San Salvario 2005: nasce ''Basta un ritaglio'' banca del tempo interetnica
Condividi questo articolo


A Torino nasce "Basta un ritaglio"
la banca del tempo interetnica


di Chiara Vergano



TORINO - Quasi un quartiere simbolo. Dove ci sono la moschea e il Centro islamico, la sinagoga, il tempio valdese e diverse chiese cattoliche. Torino, San Salvario, a due passi dalla stazione centrale di Porta Nuova: basta fare un giro per le vie, tra i palazzi di fine Ottocento con i lunghi ballatoi che confinano con edifici anni Cinquanta, per rendersi conto di come i negozi di alimentari esotici, i parrucchieri, i ristoranti e i mercati tipici siano diventati punti d’incontro per gente che viene da tutte le parti del mondo. Qui, dove gli immigrati sono davvero numerosi – il 17 per cento della popolazione residente – è stata appena inaugurata “Basta un Ritaglio”, banca del tempo con una caratteristica precisa: l’essere interetnica. “Tutto è nato da un confronto con la realtà di questo quartiere, ricca e complessa al tempo stesso – racconta Irene Bono, una delle ideatrici della banca, che vive proprio a San Salvario – . Ci sono due comunità consistenti: utilizzano gli stessi spazi, frequentano gli stessi luoghi e hanno spesso bisogni comuni, ma s’incrociano e si confrontano raramente. Sono gli studenti italiani e gli stranieri”. Insieme a un gruppo di studenti ed ex dell’Università, “abbiamo riflettuto proprio su quest’aspetto, sulla presenza di tante lingue, tante culture, tante capacità da valorizzare. Così nata l’idea, condivisa da varie associazioni di stranieri: grazie allo scambio gratuito, la diversità può diventare una risorsa, un’opportunità a cui tutti possono attingere”.



Ma cosa ci si scambierà, concretamente, con “Basta un Ritaglio”? Leonardo Captano, 25 anni, argentino, libero professionista, “offre” conversazione in spagnolo e in cambio chiede lezioni di inglese. “Vivo a Torino da tre anni e mezzo, con un amico e la sorella – racconta – . Dalla banca del tempo mi aspetto di poter conoscere altre persone e partecipare ad attività di gruppo”. Gregor Chmielewski, anche lui 25 anni, arriva direttamente dalla Polonia. E’ un volontario in Legambiente, al cui interno svolge il Servizio volontario europeo. E’ a Torino da un mese e ci rimarrà per altri sei. “Dalla Banca mi aspetto di poter migliorare il mio italiano – dice – e desidero mettermi a disposizione per aiutare negli scambi altre persone”. In particolare, in cambio di lezioni di italiano, “offro conversazioni in polacco e inglese, insieme a lezioni di computer”. Imparare a destreggiarsi tra pc, mouse e internet è uno dei bisogni espressi dalla comunità ecuadoregna, per voce del suo presidente: “Abbiamo bisogno di lezioni di computer, soprattutto per i nostri figli – annuncia Carlos – ; in cambio, insegneremo lo spagnolo”.





“Basta un Ritaglio” è uscito di fatto dall’incubatore Giovani&Idee del Comune di Torino: “Circa un anno fa – spiegano gli ideatori – l’amministrazione ha bandito un concorso di idee, cui abbiamo partecipato proprio con il progetto della banca del tempo interetnica. C’è stata una lunga fase di preparazione e tutoraggio e ora, finalmente, si parte”. Alla porta di “Basta un Ritaglio”, la cui sede è in via Ormea 4, all’Oratorio di San Luigi (luogo di passaggio e di riferimento per il quartiere, dove si tengono incontri, corsi d’italiano, tornei di calcio) hanno già bussato diverse persone. “Tanti immigrati hanno già chiesto aiuto per imparare l’italiano – spiega Davide Altare, laureato in Scienze forestali e ambientali all’Università – . Tanti un sostegno per la compilazione di moduli, pratiche…” E gli italiani, cosa chiedono in cambio? “Le cose più diverse: dalle lezioni di cucina etnica e un aiuto per il giardinaggio, a piccoli lavori di sartoria…”.


 


(10 maggio 2005 - ore 14.22)


 




Condividi questo articolo

in Tutto il mondo e' quartiere: Egitto, la polizia carica i profughi. Morti almeno ventitre sudanesiLe culture dell’abitare - Carta della progettazione interculturalePeriferie. Nell´astronave dei nuovi alieni<img src=http://www.repubblica.it/2005/k/sezioni/esteri/periparigi1/11mat/ansa_7068751_17410.jpg border=0> <br>La rage des cités déclinée au femininAlessandro Dal Lago: Banlieues. Prima o poiLes Années banlieues - Dossier 1996Il disagio dell'altra Francia - Michele Calcaterra''Così cambiano le banlieue'' Intervista al sociologo Robert Castel*Poèmes de la banlieueCittà esclusive alla francese - Viaggio tra le fortezze dei ricchi - Hacène BelmessousQuei dannati alla periferia del paradiso: alle porte di Parigi, disagio sociale ed emarginazione - di Rabah Ait-Hamadouche''Il problema non è l'islam ma l'alienazione del ghetto'' Costruire spazi di fiducia reciproca. Tariq RamadanPerché non funziona l'integrazione - The EconomistFrancia, perché protestano - di  Paolo PapiPerché il diavolo abita in periferia - di  Pasquale ChessaPolitique de la ville et médiation : entre proximité et participationLe banlieue francesi: un fenomeno globale - Dopo più di 20 giorni di scontri e rivolte nelle periferie francesi, sembra essere tornata la calma27 ottobre - 3 novembre - Francia - Cronologia di una rivolta (Tratta da Le Monde)''Brucio tutto,  quindi esisto'' La voce delle  banlieue - Annamaria RiveraLa Moltitudine a caccia di quella via di fuga che nelle banlieues stanno cercando, senza ancora averla trovata. Toni NegriIL PRESIDENTE DI SOS RACISME - ''Rivolta di gente senza speranze''Non sono degli ''immigrati'' che si rivoltano nelle periferie della grande Parigi, ma dei giovani e giovanissimi francesi, di terza generazione.Immigrati a Roma: i punti di ritrovo di nove comunità. Le vie, i giardini, i parchi dove trascorrere insieme il tempo libero.<b>Il Paese delle città divise </b>- Dopo la dissoluzione della Repubblica Federale di Jugoslavia, con la creazione di Stati indipendenti, molte città sono state divise dai nuovi confini stataliTorino africana: San Salvario e Porta Palazzo-Borgo Dora, i due quartieri in cui si concentra la popolazione immigrata.San Salvario 2005: nasce ''Basta un ritaglio'' banca del tempo interetnicaLewis Mumford - LA CITTA' NELLA STORIA - (The City in History, 1961)Maria Pia Belski -<b> Periferia come centro</b> - in particolar modo a MilanoRoma - Il quartiere multietnico che non dorme mai: le tante etnie che popolano largo SperlongaAlphabet CityViaggio nella Roma multietnicaTurchi a Berlino - Dopo il muro, a Kreuzberg, in una città multietnicaAubervilliers - Parigi: la banlieu che resiste al fanatismoL'UE: E' UN PROBLEMA COMUNE, SERVE UNA RISPOSTA POLITICAParigi, banlieue in fiamme: il governo franceseLa banlieue parigina in fiamme di TAHAR BEN JELLOUNUna metropoli dal nulla, sfida cinese sul Fiume giallo: nasce Nuova ZhengzhouMediazione e prossimità, l'esperienza di Habiter au quotidien (Parigi)Tristi Banlieue di Barbara SpinelliBanlieue e sobborghi d'Europa - IDA DOMINIJANNI2050, il futuro dell'uomo è nelle città - L'esodo rurale toccherà anche i paesi in via di sviluppo. Demografi riuniti in Francia immortalano la popolazione del pianetaIl quartiere torinese di San Salvario: conflitti e prospettive in un quartiere urbano - Ires Piemonte, 1995  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati