La festa dei gitani in Camargue
Condividi questo articolo


La festa dei gitani in Camargue


La festa dei gitani in Camargue
                    (Galleria fotografica)


di Marco Barbonaglia


27 maggio 2008

Sotto un cielo plumbeo, oscurato da una fitta coltre di nuvole grigie, la processione avanza lenta, verso il mare increspato dal Mistral. Un esercito di onde color asfalto si prepara ad accogliere il fiume umano, guidato da un drappello di cavalli bianchi, che pare uscito da un un dipinto medioevale. Il pellegrinaggio dei Gitani di Saintes Maries de la Mer, piccolo villaggio della Camargue, nel sud della Francia, è uno spettacolo difficile da descrivere a chi non lo ha mai visto.

Una folla, all'interno della quale si confondo prelati, zingari e turisti, musicisti e cavalieri, accompagna il viaggio della statua di Santa Sara, dall'antica chiesa fino al mare. Il vento, intanto, continua a soffiare impietoso. La massa colorata di uomini e donne, però, non accenna a fernarsi. I più temerari, d'un tratto, entrano in acqua seguendo i candidi destrieri che avanzano in mezzo ai flutti, montati dai "Gardians" camarguesi. I cavalli si impennano, tra la schiuma delle onde, mentre Sara La Nera compie, al contrario, un pezzo della strada che la portò fin qui.
La leggenda vuole, infatti, che le Sante Marie (Maria Jacobè e Maria Salomè, accompagnate da Lazzaro, Maria Maddalena e altri), vittime di persecuzioni in Palestina, dopo essere state arrestate, venissero abbandonate a bordo di un naviglio privo di vela e remi. Quindi, guidate dalla provvidenza, sbarcarono in terra provenzale. Mentre gli altri presero strade diverse, però, le due donne si fermarono sul litorale della Camargue. Per quanto riguarda Sara, invece, la storia non è del tutto chiara. Non si sa se la donna fosse una schiava liberata arrivata con loro o una provenzale che le accolse sul posto.
La tradizione, comunque,si ripete ogni anno, il 24 di maggio. Perfino Bob Dylan, dopo avervi partecipato nel 1974, dedicò all'evento una canzone, intitolata One more Cup of Cofee ( Valley Below).

La prima delle tre giornate inizia sempre con la festosa invasione di Gitani, Rom, Kalè, Sinti, Manouches. Uno spettacolo unico, splendido e vitale, che vale di per sè una gita a Saintes Maries de laMer. Sotto la chiesa-fortezza, il cui campanile romanico si erge per 15 metri, visibile a 10 chilometri di distanza nella paludosa pianura circostante, a piccoli gurppi, gli uomini incominciano a suonare. Accarezzano i loro strumenti, all'apparenza sgangherati, e, come per magia, nascono melodie che ricordano il flamenco o i ritmi balcanici. Suoni che riportano ai deserti nord-africani oppure alle pianure dell'europa centrale. Le loro donne intanto, poco lontano, vendono medagliette porta fortuna.

Poi, in lunghe file, tutti scendono nella cripta della chiesa a rendere omaggio a Santa Sara, protettrice dei Gitani. Uno dopo l'altro, si avvicinano alla statua e la sfiorano con le mani. Da qui, nel primo pomeriggio, parte la lunga processione fatta di cavalieri, donne che vestono costumi tradizionali con le lunghe gonne a balze, abitanti del paese e curiosi da tutto il mondo, che avanza fino al mare per la benedizione della acque.
Il giorno seguente, saranno le due Sante, invece, a percorrere le stesse strade, dirette verso i flutti, tra preghiere, canti e gioiose invocazione. Per tutta la notte che separa i due pèlegrinages, invece, la città, come in un film di Kusturica, è popolata da zingari che suonano, bevono, ballano e fanno festa ad ogni angolo di strada. Momento profano di un evento che, all'aspetto religioso, unisce quello della festa in un equilibrio possibile, forse, solo per il misterioso mondo degli zingari.
Non si tratta di un quadretto folkloristico, costruito ad uso e consumo dei turisti, ma di una tradizione autentica, espressione della straordinaria cultura di questo popolo vagabondo. A crocchi, i notambuli si raccolgono intorno ai Gitani per danzare e cantare, sotto le mura della chiesa e agli angoli delle strette vie del centro per i festeggiamenti che si protraggono quasi fino all'alba.
Quello che può sembrare strano oggi, con l'aria che tira da noi, è che il pellegrinaggio, principale raduno per gli zingari in Europa, esista grazie ad un nobile dalle origini italiane. Fu Folco Baroncelli,infatti, nato nel 1869 ad Aix- en- Provence, marchese di nascita e "manadier" (mandriano) per scelta, ma soprattutto strenuo difensore dei diritti delle minoranze oppresse, ad ottenere nel 1935 che i Gitani potessero festeggiare pubblicamente la loro patrona.

In una città dove tutto, dalla piazza principale ai ristoranti, alle agenzie che organizzano tour in giro per la Camargue, rimandano, nei nomi, nei simboli, nei colori alla "Gens du Voyage", Baroncelli viene quasi venerato. La presenza di questo singolare personaggio, dagli antenati fiorentini, è sempre vivissma. A lui è intitolato un museo e, in sua memoria, dopo il pellegrinaggio di Santa Sara e le celebrazioni delle Saintes Marie, è dedicata un'intera giornata. In suo onore, ogni anno, i Gardians si esibiscono nell'"abrivado", con i tori, che spinti dalle loro lance e circondati dal drappello di cavalli, corrono, per la città fino all'arena. Qui, i discendenti del celebre marchese si esibiscono in spettacolari giochi di antica origine. Prima, però, celebrano il loro benefattore con una sentita cerimonia sulla sua tomba, appena fuori dal paese E' un momento suggestivo che, accanto alll'attacamento per le proprie radici, testimonia la tolleranza e l'apertura alle culture diverse. In questo caso verso quella, ricchissima, di genti troppo spesso ingiustamente guardate con sospetto, quali sono gli zingari. Un messaggio quanto mai benefico, specialmente di questi tempi


 


http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Tempo%20libero%20e%20Cultura/2008/05/pellegrinaggio-sainte-marie.shtml



Condividi questo articolo

in News: IL VICINO ROMMArzo 2008 - Alunni con cittadinanza non italiana Scuole statali e non statali
Anno Scolastico 2006/2007Il naufragio di 380 fantasmi. Nessuna inchiesta, sconosciute le vittime6 giugno 2008 - Naufragio di immigrati, 13 morti7 giugno 2008 - Malta, naufragati due barconi. Soccorsi più di cinquanta immigratiL'Italia e gli zingari - Tullio De Mauro“Stato di emergenza” in relazione agli insediamenti nomadici: una scelta irrazionale e discriminatoriaL'intervento di Alexian Santino Spinelli alla manifestazione dell'8 Giugno 2008Verso la pulizia etnica anche in Sicilia? - di Fulvio Vassallo Paleologo – Università di Palermo8 giugno 2008 - L'intervento di una donna RomAccadde anche nella Roma dell’Imperatore Nerone, quando i cristiani furono accusati ... - Don Roberto DavanzoI livelli dei Certificati di Studio dell'Istituto Dante Alighieri classificati seguendo i criteri del Consiglio d'Europa (A1, A2 - B1, B2 - C1, C2)La prova nazionale nel quadro dell'esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione - Sezione di valutazione in italianoSe l'emergenza si chiama fame - Moises NaimCosì sta nascendo l'identità nordista - di ILVO DIAMANTII «sinti di Cacciari», troppo normali per trovare ascolto nel paese della pauraEducazione linguistica e educazione alla cittadinanza - Documento Il GISCEL contro la deriva razzistaCRISTINA FERNÁNDEZ ALLA FAO: ''IL PROTEZIONISMO DEL NORD CAUSA L'IMPOVERIMENTO E LA FAME DEL SUD''BAMBINI  e MAESTRI CLANDESTINIFollia antizigana in Italia. EveryOne sul rapimento di NapoliLA ZINGARA - di Jorge Canifa Alves, scrittore afroitaliano di origine capoverdianaNo al dilagante razzismo in Italia - Alex Zanotelli8^ edizione Festival ''Lo Spirito Del Pianeta''Proposta di modifica per l'estensione delle disposizioni di tutela delle minoranze linguistiche storiche alle minoranze dei rom e dei sintiLa festa dei gitani in CamargueIl 2% del Pil prodotto da irregolari pari alla ricchezza portata dai turistil'Onu condanna l'Italia - Corriere.itDalla Cei stop sui CptRoma 3-5 giugno 2008 - Vertice sull’alimentazione - Rialzo dei prezzi alimentari
assistere le popolazioni povere e rilanciare l’agricolturaNon vederci più dalla fame e non vederli per il troppo benessere...La battaglia del tedesco negli asili di BolzanoIl disastro climatico sta già portando la fameLE PRIORITA’ DI ACTIONAID PER COMBATTERE LA CRISI ALIMENTARE: STOP AL BUSINESS DELLA FAMECATANIA  SOLIDALE  con i cittadini ROMMulticulturalismo: LA CULTURA DELLE DIFFERENZE - di Adel Jabbar*A Lampedusa un'opera del maestro Mimmo Paladino in omaggio a tutti i morti delle traversate. La porta che guarda l'Africa in ricordo di chi non è mai arrivato.Le impronte di MaroniGIRASOLE : Campagna di comunicazione sociale sui rischi di contagio di HIV&AIDS e MTS tra la popolazione straniera - le tappe.Il Partigiano Nero: la storia di Giorgio Marincola, Medaglia d'Oro della Resistenza''Lo Spirito del Pianeta'' Festival 2008. Milano, Chiuduno (BG) – maggio / giugno 2008Vivre ensemble sur Terre - Live together on Earth - Quinto World Environmental Education Congress. Montreal- Canada from 10-14 May 2009.Schema di Piano di Azione per l’infanzia e l’adolescenza - Comitato tecnico-scientifico del Centro nazionale di documentazione e analisi per l’infanzia e l’adolescenza - 31 ottobre 2007Se si voltano le spalle alla storia: E’ esistita un’Italia delle leggi razziali, non sono esistite solo le leggi razzialiMigrazione e HIV: campagna di prevenzione e sensibilizzazione realizzata da cittadini immigrati “Campagna Girasole”Accesso studenti stranieri, la proposta della Lega.FELICE  2009 !PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - Regolamento per l’inserimento e l’integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale.Milano: genitori islamici contro il mediatoreCARCERE E NUOVO SCHIAVISMO DOPO IL PACCHETTO SICUREZZA DI MARONIVerona - 25 aprile giorno dell’indignazioneAmos Oz - Io credo ai sogni: solo i sogni cambiano il mondoUn digiuno contro debito e carovitaUN MONDO DI LIBRI… per CeLIM - Milano, Loggia dei MercantiCercasi storie vereSummer School 2008 - Arabic and Islamic Studies
Societies and Cultures in relationship: Mediterranean Area between History, Literary and Artistic TraditionsCapire le differenze, valorizzare le diversità. Di razza ce n’è una sola.
Quella umana.<b>Manifesto degli scienziati antirazzisti 2008</b>Hip Hop L'INTIFADA DELLE PAROLE - LA «RIBELLIONE IN MUSICA» DEI GIOVANI PALESTINESIFormiamo un mondo nuovo: i semi della convivenza. Le proposte formative di Fratelli dell’Uomo per l’anno scolastico 2008/09.Corsi di laurea in scienze politiche, relazioni internazionali, diritti umani, pace- Facoltà di Scienze Politiche - Padova A.A. 2008/2009Stato di emergenza immigrazione: prove di democrazia autoritariaMigranti come i gabbiani: le loro odiessee cantate da letterati e artisti, fra poesia e sociologiaLa denuncia di due ragazze sudamericane maltrattate da un poliziotto a RomaParma - La foto della vergognaMediatore culturale,promotore di cittadinanza. Qualifiche Il Lazio ne riconosce il profilo professionaledall'agenzia missionaria MISNA 15/8/2008 - DOPPI STANDARD, INTERROGATIVI E VITTIME DI UNA “GUERRA LAMPO”MIGRAZIONI – RAPPORTO SVIMEZ 2008 – SI RAFFORZA LA MOBILITA’ INTERNA. ELEVATA CONSISTENZA DEL PENDOLARISMOSono aperte le iscrizioni al Laboratorio interculturale di narrazione teatrale IL DONO DELLA DIVERSITÀ, Edizione 2008/2009.Azzurri multicolor - Sono 24 gli atleti Il matrimonio del clandestino e l'espulsione - di Mario Pavone, Presidente 
ANIMIVIII Infopoverty World ConferenceAlle porte di Gori, fra saccheggi e pauraCon la scusa del popolo di GAD LERNER  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati