Non vederci più dalla fame e non vederli per il troppo benessere...
Condividi questo articolo


Non vederci più dalla fame
e non vederli per il troppo benessere...




Intervista a Raffaella Biasi a cura di Alberto Leoncini


Egitto e altri paesi della fascia mediterranea sono agitati da violenze e scontri per il pane, rincarato in poco tempo di circa venti volte. I governi censurano e oscurano i siti internet in modo che il primo mondo non sia troppo turbato e coinvolto, ma vi sono già stati diversi morti.


Come all’epoca della Rivoluzione francese, ci sono le sommosse per il pane. La folla manzoniana esce dalle pagine della narrativa per entrare prepotentemente nella cronaca; succede non solo in Egitto ma anche nei paesi più poveri dove il prezzo del pane è cresciuto a dismisura, dando inizio a sommosse su vasta scala dal momento che questo essenziale alimento è sostanzialmente introvabile se non nel fiorente mercato nero, anche se questo tipo di soluzione è speculativa per eccellenza, specie se si valuta il dato per cui lo stipendio di un professore è di circa 30 euro al mese! Le famiglie numerose sono stremate. Secondo Raffaella Biasi, islamologa e studiosa di cultura araba, la situazione è più drammatica di quanto si percepisca dai nostri media. Ne abbiamo parlato con lei al fine di avere informazioni di prima mano sulla problematica.


Cosa sta succedendo in questo momento?
Il governo Mubarak e quindi l’Egitto sono a corto di grano per il pane poiché la domanda internazionale è fortissima sia per l’aumentato costo del petrolio che rende concorrenziali ed anzi richiesti i biocarburanti derivati dalle colture, specie sul mercato statunitense, su questo fenomeno si è innestata da diversi mesi la speculazione sui futures strutturati sui prodotti agricoli. Il fatto è che queste dinamiche “macro”, ossia di geopolitica internazionale, stanno avendo sulla popolazione effetti drammatici; non so se ci rendiamo conto che, per sostenere ad ogni costo il nostro modello di sviluppo palesemente insostenibile, ci siano delle situazioni di fame e denutrizioni che si stanno aggravando su un contesto già molto precario...Ci sfugge il dettaglio su cosa voglia veramente dire morire per una pagnotta. Siamo tutti colpevoli di non renderci conto o di non fermare questo disastro.


L’informazione che stiamo ricevendo, su quali fronti non è corretta, a tuo modo di vedere?
Ci sono molte inesattezza, la prima fra tutte è che la distribuzione di una tessera per ottenere il pane calmierato, simile alla nostra vecchia “annonaria”, in realtà non è un provvedimento nuovo, ma esiste già dai tempi di Sadat! Ciò è stato riportato da molte fonti di informazione. In realtà questa tessera non funziona se non in modestissima parte. Che la situazione sia più grave di quanto appaia mi è stato inoltre confermato da conoscenze locali nella città di Benha nel Delta del Nilo, da sempre avversa alla politica filoamericana di Mubarak.


Perché ritieni sia importante che la pubblica opinione sappia di questi avvenimenti?
Ritengo che non si possa protrarre ancora questo atteggiamento di disinteresse verso le condizioni di tanti popoli; non possiamo continuare a far finta che quanto sta accadendo non si ritorca contro l’intero pianeta, per esempio lamentandoci dei flussi migratori che proprio da quei paesi traggono la loro linfa. Tutto ciò per giunta al fine di sostenere l’insostenibile! Rivendico il mio diritto all’indignazione, perché non credo che la spirale sperequativa alla quale stiamo assistendo possa essere taciuta e misconosciuta. Direi che siamo fondamentalmente miopi, cioè guardiamo solo all’immediato, senza un’ottica di ampio respiro, e di ciò sono responsabili anche i nostri governi europei, i quali, a braccetto con le grandi multinazionali del cibo e dell’energia, favoriscono questa folle corsa vero il dissipamento irreversibile delle risorse naturali.


www.criticamente.it
18/4/2008



Condividi questo articolo

in News: IL VICINO ROMMArzo 2008 - Alunni con cittadinanza non italiana Scuole statali e non statali
Anno Scolastico 2006/2007Il naufragio di 380 fantasmi. Nessuna inchiesta, sconosciute le vittime6 giugno 2008 - Naufragio di immigrati, 13 morti7 giugno 2008 - Malta, naufragati due barconi. Soccorsi più di cinquanta immigratiL'Italia e gli zingari - Tullio De Mauro“Stato di emergenza” in relazione agli insediamenti nomadici: una scelta irrazionale e discriminatoriaL'intervento di Alexian Santino Spinelli alla manifestazione dell'8 Giugno 2008Verso la pulizia etnica anche in Sicilia? - di Fulvio Vassallo Paleologo – Università di Palermo8 giugno 2008 - L'intervento di una donna RomAccadde anche nella Roma dell’Imperatore Nerone, quando i cristiani furono accusati ... - Don Roberto DavanzoI livelli dei Certificati di Studio dell'Istituto Dante Alighieri classificati seguendo i criteri del Consiglio d'Europa (A1, A2 - B1, B2 - C1, C2)La prova nazionale nel quadro dell'esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione - Sezione di valutazione in italianoSe l'emergenza si chiama fame - Moises NaimCosì sta nascendo l'identità nordista - di ILVO DIAMANTII «sinti di Cacciari», troppo normali per trovare ascolto nel paese della pauraEducazione linguistica e educazione alla cittadinanza - Documento Il GISCEL contro la deriva razzistaCRISTINA FERNÁNDEZ ALLA FAO: ''IL PROTEZIONISMO DEL NORD CAUSA L'IMPOVERIMENTO E LA FAME DEL SUD''BAMBINI  e MAESTRI CLANDESTINIFollia antizigana in Italia. EveryOne sul rapimento di NapoliLA ZINGARA - di Jorge Canifa Alves, scrittore afroitaliano di origine capoverdianaNo al dilagante razzismo in Italia - Alex Zanotelli8^ edizione Festival ''Lo Spirito Del Pianeta''Proposta di modifica per l'estensione delle disposizioni di tutela delle minoranze linguistiche storiche alle minoranze dei rom e dei sintiLa festa dei gitani in CamargueIl 2% del Pil prodotto da irregolari pari alla ricchezza portata dai turistil'Onu condanna l'Italia - Corriere.itDalla Cei stop sui CptRoma 3-5 giugno 2008 - Vertice sull’alimentazione - Rialzo dei prezzi alimentari
assistere le popolazioni povere e rilanciare l’agricolturaNon vederci più dalla fame e non vederli per il troppo benessere...La battaglia del tedesco negli asili di BolzanoIl disastro climatico sta già portando la fameLE PRIORITA’ DI ACTIONAID PER COMBATTERE LA CRISI ALIMENTARE: STOP AL BUSINESS DELLA FAMECATANIA  SOLIDALE  con i cittadini ROMMulticulturalismo: LA CULTURA DELLE DIFFERENZE - di Adel Jabbar*A Lampedusa un'opera del maestro Mimmo Paladino in omaggio a tutti i morti delle traversate. La porta che guarda l'Africa in ricordo di chi non è mai arrivato.Le impronte di MaroniGIRASOLE : Campagna di comunicazione sociale sui rischi di contagio di HIV&AIDS e MTS tra la popolazione straniera - le tappe.Il Partigiano Nero: la storia di Giorgio Marincola, Medaglia d'Oro della Resistenza''Lo Spirito del Pianeta'' Festival 2008. Milano, Chiuduno (BG) – maggio / giugno 2008Vivre ensemble sur Terre - Live together on Earth - Quinto World Environmental Education Congress. Montreal- Canada from 10-14 May 2009.Schema di Piano di Azione per l’infanzia e l’adolescenza - Comitato tecnico-scientifico del Centro nazionale di documentazione e analisi per l’infanzia e l’adolescenza - 31 ottobre 2007Se si voltano le spalle alla storia: E’ esistita un’Italia delle leggi razziali, non sono esistite solo le leggi razzialiMigrazione e HIV: campagna di prevenzione e sensibilizzazione realizzata da cittadini immigrati “Campagna Girasole”Accesso studenti stranieri, la proposta della Lega.FELICE  2009 !PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - Regolamento per l’inserimento e l’integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale.Milano: genitori islamici contro il mediatoreCARCERE E NUOVO SCHIAVISMO DOPO IL PACCHETTO SICUREZZA DI MARONIVerona - 25 aprile giorno dell’indignazioneAmos Oz - Io credo ai sogni: solo i sogni cambiano il mondoUn digiuno contro debito e carovitaUN MONDO DI LIBRI… per CeLIM - Milano, Loggia dei MercantiCercasi storie vereSummer School 2008 - Arabic and Islamic Studies
Societies and Cultures in relationship: Mediterranean Area between History, Literary and Artistic TraditionsCapire le differenze, valorizzare le diversità. Di razza ce n’è una sola.
Quella umana.<b>Manifesto degli scienziati antirazzisti 2008</b>Hip Hop L'INTIFADA DELLE PAROLE - LA «RIBELLIONE IN MUSICA» DEI GIOVANI PALESTINESIFormiamo un mondo nuovo: i semi della convivenza. Le proposte formative di Fratelli dell’Uomo per l’anno scolastico 2008/09.Corsi di laurea in scienze politiche, relazioni internazionali, diritti umani, pace- Facoltà di Scienze Politiche - Padova A.A. 2008/2009Stato di emergenza immigrazione: prove di democrazia autoritariaMigranti come i gabbiani: le loro odiessee cantate da letterati e artisti, fra poesia e sociologiaLa denuncia di due ragazze sudamericane maltrattate da un poliziotto a RomaParma - La foto della vergognaMediatore culturale,promotore di cittadinanza. Qualifiche Il Lazio ne riconosce il profilo professionaledall'agenzia missionaria MISNA 15/8/2008 - DOPPI STANDARD, INTERROGATIVI E VITTIME DI UNA “GUERRA LAMPO”MIGRAZIONI – RAPPORTO SVIMEZ 2008 – SI RAFFORZA LA MOBILITA’ INTERNA. ELEVATA CONSISTENZA DEL PENDOLARISMOSono aperte le iscrizioni al Laboratorio interculturale di narrazione teatrale IL DONO DELLA DIVERSITÀ, Edizione 2008/2009.Azzurri multicolor - Sono 24 gli atleti Il matrimonio del clandestino e l'espulsione - di Mario Pavone, Presidente 
ANIMIVIII Infopoverty World ConferenceAlle porte di Gori, fra saccheggi e pauraCon la scusa del popolo di GAD LERNER  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati