Aubervilliers - Parigi: la banlieu che resiste al fanatismo
Condividi questo articolo


Parigi, la banlieu che resiste al fanatismo
Ad Aubervilliers vivono faccia a faccia una maggioranza musulmana e una comunità ebraica radicale. Gli operatori sociali contrastano l'estremismo con «micro-azioni che si possono misurare nel tempo». Ma sulla convivenza incombe l'incubo Sarkozy, che minaccia di ripulire la banlieu


      
ANNA MARIA MERLO
PARIGI

Aubervilliers è una cittadina di 63mila abitanti, alla periferia nord di Parigi, collegata alla capitale da una linea della metropolitana, situata tra Pantin e La Courneuve, che il populista ministro degli interni Nicolas Sarkozy ha minacciato pochi giorni fa - in seguito alla morte di un ragazzino, ucciso da un colpo d'arma da fuoco - di «ripulire al Karcher» (dal nome di una marca di uno strumento ad alta pressione). Aubervilliers, come tutte le periferie popolari della capitale, non è un posto facile. Sulla carta, condensa tutti i problemi: forte percentuale di classi popolari oggi colpite dalla disoccupazione, un faccia a faccia tra due comunità radicali ebree e una maggioranza della popolazione di cultura musulmana. Eppure, a Aubervilliers, anche se non sono mancati episodi di esplosione di violenza tra i giovani, si ha l'impressione che non tutto sia ancora andato perso, che l'Europa non sia sull'orlo di trasformarsi nella Bosnia, di scivolare verso una guerra civile tra comunità. È l'effetto di quelle che l'animatore Nour-eddien Skiker chiama «le micro-azioni che si possono misurare nel tempo». È quello che lui e i suoi colleghi fanno all'Omja, la sede dei giovani di Aubervillers, che organizza il tempo libero. È la conseguenza positiva di un'azione volontarista del comune (il sindaco è Pascal Baudet, del Pcf, di professione maestro), che non ha abbassato le braccia. È la volontà di dare a questi giovani, con l'attività extra-scolastica, «il controllo della parola - come riassume Nour-eddien - Ma lo sa che nelle banlieues i giovani controllano meno la lingua degli altri? Che secondo uno studio usano una media di 400 parole contro le 2500 di Parigi? E quando non si hanno le parole, si diventa pazzi, si pensa solo a se stessi, ci si rinchiude, e questo è quello che può capitare di peggio, sempre più gente che pensa solo a se stessa, che se ne frega degli altri. Poi la religione diventa un pretesto».«Abbiamo saputo degli attentati di Londra in Alsazia, all'uscita dal Museo della deportazione, dove eravamo andati per visitare un campo», spiega Louis Philippe, un liceale. Sarebbe possibile che un giovane francese si trasformasse in kamikaze, come in Gran Bretagna? «Tutto è possibile, ma è difficile qui. A Aubervilliers è impossibile. Qui non siamo come in Gran Bretagna, la Francia non ha partecipato alla guerra in Iraq» spiega Jassin, un altro liceale. L'Iraq, ma anche la Palestina, sono i nodi della tragedia della geopolitica che vengono spesso citati. «Quando c'è stata la prima intifada, abbiamo organizzato un incontro con tutti i punti di vista al liceo, è andato bene» dice Nour-eddien Skiker. E dal `98, il comune realizza un «progetto Palestina» in collaborazione con i palestinesi, a cui partecipano gli abitanti. «C'è un vero malessere internazionale - aggiunge Nour-eddien - che noi lavoratori sociali nei quartieri percepiamo bene nei suoi effetti. Ma ogni volta che c'è un problema, cerchiamo di lavorarci sù per vivere meglio dopo. Non per bluffare la gente, dire loro che troveremo la soluzione, perché non sarebbe onesto dire che il problema non ci sarà più. Ma per capirne le cause, se no non si va avanti». Nour-eddien ha detto ai ragazzi che ha accompagnato nella visita al campo di concentramento in Alsazia: «Se avete provato solidarietà qui, sappiate che deve cominciare alla porta del vostro condominio». Ma a un ragazzo qualcuno aveva chiesto : «Ma lei che viene dall'Algeria, si sente legato al problema franco-francese dell'Alsazia? E il ragazzo di Aubevillier ha risposto : «Ma scusi, io sono francese». Un altro ragazzo gli ha rimproverato i due minuti di silenzio per Londra: «Perché non lo facciamo per l'Iraq?». «Io ho la famiglia a Londra, ma per fortuna non ci sono state vittime - racconta Louis Philippe - ma abbiamo visto in tv che laggiù i musulmani non osano più uscire di casa, per vergogna o perché sono insultati». «Ma qui non è così» interviene Jassin. «Abbiamo visto che le loro famiglie non li consideravano dei violenti. Forse hanno fatto un viaggio in un paese dove ci sono i terroristi, si sono fatti intrappolare in questo meccanismo» secondo Cherene, un altro liceale. «Parte sempre di là, dall'origine - riflette Louis-Philippe - può venire da gente che viene dal Pakistan, che va a Londra e qui avviene come uno scatto». A Aubervilliers questo «scatto» sembra escluso. «Qui non c'è nessun problema con le altre religioni» afferma Cherene. Ma le cose potrebbero cambiare? L'inquietudine serpeggia tra i giovani, dopo la sequenza di affermazioni «muscolari» e populiste del ministro degli interni con ambizioni presidenziali, Nicolas Sarkozy. Non solo «ripulire» i quartieri difficili al Karcher, ma anche espellere gli imam radicali. «Il problema è che dopo bin Laden si parla dell'islam come terrorismo» dice Louis Philippe. Sarkozy si vanta di «parlare come il popolo» e ammicca all'estrema destra, giocando la carta periolosa dell'antiparlamentarismo e, cosa paradossale visto che è capo dell'Ump, dell'antipartitismo. Sarkozy «ha preso di mira tutti i musulmani, non solo gli imam radicali» riflette Jassin.

          


Con Sarkozy presidente nel 2007, il modello di Aubervilliers, quello delle «micro-azioni che si possono misurare nel tempo» per cui lavora Nour-eddien, sarà trascurato, non sarà più finanziato? Dei segni di chiusura dei rispettivi gruppi di appartenenza sono già ben presenti nella Francia di oggi. Il dialogo di Aubervilliers, la cittadina che ha accolto, per esempio, il «museo precario» voluto nell'inverno scorso dall'artista Thomas Hirshhorn, contrasta con la chiusura che si può vedere in alcune moschee: alla rue Myhra, per esempio, a Parigi, venerdì la strada era bloccata con delle transenne, i tappeti per la preghiera occupavano anche le strade adiacenti, un mondo senza donne venuto dal passato e che perpetua valori pre-moderni volta le spalle alla diversità della città. «Avete parlato degli attentati di Londra e del fatto che i kamikaze fossero cittadini inglesi?»: una domanda a cui nessuno vuole rispondere, voltando le spalle a chi la pone, guardata come un'intrusa. Una ghettizzazione che la politica di Sarkozy non farà che favorire, carezzando gli opposti populismi, dell'estrema destra franco-francese che ha paura del diverso e quella radicale islamica che rifiuta i valori occidentali.Sarkozy contrabbanda per svecchiamento della Francia un sistema a compartimenti stagno, in un periodo in cui la polemica sui «modelli sociali» contrastanti - quello britannico e olandese che ha favorito il «comunitarismo» contro quello francese dell'integrazione repubblicana - è ormai sfumata.

Nessuno è più sicuro di avere trovato la risposta. I due «modelli» sono in crisi, mostrano delle falle. Come in Gran Bretagna il comunitarismo è messo in discussione, così in Francia le spinte alla chiusura di ogni comunità in se stessa sono presenti: i due «modelli» un tempo opposti tendono nei fatti a convergere, per mettere al centro la «questione sociale». Anche se, come sostiene Gilles Kepel, «è eccessivo pretendere, come fanno gli islamisti, che nell'Eureopa del XXI secolo le classi sfavorite sono musulmane, è vero che coloro che appartengono a popolazioni immigrate di origine musulmana fanno parte nella grande maggioranza dei gruppi più poveri. La mobilità sociale ascendente si scontra con molteplici ostacoli, che non si riducono alla xenofobia o al razzismo (meno ancora all'islamofobia), ma dove queste attitudini discriminatorie hanno la loro parte».





Il problema è che «non esistono più, nello spazio politico europeo, partiti o organizzazioni ai quali possano identificarsi coloro che si ritengono ingiustamente mal piazzati nella gerarchia sociale. L'estrema desta riesce, a volte, da Vienna ad Amsterdam, da Roma a Parigi, a captare questo voto di scontento, ma si costruisce su un riflesso xenofobo e non riguarda, per l'essenziale, che la popolazione sfavorita europea indigena, a detrimento di coloro che sono di origine immigrata». Per non preparare il terreno agli estremismi, per lo studioso Kepel «non c'è altra strada che quella di lavorare per la piena partecipazione democratica della gioventù di origine musulmana alla vita cittadina, attraverso gli strumenti, in particolare educativi e culturali, che favoriscono l'ascensione sociale». È quello che fanno Nour-eddien Skiker e i suoi colleghi a Aubervillers. Per evitare che la sola rivolta possibile sia l'alternativa tra la chiusura nel fanatismo religioso o bruciare la macchine posteggiate, come è successo nella notte tra il 13 e il 14 luglio, per festeggiare la festa nazionale: più di 200 auto bruciate nella banlieue parigina, «una cifra stabile da tre o quattro anni» secondo la polizia


http://www.ilmanifesto.it/Quotidiano-archivio/17-Luglio-2005/art20.html



Condividi questo articolo

in Tutto il mondo e' quartiere: Egitto, la polizia carica i profughi. Morti almeno ventitre sudanesiLe culture dell’abitare - Carta della progettazione interculturalePeriferie. Nell´astronave dei nuovi alieni<img src=http://www.repubblica.it/2005/k/sezioni/esteri/periparigi1/11mat/ansa_7068751_17410.jpg border=0> <br>La rage des cités déclinée au femininAlessandro Dal Lago: Banlieues. Prima o poiLes Années banlieues - Dossier 1996Il disagio dell'altra Francia - Michele Calcaterra''Così cambiano le banlieue'' Intervista al sociologo Robert Castel*Poèmes de la banlieueCittà esclusive alla francese - Viaggio tra le fortezze dei ricchi - Hacène BelmessousQuei dannati alla periferia del paradiso: alle porte di Parigi, disagio sociale ed emarginazione - di Rabah Ait-Hamadouche''Il problema non è l'islam ma l'alienazione del ghetto'' Costruire spazi di fiducia reciproca. Tariq RamadanPerché non funziona l'integrazione - The EconomistFrancia, perché protestano - di  Paolo PapiPerché il diavolo abita in periferia - di  Pasquale ChessaPolitique de la ville et médiation : entre proximité et participationLe banlieue francesi: un fenomeno globale - Dopo più di 20 giorni di scontri e rivolte nelle periferie francesi, sembra essere tornata la calma27 ottobre - 3 novembre - Francia - Cronologia di una rivolta (Tratta da Le Monde)''Brucio tutto,  quindi esisto'' La voce delle  banlieue - Annamaria RiveraLa Moltitudine a caccia di quella via di fuga che nelle banlieues stanno cercando, senza ancora averla trovata. Toni NegriIL PRESIDENTE DI SOS RACISME - ''Rivolta di gente senza speranze''Non sono degli ''immigrati'' che si rivoltano nelle periferie della grande Parigi, ma dei giovani e giovanissimi francesi, di terza generazione.Immigrati a Roma: i punti di ritrovo di nove comunità. Le vie, i giardini, i parchi dove trascorrere insieme il tempo libero.<b>Il Paese delle città divise </b>- Dopo la dissoluzione della Repubblica Federale di Jugoslavia, con la creazione di Stati indipendenti, molte città sono state divise dai nuovi confini stataliTorino africana: San Salvario e Porta Palazzo-Borgo Dora, i due quartieri in cui si concentra la popolazione immigrata.San Salvario 2005: nasce ''Basta un ritaglio'' banca del tempo interetnicaLewis Mumford - LA CITTA' NELLA STORIA - (The City in History, 1961)Maria Pia Belski -<b> Periferia come centro</b> - in particolar modo a MilanoRoma - Il quartiere multietnico che non dorme mai: le tante etnie che popolano largo SperlongaAlphabet CityViaggio nella Roma multietnicaTurchi a Berlino - Dopo il muro, a Kreuzberg, in una città multietnicaAubervilliers - Parigi: la banlieu che resiste al fanatismoL'UE: E' UN PROBLEMA COMUNE, SERVE UNA RISPOSTA POLITICAParigi, banlieue in fiamme: il governo franceseLa banlieue parigina in fiamme di TAHAR BEN JELLOUNUna metropoli dal nulla, sfida cinese sul Fiume giallo: nasce Nuova ZhengzhouMediazione e prossimità, l'esperienza di Habiter au quotidien (Parigi)Tristi Banlieue di Barbara SpinelliBanlieue e sobborghi d'Europa - IDA DOMINIJANNI2050, il futuro dell'uomo è nelle città - L'esodo rurale toccherà anche i paesi in via di sviluppo. Demografi riuniti in Francia immortalano la popolazione del pianetaIl quartiere torinese di San Salvario: conflitti e prospettive in un quartiere urbano - Ires Piemonte, 1995  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati