IL PRESIDENTE DI SOS RACISME - ''Rivolta di gente senza speranze''
Condividi questo articolo


IL PRESIDENTE DI SOS RACISME
«Rivolta di gente senza speranze»
A.M.M.


ARABINSTITUTE-A0074-3.jpg (79212 bytes)



PARIGI
Dominique Sopo, presidente di Sos Racisme, ha appena pubblicato un libro dedicato alla «fine del consenso anti-razzista» in Francia, dove analizza i cambiamenti in corso nell'approccio di questioni-chiave, come le discriminazioni, con uno scivolamento del linguaggio verso termini fino a poco tempo fa utilizzati solo dall'estrema destra.

Perché questa esplosione proprio adesso?

Prima di tutto perché da qualche settimana Sarkozy parla a ruota libera. Ma le sue affermazioni si aggiungono a una situazione non nuova nelle relazioni tra giovani e polizia. I media francesi non si sono mai chiesti perché i due giovani, che sono morti folgorati, fuggivano solo perché pensavano di essere inseguiti dalla polizia? Non avevano nulla da rimproverarsi, eppure fuggivano.

Ma cosa c'è sul fondo perché delle parole a ruota libera e la morte di due giovani sollevino una rivolta generalizzata?

Più in generale, c'è una gioventù che vive in una logica da ghetto, tanto più forte perché riguarda giovani nati in Francia, quindi francesi, non stranieri, che non possono neppure più relativizzare, come potevano ancora fare i nostri genitori. Non è tanto che la gente è frustrata perché vive male, ma che non ha nessuna speranza di uscire da questa situazione.

Cosa è successo in questi quartieri definiti «sensibili»?

C'è stato un lento degrado, all'inizio questi quartieri non erano «difficili». Si è verificata una tendenza all'omologazione sociale ed etnica. Senza speranza di uscirne, alla prima occasione i giovani esplodono. E il paradosso è che le prime vittime, le sole, sono gli abitanti di questi stessi quartieri, che hanno fatto fatica a comprare un'auto e che se la vedono bruciare. La situazione ha radici lontane, ma c'è una responsabilità attuale del governo, che non sa rispondere: propone interventi urbani ma nulla per l'aspetto umano.

Sos Racisme ha sottolineato che molta gente del quartiere a Clichy-sous-bois si è impegnata a cercare di riportare la calma. Quindi non sono solo stati gli imam ad agire?

Molta gente comune ha fatto un lavoro di mediazione. Anche se non è scioccante in sé che dei religiosi intervengano, questo mostra che in Francia oggi spesso viene dato credito ai religiosi, che rimpiazzano i lavoratori sociali. Vengono presentati come interlocutori, mentre la popolazione è in piena deconfessionalizzazione. Sarkozy ha partecipato in pieno a questa deriva. La gente è considerata un gregge, allora bisogna trovare il pastore. E' una cosa pericolosa.

Vede una via d'uscita?

A breve è necessario nominare dei mediatori, trovare parole di pacificazione. Nel lungo periodo, bisogna rispondere ai problemi della ghettizzazione e della discriminazione, perché la gente non si senta confinata nella classe d'origine.

La disoccupazione è la causa di tutto?

Pesa molto, ma non è la sola causa. Bisogna eliminare i problemi legati al modo in cui la Francia concepisce il vivere assieme.

C'è un legame con l'eredità del colonialismo?

In parte le discriminazioni razziali possono essere spiegate così. Mio padre è del Togo, però io non ho mai vissuto né subito il colonialismo. Ma nella rappresentazione questa questione pesa ancora.

http://www.ilmanifesto.it/Quotidiano-archivio/04-Novembre-2005/art35.html



Condividi questo articolo

in Tutto il mondo e' quartiere: Egitto, la polizia carica i profughi. Morti almeno ventitre sudanesiLe culture dell’abitare - Carta della progettazione interculturalePeriferie. Nell´astronave dei nuovi alieni<img src=http://www.repubblica.it/2005/k/sezioni/esteri/periparigi1/11mat/ansa_7068751_17410.jpg border=0> <br>La rage des cités déclinée au femininAlessandro Dal Lago: Banlieues. Prima o poiLes Années banlieues - Dossier 1996Il disagio dell'altra Francia - Michele Calcaterra''Così cambiano le banlieue'' Intervista al sociologo Robert Castel*Poèmes de la banlieueCittà esclusive alla francese - Viaggio tra le fortezze dei ricchi - Hacène BelmessousQuei dannati alla periferia del paradiso: alle porte di Parigi, disagio sociale ed emarginazione - di Rabah Ait-Hamadouche''Il problema non è l'islam ma l'alienazione del ghetto'' Costruire spazi di fiducia reciproca. Tariq RamadanPerché non funziona l'integrazione - The EconomistFrancia, perché protestano - di  Paolo PapiPerché il diavolo abita in periferia - di  Pasquale ChessaPolitique de la ville et médiation : entre proximité et participationLe banlieue francesi: un fenomeno globale - Dopo più di 20 giorni di scontri e rivolte nelle periferie francesi, sembra essere tornata la calma27 ottobre - 3 novembre - Francia - Cronologia di una rivolta (Tratta da Le Monde)''Brucio tutto,  quindi esisto'' La voce delle  banlieue - Annamaria RiveraLa Moltitudine a caccia di quella via di fuga che nelle banlieues stanno cercando, senza ancora averla trovata. Toni NegriIL PRESIDENTE DI SOS RACISME - ''Rivolta di gente senza speranze''Non sono degli ''immigrati'' che si rivoltano nelle periferie della grande Parigi, ma dei giovani e giovanissimi francesi, di terza generazione.Immigrati a Roma: i punti di ritrovo di nove comunità. Le vie, i giardini, i parchi dove trascorrere insieme il tempo libero.<b>Il Paese delle città divise </b>- Dopo la dissoluzione della Repubblica Federale di Jugoslavia, con la creazione di Stati indipendenti, molte città sono state divise dai nuovi confini stataliTorino africana: San Salvario e Porta Palazzo-Borgo Dora, i due quartieri in cui si concentra la popolazione immigrata.San Salvario 2005: nasce ''Basta un ritaglio'' banca del tempo interetnicaLewis Mumford - LA CITTA' NELLA STORIA - (The City in History, 1961)Maria Pia Belski -<b> Periferia come centro</b> - in particolar modo a MilanoRoma - Il quartiere multietnico che non dorme mai: le tante etnie che popolano largo SperlongaAlphabet CityViaggio nella Roma multietnicaTurchi a Berlino - Dopo il muro, a Kreuzberg, in una città multietnicaAubervilliers - Parigi: la banlieu che resiste al fanatismoL'UE: E' UN PROBLEMA COMUNE, SERVE UNA RISPOSTA POLITICAParigi, banlieue in fiamme: il governo franceseLa banlieue parigina in fiamme di TAHAR BEN JELLOUNUna metropoli dal nulla, sfida cinese sul Fiume giallo: nasce Nuova ZhengzhouMediazione e prossimità, l'esperienza di Habiter au quotidien (Parigi)Tristi Banlieue di Barbara SpinelliBanlieue e sobborghi d'Europa - IDA DOMINIJANNI2050, il futuro dell'uomo è nelle città - L'esodo rurale toccherà anche i paesi in via di sviluppo. Demografi riuniti in Francia immortalano la popolazione del pianetaIl quartiere torinese di San Salvario: conflitti e prospettive in un quartiere urbano - Ires Piemonte, 1995  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati