banlieues. Prima o poiLes Années banlieues - Dossier 1996Il disagio dell'altra Francia - Michele Calcaterra''Così cambiano le banlieue'' Intervista al sociologo Robert Castel*Poèmes de la banlieueCittà esclusive alla francese - Viaggio tra le fortezze dei ricchi - Hacène BelmessousQuei dannati alla periferia del paradiso: alle porte di Parigi, disagio sociale ed emarginazione - di Rabah Ait-Hamadouche''Il problema non è l'islam ma l'alienazione del ghetto'' Costruire spazi di fiducia reciproca. Tariq RamadanPerché non funziona l'integrazione - The EconomistFrancia, perché protestano - di  Paolo PapiPerché il diavolo abita in periferia - di  Pasquale ChessaPolitique de la ville et médiation : entre proximité et participationLe banlieue francesi: un fenomeno globale - Dopo più di 20 giorni di scontri e rivolte nelle periferie francesi, sembra essere tornata la calma27 ottobre - 3 novembre - Francia - Cronologia di una rivolta (Tratta da Le Monde)''Brucio tutto,  quindi esisto'' La voce delle  banlieue - Annamaria RiveraLa Moltitudine a caccia di quella via di fuga che nelle banlieues stanno cercando, senza ancora averla trovata. Toni NegriIL PRESIDENTE DI SOS RACISME - ''Rivolta di gente senza speranze''Non sono degli ''immigrati'' che si rivoltano nelle periferie della grande Parigi, ma dei giovani e giovanissimi francesi, di terza generazione.Immigrati a Roma: i punti di ritrovo di nove comunità. Le vie, i giardini, i parchi dove trascorrere insieme il tempo libero.<b>Il Paese delle città divise </b>- Dopo la dissoluzione della Repubblica Federale di Jugoslavia, con la creazione di Stati indipendenti, molte città sono state divise dai nuovi confini stataliTorino africana: San Salvario e Porta Palazzo-Borgo Dora, i due quartieri in cui si concentra la popolazione immigrata.San Salvario 2005: nasce ''Basta un ritaglio'' banca del tempo interetnicaLewis Mumford - LA CITTA' NELLA STORIA - (The City in History, 1961)Maria Pia Belski -<b> Periferia come centro</b> - in particolar modo a MilanoRoma - Il quartiere multietnico che non dorme mai: le tante etnie che popolano largo SperlongaAlphabet CityViaggio nella Roma multietnicaTurchi a Berlino - Dopo il muro, a Kreuzberg, in una città multietnicaAubervilliers - Parigi: la banlieu che resiste al fanatismoL'UE: E' UN PROBLEMA COMUNE, SERVE UNA RISPOSTA POLITICAParigi, banlieue in fiamme: il governo franceseLa banlieue parigina in fiamme di TAHAR BEN JELLOUNUna metropoli dal nulla, sfida cinese sul Fiume giallo: nasce Nuova ZhengzhouMediazione e prossimità, l'esperienza di Habiter au quotidien (Parigi)Tristi Banlieue di Barbara SpinelliBanlieue e sobborghi d'Europa - IDA DOMINIJANNI2050, il futuro dell'uomo è nelle città - L'esodo rurale toccherà anche i paesi in via di sviluppo. Demografi riuniti in Francia immortalano la popolazione del pianetaIl quartiere torinese di San Salvario: conflitti e prospettive in un quartiere urbano - Ires Piemonte, 1995  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati