La formazione femminile e l’emancipazione delle identità DIFFERENZE DI GENERE E PERCORSI CULTURALI - EDUCARE NELLA DIFFERENZA
Laura Tussi
Condividi questo articolo


DIFFERENZE DI GENERE E PERCORSI CULTURALI
La formazione femminile e l’emancipazione delle identità


di LAURA TUSSI


Il complementarismo


La scolarizzazione di massa è un fenomeno recente che prevede l’incremento della presenza femminile nel mondo dell’educazione e dell’istruzione, dando luogo così al ripensamento della differenza non come fattore discriminante, ma in positivo quale valorizzazione culturale al fine di porre in discussione la logica tradizionale nell’alterità di significati, ideali e valori esistenziali nuovi.
La dimensione maschile è fonte di risorse di attività educative nel lavoro pedagogico sul sé come dimensione paterna e pedagogica al maschile, che tramite la meditazione narrativa, analizza trame intricate di diverse esperienze, senza prevaricazioni, senza dipendenze e confusività, ma privilegiando un complementarismo tra i due universi del maschile e del femminile, andando oltre i pregiudizi e gli stereotipi.
Nella fusione di orizzonti esistenziali e culturali emergono comunque difficoltà, desideri e progetti inespressi, fonte di elaborazione e spunto di riflessione per un valido percorso educativo.
I complessi problemi dell’educare nella differenza, quali la dimensione dell’autorità per ripensare i significati, le incidenze, i valori, gli ideali, i processi evolutivi, esistenziali, personali e sociali.


Trasmissione culturale e formativa


Le donne in quanto agenti primarie di socializzazione sono coinvolte, nel ruolo sociale, all’interno di modelli culturali, alla trasmissione del discorso educativo e del costume formativo, cercando di rompere le istanze pregiudiziali che accettano acriticamente il passato e il concetto di interiorizzazzione femminile. La responsabilità e la “colpa” storica delle donne è quella di accettare gli stereotipi tradizionali, nell’insegnare il silenzio, la rassegnazione e l’oppressione culturale anche verso le proprie simili, trasmettendo veti, abitudini mentali alla subalternità, preparando così nuove future oppressioni, come portatrici biologicamente inferiori di contenuti culturali autorepressivi e autocoercitivi.
I valori socioculturali trasmessi nelle istituzioni di vita esprimono un’egemonia culturale e pedagogica maschilista, impedendo all’universo femminile forme di istruzione ed elaborazione teorica, negando capacità intellettuali, veti incrociati sul modello di tipo maschile per le donne devianti dal loro sesso, in grado di infrangere preconcetti e divieti precostituiti.
La “Pedagogia dell’ignoranza” opera in modo disonesto la scissione tra educazione e istruzione nella formazione femminile, dove il sesso debole, considerato inferiore era concepito come “femmina dell’uomo”, moglie e madre con precise e collaudate formule, orientate al “saper fare”, nel rifiuto dell’istruzione formale non utile in ambito religioso e domestico. Alle donne del popolo era negata l’istruzione, ma era concepibile solo l’educazione al saper fare tra le mura domestiche in situazioni matriarcali estremamente ghettizzanti, in un complesso pedagogico del sapere come ornamento.
Con il secolo dei lumi si sottolinea il fatto che la luce della ragione alberga in ogni uomo, per cui per la grande utopia dell’uguaglianza e dei diritti universali, non è possibile negare dignità e istruzione alle donne. Non si tratta neanche di ottenere un prototipo o ideale di donna istruita al fine di renderla più gradevole, in grado di ascoltare ed apprezzare i ragionamenti del sesso forte, ma non così profonda da diventare lei stessa un’intellettuale.


I percorsi scolastici di genere


Durante gli anni ’50 con il miracolo economico si assiste agli inizi del percorso di emancipazione femminile, con obiettivi e rivendicazioni raggiunti come il lavoro extradomestico femminile, il processo emancipativo quale risorsa per la famiglia. Per molto tempo per le donne non si prevedeva e non era considerato importante un percorso scolastico prolungato, per destinarle alle attività-domestiche e alla cura della famiglia, perché l’investimento economicamente più produttivo era il convogliare le energie delle figlie in attività pratiche, al contrario del figlio maschio orientato alla ricerca di un impiego e alla necessità di mantenere una famiglia.
 Lo sviluppo dell’istruzione femminile si collega all’evoluzione dell’identità di genere con espresse rivendicazioni e diritti acquisiti in famiglia e nella società. La rivoluzione femminista scatena timori e pregiudizi. Il neofemminismo nelle aree metropolitane è sinonimo di partecipazione e di organizzazione a livello di associazionismo femminile. Si sviluppano movimenti femminili all’interno dei partiti politici della sinistra storica, nelle forze progressiste con notevoli cambiamenti. Il superamento della discriminazione delle donne in campo educativo risulta illusorio per la generalizzazione dell’istruzione, emergendo tuttavia una buona realizzazione nel campo dell’istruzione da parte delle giovani donne. Occorrerebbe un intervento di orientamento nella scuola, per sostenere nella ricerca del proprio percorso di vita e di carriera professionale i soggetti, uomini e donne, anche attraverso l’espressione libera e creativa. Educare significa valorizzazione della differenza, intesa come risorsa e non come difetto, o indice di inferiorità o deformazione, ma valorizzazione delle singole identità, comprensive di desideri, aspettative, capacità e potenzialità accettate, sviluppate ed espresse. In questa direzione si è sviluppato anche il Piano Nazionale per le Pari Opportunità che implica l’apporto nella scuola della valorizzazione delle diversità, non in quanto concettualità di separazione o segregazione, di antagonismo o inferiorità, ma interazione e reciprocità e per compiere riflessioni critiche sui ruoli maschili e femminili, sui modelli culturali esistenti e presenti sui libri di testo.


Bibliografia


AAVV, Le parole delle pari opportunità, Adultità, Quaderno 2, gennaio 2000
Balbo l., (a cura di) Tempi di vita, Feltrinelli, Milano 1992
Farinelli F., Formare la parità, Ediesse, Roma 1993

nome:Laura cognome:Tussi email:tussi.laura@tiscalinet.it

Condividi questo articolo

in La mediazione femminile: La lingua segreta delle donne cinese - Si parla in un villaggio cinese, ha 2.500 anni e rischia di morire<b>Un femminismo dalle molte identità </b>- TURCHIA - La riforma del codice penale è l'ultima occasione di scontro sui diritti delle donne<b>Se l'amore entra nel lessico politico</b><br>Pratica politica come fare un passo indietro per fare posto all'altro<IMG 
src=http://benchicou.unblog.fr/files/2007/07/khalidatoumi1.jpg border=0><br> <b>Il mio Islam libero dal terrore </b>Intervista di Barbara Spinelli a Khalida Toumi MessaoudiA Malalai Joya e alle donne afghane che combattono per i loro diritti fondamentali il premio internazionale ''La donna dell'anno''<b>San Suu Kyi, rompiamo il silenzio - </b>Dove finiscono tutti i grandi uomini di stato e i visionari del nostro tempo quando si parla della lotta non violentaFATEMA MERNISSI - scrittrice e sociologa, docente all’Università Mohamed V di Rabat, una delle più importanti scrittrici arabe contemporanee.COMUNICARE E CAPIRSI - L' ARTE DEL NU SHU, il linguaggio segreto delle donneScomparsa Yang Huanyi, l'ultima voce parlante del Nu ShuLe donne forti di Shirin EbadiUn periodico femminile legato a Al-Qaeda: le donne devono partecipare alla JihadLo stesso nome, lo stesso bisogno primario<b>DONNA NELLE RELAZIONI</b> La finalizzazione delle differenzeLa formazione femminile e l’emancipazione delle identità <b>DIFFERENZE DI GENERE E PERCORSI CULTURALI - EDUCARE NELLA DIFFERENZA</b>In Cina la lingua segreta delle donneLe donne della SacchettiA proposito del velo e della libertà femminileIntervista ad Hauwa Ibrahim, l’avvocata di Amina e Safiya: le due ragazze salvate dalla lapidazione in NigeriaIl marchio del genocidio. Voci di donne dal Ruanda insanguinato.<b>DONNA NELLE DIVERSITA’ </b>Il bisogno di una rinascitaCONTRIBUTO DELLE DONNE AL PROGRESSO DELLA CULTURAL’”ERRANZA” DEL PENSIERO NEI LUOGHI DELLE DIVERSITA’ INTERETNICHE ED INTERGENERAZIONALIMarjane Satrapi<b>DIFFERENZE DI GENERE </b>I percorsi di costruzione dell’identità di genere<b>DONNA E UTOPIA</b> Il “non  luogo” come critica dell’esistente. Mettere “al mondo” il mondoL’IRRIDUCIBILITA’ DELLE DIFFERENZEAspetti psicologici dei processi migratori al femminile e al maschile – progetto di ricerca per uno studio comparativo di genere.Shhhh, China’s secret female language(en)NU SHU - Un Documentario<b>IL VOCABOLARIO DEL VELO</b>BAMBINE, ISTRUZIONE E SVILUPPODonne e migrazioniRaccontar(si)- Laboratorio di mediazione interculturaleDemocrazia della terra: è la vera rivoluzione   dello stesso autore: La formazione femminile e l’emancipazione delle identità <b>DIFFERENZE DI GENERE E PERCORSI CULTURALI - EDUCARE NELLA DIFFERENZA</b><b>DONNA NELLE DIVERSITA’ </b>Il bisogno di una rinascitaCONTRIBUTO DELLE DONNE AL PROGRESSO DELLA CULTURAL’”ERRANZA” DEL PENSIERO NEI LUOGHI DELLE DIVERSITA’ INTERETNICHE ED INTERGENERAZIONALI<b>DONNA E UTOPIA</b> Il “non  luogo” come critica dell’esistente. Mettere “al mondo” il mondoCENTRO DI RICERCA ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO.MULTICULTURALITA’, MULTICULTURALISMI, MULTICULTURALETTERATURA D’EMIGRAZIONE COME REINVENZIONE IDENTITARIA<b>LE DIVERSITA’ NEL MONDO…DELLA SCUOLA</b> Servizio di psicologia dell’apprendimento e dell’educazione in età evolutivaMITI D’OGGI NELL’EDUCAZIONE E OPPORTUNE CONTROMISURE La scuola e i ruoli educativiMUSEI, ECOMUSEI, E DIDATTICA: SVILUPPO CULTURALE, STORICO E TERRITORIALE - Le trasformazioni dell'identità culturale originariaIL VIOLINISTA SUL TETTOPOLARITA’ SEMANTICHE E ARCHETIPITANGO A BUENOS AIRESPSICOLOGIA DELLA CULTURA Fattori culturali ed invarianti biologicheRICORDATI DI RICORDAREI RACCONTI DELLA MEMORIA - Narrativa popolare.IMPEGNO MILITANTE IN TERRA DI BRIANZA - 8 MARZO, Le donne si incontrano: un’esperienza che continua<b>PSICODINAMICA TRANSCULTURALE - </b>Il paradigma identitario nell’incontro con il disagio<b>L’INTERAZIONE DIALOGICA E DIALETTICA.</b>Il setting autobiografico e le modalità comunicative<b>INTRODUZIONE alla STORIA DEL MOVIMENTO OPERAIO</b> - dalla militarizzazione dell’industria bellica alla difesa partigiana delle fabbricheRELIGIONI E CULTURE: <b>IL CORAGGIO DI UN NUOVO UMANESIMO</b>L’incontro per la Pace del 2004 si è svolto a Milano dal 5 al 7 Settembre.CONTEMPORANEITA’ COME IBRIDAZIONE TRA CULTUREOLTRE IL POPOLO DI SEATTLE<b>LA COMPLESSITA’ DELLA GLOBALIZZAZIONE</b>Sfide attuali ed emergenze sociali, ecologiche, culturaliQUALE FUTURO PER L’EUROPA?INTERVISTA A RENZO SALVI (CapoProgetto di Rai Educational)L’IDENTITA’ OCCIDENTALE TRA ISLAMISMO E CRISTIANESIMOIL CORAGGIO DI VIVERE<b>VERRO’ DA TE</b> Il mondo presente e futuro. Relazione e recensione al nuovo libro di Mario Capanna.LABORATORI DI EDUCABILITA’ COGNITIVA SUL TERRITORIO DI MONZA.ANTIFASCISMO E IDENTITA’EUROPEA La prospettiva italiana e l’evoluzione nel resto d’EuropaLA CREATIVITA' ARTISTICA E CULTURALE CONTRO LE TENEBRE DELL'OSCURANTISMO
La ORALITA’ E SCRITTURA - Studio sull’epigenesi dei segni grafici 
parallela all’antropogenesi-------->> INTERVISTA A MASSIMO CACCIARI<b> -------->>  INTERVISTA A CHICCO TESTA</b>Il Dialogo con L'''ALTRO'' vincerà la guerra<b>IL GIARDINO: STORIA, LEGGENDE E MITOLOGIE </b>- Conoscersi attraverso un simbolo


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati