I «sinti di Cacciari», troppo normali per trovare ascolto nel paese della paura
Condividi questo articolo



il manifesto del 15 Giugno 2008

MESTRE Il «campo della discordia» che Lega e An vogliono impedire

I «sinti di Cacciari», troppo normali per trovare ascolto nel paese della paura

Orsola Casagrande


MESTRE
«No campo nomadi di Mestre, campo nomadi di Mestre». Quattro o cinque bambini fanno il trenino e girano per il campo canticchiando una canzoncina della quale non capiscono bene il significato. «Ecco - dice sconsolato Stefano - questo è il risultato di questa campagna». I bambini ridacchiano e continuano il loro trenino. «Purtroppo - dice Radiana, operatrice del comune - i bambini sono stati i primi a fare le spese di questa vicenda. A scuola, dove non avevano mai avuto problemi, adesso cominciano a essere isolati dagli altri bambini, a essere presi in giro». All'attuale campo sinti si accede dalla strada, non ci sono cancelli o entrate. Le tre famiglie principali e storiche del campo si sono sistemate a zone. Centocinquanta persone, 45 nuclei familiari. Le roulotte sono accanto a prefabbricati e case mobili. C'è anche qualche casettina di legno. Hanno fatto tutto da soli i sinti per cercare di rendere più accogliente il campo. Che altrimenti effettivamente è assai desolato. Basti pensare che ci sono soltanto quattro servizi igienici e otto docce. Niente elettricità. «D'inverno si gela - dicono Stefano e la moglie Daniela - fare la doccia è una sorta di tortura». Dalla casupola di Stefano e Daniela ai servizi ci saranno una trentina di metri. «Sufficienti per congelare - dice Stefano - anche perchè quando poi si entra nella doccia è freddissimo. L'acqua calda c'è ma finisce presto». Infatti ci sono 100 litri di acqua calda e poi bisogna aspettare un paio d'ore per riaverla. La famiglia più vecchia qui è quella degli Hudorovich, origini crate, ma sono in questo campo dagli anni '60. In Italia da prima: loro sono scappati durante la guerra mondiale. E' stato don Vecchi a concedere il terreno alla comunità sinti. I terreni infatti erano di proprietà della curia. Negli anni qualche miglioria è stata fatta, ma certo si è ormai al limite. Anzi al limite si era già arrivati dieci anni fa. E proprio allora, assieme all'amministrazione comunale, i sinti avevano cominciato a ragionare sull'ipotesi di un nuovo villaggio. I finanziamenti destinati ai contratti di quartiere sono sembrati una buona possibilità e così la gente del campo insieme a operatori e tecnici hanno cominciato a concretizzare un progetto. Ne è venuto fuori il villaggio di via Vallenari. Ma sono passati dieci anni e ancora non c'è nulla. «Il comune però l'anno scorso - dice Stefano - ha deciso di finanziare il progetto visto che ormai i i soldi dei contratti di quartiere erano stati stornati nelle infrastrutture». In teoria i lavori del nuovo villaggio sarebbero dovuti partire nelle settimane scorse, ma la Lega e An si sono opposti, andando a presidiare il sito. «Francamente non ci aspettavamo questa reazione - concordano tutti - perchè noi abitiamo qui da tanti anni, ci conoscono tutti. Andiamo a fare la spesa nei negozi e la gente ci conosce, chiacchiera con noi. E' stata davvero una profonda delusione». La voce di Stefano si incrina rivelando che la ferita è davvero profonda. «Anche con i vicini qui - e indica le case costruite dopo il campo e incredibilmente a ridosso di esso - non è che abbiamo problemi davvero insuperabili». Si lamentano, i vicini, del rumore. Che poi vuol dire della musica, delle feste, dei canti che ogni tanto la comunità organizza. «Perchè per noi ci sono delle feste importanti che celebriamo secondo le nostre tradizioni». Le famiglie qui sono evangeliche e cattoliche. Celebrano i battesimi, il natale, in misura minore la pasqua. I matrimoni non particolarmente. «Sai com'è, - dice Stefano - i fidanzati qui vanno via dal campo per qualche giorno, poi telefonano per sapere se le famiglie sono tranquille, se non ci sono problemi. E allora tornano e si sposano». Non capiscono tanto bene i sinti perchè i gagè si scocciano così tanto per le feste, per la musica. Difficile non condividere il loro stupore: in fondo di fronte a tante cose tristi, dicono, perchè perdere anche la voglia di ridere e stare insieme, festeggiando, cantando e suonando.
I sinti qui a Mestre sono tutti cittadini italiani, da generazioni. «Mio padre - dice Stefano - ha servito la patria. Ha fatto il bersagliere». E la nonna di Gaetano ha fatto la resistenza. Ma a quelli della Lega poco importa. Fanno leva sull'immaginario che vuole gli zingari (tutti) qualcosa da temere. E i luoghi comuni si sprecano. Non pagano le tasse, il comune pensa solo a loro. Gli uomini qui lavorano nella raccolta del ferro. Hanno una convenzione con la Veritas. Quanto agli aiuti comunali. Nel campo viene pagato un solo assegno sociale: a un invalido civile in attesa di pensione di invalidità. Stefano coccola la sua bimba fra le braccia. Ha un anno e mezzo. Orgoglioso papà mostra il vestitino da spagnola che le hanno portato dei parenti. Adesso è difficile spostarsi. Anche loro sono sostanzialmente stanziali. «Figurati - dice ricordando il passato - una volta potevamo andare e fermarci ovunque. Adesso dobbiamo sostare in un campeggio altrimenti sono guai». Il nomadismo è un ricordo. Che viene in parte rispolverato quando un parente sta male. «Allora - dice Stefano - si parte. Magari in quattro in macchina. Sostiamo davanti all'ospedale, dormiamo in macchina ma importante per noi è essere sempre accanto a chi sta male». Ieri in prefettura c'è stato l'ultimo incontro sul nuovo villaggio. Si è deciso di rivedersi martedì per dare modo ai comitati di riesaminare il progetto corretto. Ma mercoledì, ha detto il prefetto, i lavori riprenderanno. I comitati dal canto loro non esiteranno a cercare di mettere i bastoni fra le ruote al progetto, anche utilizzando strumentalmente l'arresto proprio ieri di una donna del campo accusata di furto.

 



Condividi questo articolo

in News: IL VICINO ROMMArzo 2008 - Alunni con cittadinanza non italiana Scuole statali e non statali
Anno Scolastico 2006/2007Il naufragio di 380 fantasmi. Nessuna inchiesta, sconosciute le vittime6 giugno 2008 - Naufragio di immigrati, 13 morti7 giugno 2008 - Malta, naufragati due barconi. Soccorsi più di cinquanta immigratiL'Italia e gli zingari - Tullio De Mauro“Stato di emergenza” in relazione agli insediamenti nomadici: una scelta irrazionale e discriminatoriaL'intervento di Alexian Santino Spinelli alla manifestazione dell'8 Giugno 2008Verso la pulizia etnica anche in Sicilia? - di Fulvio Vassallo Paleologo – Università di Palermo8 giugno 2008 - L'intervento di una donna RomAccadde anche nella Roma dell’Imperatore Nerone, quando i cristiani furono accusati ... - Don Roberto DavanzoI livelli dei Certificati di Studio dell'Istituto Dante Alighieri classificati seguendo i criteri del Consiglio d'Europa (A1, A2 - B1, B2 - C1, C2)La prova nazionale nel quadro dell'esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione - Sezione di valutazione in italianoSe l'emergenza si chiama fame - Moises NaimCosì sta nascendo l'identità nordista - di ILVO DIAMANTII «sinti di Cacciari», troppo normali per trovare ascolto nel paese della pauraEducazione linguistica e educazione alla cittadinanza - Documento Il GISCEL contro la deriva razzistaCRISTINA FERNÁNDEZ ALLA FAO: ''IL PROTEZIONISMO DEL NORD CAUSA L'IMPOVERIMENTO E LA FAME DEL SUD''BAMBINI  e MAESTRI CLANDESTINIFollia antizigana in Italia. EveryOne sul rapimento di NapoliLA ZINGARA - di Jorge Canifa Alves, scrittore afroitaliano di origine capoverdianaNo al dilagante razzismo in Italia - Alex Zanotelli8^ edizione Festival ''Lo Spirito Del Pianeta''Proposta di modifica per l'estensione delle disposizioni di tutela delle minoranze linguistiche storiche alle minoranze dei rom e dei sintiLa festa dei gitani in CamargueIl 2% del Pil prodotto da irregolari pari alla ricchezza portata dai turistil'Onu condanna l'Italia - Corriere.itDalla Cei stop sui CptRoma 3-5 giugno 2008 - Vertice sull’alimentazione - Rialzo dei prezzi alimentari
assistere le popolazioni povere e rilanciare l’agricolturaNon vederci più dalla fame e non vederli per il troppo benessere...La battaglia del tedesco negli asili di BolzanoIl disastro climatico sta già portando la fameLE PRIORITA’ DI ACTIONAID PER COMBATTERE LA CRISI ALIMENTARE: STOP AL BUSINESS DELLA FAMECATANIA  SOLIDALE  con i cittadini ROMMulticulturalismo: LA CULTURA DELLE DIFFERENZE - di Adel Jabbar*A Lampedusa un'opera del maestro Mimmo Paladino in omaggio a tutti i morti delle traversate. La porta che guarda l'Africa in ricordo di chi non è mai arrivato.Le impronte di MaroniGIRASOLE : Campagna di comunicazione sociale sui rischi di contagio di HIV&AIDS e MTS tra la popolazione straniera - le tappe.Il Partigiano Nero: la storia di Giorgio Marincola, Medaglia d'Oro della Resistenza''Lo Spirito del Pianeta'' Festival 2008. Milano, Chiuduno (BG) – maggio / giugno 2008Vivre ensemble sur Terre - Live together on Earth - Quinto World Environmental Education Congress. Montreal- Canada from 10-14 May 2009.Schema di Piano di Azione per l’infanzia e l’adolescenza - Comitato tecnico-scientifico del Centro nazionale di documentazione e analisi per l’infanzia e l’adolescenza - 31 ottobre 2007Se si voltano le spalle alla storia: E’ esistita un’Italia delle leggi razziali, non sono esistite solo le leggi razzialiMigrazione e HIV: campagna di prevenzione e sensibilizzazione realizzata da cittadini immigrati “Campagna Girasole”Accesso studenti stranieri, la proposta della Lega.FELICE  2009 !PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - Regolamento per l’inserimento e l’integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale.Milano: genitori islamici contro il mediatoreCARCERE E NUOVO SCHIAVISMO DOPO IL PACCHETTO SICUREZZA DI MARONIVerona - 25 aprile giorno dell’indignazioneAmos Oz - Io credo ai sogni: solo i sogni cambiano il mondoUn digiuno contro debito e carovitaUN MONDO DI LIBRI… per CeLIM - Milano, Loggia dei MercantiCercasi storie vereSummer School 2008 - Arabic and Islamic Studies
Societies and Cultures in relationship: Mediterranean Area between History, Literary and Artistic TraditionsCapire le differenze, valorizzare le diversità. Di razza ce n’è una sola.
Quella umana.<b>Manifesto degli scienziati antirazzisti 2008</b>Hip Hop L'INTIFADA DELLE PAROLE - LA «RIBELLIONE IN MUSICA» DEI GIOVANI PALESTINESIFormiamo un mondo nuovo: i semi della convivenza. Le proposte formative di Fratelli dell’Uomo per l’anno scolastico 2008/09.Corsi di laurea in scienze politiche, relazioni internazionali, diritti umani, pace- Facoltà di Scienze Politiche - Padova A.A. 2008/2009Stato di emergenza immigrazione: prove di democrazia autoritariaMigranti come i gabbiani: le loro odiessee cantate da letterati e artisti, fra poesia e sociologiaLa denuncia di due ragazze sudamericane maltrattate da un poliziotto a RomaParma - La foto della vergognaMediatore culturale,promotore di cittadinanza. Qualifiche Il Lazio ne riconosce il profilo professionaledall'agenzia missionaria MISNA 15/8/2008 - DOPPI STANDARD, INTERROGATIVI E VITTIME DI UNA “GUERRA LAMPO”MIGRAZIONI – RAPPORTO SVIMEZ 2008 – SI RAFFORZA LA MOBILITA’ INTERNA. ELEVATA CONSISTENZA DEL PENDOLARISMOSono aperte le iscrizioni al Laboratorio interculturale di narrazione teatrale IL DONO DELLA DIVERSITÀ, Edizione 2008/2009.Azzurri multicolor - Sono 24 gli atleti Il matrimonio del clandestino e l'espulsione - di Mario Pavone, Presidente 
ANIMIVIII Infopoverty World ConferenceAlle porte di Gori, fra saccheggi e pauraCon la scusa del popolo di GAD LERNER  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati