Se l'emergenza si chiama fame - Moises Naim
Condividi questo articolo


Se l'emergenza si chiama fame


Di cibo ce n'è in abbondanza. Ma con i prezzi che ha ormai raggiunto non è alla portata di tutti


moises naim




Quale fenomeno globale si è presentato all'improvviso, ha danneggiato i consumatori, ha aggravato lo stato di indigenza dei poveri, ha attraversato il pianeta a velocità fulminea seguendo un itinerario singolare e destabilizzando il governo, l'economia e la politica dei Paesi coinvolti? 1. Le crisi finanziarie; 2. L'epidemia del virus Hiv-Aids; 3. L'aviaria; 4. L'aumento dei prezzi dei generi alimentari; 5. Tutti questi fattori.

La risposta giusta, naturalmente è l'ultima. Le crisi finanziarie in Russia, Asia o America latina negli anni '90 o, in tempi più recenti, negli Stati Uniti, hanno colto di sorpresa esperti e governi, incapaci di reagire allo scompiglio provocato dalle crisi. La stessa cosa era accaduta nelle prime fasi della pandemia di Aids: gli esperti e i governi in egual misura erano del tutto inconsapevoli dell'allora poco nota micidiale probabilità dell'Aids di provocare la morte di milioni di persone. Oppure, semplicemente, la negavano. Soltanto quando il virus ha iniziato a diffondersi e le sue conseguenze sono diventate impossibili da ignorare, i singoli governi e le istituzioni internazionali hanno cercato precipitosamente una soluzione. Oggi si sono fatti molti progressi, ma il problema sussiste e tuttora provoca milioni di vittime.

Alcuni anni fa Toronto, la metropoli canadese, ha subito un pesante shock economico e politico. Si sono accertati numerosi casi di febbre aviaria e il fatto di essere un hub per i passeggeri in transito dall'Asia ha indotto gli epidemiologi a concludere che la città correva il rischio di essere travolta da un'esplosione di aviaria, una rara malattia che, se non è diagnosticata tempestivamente e curata efficacemente, conduce a una rapida fine. L'economia di Toronto si è sempre basata molto sul flusso di turisti, viaggiatori e soprattutto partecipanti a convegni internazionali: così, dopo che si è diffusa la notizia, tutti i meeting e i congressi più importanti sono stati spostati in altre città e i viaggiatori in massa si sono tenuti lontani da Toronto.

 

Pertanto, un problema che sulle prime era connesso strettamente a questioni di salute pubblica e si era presentato in una remota provincia della Cina dove galline, anatre, oche e pollame in genere erano allevati in condizioni di assoluta assenza di norme igieniche, ha provocato un'emergenza economica di tutto rilievo in una città dell'emisfero opposto del pianeta, con la quale per altro intratteneva pochi rapporti. Alla fine, si è posto rimedio alla crisi e le sue uniche conseguenze sono state avvertite proprio a Toronto e in alcune città asiatiche dalle quali i turisti hanno preferito tenersi alla larga e gli investitori rimandare i loro affari.

Adesso siamo in presenza di una crisi alimentare per taluni aspetti molto simile alle crisi finanziarie ripetutesi negli anni '90. Anche questa si è presentata furtivamente, cogliendo tutti di sorpresa. Mentre fino a pochi mesi fa i prezzi delle merci e specialmente dei generi alimentari aumentavano gradualmente, di una crisi alimentare ancora non si era mai parlato. Al pari delle crisi finanziarie, quella alimentare colpisce di più i poveri: quelli che vivono al limite della sopravvivenza a Haiti, in Niger o in Bangladesh. A subirne i contraccolpi, però, sono anche le milioni di persone entrate di recente nelle fila della middle-class in Cina, India, Messico o Turchia. Ora che devono spendere la maggior parte dei loro introiti per sfamarsi, lo status da loro acquisito di recente è a rischio.

La crisi alimentare presenta anche alcune caratteristiche ancor più deleterie. Primo: è più globale di qualsiasi altra crisi globale presentatasi fino a questo momento. Tutti subiscono le conseguenze dell'aumento dei generi alimentari, dagli italiani ai nigeriani, dai cinesi agli americani. Se in passato altre crisi hanno attraversato il pianeta, esercitando un impatto su molti paesi o interi continenti, di fatto poche sono state veramente universali quanto l'attuale crisi alimentare. Secondo: nonostante ci siano alcune effettive sacche di massima emergenza, per risolvere le quali secondo il Programma alimentare delle Nazioni Unite è necessaria un'immediata iniezione di 750 milioni di dollari per garantire aiuti a chi altrimenti morirebbe di fame, gli aspetti legati agli aiuti umanitari di questa crisi non sono i più importanti.

Il problema non è solo evitare che alcune comunità africane muoiano di fame per la penuria di generi alimentari: molto più difficile e importante è comprendere che cosa è possibile fare per le famiglie degli slum alle periferie delle città di Mumbai, San Paolo o Lagos, i cui redditi non bastano più a sfamare tutti. Il cibo c'è e ce n'è in abbondanza, ma con i prezzi che ha ormai raggiunto non è alla portata di tutti.

Nessuna delle crisi internazionali vissute finora è altrettanto globale quanto l'attuale crisi alimentare, né maggiormente pericolosa.

traduzione di Anna Bissanti

(05 giugno 2008)

 


Condividi questo articolo

in News: IL VICINO ROMMArzo 2008 - Alunni con cittadinanza non italiana Scuole statali e non statali
Anno Scolastico 2006/2007Il naufragio di 380 fantasmi. Nessuna inchiesta, sconosciute le vittime6 giugno 2008 - Naufragio di immigrati, 13 morti7 giugno 2008 - Malta, naufragati due barconi. Soccorsi più di cinquanta immigratiL'Italia e gli zingari - Tullio De Mauro“Stato di emergenza” in relazione agli insediamenti nomadici: una scelta irrazionale e discriminatoriaL'intervento di Alexian Santino Spinelli alla manifestazione dell'8 Giugno 2008Verso la pulizia etnica anche in Sicilia? - di Fulvio Vassallo Paleologo – Università di Palermo8 giugno 2008 - L'intervento di una donna RomAccadde anche nella Roma dell’Imperatore Nerone, quando i cristiani furono accusati ... - Don Roberto DavanzoI livelli dei Certificati di Studio dell'Istituto Dante Alighieri classificati seguendo i criteri del Consiglio d'Europa (A1, A2 - B1, B2 - C1, C2)La prova nazionale nel quadro dell'esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione - Sezione di valutazione in italianoSe l'emergenza si chiama fame - Moises NaimCosì sta nascendo l'identità nordista - di ILVO DIAMANTII «sinti di Cacciari», troppo normali per trovare ascolto nel paese della pauraEducazione linguistica e educazione alla cittadinanza - Documento Il GISCEL contro la deriva razzistaCRISTINA FERNÁNDEZ ALLA FAO: ''IL PROTEZIONISMO DEL NORD CAUSA L'IMPOVERIMENTO E LA FAME DEL SUD''BAMBINI  e MAESTRI CLANDESTINIFollia antizigana in Italia. EveryOne sul rapimento di NapoliLA ZINGARA - di Jorge Canifa Alves, scrittore afroitaliano di origine capoverdianaNo al dilagante razzismo in Italia - Alex Zanotelli8^ edizione Festival ''Lo Spirito Del Pianeta''Proposta di modifica per l'estensione delle disposizioni di tutela delle minoranze linguistiche storiche alle minoranze dei rom e dei sintiLa festa dei gitani in CamargueIl 2% del Pil prodotto da irregolari pari alla ricchezza portata dai turistil'Onu condanna l'Italia - Corriere.itDalla Cei stop sui CptRoma 3-5 giugno 2008 - Vertice sull’alimentazione - Rialzo dei prezzi alimentari
assistere le popolazioni povere e rilanciare l’agricolturaNon vederci più dalla fame e non vederli per il troppo benessere...La battaglia del tedesco negli asili di BolzanoIl disastro climatico sta già portando la fameLE PRIORITA’ DI ACTIONAID PER COMBATTERE LA CRISI ALIMENTARE: STOP AL BUSINESS DELLA FAMECATANIA  SOLIDALE  con i cittadini ROMMulticulturalismo: LA CULTURA DELLE DIFFERENZE - di Adel Jabbar*A Lampedusa un'opera del maestro Mimmo Paladino in omaggio a tutti i morti delle traversate. La porta che guarda l'Africa in ricordo di chi non è mai arrivato.Le impronte di MaroniGIRASOLE : Campagna di comunicazione sociale sui rischi di contagio di HIV&AIDS e MTS tra la popolazione straniera - le tappe.Il Partigiano Nero: la storia di Giorgio Marincola, Medaglia d'Oro della Resistenza''Lo Spirito del Pianeta'' Festival 2008. Milano, Chiuduno (BG) – maggio / giugno 2008Vivre ensemble sur Terre - Live together on Earth - Quinto World Environmental Education Congress. Montreal- Canada from 10-14 May 2009.Schema di Piano di Azione per l’infanzia e l’adolescenza - Comitato tecnico-scientifico del Centro nazionale di documentazione e analisi per l’infanzia e l’adolescenza - 31 ottobre 2007Se si voltano le spalle alla storia: E’ esistita un’Italia delle leggi razziali, non sono esistite solo le leggi razzialiMigrazione e HIV: campagna di prevenzione e sensibilizzazione realizzata da cittadini immigrati “Campagna Girasole”Accesso studenti stranieri, la proposta della Lega.FELICE  2009 !PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - Regolamento per l’inserimento e l’integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale.Milano: genitori islamici contro il mediatoreCARCERE E NUOVO SCHIAVISMO DOPO IL PACCHETTO SICUREZZA DI MARONIVerona - 25 aprile giorno dell’indignazioneAmos Oz - Io credo ai sogni: solo i sogni cambiano il mondoUn digiuno contro debito e carovitaUN MONDO DI LIBRI… per CeLIM - Milano, Loggia dei MercantiCercasi storie vereSummer School 2008 - Arabic and Islamic Studies
Societies and Cultures in relationship: Mediterranean Area between History, Literary and Artistic TraditionsCapire le differenze, valorizzare le diversità. Di razza ce n’è una sola.
Quella umana.<b>Manifesto degli scienziati antirazzisti 2008</b>Hip Hop L'INTIFADA DELLE PAROLE - LA «RIBELLIONE IN MUSICA» DEI GIOVANI PALESTINESIFormiamo un mondo nuovo: i semi della convivenza. Le proposte formative di Fratelli dell’Uomo per l’anno scolastico 2008/09.Corsi di laurea in scienze politiche, relazioni internazionali, diritti umani, pace- Facoltà di Scienze Politiche - Padova A.A. 2008/2009Stato di emergenza immigrazione: prove di democrazia autoritariaMigranti come i gabbiani: le loro odiessee cantate da letterati e artisti, fra poesia e sociologiaLa denuncia di due ragazze sudamericane maltrattate da un poliziotto a RomaParma - La foto della vergognaMediatore culturale,promotore di cittadinanza. Qualifiche Il Lazio ne riconosce il profilo professionaledall'agenzia missionaria MISNA 15/8/2008 - DOPPI STANDARD, INTERROGATIVI E VITTIME DI UNA “GUERRA LAMPO”MIGRAZIONI – RAPPORTO SVIMEZ 2008 – SI RAFFORZA LA MOBILITA’ INTERNA. ELEVATA CONSISTENZA DEL PENDOLARISMOSono aperte le iscrizioni al Laboratorio interculturale di narrazione teatrale IL DONO DELLA DIVERSITÀ, Edizione 2008/2009.Azzurri multicolor - Sono 24 gli atleti Il matrimonio del clandestino e l'espulsione - di Mario Pavone, Presidente 
ANIMIVIII Infopoverty World ConferenceAlle porte di Gori, fra saccheggi e pauraCon la scusa del popolo di GAD LERNER  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati