IL VOCABOLARIO DEL VELO
Condividi questo articolo


IL VOCABOLARIO DEL VELO


Abaya


Abaya


Lungo mantello nero che copre tutto il corpo, dalla testa ai piedi,


indossato soprattutto nei paesi del Golfo Persico.


 



Burqa


Velo integrale indossato dalle donne afgane, generalmente di colore azzurro,


copre tutto il corpo e anche il volto.


Munito di una griglia che serve a nascondere gli occhi,



 








Il Burqa somiglia al purdah


portato da alcune donne in India e in Pakistan.




Chador


Velo di colore nero portato in Iran.


Questo termine può indicare tanto il fazzoletto che copre la testa


quanto l'ampio mantello che lo accompagna.


 Click to zoom


 Il chadri,


variante del chador iraniano,


indica il velo di mussola portato in alcune regioni dell’Afghanistan.


 


        


Haik


 Ampio tessuto di colore bianco che copre il corpo dalla testa ai piedi,


a volte nascondendo in parte anche il volto.


Era il velo tradizionale delle donne in alcune regioni del Marocco e dell’Algeria.


Wedding Abaya



              


Hijab


Il termine deriva dal verbo arabo hajaba (nascondere) e indica,


nel suo significato originario,


ogni ostacolo posto davanti a un oggetto o a un individuo per sottrarlo alla vista altrui.


Nel linguaggio corrente indica invece il fazzoletto che nasconde i capelli, le orecchie e la nuca.


 In generale è accompagnato da una tunica o da uno spolverino.




Niqab


Velo di colore nero, che copre in parte o completamente il volto,


lasciando solo una fessura per gli occhi.


Alcune donne lo portano aggiungendo occhiali da sole e guanti.


Il testo e' tratto da ''Internazionale'' del 23 gennaio 2004



Condividi questo articolo

in La mediazione femminile: La lingua segreta delle donne cinese - Si parla in un villaggio cinese, ha 2.500 anni e rischia di morire<b>Un femminismo dalle molte identità </b>- TURCHIA - La riforma del codice penale è l'ultima occasione di scontro sui diritti delle donne<b>Se l'amore entra nel lessico politico</b><br>Pratica politica come fare un passo indietro per fare posto all'altro<IMG 
src=http://benchicou.unblog.fr/files/2007/07/khalidatoumi1.jpg border=0><br> <b>Il mio Islam libero dal terrore </b>Intervista di Barbara Spinelli a Khalida Toumi MessaoudiA Malalai Joya e alle donne afghane che combattono per i loro diritti fondamentali il premio internazionale ''La donna dell'anno''<b>San Suu Kyi, rompiamo il silenzio - </b>Dove finiscono tutti i grandi uomini di stato e i visionari del nostro tempo quando si parla della lotta non violentaFATEMA MERNISSI - scrittrice e sociologa, docente all’Università Mohamed V di Rabat, una delle più importanti scrittrici arabe contemporanee.COMUNICARE E CAPIRSI - L' ARTE DEL NU SHU, il linguaggio segreto delle donneScomparsa Yang Huanyi, l'ultima voce parlante del Nu ShuLe donne forti di Shirin EbadiUn periodico femminile legato a Al-Qaeda: le donne devono partecipare alla JihadLo stesso nome, lo stesso bisogno primario<b>DONNA NELLE RELAZIONI</b> La finalizzazione delle differenzeLa formazione femminile e l’emancipazione delle identità <b>DIFFERENZE DI GENERE E PERCORSI CULTURALI - EDUCARE NELLA DIFFERENZA</b>In Cina la lingua segreta delle donneLe donne della SacchettiA proposito del velo e della libertà femminileIntervista ad Hauwa Ibrahim, l’avvocata di Amina e Safiya: le due ragazze salvate dalla lapidazione in NigeriaIl marchio del genocidio. Voci di donne dal Ruanda insanguinato.<b>DONNA NELLE DIVERSITA’ </b>Il bisogno di una rinascitaCONTRIBUTO DELLE DONNE AL PROGRESSO DELLA CULTURAL’”ERRANZA” DEL PENSIERO NEI LUOGHI DELLE DIVERSITA’ INTERETNICHE ED INTERGENERAZIONALIMarjane Satrapi<b>DIFFERENZE DI GENERE </b>I percorsi di costruzione dell’identità di genere<b>DONNA E UTOPIA</b> Il “non  luogo” come critica dell’esistente. Mettere “al mondo” il mondoL’IRRIDUCIBILITA’ DELLE DIFFERENZEAspetti psicologici dei processi migratori al femminile e al maschile – progetto di ricerca per uno studio comparativo di genere.Shhhh, China’s secret female language(en)NU SHU - Un Documentario<b>IL VOCABOLARIO DEL VELO</b>BAMBINE, ISTRUZIONE E SVILUPPODonne e migrazioniRaccontar(si)- Laboratorio di mediazione interculturaleDemocrazia della terra: è la vera rivoluzione  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati