dall'agenzia missionaria MISNA 15/8/2008 - DOPPI STANDARD, INTERROGATIVI E VITTIME DI UNA “GUERRA LAMPO”
Condividi questo articolo


dall'agenzia missionaria MISNA 15/8/2008     


 


DOPPI STANDARD, INTERROGATIVI E VITTIME DI UNA “GUERRA LAMPO”


  


“Saakashvili sperava in una guerra lampo che consentisse di bloccare l’unico tunnel che collega il Caucaso russo con l’Ossezia meridionale” dice alla MISNA Aleksandr Luk’janov, editorialista del quotidiano ‘Izvestija’ e direttore della rivista ‘La Russia nella politica globale’. “La nota congiunta diffusa dopo l’incontro a Mosca tra Medvedev e il presidente di turno dell’Unione Europea Nicolas Sarkozy – sottolinea l’esperto – prevede ‘negoziati internazionali’ sullo status dell’Abkhazia e dell’Ossezia meridionale, una formula che rende la secessione formale delle due regioni solo una questione di tempo”. Mentre ancora proseguivano i bombardamenti russi e risuonavano i colpi dell’artiglieria georgiana, a Tbilisi l’inviato del dipartimento di stato americano che avrebbe dovuto favorire una soluzione della crisi aveva espresso un punto di vista diverso: “Quest’invasione Mosca l’ha pianificata”, in fondo anticipazione della successiva dura condanna della Casa Bianca e della quanto meno sospetta “massiccia operazione umanitaria, con l’uso degli aerei militari e delle navi Usa” annunciata dal presidente George Bush. Sulle ragioni del conflitto esistono ovviamente versioni contrapposte: i reparti georgiani – sostiene il Cremlino - hanno invaso l’Ossezia del sud in violazione del cessate il fuoco concordato dopo il conflitto civile del 1993, bersagliato i “peacekeeper” russi e ucciso nel solo capoluogo Tskhinvali 1500 civili inermi; con l’appoggio dei separatisti osseti – ribatte da Tbilisi il presidente Mikhajl Saakashvili – Mosca ha occupato buona parte del territorio georgiano e riproposto la dottrina della “sovranità limitata” già messa in atto nel 1956 in Ungheria e nel 1968 in Cecoslovacchia.


 


Dichiarazioni partigiane e proclami interessati sembrano nascondere dinamiche complesse.


 


A fornire uno spunto di riflessione sono le parole con le quali il presidente russo Dmitrij Medvedev ha annunciato la conclusione delle azioni militari: “I nostri obiettivi sono stati raggiunti, la sicurezza dei ‘peacekeeper’ e della popolazione civile è stata garantita, l’aggressore è stato punito e ha subito perdite significative”.


 


Per giorni le principali fonti di stampa internazionali hanno dato conto della schiacciante superiorità bellica della Russia, raccontato di porti e infrastrutture inservibili e, nel complesso, di un apparato militare paralizzato dai bombardamenti; prima che Medvedev ribadisse le condizioni per “una “soluzione definitiva” - il ritiro dell’esercito georgiano fino alle “posizioni iniziali” e la firma di “un documento giuridicamente vincolante sulla rinuncia all’uso della forza” - il conflitto si era esteso all’Abkhazia, l’altra enclave separatista che dal 2004 Saakashvili promette di riportare sotto il controllo di Tbilisi.


 


In un articolo pubblicato in questi giorni, il corrispondente moscovita del “New York Times” prova ad analizzare i rapporti tra la Casa Bianca e il giovane presidente georgiano: studi universitari ad Harvard, sostenitore dell’ingresso di Tbilisi nella Nato con una certa propensione per la retorica nazionalista, Saakashvili sarebbe stato visto inizialmente come una speranza di “cambiamento” e “democrazia” nel cuore dell’ex-Unione Sovietica, proprio nella repubblica che aveva dato i natali a Stalin; in diversi ambienti dell’amministrazione americana, però, si sarebbe fatta strada l’idea che Saakashvili sia diventato piuttosto l’incarnazione dei “sospetti della Russia sulle intenzioni degli Stati Uniti nel vecchio impero del Cremlino”. Alcuni episodi aiutano a comprendere i timori di Mosca. Dopo l’inizio dell’offensiva di Tbilisi, lanciata mentre gli occhi del mondo erano tutti per l’apertura delle Olimpiadi di Pechino, l’esercito americano ha messo a disposizione i suoi aerei per far tornare in patria i 2000 soldati georgiani impegnati in Iraq; dopo la cosiddetta “rivoluzione delle rose” che nel dicembre 2003 depose Eduard Shevarnadze, l’ex-ministro degli Esteri sovietico presidente della Georgia per buona parte degli anni ’90, gli Stati Uniti hanno offerto a Tbilisi programmi di addestramento e, insieme a Israele e Ucraina, armi di “ultima generazione”. I legami tra la Casa Bianca e la nuova dirigenza georgiana sono stati confermati nel 2006 dall’entrata in funzione del cosiddetto Baku-Tbilisi-Ceyhan (Btc), l’unico grande oleodotto che collega i giacimenti del Caspio ai mercati occidentali senza attraversare il territorio russo. Diverse fonti di stampa indicano nel nodo degli approvvigionamenti energetici una delle cause di fondo del conflitto. Di sicuro, però, sembra esserci solo l’utilizzo del petrolio come strumento di propaganda: Tbilisi ha sostenuto che i russi hanno bombardato almeno due volte il Btc ma dalla British Petroleum, una delle società occidentali che gestisce il condotto, sono arrivate solo smentite. Restano sullo sfondo della “grande politica”, incomprensibili per la maggior parte di lettori e telespettatori occidentali, gli aggrovigliati nodi del Caucaso. E, come suggerisce oggi un’analisi di ‘Izvestija’, resta difficile cancellare del tutto l’impressione di “doppi standard”, singolari somiglianze o almeno curiose parentele: l’Ossezia del sud e l’Abkhazia con il Kosovo, e il Caucaso intero con i vicini Balcani. In questo scenario, chi si occuperà davvero, senza secondi fini o con altri scopi più o meno confessabili, dei 74.000 profughi segnalati oggi dalla Caritas? Don Alexander Pietrzyk, direttore della sezione russa, ha visitato i campi dei rifugiati: “Sono fuggiti dalle case senza portare nulla con sé. Hanno bisogno di tutto, dal cibo alle medicine, ai vestiti. Abbiamo incontrato bambini, donne, anziani. Nei loro occhi si percepisce l'inquietudine e la paura del domani”.


 


 (A cura di Vincenzo Giardina)



Condividi questo articolo

in News: IL VICINO ROMMArzo 2008 - Alunni con cittadinanza non italiana Scuole statali e non statali
Anno Scolastico 2006/2007Il naufragio di 380 fantasmi. Nessuna inchiesta, sconosciute le vittime6 giugno 2008 - Naufragio di immigrati, 13 morti7 giugno 2008 - Malta, naufragati due barconi. Soccorsi più di cinquanta immigratiL'Italia e gli zingari - Tullio De Mauro“Stato di emergenza” in relazione agli insediamenti nomadici: una scelta irrazionale e discriminatoriaL'intervento di Alexian Santino Spinelli alla manifestazione dell'8 Giugno 2008Verso la pulizia etnica anche in Sicilia? - di Fulvio Vassallo Paleologo – Università di Palermo8 giugno 2008 - L'intervento di una donna RomAccadde anche nella Roma dell’Imperatore Nerone, quando i cristiani furono accusati ... - Don Roberto DavanzoI livelli dei Certificati di Studio dell'Istituto Dante Alighieri classificati seguendo i criteri del Consiglio d'Europa (A1, A2 - B1, B2 - C1, C2)La prova nazionale nel quadro dell'esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione - Sezione di valutazione in italianoSe l'emergenza si chiama fame - Moises NaimCosì sta nascendo l'identità nordista - di ILVO DIAMANTII «sinti di Cacciari», troppo normali per trovare ascolto nel paese della pauraEducazione linguistica e educazione alla cittadinanza - Documento Il GISCEL contro la deriva razzistaCRISTINA FERNÁNDEZ ALLA FAO: ''IL PROTEZIONISMO DEL NORD CAUSA L'IMPOVERIMENTO E LA FAME DEL SUD''BAMBINI  e MAESTRI CLANDESTINIFollia antizigana in Italia. EveryOne sul rapimento di NapoliLA ZINGARA - di Jorge Canifa Alves, scrittore afroitaliano di origine capoverdianaNo al dilagante razzismo in Italia - Alex Zanotelli8^ edizione Festival ''Lo Spirito Del Pianeta''Proposta di modifica per l'estensione delle disposizioni di tutela delle minoranze linguistiche storiche alle minoranze dei rom e dei sintiLa festa dei gitani in CamargueIl 2% del Pil prodotto da irregolari pari alla ricchezza portata dai turistil'Onu condanna l'Italia - Corriere.itDalla Cei stop sui CptRoma 3-5 giugno 2008 - Vertice sull’alimentazione - Rialzo dei prezzi alimentari
assistere le popolazioni povere e rilanciare l’agricolturaNon vederci più dalla fame e non vederli per il troppo benessere...La battaglia del tedesco negli asili di BolzanoIl disastro climatico sta già portando la fameLE PRIORITA’ DI ACTIONAID PER COMBATTERE LA CRISI ALIMENTARE: STOP AL BUSINESS DELLA FAMECATANIA  SOLIDALE  con i cittadini ROMMulticulturalismo: LA CULTURA DELLE DIFFERENZE - di Adel Jabbar*A Lampedusa un'opera del maestro Mimmo Paladino in omaggio a tutti i morti delle traversate. La porta che guarda l'Africa in ricordo di chi non è mai arrivato.Le impronte di MaroniGIRASOLE : Campagna di comunicazione sociale sui rischi di contagio di HIV&AIDS e MTS tra la popolazione straniera - le tappe.Il Partigiano Nero: la storia di Giorgio Marincola, Medaglia d'Oro della Resistenza''Lo Spirito del Pianeta'' Festival 2008. Milano, Chiuduno (BG) – maggio / giugno 2008Vivre ensemble sur Terre - Live together on Earth - Quinto World Environmental Education Congress. Montreal- Canada from 10-14 May 2009.Schema di Piano di Azione per l’infanzia e l’adolescenza - Comitato tecnico-scientifico del Centro nazionale di documentazione e analisi per l’infanzia e l’adolescenza - 31 ottobre 2007Se si voltano le spalle alla storia: E’ esistita un’Italia delle leggi razziali, non sono esistite solo le leggi razzialiMigrazione e HIV: campagna di prevenzione e sensibilizzazione realizzata da cittadini immigrati “Campagna Girasole”Accesso studenti stranieri, la proposta della Lega.FELICE  2009 !PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - Regolamento per l’inserimento e l’integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale.Milano: genitori islamici contro il mediatoreCARCERE E NUOVO SCHIAVISMO DOPO IL PACCHETTO SICUREZZA DI MARONIVerona - 25 aprile giorno dell’indignazioneAmos Oz - Io credo ai sogni: solo i sogni cambiano il mondoUn digiuno contro debito e carovitaUN MONDO DI LIBRI… per CeLIM - Milano, Loggia dei MercantiCercasi storie vereSummer School 2008 - Arabic and Islamic Studies
Societies and Cultures in relationship: Mediterranean Area between History, Literary and Artistic TraditionsCapire le differenze, valorizzare le diversità. Di razza ce n’è una sola.
Quella umana.<b>Manifesto degli scienziati antirazzisti 2008</b>Hip Hop L'INTIFADA DELLE PAROLE - LA «RIBELLIONE IN MUSICA» DEI GIOVANI PALESTINESIFormiamo un mondo nuovo: i semi della convivenza. Le proposte formative di Fratelli dell’Uomo per l’anno scolastico 2008/09.Corsi di laurea in scienze politiche, relazioni internazionali, diritti umani, pace- Facoltà di Scienze Politiche - Padova A.A. 2008/2009Stato di emergenza immigrazione: prove di democrazia autoritariaMigranti come i gabbiani: le loro odiessee cantate da letterati e artisti, fra poesia e sociologiaLa denuncia di due ragazze sudamericane maltrattate da un poliziotto a RomaParma - La foto della vergognaMediatore culturale,promotore di cittadinanza. Qualifiche Il Lazio ne riconosce il profilo professionaledall'agenzia missionaria MISNA 15/8/2008 - DOPPI STANDARD, INTERROGATIVI E VITTIME DI UNA “GUERRA LAMPO”MIGRAZIONI – RAPPORTO SVIMEZ 2008 – SI RAFFORZA LA MOBILITA’ INTERNA. ELEVATA CONSISTENZA DEL PENDOLARISMOSono aperte le iscrizioni al Laboratorio interculturale di narrazione teatrale IL DONO DELLA DIVERSITÀ, Edizione 2008/2009.Azzurri multicolor - Sono 24 gli atleti Il matrimonio del clandestino e l'espulsione - di Mario Pavone, Presidente 
ANIMIVIII Infopoverty World ConferenceAlle porte di Gori, fra saccheggi e pauraCon la scusa del popolo di GAD LERNER  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati