Accadde anche nella Roma dell’Imperatore Nerone, quando i cristiani furono accusati ... - Don Roberto Davanzo
Una carità con gli occhi aperti: ecco il nostro sano orgoglio
Condividi questo articolo


Una carità con gli occhi aperti:
ecco il nostro sano orgoglio


Desidero dedicare in maniera particolare questo editoriale ai nostri operatori e ai nostri volontari che vivono il disorientamento di chi percepisce che forse l’aria in questi ultimi tempi è cambiata.
Ce lo siamo già detti con franchezza. Siamo consapevoli che in tutti questi anni i servizi che abbiamo promosso, gli interventi in cui ci siamo impegnati, ci hanno reso un’avanguardia profetica, ci hanno fatto praticare le frontiere dell’esclusione e del disagio, ma nel momento in cui ci siamo voltati indietro abbiamo avuto la sensazione di non essere stati seguiti, di non aver più avuto l’appoggio, la solidarietà della nostra gente.


Non solo.
Ci sono stati dei periodi - e quello che viviamo è uno di quelli - nei quali abbiamo avvertito l’indifferenza, se non addirittura l’ostilità, di parte dell’opinione pubblica pronta ad accusarci di affrontare certi problemi con atteggiamento superficiale e “buonista”.
Va di moda, in questi mesi, l’accusa di “buonismo” che tradotta significa l’ingenuità nei confronti del male, la propaganda di uno spirito di accoglienza e di solidarietà che concede tutto senza domandare nulla in cambio, uno spirito ecumenico che sfocia nel “relativismo” secondo cui “tutti diversi, tutti uguali”.


Le conseguenze di questo presunto “buonismo” sarebbero la tolleranza di comportamenti illegali, la chiusura di entrambi gli occhi di fronte ai rischi per la sicurezza dei cittadini italiani, la dimenticanza delle nostre radici cristiane e della nostra identità, ...


È evidente che l’oggetto di questo “buonismo” è rappresentato anzitutto dal mondo dell’immigrazione, dal mondo dei Rom, di cui - colpevolmente, secondo i nostri detrattori -  il mondo della Caritas da sempre si occupa.


Non escludo che questa accusa possa riguardare qualcuno. Se la meritano forse i chiacchieroni ideologici senza i piedi per terra. Noi no, noi non ce la meritiamo, noi che le mani ce le siamo sempre sporcate, che non abbiamo mai tollerato l’illegalità, ma che nello stare accanto alle categorie più difficili abbiamo favorito la pace sociale.


Ecco, questo editoriale vorrebbe suscitare in tutti i nostri operatori e in tutti i nostri volontari un po’ di sano orgoglio, di serena grinta nello scollarsi di dosso sospetti e accuse. Per reclamare, invece, il riconoscimento della fatica che quotidianamente abbiamo messo in gioco nell’intercettare quel piccolo-grande esercito di disperati che, senza il nostro servizio, sì che sarebbero stati una fonte ben più significativa di insicurezza.


Pochi giorni fà, il Direttore di Caritas Italiana, mons. Nozza, così si esprimeva: “va ribadito che Caritas Italiana, le Caritas diocesane e tutto il mondo cattolico hanno sempre operato tenendo insieme l'accoglienza doverosa con la sicurezza e ragionando in questi termini sia sull’immigrazione in generale che sulle più ampie tematiche del disagio. Il mondo cattolico non ha mai perso tempo a parlare di accoglienza buonista, ha invece cercato, anche a livello locale, la collaborazione con gli enti pubblici e le forze dell’ordine, con l’obiettivo generale di sviluppare forme di collaborazione e concertazione permanente e far operare tutte le componenti interessate alla soluzione del problema in modo sinergico”.


Questo è il nostro stile, questo è - secondo noi - il modo per garantire una reale sicurezza per chiunque si trova a vivere sul territorio del nostro Paese.


Diamo ancora la parola a Mons. Nozza: “Tutti sappiamo che i processi sociali, religiosi e culturali sono lenti, hanno bisogno di cura, di accompagnamento, di costante aggiustamento del loro percorso. E chiunque ha il compito di occuparsene deve imparare i tratti di quella pazienza solidale, giusta, e se necessaria, severa che accompagna con cura lo sviluppo, la promozione e la crescita di una cultura dell’accoglienza, dell’integrazione, dell’intercultura.”


Non possiamo quindi non sentirci preoccupati tutte le volte che di fronte ai problemi si reagisce con gli slogan e con le grida. I gravi gesti di intolleranza avvenuti a Napoli nei confronti dei Rom ci inquietano dal momento che parlano di un meccanismo che più volte si è visto all’opera nella storia: quello della ricerca dell’anello più debole sul quale scaricare le proprie frustrazioni e le proprie paure. Accadde anche nella Roma dell’Imperatore Nerone, quando i cristiani furono accusati dell’incendio che lui stesso aveva appiccato. Accadde nella Milano dei Promessi sposi quando si diffuse la notizia che la peste era causata da un gruppo di criminali untori su cui si scatenava l’ira della popolazione. Accadde nella Germania del Terzo Reich quando si dimostrò scientificamente (!) che tutto il male veniva dalla presenza di una razza inferiore, quella degli ebrei.


Siccome è già accaduto, può ancora accadere. Questo motiva ancora più fortemente il nostro coraggioso e sereno impegno.

Don Roberto Davanzo
http://www.caritas.it/Documents/0/3353.html



Condividi questo articolo

in News: IL VICINO ROMMArzo 2008 - Alunni con cittadinanza non italiana Scuole statali e non statali
Anno Scolastico 2006/2007Il naufragio di 380 fantasmi. Nessuna inchiesta, sconosciute le vittime6 giugno 2008 - Naufragio di immigrati, 13 morti7 giugno 2008 - Malta, naufragati due barconi. Soccorsi più di cinquanta immigratiL'Italia e gli zingari - Tullio De Mauro“Stato di emergenza” in relazione agli insediamenti nomadici: una scelta irrazionale e discriminatoriaL'intervento di Alexian Santino Spinelli alla manifestazione dell'8 Giugno 2008Verso la pulizia etnica anche in Sicilia? - di Fulvio Vassallo Paleologo – Università di Palermo8 giugno 2008 - L'intervento di una donna RomAccadde anche nella Roma dell’Imperatore Nerone, quando i cristiani furono accusati ... - Don Roberto DavanzoI livelli dei Certificati di Studio dell'Istituto Dante Alighieri classificati seguendo i criteri del Consiglio d'Europa (A1, A2 - B1, B2 - C1, C2)La prova nazionale nel quadro dell'esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione - Sezione di valutazione in italianoSe l'emergenza si chiama fame - Moises NaimCosì sta nascendo l'identità nordista - di ILVO DIAMANTII «sinti di Cacciari», troppo normali per trovare ascolto nel paese della pauraEducazione linguistica e educazione alla cittadinanza - Documento Il GISCEL contro la deriva razzistaCRISTINA FERNÁNDEZ ALLA FAO: ''IL PROTEZIONISMO DEL NORD CAUSA L'IMPOVERIMENTO E LA FAME DEL SUD''BAMBINI  e MAESTRI CLANDESTINIFollia antizigana in Italia. EveryOne sul rapimento di NapoliLA ZINGARA - di Jorge Canifa Alves, scrittore afroitaliano di origine capoverdianaNo al dilagante razzismo in Italia - Alex Zanotelli8^ edizione Festival ''Lo Spirito Del Pianeta''Proposta di modifica per l'estensione delle disposizioni di tutela delle minoranze linguistiche storiche alle minoranze dei rom e dei sintiLa festa dei gitani in CamargueIl 2% del Pil prodotto da irregolari pari alla ricchezza portata dai turistil'Onu condanna l'Italia - Corriere.itDalla Cei stop sui CptRoma 3-5 giugno 2008 - Vertice sull’alimentazione - Rialzo dei prezzi alimentari
assistere le popolazioni povere e rilanciare l’agricolturaNon vederci più dalla fame e non vederli per il troppo benessere...La battaglia del tedesco negli asili di BolzanoIl disastro climatico sta già portando la fameLE PRIORITA’ DI ACTIONAID PER COMBATTERE LA CRISI ALIMENTARE: STOP AL BUSINESS DELLA FAMECATANIA  SOLIDALE  con i cittadini ROMMulticulturalismo: LA CULTURA DELLE DIFFERENZE - di Adel Jabbar*A Lampedusa un'opera del maestro Mimmo Paladino in omaggio a tutti i morti delle traversate. La porta che guarda l'Africa in ricordo di chi non è mai arrivato.Le impronte di MaroniGIRASOLE : Campagna di comunicazione sociale sui rischi di contagio di HIV&AIDS e MTS tra la popolazione straniera - le tappe.Il Partigiano Nero: la storia di Giorgio Marincola, Medaglia d'Oro della Resistenza''Lo Spirito del Pianeta'' Festival 2008. Milano, Chiuduno (BG) – maggio / giugno 2008Vivre ensemble sur Terre - Live together on Earth - Quinto World Environmental Education Congress. Montreal- Canada from 10-14 May 2009.Schema di Piano di Azione per l’infanzia e l’adolescenza - Comitato tecnico-scientifico del Centro nazionale di documentazione e analisi per l’infanzia e l’adolescenza - 31 ottobre 2007Se si voltano le spalle alla storia: E’ esistita un’Italia delle leggi razziali, non sono esistite solo le leggi razzialiMigrazione e HIV: campagna di prevenzione e sensibilizzazione realizzata da cittadini immigrati “Campagna Girasole”Accesso studenti stranieri, la proposta della Lega.FELICE  2009 !PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - Regolamento per l’inserimento e l’integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale.Milano: genitori islamici contro il mediatoreCARCERE E NUOVO SCHIAVISMO DOPO IL PACCHETTO SICUREZZA DI MARONIVerona - 25 aprile giorno dell’indignazioneAmos Oz - Io credo ai sogni: solo i sogni cambiano il mondoUn digiuno contro debito e carovitaUN MONDO DI LIBRI… per CeLIM - Milano, Loggia dei MercantiCercasi storie vereSummer School 2008 - Arabic and Islamic Studies
Societies and Cultures in relationship: Mediterranean Area between History, Literary and Artistic TraditionsCapire le differenze, valorizzare le diversità. Di razza ce n’è una sola.
Quella umana.<b>Manifesto degli scienziati antirazzisti 2008</b>Hip Hop L'INTIFADA DELLE PAROLE - LA «RIBELLIONE IN MUSICA» DEI GIOVANI PALESTINESIFormiamo un mondo nuovo: i semi della convivenza. Le proposte formative di Fratelli dell’Uomo per l’anno scolastico 2008/09.Corsi di laurea in scienze politiche, relazioni internazionali, diritti umani, pace- Facoltà di Scienze Politiche - Padova A.A. 2008/2009Stato di emergenza immigrazione: prove di democrazia autoritariaMigranti come i gabbiani: le loro odiessee cantate da letterati e artisti, fra poesia e sociologiaLa denuncia di due ragazze sudamericane maltrattate da un poliziotto a RomaParma - La foto della vergognaMediatore culturale,promotore di cittadinanza. Qualifiche Il Lazio ne riconosce il profilo professionaledall'agenzia missionaria MISNA 15/8/2008 - DOPPI STANDARD, INTERROGATIVI E VITTIME DI UNA “GUERRA LAMPO”MIGRAZIONI – RAPPORTO SVIMEZ 2008 – SI RAFFORZA LA MOBILITA’ INTERNA. ELEVATA CONSISTENZA DEL PENDOLARISMOSono aperte le iscrizioni al Laboratorio interculturale di narrazione teatrale IL DONO DELLA DIVERSITÀ, Edizione 2008/2009.Azzurri multicolor - Sono 24 gli atleti Il matrimonio del clandestino e l'espulsione - di Mario Pavone, Presidente 
ANIMIVIII Infopoverty World ConferenceAlle porte di Gori, fra saccheggi e pauraCon la scusa del popolo di GAD LERNER  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati