CENTRO DI RICERCA ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO.
La scuola al centro dell’azione pedagogica.
Laura Tussi
Condividi questo articolo


CENTRO DI RICERCA ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO.
La scuola al centro dell’azione pedagogica.


di LAURA TUSSI


L'educazione allo sviluppo in ambito scolastico è una delle attività che Mani Tese persegue ormai da parecchi anni e, come tutte le sue attività, è finalizzata a contribuire alla creazione di una nuova cultura dello sviluppo, uno sviluppo sostenibile.
Ciò che sta alla base di questo impegno è la convinzione che un vero processo di sviluppo deve innanzitutto permettere ad ogni paese, ad ogni società, di esistere e funzionare secondo le proprie scelte e le proprie scale di valori, nel rispetto della cultura e dei valori degli altri popoli. Naturalmente risulta subito evidente come una cultura basata su questi principi comporti problemi di tale rilevanza che, allo stato attuale, sembrano insormontabili.


Vediamo allora di partire da due considerazioni di prioritaria importanza:
1) i problemi dello sviluppo riguardano tutti i paesi del mondo e non solo, come si è creduto ed ancora si crede (o si vuol far credere), quelli che vengono chiamati “in via di sviluppo”;
2) lo sviluppo necessita di trasformazioni importanti tanto a livello di strutture socio-economico-politiche e culturali che a livello di comportamenti e atteggiamenti individuali sia nel paesi industrializzati che nel paesi del Sud del mondo.


In base a queste premesse risulta chiaro quanto sia importante che anche il processo educativo delle nuove generazioni sia rivisto ed eventualmente riformato, al fine di poter rispondere in modo più adeguato a queste nuove esigenze del mondo contemporaneo.
La scuola, con il suo corpo di metodi, materie, contenuti, non può restare estranea a questa modificazione dell'orizzonte dentro cui la formazione del cittadino deve realizzarsi.
In quanto momento privilegiato del progetto educativo, la scuola assume di fatto un ruolo determinante, non può infatti esimersi dall'affrontare questi problemi perché essi rispuntano in tutti i modi e da tutte le parti, entro e fuori dalle discipline, entro e fuori dalla vita quotidiana della classe.
La scuola deve allora prenderne coscienza e conseguentemente accrescere  negli  studenti  la percezione del fatto che le possibilità di sopravvivenza fisica di tutti gli abitanti della terra, in un clima di convivenza  pacifica  e  civile,  sono  fortemente condizionate dalla presenza o meno di un rapporto equilibrato tra le nazioni.


La scuola non può quindi rifiutare l'onere di sollecitare la sensibilizzazione e l'informazione nei confronti delle nuove generazioni sulla necessità di un rapporto più equilibrato e solidale tra i popoli.


Ma questi obiettivi, che sono propri dell'educazione allo sviluppo, presuppongono una pedagogia innovativa. Una pedagogia basata sulla valorizzazione delle differenze culturali e della solidarietà, che sappia interrogare educatori ed allievi sul loro modo di vita e di rapporto con gli altri, sul problema delle disuguaglianze sociali, su quello della distribuzione delle risorse, del sapere, ecc.
Dati questi presupposti, l’educazione allo sviluppo non solo deve rientrare tra le grandi finalità del processo educativo scolastico, ma diventa anche uno strumento necessario al rinnovamento del sistema scolastico.


Per quanto riguarda l'attività di educazione allo sviluppo in ambito scolastico, Mani Tese- si avvale della collaborazione del CRES-Centro Ricerca Educazione allo Sviluppo - costituito da un gruppo di esperti e di insegnanti di scuola elementare, media inferiore e superiore, riconosciuto idoneo dal Ministero della Pubblica Istruzione ad occuparsi della formazione degli insegnarti.
Obiettivo fondamentale della sua iniziativa di. ricerca e di innovazione didattica è la diffusione di una nuova cultura dello sviluppo e della mondialità nella scuola, in quanto momento privilegiato per qualsiasi progetto educativo.
I suoi interlocutori sono gli insegnanti verso i quali, grazie all'esperienza e al materiale accumulato in anni di lavoro, vuole costituirsi come risorsa. Attraverso questo tipo di scelta può essere possibile consolidare la presenza delle. tematiche dello sviluppo nel quotidiano dell'agire scolastico, evitando cosi la sterilità delle iniziative sporadiche ed estemporanee (a volte pur esse necessarie). Questa scelta ha voluto dire per il CRES impegnarsi nel seguenti tipi di attività:


* raccolta di pubblicazioni a carattere specialistico sui paesi del Sud del Mondo, sulle tematiche della cooperazione e della solidarietà internazionale, nonché sugli aspetti pedagogico-didattici legati all'educazione allo sviluppo, all’interculturalità, all'ambiente, ai diritti umani, alla pace e non violenza.
Questo materiale (oltre 3.000 libri, 600 riviste, 2.600 dossier, 150 videocassette, 15.000 articoli) è disponibile alla consultazione.


* realizzazione di materiali a supporto del lavoro degli insegnanti, in particolare: una pubblicazione quadrimestrale dal titolo "Strumenti”, numerosi Quaderni, una Rassegna Stampa semestrale a carattere pedagogico-didattico, testi scolastici per gli studenti, testi di narrativa del Sud del mondo con apparato didattico e un CD-Rom sull’immigrazione in Italia.
* organizzazione di momenti di formazione e di aggiornamento per gli insegnanti (Convegni di studio, Corsi, Laboratori...), sia a livello regionale che nazionale, sui temi legati all'educazione allo sviluppo.


Una certa idea dello sviluppo è il presupposto teorico dell'iniziativa del CRES.
Lo sviluppo viene configurato come:
a - problema GLOBALE, non meramente economico-quantitativo, ma ricco di implicazioni politiche, sociali, culturali, ambientali;
b - problema SPECIFICO, determinato dalla peculiarità di situazioni locali, dalla diversità delle condizioni economiche,  politiche,  culturali.  Viene  rifiutata l'esistenza di un'idea assoluta dì sviluppo, di un modello da imitare, di una via univoca allo sviluppo;
c  -  problema  CULTURALE,  determinato  cioè dall'esistenza di un ventaglio di prospettive teoriche e di opzioni anche di tipo etico;
d - problema MONDIALE, per via delle connessioni e del condizionamenti crescenti tra le varie aree del pianeta; e - PROCESSO attuato da soggetti, forze, comunità, dentro coordinate storiche determinate, sulla base di precise opzioni di tipo teorico, politico, morale.


Tali affermazioni hanno forti implicazioni di natura pedagogica. Richiedono, a chi scelga di collocare il proprio agire didattico dentro questo contesto di questioni, una ridefinizione delle finalità del proprio insegnamento che ponga al centro:
- la conoscenza delle specificità e differenze esistenti tra le civiltà del pianeta (colte nel loro aspetti sociali, economici, tecnologici ecc.), che delinea la forte impronta pluri e interdisciplinare del nostro approccio;
- la conoscenza delle dinamiche relazionali - così come nel corso della storia si sono determinate - tra quelle stesse civiltà (gli scambi, i conflitti, i condizionamenti);
- un approccio problematico alla conoscenza da parte degli alunni, che dia conto da un lato della specificità del problema sviluppo e della relatività delle sue possibili soluzioni e, dall'altro lato, sia in grado anche di attivare comportamenti operativi, di far acquisire atteggiamenti di disponibilità al mutamento dinamico e responsabile, sulla base di scelte etico-politiche liberamente acquisite.


Tale complesso di opzioni pedagogiche esclude in modo netto che si possa parlare di educazione allo sviluppo come di spazio (o addirittura di materia) aggiuntivo agli altri esistenti. L'educazione allo sviluppo si costituisce invece come progetto pedagogico-didattico pervasivo rispetto agli spazi (materie) presenti nella scuola.


Laura Tussi


email: tussi.laura@tiscalinet.it


 



Condividi questo articolo

in a scuola: Alunni con cittadinanza non italiana - Anno scolastico 2004/2005<b>LE DIVERSITA’ NEL MONDO…DELLA SCUOLA</b> Servizio di psicologia dell’apprendimento e dell’educazione in età evolutivaDIDATTICA E AMBIENTE - Strategie ricognitive sul territorio...per conoscersi meglio<b>LA SCUOLA COMUNICA </b>- Dossier per le comunicazioni scuola -famiglia disponibile in varie lingue, per alcune con supporto audioUn Intervento di Prima Accoglienza, Inserimento ed Alfabetizzazione di 1° livello - Documentazione a cura dell'insegnante: Romina EvangelistaLettera a Fatima - Una riflessione di Paolo Branca sulle reazioni seguite all'iniziativa di un liceo milanese di istituire una classe per soli studenti musulmani.PERCHE’ NON POSSO ANDARE IN UNA SCUOLA NORMALE?Un percorso didattico attraverso il tempo:
DONNA TRA STORIA e ATTUALITA’
VERIFICA DI UN MODO DI ESSEREI figli degli immigrati saranno un milione nel 2015<b>Figli di stranieri o figli di nessuno?</b> LORETO: Ottavo Meeting Internazionale sulle Migrazioni - il documento finale.Le famiglie immigrate: sì alla scuola pubblicaVarese - Parte in tre scuole della provincia il progetto di mediazione culturale sostenuto dall'AnolfScuola, nelle professionali di Milano 4 studenti su 5 sono stranieri5 OTTOBRE: COMUNICATO CONGIUNTO delle ASSOCIAZIONI PROFESSIONALI degli INSEGNANTILA MEDIAZIONE A SCUOLAUNA LINGUA DIFFICILE - La lotta prima nella quale ogni insegnante deve impegnarsi non è nel fare accettare, ma proprio nel non far rifiutare la lingua dei testi che sottopone ai suoi studentiIntercultura  -  È L'ORA DELLE RELIGIONI!Studenti stranieri nelle UniversitàIl modello sistemico: Come comunicare con gli altri nell'ottica della complessitàGli stranieri? ScomparsiPer una didattica interculturale della letteratura

Donatello Santarone
Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi Roma Tre<IMG src=http://www.meb.gov.tr/image/logo/arma_eurydice.gif border=0> <br>L’integrazione scolastica dei bambini immigrati in Europa40 studenti albanesi potranno frequentare le lezioni all’IPSIA. Otterranno il visto d’ingresso in Italia per frequentare le lezioni all’IPSIA di San Benedetto del Tronto i 40 studenti albanesi già iscritti dall’inizio dell’anno scolastico.CENTRO DI RICERCA ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO.La scuola e l’educazione interculturale. Aspetti quantitativi e analisi delle ''buone pratiche''MULTICULTURALITA’, MULTICULTURALISMI, MULTICULTURALETTERATURA D’EMIGRAZIONE COME REINVENZIONE IDENTITARIAMITI D’OGGI NELL’EDUCAZIONE E OPPORTUNE CONTROMISURE La scuola e i ruoli educativiDIDATTICA E COMPETENZE SOCIALIConosco bambini che vengono a scuola volentieri - La parola ''accoglienza'' sembra aver sostituito ''tolleranza''MUSEI, ECOMUSEI, E DIDATTICA: SVILUPPO CULTURALE, STORICO E TERRITORIALE - Le trasformazioni dell'identità culturale originariaStranieri nelle scuole di PratoEducare alle differenze - L’INTENZIONALITA’ EDUCATIVA. L’interpretazione della realtà.A SCUOLA DI ARABOIL COLORE DELL’ACQUADIRE FARE MANGIAREPROTOCOLLO DI ACCOGLIENZAGriot: a scuola di mondo con i popoli indigeniProgetto di Ricerca DUE  LINGUE SONO MEGLIO DI UNAInsegnare Italiano Lingua Straniera con InternetVocabolario Multilingue Multimediale: progetto aperto.Scuola multietnica, a Piacenza il Comune arruola “mediatori”.   dello stesso autore: La formazione femminile e l’emancipazione delle identità <b>DIFFERENZE DI GENERE E PERCORSI CULTURALI - EDUCARE NELLA DIFFERENZA</b><b>DONNA NELLE DIVERSITA’ </b>Il bisogno di una rinascitaCONTRIBUTO DELLE DONNE AL PROGRESSO DELLA CULTURAL’”ERRANZA” DEL PENSIERO NEI LUOGHI DELLE DIVERSITA’ INTERETNICHE ED INTERGENERAZIONALI<b>DONNA E UTOPIA</b> Il “non  luogo” come critica dell’esistente. Mettere “al mondo” il mondoCENTRO DI RICERCA ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO.MULTICULTURALITA’, MULTICULTURALISMI, MULTICULTURALETTERATURA D’EMIGRAZIONE COME REINVENZIONE IDENTITARIA<b>LE DIVERSITA’ NEL MONDO…DELLA SCUOLA</b> Servizio di psicologia dell’apprendimento e dell’educazione in età evolutivaMITI D’OGGI NELL’EDUCAZIONE E OPPORTUNE CONTROMISURE La scuola e i ruoli educativiMUSEI, ECOMUSEI, E DIDATTICA: SVILUPPO CULTURALE, STORICO E TERRITORIALE - Le trasformazioni dell'identità culturale originariaIL VIOLINISTA SUL TETTOPOLARITA’ SEMANTICHE E ARCHETIPITANGO A BUENOS AIRESPSICOLOGIA DELLA CULTURA Fattori culturali ed invarianti biologicheRICORDATI DI RICORDAREI RACCONTI DELLA MEMORIA - Narrativa popolare.IMPEGNO MILITANTE IN TERRA DI BRIANZA - 8 MARZO, Le donne si incontrano: un’esperienza che continua<b>PSICODINAMICA TRANSCULTURALE - </b>Il paradigma identitario nell’incontro con il disagio<b>L’INTERAZIONE DIALOGICA E DIALETTICA.</b>Il setting autobiografico e le modalità comunicative<b>INTRODUZIONE alla STORIA DEL MOVIMENTO OPERAIO</b> - dalla militarizzazione dell’industria bellica alla difesa partigiana delle fabbricheRELIGIONI E CULTURE: <b>IL CORAGGIO DI UN NUOVO UMANESIMO</b>L’incontro per la Pace del 2004 si è svolto a Milano dal 5 al 7 Settembre.CONTEMPORANEITA’ COME IBRIDAZIONE TRA CULTUREOLTRE IL POPOLO DI SEATTLE<b>LA COMPLESSITA’ DELLA GLOBALIZZAZIONE</b>Sfide attuali ed emergenze sociali, ecologiche, culturaliQUALE FUTURO PER L’EUROPA?INTERVISTA A RENZO SALVI (CapoProgetto di Rai Educational)L’IDENTITA’ OCCIDENTALE TRA ISLAMISMO E CRISTIANESIMOIL CORAGGIO DI VIVERE<b>VERRO’ DA TE</b> Il mondo presente e futuro. Relazione e recensione al nuovo libro di Mario Capanna.LABORATORI DI EDUCABILITA’ COGNITIVA SUL TERRITORIO DI MONZA.ANTIFASCISMO E IDENTITA’EUROPEA La prospettiva italiana e l’evoluzione nel resto d’EuropaLA CREATIVITA' ARTISTICA E CULTURALE CONTRO LE TENEBRE DELL'OSCURANTISMO
La ORALITA’ E SCRITTURA - Studio sull’epigenesi dei segni grafici 
parallela all’antropogenesi-------->> INTERVISTA A MASSIMO CACCIARI<b> -------->>  INTERVISTA A CHICCO TESTA</b>Il Dialogo con L'''ALTRO'' vincerà la guerra<b>IL GIARDINO: STORIA, LEGGENDE E MITOLOGIE </b>- Conoscersi attraverso un simbolo


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati