Parigi, banlieue in fiamme: il governo francese
Condividi questo articolo


Parigi, banlieue in fiamme la notte più dura: 900 auto bruciate
di red

 Il campione della «tolleranza zero» aveva provato a minimizzare. «Sta andando un po’ meglio» aveva affermato il ministro dell’interno Nicholas Sarkozy dopo 8 notti di consecutive di rivolta nelle banlieu parigine. Ma la nona notte di disordini nella periferia nord della capitale francese il bilancio delle violenze è addirittura aumentato: quasi 900 veicoli dati alle fiamme e 250 fermi mentre due edifici sono stati evacuati dopo che decine di autovetture erano state incendiate in un parcheggio sotterraneo. In fiamme anche due laboratori tessili e un salone d'auto. E le violenze si stanno diffondendo anche in altre zoni del territorio francese.


Insomma quella appena trascorsa è stata forse la notte più violenta da quando è iniziata la rivolta nei sobborghi parigini, il 27 ottobre,quando due ragazzi sono stati uccisi ottobre da scariche elettriche in una cabina di trasformazione di Clichy-sous-Bois dove si erano rifugiati per sfuggire alla polizia che li inseguiva. Una ricostruzione sempre negata da Sarkozy, che ha da subito rifiutato ogni possibilità di dialogo.


A nulla vale il massiccio dispiegamento di forze dell’ordine nelle zone della città più colpite. Questa notte per la prima volta la polizia ha fatto sorvolare le zone da elicotteri e a Seine-Saint-Denis, il distretto vicino Parigi più colpito, sono stati inviati 1.400 agenti di polizia.



In tutto, dopo la nona notte di scontri e disordini, si contano circa 1800 veicoli dati alle fiamme e oltre 400 persone arrestate. I ragazzi continnano ad appiccare il fuoco a tutto quello che trovano e giovedì sera si è rischiato grosso a Sevran quando un gruppo di ragazzi ha incendiato un camion in mezzo a una strada Il primo autobus che è arrivato ha dovuto fermarsi, ed è iniziato il lancio di molotov. Una di queste è piombata dentro il mezzo, che trasportava una trentina di persone. Tutti sono scesi a precipizio, tranne una signora 56enne che si muove con l'ausilio di due stampelle: è scampata al rogo solo grazie all'autista che l'ha portata fuori.


Se da un lato De Villepin, con un gesto che si vuole pacificatore, ha ricevuto a palazzo Matignon un gruppo di ragazzi originari dei quartieri difficili, dall’altro Il ministro dell'Interno, Nicolas Sarkozy, continua nella sua politica di pugno di ferro. Durante una visita a sorpresa in una stazione di polizia ha sottolineando la necessità di raccogliere il maggior numero possibile di informazioni «per capire meglio come sono organizzati, perché esiste un'organizzazione».


In realtà, dalle testimonianze dei diciottenni processati per direttissima a Bobigny, si capisce che nessuna organizzazione ha fatto scattare la rabbia nelle banlieu. Il dato comune a questi ragazzi semmai è il fallimento scolastico, l'assenza di un qualsiasi lavoro, una situazione familiare disastrata. Sono ragazzi i cui genitori quarantenni o poco più non hanno neanch'essi mai lavorato, oppure solo saltuariamente. Per trovare un normale salario in famiglia bisogna risalire al nonno maghrebino venuto qui negli anni 60 e i primi anni 70, quando De Gaulle e Pompidou chiedevano braccia per l'industrializzazione del paese.


Ma il govenro francese per il momento non pare dare ascolto a tutto ciò. A chiedere la testa di Sarkozy sono per ora soltanto i comunisti. Il Ps no, sostiene che «non cambierebbe nulla», e chiede invece un dibattito parlamentare. Ma i due poli del dibattito, in questa fase, sono interni al governo e alla maggioranza.


http://www.unita.it/index.asp?SEZIONE_COD=HP&TOPIC_TIPO=&TOPIC_ID=45592



Condividi questo articolo

in Tutto il mondo e' quartiere: Egitto, la polizia carica i profughi. Morti almeno ventitre sudanesiLe culture dell’abitare - Carta della progettazione interculturalePeriferie. Nell´astronave dei nuovi alieni<img src=http://www.repubblica.it/2005/k/sezioni/esteri/periparigi1/11mat/ansa_7068751_17410.jpg border=0> <br>La rage des cités déclinée au femininAlessandro Dal Lago: Banlieues. Prima o poiLes Années banlieues - Dossier 1996Il disagio dell'altra Francia - Michele Calcaterra''Così cambiano le banlieue'' Intervista al sociologo Robert Castel*Poèmes de la banlieueCittà esclusive alla francese - Viaggio tra le fortezze dei ricchi - Hacène BelmessousQuei dannati alla periferia del paradiso: alle porte di Parigi, disagio sociale ed emarginazione - di Rabah Ait-Hamadouche''Il problema non è l'islam ma l'alienazione del ghetto'' Costruire spazi di fiducia reciproca. Tariq RamadanPerché non funziona l'integrazione - The EconomistFrancia, perché protestano - di  Paolo PapiPerché il diavolo abita in periferia - di  Pasquale ChessaPolitique de la ville et médiation : entre proximité et participationLe banlieue francesi: un fenomeno globale - Dopo più di 20 giorni di scontri e rivolte nelle periferie francesi, sembra essere tornata la calma27 ottobre - 3 novembre - Francia - Cronologia di una rivolta (Tratta da Le Monde)''Brucio tutto,  quindi esisto'' La voce delle  banlieue - Annamaria RiveraLa Moltitudine a caccia di quella via di fuga che nelle banlieues stanno cercando, senza ancora averla trovata. Toni NegriIL PRESIDENTE DI SOS RACISME - ''Rivolta di gente senza speranze''Non sono degli ''immigrati'' che si rivoltano nelle periferie della grande Parigi, ma dei giovani e giovanissimi francesi, di terza generazione.Immigrati a Roma: i punti di ritrovo di nove comunità. Le vie, i giardini, i parchi dove trascorrere insieme il tempo libero.<b>Il Paese delle città divise </b>- Dopo la dissoluzione della Repubblica Federale di Jugoslavia, con la creazione di Stati indipendenti, molte città sono state divise dai nuovi confini stataliTorino africana: San Salvario e Porta Palazzo-Borgo Dora, i due quartieri in cui si concentra la popolazione immigrata.San Salvario 2005: nasce ''Basta un ritaglio'' banca del tempo interetnicaLewis Mumford - LA CITTA' NELLA STORIA - (The City in History, 1961)Maria Pia Belski -<b> Periferia come centro</b> - in particolar modo a MilanoRoma - Il quartiere multietnico che non dorme mai: le tante etnie che popolano largo SperlongaAlphabet CityViaggio nella Roma multietnicaTurchi a Berlino - Dopo il muro, a Kreuzberg, in una città multietnicaAubervilliers - Parigi: la banlieu che resiste al fanatismoL'UE: E' UN PROBLEMA COMUNE, SERVE UNA RISPOSTA POLITICAParigi, banlieue in fiamme: il governo franceseLa banlieue parigina in fiamme di TAHAR BEN JELLOUNUna metropoli dal nulla, sfida cinese sul Fiume giallo: nasce Nuova ZhengzhouMediazione e prossimità, l'esperienza di Habiter au quotidien (Parigi)Tristi Banlieue di Barbara SpinelliBanlieue e sobborghi d'Europa - IDA DOMINIJANNI2050, il futuro dell'uomo è nelle città - L'esodo rurale toccherà anche i paesi in via di sviluppo. Demografi riuniti in Francia immortalano la popolazione del pianetaIl quartiere torinese di San Salvario: conflitti e prospettive in un quartiere urbano - Ires Piemonte, 1995  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati