Se si voltano le spalle alla storia: E’ esistita un’Italia delle leggi razziali, non sono esistite solo le leggi razziali
Condividi questo articolo


Se si voltano le spalle alla storia
David Bidussa
13-05-2008
articolo apparso sul quotidiano Il Secolo XIX del 9 maggio 2008


Un Paese che non racconta a se stesso la sua storia – tutta la sua storia – è un paese incline ad autoassolversi. il mito del bravo italiano ha avuto sempre la meglio.
E’ esistita un’Italia delle leggi razziali, non sono esistite solo le leggi razziali, come corpo legislativo. Un corpo coerente che non è caduto all’indomani del 25 luglio 1943, del 25 aprile 1945 o alla Costituente, ma si è trascinato per almeno 40 anni fino al gennaio 1987. Le Leggi razziali non sono state un incidente della storia. Sono un pezzo della storia dell’identità italiana.


Essere razzisti nel corso del XX secolo non significa solo essere nazisti, si può essere razzisti senza teorizzare lo sterminio. L’Italia fascista è stata antisemita e razzista. In forma parziale, contraddittoria, ambigua sono stati fatti i conti con l’antisemitismo, non con il razzismo. Il razzismo dell’Italia fascista non nasce con le leggi contro gli ebrei, nasce prima e riguarda i sudditi neri dopo la guerra italo-etiopica. Dopo il 1945 l’ annullamento delle norme antisemite significava riammettere nel consorzio della società civile chi ne era stato violentemente estromesso; con la questione dei colonizzati neri si trattava invece di prendere in carico chi non era mai stato accolto. Il silenzio su questa seconda questione è stato assordante.
Ci sono altri aspetti con cui noi a 70 anni distanza facciamo fatica a confrontarci.


Un primo ordine di problemi allude al fatto che le leggi razziali riguardano cosa si racconta (“i giusti”, il soccorso), ma anche che cosa non si racconta (la delazione, la denuncia, la sottrazione di beni). Non sono le uniche reticenze. Altre riguardano anche il mondo ebraico italiano, non diverso da tutti gli italiani e dunque in gran parte convintamente fascista, aderente al regime, che nell’ottobre 1938 non riesce a capacitarsi di “non essere più italiano”. Anche per questo è parzialmente fuori luogo ragionare dell’antisemitismo fascista paragonandolo a quello nazista. A differenza della realtà tedesca dove il nazismo è un partito e poi un regime dichiaratamente antisemita, il fascismo italiano lo fu dall’inizio – testi di natura antisemita, anche di Benito Mussolini ci sono già nel 1919 – solo in alcune sue componenti culturali e solo in alcune circostanze. L’antisemitismo e il razzismo non erano parte dichiarata del suo programma. Lo erano in forma ambigua. Una parte non indifferente di ebrei fu fascista e nessuno all’interno del Pnf, almeno fino al 1934, ebbe niente da dire sulla presenza ebraica nel partito.


Un secondo ordine di problemi con cui ancora si fa fatica a prendere le misure riguarda l’accoglimento delle leggi razziali da parte degli italiani. Le leggi razziali non erodono il consenso popolare di cui gode il regime se non nella preoccupazione che si renda più probabile lo scoppio della guerra. Nessuno ebbe un sussulto civile sulle leggi razziali. La legislazione razziale fu anzi un’occasione “da non perdere” per regolare conti rimasti aperti nell’ambito delle professioni liberali, ma anche nella proprietà delle imprese, o nelle strutture commerciali. In genere fu un’opportunità per liberarsi facilmente di concorrenti.


Un terzo ordine di problemi riguarda la lunga preistoria dell’Italia delle leggi razziali. Ovvero la solidità del pregiudizio antigiudaico proprio della cultura diffusa del cristianesimo in Italia (la Chiesa non reagì se non tiepidamente alla legislazione antisemita, se non per quanto riguardava le conversioni o i matrimoni misti); l’anticapitalismo – per esser più precisi l’anti.inghilterra e poi l’antiamericanismo diffuso in Italia – non solo nell’universo culturale cattolico, ma presente sia in quello fascista e nazionalista come in quello socialista, sindacalista e operista, già alla fine dell’Ottocento. Un ventaglio di culture spesso tecnofobiche nella storia italiana, con uno sguardo anti-industriale, nostalgico sul passato preindustriale, comunque che vedono la modernità e l’affermazione della società industriale come minaccia al proprio mondo. Una fobia antiamericanista che spesso è anche antieuropeista o che interpreta l’Europa come cristianità da difendere contro l’”infedele” che viene da Oriente, in nome del quale trova come proprio alleato il mondo russo intravisto come uno dei baluardi alla modernizzazione (un altro aspetto che nel secondo dopoguerra avrà una sua continuità anche nell’antiamericanismo a sinistra).


Studiare l’Italia delle leggi razziali significa pensare a una storia “di corta durata”, capace di contenere in un tempo stretto tutti i dati strutturali e congiunturali che esprimono una società e ne individuano i dati profondi: le culture sociali, gli atteggiamenti dei gruppi economici, le culture e gli intellettuali, le periferie e i centri urbani, lo stile culturale dei media, le forme del linguaggio collettivo, gli apparati educativi e scolastici, le culture del tempo libero. In breve quello che in storiografia si chiama le sensibilità. Sono proprio quelle sensibilità a dare solidità a un evento: a radicarlo nel suo tempo e a farlo durare, anche oltre il suo tempo.


Non è vero che se un fenomeno dura poco, poi non pesi nella storia. Pesa. E si ripresenta, in forme nuove, come sempre capita nella storia, mai eguale al passato, ma non totalmente estraneo ad esso. Quando improvvisamente l’omogeneità sociale e culturale di un gruppo si infrange, e quindi quando quel gruppo teme di “perdere se stesso”, tra le risorse culturali che quel gruppo ha, c’è anche quel set di immagini, di parole, di metafore, di simboli che già hanno avuto corso nella propria storia, e a cui inevitabilmente esso ricorre, è proprio perché quel passato esprime un pezzo della propria identità storica che non si è voluta discutere. Ciò non accade né fatalmente, né naturalmente, ma perché con quel passato non si è avuto il coraggio, la forza, e la chiarezza di mettersi in gioco. Era più facile assolversi.


http://www.caffeeuropa.it/index.php?id=10,156



Condividi questo articolo

in News: IL VICINO ROMMArzo 2008 - Alunni con cittadinanza non italiana Scuole statali e non statali
Anno Scolastico 2006/2007Il naufragio di 380 fantasmi. Nessuna inchiesta, sconosciute le vittime6 giugno 2008 - Naufragio di immigrati, 13 morti7 giugno 2008 - Malta, naufragati due barconi. Soccorsi più di cinquanta immigratiL'Italia e gli zingari - Tullio De Mauro“Stato di emergenza” in relazione agli insediamenti nomadici: una scelta irrazionale e discriminatoriaL'intervento di Alexian Santino Spinelli alla manifestazione dell'8 Giugno 2008Verso la pulizia etnica anche in Sicilia? - di Fulvio Vassallo Paleologo – Università di Palermo8 giugno 2008 - L'intervento di una donna RomAccadde anche nella Roma dell’Imperatore Nerone, quando i cristiani furono accusati ... - Don Roberto DavanzoI livelli dei Certificati di Studio dell'Istituto Dante Alighieri classificati seguendo i criteri del Consiglio d'Europa (A1, A2 - B1, B2 - C1, C2)La prova nazionale nel quadro dell'esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione - Sezione di valutazione in italianoSe l'emergenza si chiama fame - Moises NaimCosì sta nascendo l'identità nordista - di ILVO DIAMANTII «sinti di Cacciari», troppo normali per trovare ascolto nel paese della pauraEducazione linguistica e educazione alla cittadinanza - Documento Il GISCEL contro la deriva razzistaCRISTINA FERNÁNDEZ ALLA FAO: ''IL PROTEZIONISMO DEL NORD CAUSA L'IMPOVERIMENTO E LA FAME DEL SUD''BAMBINI  e MAESTRI CLANDESTINIFollia antizigana in Italia. EveryOne sul rapimento di NapoliLA ZINGARA - di Jorge Canifa Alves, scrittore afroitaliano di origine capoverdianaNo al dilagante razzismo in Italia - Alex Zanotelli8^ edizione Festival ''Lo Spirito Del Pianeta''Proposta di modifica per l'estensione delle disposizioni di tutela delle minoranze linguistiche storiche alle minoranze dei rom e dei sintiLa festa dei gitani in CamargueIl 2% del Pil prodotto da irregolari pari alla ricchezza portata dai turistil'Onu condanna l'Italia - Corriere.itDalla Cei stop sui CptRoma 3-5 giugno 2008 - Vertice sull’alimentazione - Rialzo dei prezzi alimentari
assistere le popolazioni povere e rilanciare l’agricolturaNon vederci più dalla fame e non vederli per il troppo benessere...La battaglia del tedesco negli asili di BolzanoIl disastro climatico sta già portando la fameLE PRIORITA’ DI ACTIONAID PER COMBATTERE LA CRISI ALIMENTARE: STOP AL BUSINESS DELLA FAMECATANIA  SOLIDALE  con i cittadini ROMMulticulturalismo: LA CULTURA DELLE DIFFERENZE - di Adel Jabbar*A Lampedusa un'opera del maestro Mimmo Paladino in omaggio a tutti i morti delle traversate. La porta che guarda l'Africa in ricordo di chi non è mai arrivato.Le impronte di MaroniGIRASOLE : Campagna di comunicazione sociale sui rischi di contagio di HIV&AIDS e MTS tra la popolazione straniera - le tappe.Il Partigiano Nero: la storia di Giorgio Marincola, Medaglia d'Oro della Resistenza''Lo Spirito del Pianeta'' Festival 2008. Milano, Chiuduno (BG) – maggio / giugno 2008Vivre ensemble sur Terre - Live together on Earth - Quinto World Environmental Education Congress. Montreal- Canada from 10-14 May 2009.Schema di Piano di Azione per l’infanzia e l’adolescenza - Comitato tecnico-scientifico del Centro nazionale di documentazione e analisi per l’infanzia e l’adolescenza - 31 ottobre 2007Se si voltano le spalle alla storia: E’ esistita un’Italia delle leggi razziali, non sono esistite solo le leggi razzialiMigrazione e HIV: campagna di prevenzione e sensibilizzazione realizzata da cittadini immigrati “Campagna Girasole”Accesso studenti stranieri, la proposta della Lega.FELICE  2009 !PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - Regolamento per l’inserimento e l’integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale.Milano: genitori islamici contro il mediatoreCARCERE E NUOVO SCHIAVISMO DOPO IL PACCHETTO SICUREZZA DI MARONIVerona - 25 aprile giorno dell’indignazioneAmos Oz - Io credo ai sogni: solo i sogni cambiano il mondoUn digiuno contro debito e carovitaUN MONDO DI LIBRI… per CeLIM - Milano, Loggia dei MercantiCercasi storie vereSummer School 2008 - Arabic and Islamic Studies
Societies and Cultures in relationship: Mediterranean Area between History, Literary and Artistic TraditionsCapire le differenze, valorizzare le diversità. Di razza ce n’è una sola.
Quella umana.<b>Manifesto degli scienziati antirazzisti 2008</b>Hip Hop L'INTIFADA DELLE PAROLE - LA «RIBELLIONE IN MUSICA» DEI GIOVANI PALESTINESIFormiamo un mondo nuovo: i semi della convivenza. Le proposte formative di Fratelli dell’Uomo per l’anno scolastico 2008/09.Corsi di laurea in scienze politiche, relazioni internazionali, diritti umani, pace- Facoltà di Scienze Politiche - Padova A.A. 2008/2009Stato di emergenza immigrazione: prove di democrazia autoritariaMigranti come i gabbiani: le loro odiessee cantate da letterati e artisti, fra poesia e sociologiaLa denuncia di due ragazze sudamericane maltrattate da un poliziotto a RomaParma - La foto della vergognaMediatore culturale,promotore di cittadinanza. Qualifiche Il Lazio ne riconosce il profilo professionaledall'agenzia missionaria MISNA 15/8/2008 - DOPPI STANDARD, INTERROGATIVI E VITTIME DI UNA “GUERRA LAMPO”MIGRAZIONI – RAPPORTO SVIMEZ 2008 – SI RAFFORZA LA MOBILITA’ INTERNA. ELEVATA CONSISTENZA DEL PENDOLARISMOSono aperte le iscrizioni al Laboratorio interculturale di narrazione teatrale IL DONO DELLA DIVERSITÀ, Edizione 2008/2009.Azzurri multicolor - Sono 24 gli atleti Il matrimonio del clandestino e l'espulsione - di Mario Pavone, Presidente 
ANIMIVIII Infopoverty World ConferenceAlle porte di Gori, fra saccheggi e pauraCon la scusa del popolo di GAD LERNER  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati