''Il problema non è l'islam ma l'alienazione del ghetto'' Costruire spazi di fiducia reciproca. Tariq Ramadan
Condividi questo articolo


«Il problema non è l'islam ma l'alienazione del ghetto»


da Il Manifesto dell'8 novembre 2005



Tariq Ramadan analizza la frattura sociale: «La repressione non serve, c'è bisogno di politiche di fiducia reciproca»



O. C.


Tariq Ramadan, filosofo svizzero musulmano, guarda Parigi da un osservatorio privilegiato. Da qualche mese si è trasferito a Londra dove, oltre ad insegnare (a Oxford) lavora con la speciale task force messa in piedi dal premier Tony Blair dopo le bombe del 7 luglio. Una commissione che ha, almeno in teoria, il compito di provare a riavvicinare settori di società distantissimi tra loro.


Come leggi quanto sta accadendo a Parigi e nelle altre periferie francesi?


Da dieci anni dico che il problema in Francia non è religioso. L'islam non c'entra e non è nemmeno un problema culturale. Milioni di cittadini francesi musulmani dimostrano ogni giorno di essere perfettamente integrati. I problemi che hanno, e che chiedono vengano affrontati, sono soprattutto di ordine sociale. La realtà delle banlieues è quella di migliaia di persone ammassate nei ghetti. I francesi sono molto critici nei confronti del modello anglosassone, dicono che il multiculturalismo ha creato ghetti etnici. Io penso che se gli inglesi hanno creato ghetti etnici, i francesi hanno creato degli alienanti ghetti economici. In Francia, ci sono persone che vivono ai margini della società. A loro vengono propinate solo grandi discussioni sull'integrazione, la laicitè, il secolarismo. Gli si spiega che devono essere parte della società ma senza ascoltarli. L'altra costante presenza nei ghetti è la polizia. Si adottano politiche molto repressive. Ma hanno bisogno, prima di tutto, di essere considerati cittadini francesi a tutti gli effetti. Ho partecipato ad un programma di Channel 4 con un deputato francese che continuava a parlare di «questi immigrati che dovrebbero capire il sistema francese». Ecco, questo è il punto: non sono immigrati. Sono cittadini. Dopo 4-5 generazioni, ancora non vengono considerati francesi. E questo è razzismo. Non è un caso che in Francia il 78% percepisca l'islam come un pericolo. Se questo è il quadro generale, bisogna cominciare a parlare di soluzioni. A partire da serie politiche sociali. Dobbiamo riconoscere che il sistema scolastico mainstream non funziona nelle banlieues. Ci sono doppi standard: c'è una scuola per i giovani francesi dei sobborghi e un'altra scuola per chi vive nelle zone residenziali. In altre parole, il sistema scolastico che dovrebbe essere strumento di uguaglianza, in realtà non fa che moltiplicare diseguaglianze. Ma nei sobborghi non ci sono servizi sociali. Perché questi sono percepiti come luoghi senza diritti. Con le conseguenze che vediamo in termini di disoccupazione, disagio. Siamo dunque di fronte, non ad un problema con l'islam, ma ad una discriminazione sociale, istituzionalizzata.


La sinistra non sembra capace di fornire risposte...


Purtroppo, la sinistra è totalmente scollegata da questa realtà. A tratti riesce ad aggregare chi vive nei ghetti, nei sobborghi, ma solo quando si tratta di reazioni emotive. Non riesce però a promuovere una consapevolezza, un movimento politico reale in grado di affrontare i problemi. Questo scollamento ci pone di fronte ad un serio pericolo: una frattura con una parte di società.


Eppure questi giovani chiedono una sorta di rappresentanza.


Esattamente. Ma a monte di tutto, c'è il fatto che non sappiamo come affrontare la questione dell'islam. Non sappiamo come porci di fronte a musulmani che sono europei. Non vogliamo accettare il fatto che l'islam è una religione europea. E poiché non abbiamo un discorso chiaro su questo, quando ci troviamo di fronte ai problemi sociali, non sappiamo che fare e non c'è alcun partito oggi, in Gran Bretagna o in Francia, in grado di ascoltare queste rivendicazioni e questo nuovo modo di definire se stesso come cittadino europeo. Il problema allora è non sapere ascoltare questi nuovi cittadini europei. Di fronte a questa nostra incapacità, continuiamo a parlare di integrazione culturale e religiosa. Diciamo quello che si deve essere e fare per essere davvero europeo. Senza vedere che per la maggior parte di questi cittadini è già un problema risolto.


Che fare, dunque?


Finché a prevalere sarà questo discorso di britishness, identità, francesità, si continueranno a porre le domande sbagliate. C'è un'ossessione: definisci te stesso, chiediti chi sei veramente, francese o inglese. Tutte domande che ci allontanano dalle questioni reali e cioè le politiche sociali, la giustizia, agire contro le discriminazioni. Il risultato è il bisogno di sicurezza. Dobbiamo difenderci da questi criminali, come li ha definiti il ministro francese. Bisogna sviluppare politica forte in tre campi: scuola, politiche sociali e partnership sul territorio. Bisogna costruire, quello che ho chiamato un movimento nazionale di iniziative locali, dove costruire spazi di fiducia reciproca.



Condividi questo articolo

in Tutto il mondo e' quartiere: Egitto, la polizia carica i profughi. Morti almeno ventitre sudanesiLe culture dell’abitare - Carta della progettazione interculturalePeriferie. Nell´astronave dei nuovi alieni<img src=http://www.repubblica.it/2005/k/sezioni/esteri/periparigi1/11mat/ansa_7068751_17410.jpg border=0> <br>La rage des cités déclinée au femininAlessandro Dal Lago: Banlieues. Prima o poiLes Années banlieues - Dossier 1996Il disagio dell'altra Francia - Michele Calcaterra''Così cambiano le banlieue'' Intervista al sociologo Robert Castel*Poèmes de la banlieueCittà esclusive alla francese - Viaggio tra le fortezze dei ricchi - Hacène BelmessousQuei dannati alla periferia del paradiso: alle porte di Parigi, disagio sociale ed emarginazione - di Rabah Ait-Hamadouche''Il problema non è l'islam ma l'alienazione del ghetto'' Costruire spazi di fiducia reciproca. Tariq RamadanPerché non funziona l'integrazione - The EconomistFrancia, perché protestano - di  Paolo PapiPerché il diavolo abita in periferia - di  Pasquale ChessaPolitique de la ville et médiation : entre proximité et participationLe banlieue francesi: un fenomeno globale - Dopo più di 20 giorni di scontri e rivolte nelle periferie francesi, sembra essere tornata la calma27 ottobre - 3 novembre - Francia - Cronologia di una rivolta (Tratta da Le Monde)''Brucio tutto,  quindi esisto'' La voce delle  banlieue - Annamaria RiveraLa Moltitudine a caccia di quella via di fuga che nelle banlieues stanno cercando, senza ancora averla trovata. Toni NegriIL PRESIDENTE DI SOS RACISME - ''Rivolta di gente senza speranze''Non sono degli ''immigrati'' che si rivoltano nelle periferie della grande Parigi, ma dei giovani e giovanissimi francesi, di terza generazione.Immigrati a Roma: i punti di ritrovo di nove comunità. Le vie, i giardini, i parchi dove trascorrere insieme il tempo libero.<b>Il Paese delle città divise </b>- Dopo la dissoluzione della Repubblica Federale di Jugoslavia, con la creazione di Stati indipendenti, molte città sono state divise dai nuovi confini stataliTorino africana: San Salvario e Porta Palazzo-Borgo Dora, i due quartieri in cui si concentra la popolazione immigrata.San Salvario 2005: nasce ''Basta un ritaglio'' banca del tempo interetnicaLewis Mumford - LA CITTA' NELLA STORIA - (The City in History, 1961)Maria Pia Belski -<b> Periferia come centro</b> - in particolar modo a MilanoRoma - Il quartiere multietnico che non dorme mai: le tante etnie che popolano largo SperlongaAlphabet CityViaggio nella Roma multietnicaTurchi a Berlino - Dopo il muro, a Kreuzberg, in una città multietnicaAubervilliers - Parigi: la banlieu che resiste al fanatismoL'UE: E' UN PROBLEMA COMUNE, SERVE UNA RISPOSTA POLITICAParigi, banlieue in fiamme: il governo franceseLa banlieue parigina in fiamme di TAHAR BEN JELLOUNUna metropoli dal nulla, sfida cinese sul Fiume giallo: nasce Nuova ZhengzhouMediazione e prossimità, l'esperienza di Habiter au quotidien (Parigi)Tristi Banlieue di Barbara SpinelliBanlieue e sobborghi d'Europa - IDA DOMINIJANNI2050, il futuro dell'uomo è nelle città - L'esodo rurale toccherà anche i paesi in via di sviluppo. Demografi riuniti in Francia immortalano la popolazione del pianetaIl quartiere torinese di San Salvario: conflitti e prospettive in un quartiere urbano - Ires Piemonte, 1995  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati