Roma 3-5 giugno 2008 - Vertice sull’alimentazione - Rialzo dei prezzi alimentari assistere le popolazioni povere e rilanciare l’agricoltura
Condividi questo articolo



Vertice sull’alimentazione

Roma 3-5 giugno 2008

Capi di stato e di governo, e delegazioni ministeriali ad alto livello, si incontreranno a Roma dal 3 al 5 giugno per discutere della sicurezza alimentare mondiale di fronte alle sfide del rialzo dei prezzi alimentari, del cambiamento climatico e della produzione di biocombustibili.

Il vertice rappresenta un’opportunità storica di rilanciare la lotta contro fame e povertà ed incrementare la produzione agricola nei paesi in via di sviluppo.

All’ordine del giorno:


- L’individuazione delle nuove sfide che minacciano la sicurezza alimentare mondiale in termini di domanda e di offerta, di politiche e struttura del mercato.

- Una migliore comprensione del legame esistente fra sicurezza alimentare, cambiamento climatico e bioenergia.

- L’identificazione di un processo che porti a interventi a livello istituzionale affinché negli accordi internazionali sul clima e sulla bioenergia vengano integrate misure di salvaguardia della sicurezza alimentare.

- Discussione e adozione di politiche, strategie e programmi volti a garantire la sicurezza alimentare mondiale, in particolare di misure per fronteggiare il rialzo dei prezzi alimentari.

- Dichiarazione finale su “Sicurezza alimentare mondiale e azioni necessarie”.

http://www.fao.org/newsroom/it/


Rialzo dei prezzi alimentari
assistere le popolazioni povere e rilanciare l’agricoltura

Vertice dell’alimentazione FAO:
un’opportunità storica di affrontare le sfide alimentari mondiali


 


Roma, 28 maggio 2008 - L’imminente Conferenza ad alto livello sulla sicurezza alimentare mondiale (Roma 3-5 giugno) offre un’opportunità storica di rilanciare la lotta contro fame e povertà ed incrementare la produzione agricola nei paesi in via di sviluppo.

In uno dei documenti programmatici della conferenza, la FAO esorta la comunità internazionale a prendere azioni immediate per affrontare il problema della fame e della malnutrizione, del rialzo dei prezzi alimentari, della scarsità di terra ed acqua, del cambiamento climatico, della produzione di biocombustibili e della crescita della popolazione.

“La drammatica situazione alimentare mondiale evidenzia il fragile equilibrio tra disponibilità mondiale di cibo e fabbisogno della popolazione, e che gli impegni presi in passato per accelerare il cammino verso un mondo senza fame non sono ancora stati realizzati”, ha affermato il Direttore Generale della FAO Jacques Diouf.

“In considerazione del grave squilibrio tra offerta e domanda alimentare mondiale, i mercati cerealicoli potrebbero non riguadagnare stabilità nel breve periodo. I prezzi potrebbero calare, ma con tutta probabilità non torneranno ai bassi livelli passati. Noi speriamo che i leader mondiali che converranno a Roma per il summit adotteranno le misure urgenti necessarie per potenziare la produzione agricola, specialmente nei paesi più colpiti, ed allo stesso tempo proteggere le popolazioni povere dagli effetti negativi dei prezzi alti delle derrate”, ha aggiunto Diouf.

Ancora una situazione di volatilità

I mercati di molte derrate alimentari continuano ad essere in tensione nonostante gli aumenti di produzione, afferma la FAO, che fa notare che ci vorrà tempo per ricostituire le scorte al loro minimo storico. “Ancora per alcune stagioni si potranno verificare brusche impennate dei prezzi ed è prevedibile che in conseguenza di eventi imprevisti continui una situazione di volatilità”, secondo il rapporto FAO “Soaring food prices:facts, perspectives, impacts and actions required” (in inglese).

Molti paesi a causa dell’aumento consistente dei prezzi sia dei generi alimentari che dei combustibili vedono minacciata la propria stabilità macroeconomica e la crescita generale. I consumatori poveri dei centri urbani e i produttori di generi non alimentari delle zone rurali, che spendono una considerevole parte del proprio reddito per l’acquisto del cibo, saranno i più penalizzati.

Il rapporto elenca 22 paesi particolarmente vulnerabili a causa dell’alta percentuale di fame cronica tra la popolazione (oltre il 30 per cento) e del fatto che sono anche importatori netti di cibo e di energia. Particolarmente colpiti paesi quali l’Eritrea, il Niger, le isole Comore, Haiti e la Liberia.

Un aumento dei prezzi a livello nazionale anche percentualmente modesto (10/20 per cento) può avere un immediato effetto negativo sulle famiglie più povere che spendono una larga parte del proprio reddito per il cibo. Le stime della FAO indicano che nel periodo 2002-2004 il numero delle persone sottonutrite era di 862 milioni, 830 milioni dei quali nei paesi in via di sviluppo.

L’approccio del “doppio binario”

Con l’attuale situazione di prezzi alimentari sostenuti, fornire assistenza d’emergenza alle popolazioni più povere e denutrite ed al tempo stesso rilanciare l’agricoltura e rafforzare le comunità rurali sono entrambi elementi chiave, secondo la FAO, per ridurre la fame e far migliorare la situazione alimentare mondiale.

Proteggere i più vulnerabili sia nelle aree rurali che in quelle urbane richiederà una distribuzione mirata di cibo, sussidi alimentari e trasferimento di denaro, come pure programmi nutrizionali, ad esempio i pasti scolastici. Il rafforzamento delle protezioni sociali è particolarmente importante per i gruppi più vulnerabili, bambini, donne incinte ed anziani.

Le misure di protezione

Come risposta di breve periodo, occorre incrementare urgentemente la produzione alimentare locale. Gli interventi dovrebbero includere la distribuzione ai piccoli contadini di sementi, fertilizzanti, mangimi animali ed altri fattori produttivi mediante buoni o sovvenzioni. Se realizzato in modo efficace un programma di questo tipo farà aumentare l’offerta nei paesi poveri e di conseguenza la disponibilità di cibo, farà incrementare il reddito dei piccoli produttori e ridurre gli aumenti dei prezzi a livello di mercati locali. La FAO ha chiesto 1,7 miliardi di dollari per fornire ai paesi a basso reddito con deficit alimentare sementi, fertilizzanti ed altri fattori produttivi per incrementare la produzione.

Il 17 dicembre dello scorso anno il Direttore Generale della FAO, Jacques Diouf, ha annunciato l’erogazione di 17 milioni di dollari da parte della FAO, dalla proprie risorse, per dare l’avvio a questa iniziativa.

Nel documento si sottolinea come prezzi alimentari sostenuti rappresentino un’ eccellente opportunità per incrementare gli investimenti nel settore agricolo, sia pubblici che privati, per dare impulso alla produzione. In questo contesto si auspicano maggiori investimenti in aree troppo a lungo trascurate come la ricerca agricola, la divulgazione e le infrastrutture, soprattutto per dare assistenza agli agricoltori poveri che vivono in terre marginali e non hanno accesso alla terra ed alla risorse idriche. I contadini poveri dovrebbero avere maggiore accesso ai fattori produttivi, soprattutto alla terra ed all’acqua.

Le misure commerciali

Il rapporto fa notare che le misure commerciali unilaterali, prese dai paesi per garantire la disponibilità di cibo a livello nazionale, possono esacerbare l’instabilità dei mercati e avere conseguenze sulla sicurezza alimentare in altri paesi. Da questo punto di vista è importante coordinare le politiche. La produzione e le politiche commerciali riguardanti i biocarburanti dovrebbero anch’esse essere riviste alla luce dei loro effetti sui mercati alimentari internazionali e dunque sulla sicurezza alimentare, specialmente nei paesi più vulnerabili. È di vitale importanza che le decisione che si prendono e le politiche che si applicano tengano sempre presente la sicurezza alimentare mondiale.

“Questo è un momento storico unico: per la prima volta in 25 anni vi è un incentivo fondamentale – i prezzi alti dei generi alimentari – per dare impulso al settore agricolo”, ha affermato Jacques Diouf. “I governi con l’appoggio dei loro partner internazionali, devono adesso impegnarsi con i necessari investimenti pubblici e creare un ambiente favorevole capace di attrarre gli investimenti privati, garantendo nel contempo che i più vulnerabili siano protetti dalla fame”.

Il vertice di giugno sulla sicurezza alimentare offrirà un forum irripetibile ai leader mondiali di adottare politiche, strategie e programmi necessari per superare le sfide che si frappongono alla sicurezza alimentare mondiale. Molti capi di stato e di governo hanno già confermato la loro partecipazione al vertice, al quale parteciperà anche il Segretario Generale delle Nazioni Unite, i responnsabili di molte organizzazioni delle Nazioni Unite e delle istituzioni di Bretton Woods.

 

http://www.fao.org/newsroom/it/news/2008/1000847/index.html


Condividi questo articolo

in News: IL VICINO ROMMArzo 2008 - Alunni con cittadinanza non italiana Scuole statali e non statali
Anno Scolastico 2006/2007Il naufragio di 380 fantasmi. Nessuna inchiesta, sconosciute le vittime6 giugno 2008 - Naufragio di immigrati, 13 morti7 giugno 2008 - Malta, naufragati due barconi. Soccorsi più di cinquanta immigratiL'Italia e gli zingari - Tullio De Mauro“Stato di emergenza” in relazione agli insediamenti nomadici: una scelta irrazionale e discriminatoriaL'intervento di Alexian Santino Spinelli alla manifestazione dell'8 Giugno 2008Verso la pulizia etnica anche in Sicilia? - di Fulvio Vassallo Paleologo – Università di Palermo8 giugno 2008 - L'intervento di una donna RomAccadde anche nella Roma dell’Imperatore Nerone, quando i cristiani furono accusati ... - Don Roberto DavanzoI livelli dei Certificati di Studio dell'Istituto Dante Alighieri classificati seguendo i criteri del Consiglio d'Europa (A1, A2 - B1, B2 - C1, C2)La prova nazionale nel quadro dell'esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione - Sezione di valutazione in italianoSe l'emergenza si chiama fame - Moises NaimCosì sta nascendo l'identità nordista - di ILVO DIAMANTII «sinti di Cacciari», troppo normali per trovare ascolto nel paese della pauraEducazione linguistica e educazione alla cittadinanza - Documento Il GISCEL contro la deriva razzistaCRISTINA FERNÁNDEZ ALLA FAO: ''IL PROTEZIONISMO DEL NORD CAUSA L'IMPOVERIMENTO E LA FAME DEL SUD''BAMBINI  e MAESTRI CLANDESTINIFollia antizigana in Italia. EveryOne sul rapimento di NapoliLA ZINGARA - di Jorge Canifa Alves, scrittore afroitaliano di origine capoverdianaNo al dilagante razzismo in Italia - Alex Zanotelli8^ edizione Festival ''Lo Spirito Del Pianeta''Proposta di modifica per l'estensione delle disposizioni di tutela delle minoranze linguistiche storiche alle minoranze dei rom e dei sintiLa festa dei gitani in CamargueIl 2% del Pil prodotto da irregolari pari alla ricchezza portata dai turistil'Onu condanna l'Italia - Corriere.itDalla Cei stop sui CptRoma 3-5 giugno 2008 - Vertice sull’alimentazione - Rialzo dei prezzi alimentari
assistere le popolazioni povere e rilanciare l’agricolturaNon vederci più dalla fame e non vederli per il troppo benessere...La battaglia del tedesco negli asili di BolzanoIl disastro climatico sta già portando la fameLE PRIORITA’ DI ACTIONAID PER COMBATTERE LA CRISI ALIMENTARE: STOP AL BUSINESS DELLA FAMECATANIA  SOLIDALE  con i cittadini ROMMulticulturalismo: LA CULTURA DELLE DIFFERENZE - di Adel Jabbar*A Lampedusa un'opera del maestro Mimmo Paladino in omaggio a tutti i morti delle traversate. La porta che guarda l'Africa in ricordo di chi non è mai arrivato.Le impronte di MaroniGIRASOLE : Campagna di comunicazione sociale sui rischi di contagio di HIV&AIDS e MTS tra la popolazione straniera - le tappe.Il Partigiano Nero: la storia di Giorgio Marincola, Medaglia d'Oro della Resistenza''Lo Spirito del Pianeta'' Festival 2008. Milano, Chiuduno (BG) – maggio / giugno 2008Vivre ensemble sur Terre - Live together on Earth - Quinto World Environmental Education Congress. Montreal- Canada from 10-14 May 2009.Schema di Piano di Azione per l’infanzia e l’adolescenza - Comitato tecnico-scientifico del Centro nazionale di documentazione e analisi per l’infanzia e l’adolescenza - 31 ottobre 2007Se si voltano le spalle alla storia: E’ esistita un’Italia delle leggi razziali, non sono esistite solo le leggi razzialiMigrazione e HIV: campagna di prevenzione e sensibilizzazione realizzata da cittadini immigrati “Campagna Girasole”Accesso studenti stranieri, la proposta della Lega.FELICE  2009 !PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - Regolamento per l’inserimento e l’integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale.Milano: genitori islamici contro il mediatoreCARCERE E NUOVO SCHIAVISMO DOPO IL PACCHETTO SICUREZZA DI MARONIVerona - 25 aprile giorno dell’indignazioneAmos Oz - Io credo ai sogni: solo i sogni cambiano il mondoUn digiuno contro debito e carovitaUN MONDO DI LIBRI… per CeLIM - Milano, Loggia dei MercantiCercasi storie vereSummer School 2008 - Arabic and Islamic Studies
Societies and Cultures in relationship: Mediterranean Area between History, Literary and Artistic TraditionsCapire le differenze, valorizzare le diversità. Di razza ce n’è una sola.
Quella umana.<b>Manifesto degli scienziati antirazzisti 2008</b>Hip Hop L'INTIFADA DELLE PAROLE - LA «RIBELLIONE IN MUSICA» DEI GIOVANI PALESTINESIFormiamo un mondo nuovo: i semi della convivenza. Le proposte formative di Fratelli dell’Uomo per l’anno scolastico 2008/09.Corsi di laurea in scienze politiche, relazioni internazionali, diritti umani, pace- Facoltà di Scienze Politiche - Padova A.A. 2008/2009Stato di emergenza immigrazione: prove di democrazia autoritariaMigranti come i gabbiani: le loro odiessee cantate da letterati e artisti, fra poesia e sociologiaLa denuncia di due ragazze sudamericane maltrattate da un poliziotto a RomaParma - La foto della vergognaMediatore culturale,promotore di cittadinanza. Qualifiche Il Lazio ne riconosce il profilo professionaledall'agenzia missionaria MISNA 15/8/2008 - DOPPI STANDARD, INTERROGATIVI E VITTIME DI UNA “GUERRA LAMPO”MIGRAZIONI – RAPPORTO SVIMEZ 2008 – SI RAFFORZA LA MOBILITA’ INTERNA. ELEVATA CONSISTENZA DEL PENDOLARISMOSono aperte le iscrizioni al Laboratorio interculturale di narrazione teatrale IL DONO DELLA DIVERSITÀ, Edizione 2008/2009.Azzurri multicolor - Sono 24 gli atleti Il matrimonio del clandestino e l'espulsione - di Mario Pavone, Presidente 
ANIMIVIII Infopoverty World ConferenceAlle porte di Gori, fra saccheggi e pauraCon la scusa del popolo di GAD LERNER  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati