Il 2% del Pil prodotto da irregolari pari alla ricchezza portata dai turisti
Condividi questo articolo


La Cgia di Mestre su 700 mila "emergenti":
il loro lavoro nero vale 30 miliardi di euro
Se regolarizzati, il gettito Irpef e contributivo salirebbe di un miliardo


Il 2% del Pil prodotto da irregolari pari alla ricchezza portata dai turisti
di ELENA POLIDORI


 ROMA - E se per assurdo li mettessero tutti in galera? Beh, se davvero accadesse, il paese perderebbe una discreta fetta della sua ricchezza. Perché al dunque, al di là delle paure e dell'ossessione - sicurezza, i clandestini sono anche una preziosa risorsa. Per restare solo nella sfera economica, che non è certo l'unica: questo esercito di invisibili, che trova comprensione in Vaticano ma è preso di mira dal governo, quando lavora - nelle fabbriche, nei campi, nei cantieri, nelle case degli italiani - produce Pil, dunque benessere. E tanto, anche, come forse non s'immagina.


I calcoli naturalmente sono empirici. Ed è logico, poiché riguardano persone che, per definizione, vivono nell'illegalità e dunque di nascosto. Però un tentativo è possibile. Ci provano gli studiosi della Cgia di Mestre prendendo in esame i 700 mila individui che hanno presentato regolare domanda per emergere dal mondo sommerso in cui vivono. La loro ipotesi si basa sull'idea che questa marea umana ancora oscura produca quanto gli stranieri "regolari", che sono ormai 2,5 milioni e contribuiscono al Pil per il 9,2% (dati Unioncamere).


Ecco allora che, calcolatrice alla mano, s'arriva ad un risultato sorprendente: il loro lavoro "nero" può valere qualcosa come il 2% del Pil, cioè circa 30 miliardi di euro. Più o meno quanto la manovra triennale sui conti pubblici annunciata ora dal ministro Tremonti. Circa dieci volte il costo del taglio dell'Ici e la defiscalizzazione degli straordinari decisa dal governo. Grosso modo la cifra che spendono ogni anno i turisti in Italia.


Esistono anche alcuni calcoli più scientifici. Sempre l'ufficio studi della Cgia di Mestre stima quanto sarebbe il gettito Irpef e contributivo se per magia questi 700 mila individui diventassero tutti "visibili". Ebbene, senza la quota a carico delle aziende, la loro "dote" arriverebbe a sfiorare un miliardo di euro. Rilevazioni del Sole 24 ore su dati Inps, Ismu, Istat e Caritas parlano di un "tesoretto" ancora più consistente: circa 2,5 miliardi di gettito complessivo, se i clandestini che lavorano emergessero dalla palude e i loro datori di lavoro pagassero i contributi.


Irregolari e preziosi, perciò. E quasi non ci si crede, poiché per forza di cose il loro è un universo sfuggente e anche perché siamo abituati a vederli su instabili carrette del mare o in brulicanti centri d'accoglienza o, peggio, protagonisti delle cronache nere dei giornali. Ma non è solo così. Le statistiche elaborate da diverse organizzazioni d'accoglienza e confermate dall'allora ministro Livia Turco dimostrano che spesso questi immigrati diventano clandestini "allungando" illegalmente il visto da turista, proprio per poter lavorare.


Sono muratori, carpentieri, operai, imbianchini, elettricisti, agricoltori. Cuciono le tomaie per i grandi marchi. Assemblano di nascosto i "pezzi" di importanti "griffe". Oppure assistono gli anziani, badano ai bimbi e rassettano le case, uniche categorie che, forse, il governo "salverà" con emendamenti ad hoc, perché svolgono una funzione sociale. Ma tutti, in una maniera o nell'altra, contribuiscono ad ingrossare in silenzio il Pil nazionale.


Secondo il dizionario italiano, clandestino è colui che si trova in una condizione di illegalità e vive celando la propria identità: un mondo grigio per definizione. Opaco. Sommerso e perciò difficile da quantificare. Inevitabile allora che fiocchino i numeri più svariati su quanti sono effettivamente. Così, accanto ai 700 mila "emergenti" che rappresentano - meglio, rappresenterebbero - il 2,84% della forza lavoro in Italia e l'1,19% della popolazione attiva, - vi è anche un fiume di persone che non è riuscito neppure a presentare la domanda di regolarizzazione, ma svolge la sua brava giornata lavorativa. Calcoli Ismu quantificano gli irregolari con una attività in piedi in almeno 650 mila persone. La Caritas arriva alle stesse conclusioni.


Clandestini come risorsa e in cerca di risorse. Un "censimento" del Dipartimento demografia dell'Università Milano Bicocca effettuato per il Sole e la Fondazione Ismu proprio sulla base delle domande presentate per il decreto flussi , calcola che i "sans papier" che lavorano nelle città italiane sarebbero 11 ogni mille abitanti; che la loro capitale è Brescia (32 ogni 1000), seguita da Mantova e da tutte le città del Nord Est, dove c'è appunto il lavoro. Ora in 700 mila chiedono di essere regolarizzati. E per gli esclusi si profila il reato di clandestinità.


http://www.repubblica.it/2008/05/sezioni/cronaca/sicurezza-politica-6/ricchezza-irregolari/ricchezza-irregolari.html


 



Condividi questo articolo

in News: IL VICINO ROMMArzo 2008 - Alunni con cittadinanza non italiana Scuole statali e non statali
Anno Scolastico 2006/2007Il naufragio di 380 fantasmi. Nessuna inchiesta, sconosciute le vittime6 giugno 2008 - Naufragio di immigrati, 13 morti7 giugno 2008 - Malta, naufragati due barconi. Soccorsi più di cinquanta immigratiL'Italia e gli zingari - Tullio De Mauro“Stato di emergenza” in relazione agli insediamenti nomadici: una scelta irrazionale e discriminatoriaL'intervento di Alexian Santino Spinelli alla manifestazione dell'8 Giugno 2008Verso la pulizia etnica anche in Sicilia? - di Fulvio Vassallo Paleologo – Università di Palermo8 giugno 2008 - L'intervento di una donna RomAccadde anche nella Roma dell’Imperatore Nerone, quando i cristiani furono accusati ... - Don Roberto DavanzoI livelli dei Certificati di Studio dell'Istituto Dante Alighieri classificati seguendo i criteri del Consiglio d'Europa (A1, A2 - B1, B2 - C1, C2)La prova nazionale nel quadro dell'esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione - Sezione di valutazione in italianoSe l'emergenza si chiama fame - Moises NaimCosì sta nascendo l'identità nordista - di ILVO DIAMANTII «sinti di Cacciari», troppo normali per trovare ascolto nel paese della pauraEducazione linguistica e educazione alla cittadinanza - Documento Il GISCEL contro la deriva razzistaCRISTINA FERNÁNDEZ ALLA FAO: ''IL PROTEZIONISMO DEL NORD CAUSA L'IMPOVERIMENTO E LA FAME DEL SUD''BAMBINI  e MAESTRI CLANDESTINIFollia antizigana in Italia. EveryOne sul rapimento di NapoliLA ZINGARA - di Jorge Canifa Alves, scrittore afroitaliano di origine capoverdianaNo al dilagante razzismo in Italia - Alex Zanotelli8^ edizione Festival ''Lo Spirito Del Pianeta''Proposta di modifica per l'estensione delle disposizioni di tutela delle minoranze linguistiche storiche alle minoranze dei rom e dei sintiLa festa dei gitani in CamargueIl 2% del Pil prodotto da irregolari pari alla ricchezza portata dai turistil'Onu condanna l'Italia - Corriere.itDalla Cei stop sui CptRoma 3-5 giugno 2008 - Vertice sull’alimentazione - Rialzo dei prezzi alimentari
assistere le popolazioni povere e rilanciare l’agricolturaNon vederci più dalla fame e non vederli per il troppo benessere...La battaglia del tedesco negli asili di BolzanoIl disastro climatico sta già portando la fameLE PRIORITA’ DI ACTIONAID PER COMBATTERE LA CRISI ALIMENTARE: STOP AL BUSINESS DELLA FAMECATANIA  SOLIDALE  con i cittadini ROMMulticulturalismo: LA CULTURA DELLE DIFFERENZE - di Adel Jabbar*A Lampedusa un'opera del maestro Mimmo Paladino in omaggio a tutti i morti delle traversate. La porta che guarda l'Africa in ricordo di chi non è mai arrivato.Le impronte di MaroniGIRASOLE : Campagna di comunicazione sociale sui rischi di contagio di HIV&AIDS e MTS tra la popolazione straniera - le tappe.Il Partigiano Nero: la storia di Giorgio Marincola, Medaglia d'Oro della Resistenza''Lo Spirito del Pianeta'' Festival 2008. Milano, Chiuduno (BG) – maggio / giugno 2008Vivre ensemble sur Terre - Live together on Earth - Quinto World Environmental Education Congress. Montreal- Canada from 10-14 May 2009.Schema di Piano di Azione per l’infanzia e l’adolescenza - Comitato tecnico-scientifico del Centro nazionale di documentazione e analisi per l’infanzia e l’adolescenza - 31 ottobre 2007Se si voltano le spalle alla storia: E’ esistita un’Italia delle leggi razziali, non sono esistite solo le leggi razzialiMigrazione e HIV: campagna di prevenzione e sensibilizzazione realizzata da cittadini immigrati “Campagna Girasole”Accesso studenti stranieri, la proposta della Lega.FELICE  2009 !PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - Regolamento per l’inserimento e l’integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale.Milano: genitori islamici contro il mediatoreCARCERE E NUOVO SCHIAVISMO DOPO IL PACCHETTO SICUREZZA DI MARONIVerona - 25 aprile giorno dell’indignazioneAmos Oz - Io credo ai sogni: solo i sogni cambiano il mondoUn digiuno contro debito e carovitaUN MONDO DI LIBRI… per CeLIM - Milano, Loggia dei MercantiCercasi storie vereSummer School 2008 - Arabic and Islamic Studies
Societies and Cultures in relationship: Mediterranean Area between History, Literary and Artistic TraditionsCapire le differenze, valorizzare le diversità. Di razza ce n’è una sola.
Quella umana.<b>Manifesto degli scienziati antirazzisti 2008</b>Hip Hop L'INTIFADA DELLE PAROLE - LA «RIBELLIONE IN MUSICA» DEI GIOVANI PALESTINESIFormiamo un mondo nuovo: i semi della convivenza. Le proposte formative di Fratelli dell’Uomo per l’anno scolastico 2008/09.Corsi di laurea in scienze politiche, relazioni internazionali, diritti umani, pace- Facoltà di Scienze Politiche - Padova A.A. 2008/2009Stato di emergenza immigrazione: prove di democrazia autoritariaMigranti come i gabbiani: le loro odiessee cantate da letterati e artisti, fra poesia e sociologiaLa denuncia di due ragazze sudamericane maltrattate da un poliziotto a RomaParma - La foto della vergognaMediatore culturale,promotore di cittadinanza. Qualifiche Il Lazio ne riconosce il profilo professionaledall'agenzia missionaria MISNA 15/8/2008 - DOPPI STANDARD, INTERROGATIVI E VITTIME DI UNA “GUERRA LAMPO”MIGRAZIONI – RAPPORTO SVIMEZ 2008 – SI RAFFORZA LA MOBILITA’ INTERNA. ELEVATA CONSISTENZA DEL PENDOLARISMOSono aperte le iscrizioni al Laboratorio interculturale di narrazione teatrale IL DONO DELLA DIVERSITÀ, Edizione 2008/2009.Azzurri multicolor - Sono 24 gli atleti Il matrimonio del clandestino e l'espulsione - di Mario Pavone, Presidente 
ANIMIVIII Infopoverty World ConferenceAlle porte di Gori, fra saccheggi e pauraCon la scusa del popolo di GAD LERNER  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati