MEMORICIDIO A BAGHDAD: gigantesche perdite sofferte dalle biblioteche e tra queste la biblioteca nazionale
Condividi questo articolo


MEMORICIDIO A BAGHDAD
Stralci da una intervista con Fernando Baez esperto internazionale di Biblioteche,
a cura di P. Gàmez corrispondente di Moneda in Europa.

 





"Le biblioteche sono quelle che presentano molti danni e sono quelle meno seguite. E' da notare che in Iraq non c'è nessuno specializzato nel restauro delle biblioteche. Quasi tutti sono esperti di museologia, ma nessuno ha competenze per la enorme ricostruzione da fare nelle biblioteche irachene".


Fernando Bàez fa parte delle diverse commissioni di investigazioni sui danni al patrimonio culturale iracheno. Consulente UNESCO, esperto internazionale di biblioteche, assicura che sebbene i musei hanno sofferto di irreparabili danni per la sottrazione di pezzi archeologici di grande valore storico, poco si parla delle gigantesche perdite che hanno sofferto le biblioteche del paese e tra queste la biblioteca nazionale di Baghdad.
"Molti ignorano che oltre ai libri sono stati distrutti gli archivi. L'archivio Nazionale si trovava al lato della Biblioteca Nazionale. Risultano persi più di dieci milioni di documenti, dal periodo ottomano a importantissimi documenti collegati alla recente storia irachena.
Questa può essere considerata la prima grande distruzione dei libri del 21 secolo. Come il secolo 20 è stato caratterizzato dal rogo nazista dei libri  del '33 (vero e proprio bibliocausto) il nostro secolo sarà caratterizzato da questo infelice inizio. L'aprile del 2003 non sarà mai dimenticato....Baghdad ha un tratto molto particolare: questa città è una specie di mito nella coscienza dell'oriente e dell'occidente del mondo. E' stata il centro de Le Mille e una Notte. Da Baghdad uscirono verso l'Europa centinaia di manoscritti di Aristotele e altri classici greci tradotti che influirono nella formazione degli intellettuali più importanti del medio evo. In questa terra nacque il libro 55 secoli fa, esattamente nel 3200 a.c. nella città di Uruk quando era fiorente la civiltà dei sumeri."

 

    

 


"Memoricidio perché più di un milione di libri è sparito durante la caduta di Baghdad oltre alle tavolette di argilla distrutte o rubate dal museo archeologico. E dall'archivio Nazionale si sono persi milioni di documenti."


"Le altre biblioteche irachene danneggiate: più di 700 manoscritti antichi furono distrutti e più di 1500 sparirono nella Maktabat al-Awqaf al-Markaziyya, un centro di studi religiosi. Nella Casa de la Sapienza (Bayt al-Hikma), centinaia di volumi furono distrutti dal fuoco. Nell'Accademia delle Scienze dell' Iraq (al-Majma' al-'Ilmi al-Iraqi) il 60% dei testi. La Madrasa Mustansiriyya, il centro della legge, fu saccheggiata. L'Università di Bagdad ha vissuto momenti di angoscia per la caduta di un missile che causò numerosi danni. Successivamente si seppe di furti rilevanti... La Biblioteca della scuola di Medicina fu, anch'essa, saccheggiata. In altre parti del paese, rapporti confidenziali parlano di danni minori a biblioteche di Mosul: Deir Mar Behnam, e Maktabat Karakosh, Madrasa al-Jalili, e la Maktabat Mahmud al-Jalili. Il destino della Bash A'yan al-'Abbasiyya, a Bassora, non riesce a essere ancora stimato. Tutto ciò vale anche per altre regioni come Erbil, dove ha sede la Maktabat al-Mufti, la biblioteca dell'Università Salah al-Din, o come a Karbala, dove ha sede la Dar al-Makhtutat, o a Najaf, dove hanno subito incenti danni la Maktabat Amir al-Mu'iminin, la Maktabat al-Hakim e la Maktabat Kashif al-Ghita.

Le perdite sono inestimabili. Manoscritti con le prime traduzioni in arabo di Aristotele, opere di Omar Khayyam, testi di letteratura persiana antica, di poeti sufi, novelle, cronache arabe, mappe persiane, donazioni di letteratura occidentale.

Dei libri della biblioteca salvati (si dice attorno al 30/35%) una parte è stata rubata e si trova in vendita nelle strade dove si possono acquistare a prezzi bassissimi volumi con il timbro della biblioteca nazionale".


Condividi questo articolo

in InVento di Pace: MAESTRI. NORBERTO BOBBIO: NON UCCIDEREAleksandar Zograf - Diario di guerraLa e-bomb che distrugge il pensieroBarbara Lee ha votato anche per me - L'altra America: calendario pacifista di San Francisco e della Bay AreaAPPELLO AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PER IL 2 GIUGNO FESTA DELLA COSTITUZIONE
SENZA PARATA MILITARE2e Salon international des Initiatives de Paix - Paris - 2, 3, 4 juin 2006 - BilancioRIPUDIARE LA GUERRA O LA COSTITUZIONE ? EMERGENCY - 30 giugno 2006IO VIVO IN PACE E VOGLIO LA PACE - Appello per il ritiro delle truppe dall'AFghanistanDa Beirut al silenzio di Cana: il viaggio degli aiuti umanitariBeirut prova a vivere sotto la guerra - Diario di un operatore umanitario dalla capitale libaneseAppello a tutte le donne e uomini di buona volontà. Il 26 agosto incontriamoci ad Assisi per la pace in Medio OrientePreghiere per il Darfur: Arcivescovo Desmond Tutu, Sceicco Ibrahim Mogra, Arcivescovo di Canterbury, Rabbino capo Sir Jonathan SacksLA STRATEGIA DELLA SICUREZZA NAZIONALE DEGLI STATI UNITI D’AMERICAUn Presidente alla derivaLa pace è la strada: appello per il ritiro delle truppeLettera di Alessandro Marescotti (Peacelink) ai leader del centrosinistraPer quale nobile causa - Cindy Sheehan in ItaliaLa Tavola della pace compie 10 anniPer  Non  Dimenticare  la   SHOAH - di Le colonne dei diritti: Itinerari scolastici ed extrascolastici di sensibilizzazione e formazione per una cultura di paceQuestione Iran: la società civile analizza due ipotesi per la pacifica soluzione della crisiProseguono le negoziazioni per la definizione del nuovo statuto dell'Alto KarabakhManuale delle Nazioni Unite sui negoziati umanitari con gruppi armatiDarfur: Rapporto dall'Alto Commissario per i diritti umaniMEMORICIDIO A BAGHDAD: gigantesche perdite sofferte dalle biblioteche e tra queste la biblioteca nazionaleEducazione e cultura per la Pace e la Legalità. Agnese:Una voce che canta la PaceHaifa: il simbolo violato50 anni di genocidio e guerra in SudanQuando finirà la guerra globale?La Nonviolenza è l'unica arma della Pace..!  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati