Preghiere per il Darfur: Arcivescovo Desmond Tutu, Sceicco Ibrahim Mogra, Arcivescovo di Canterbury, Rabbino capo Sir Jonathan Sacks
Condividi questo articolo


Preghiere per il Darfur






PREGHIAMO INSIEME PER IL DARFUR
Arcivescovo Desmond Tutu


Preghiamo per la gente del Darfur che è stata perseguitata dal terrore e obbligata ad abbandonare le proprie case, per quelli che si sono rifugiati nei campi profughi e che vivono ancora nella paura.
Preghiamo per i morti e le loro famiglie.
Preghiamo per le donne del Darfur che ogni giorno affrontano il pericolo quando lasciano il loro campo per andare a fare la legna. Veglia sulle Tue figlie.
Preghiamo per i bambini del Darfur, soprattutto per quelli che vanno incontro a un mondo spaventoso senza uno dei loro genitori o senza entrambi. Proteggili e confortali.
Preghiamo per la sicurezza degli operatori delle associazioni umanitarie che procurano alimenti alla popolazione del Darfur e se ne prendono cura.
Preghiamo per la sicurezza delle missioni di pace delle Nazioni Unite che iniziano le loro operazioni nel Darfur.
Preghiamo perché i leader mondiali siano guidati da Te nella loro ricerca di giustizia e sicurezza per il popolo del Darfur. Che siano ispirati dalla Tua umanità.
Ricordati che siamo tutti Tuoi figli e insegnaci ad ascoltare.
Preghiamo perché quelli che stanno causando morte e miseria nel Darfur abbandonino il razzismo e la violenza. Che possano essere perdonati quando si rivolgeranno finalmente a te per trovare il loro cammino.




PREGHIERA PER IL DARFUR
Sceicco Ibrahim Mogra, Capo del Comitato per le Relazioni interreligiose del Concilio musulmano di Gran Bretagna


Bismillah rahmaan iraheem


Il verso 104 nella surah Al Imran del sacro Corano dice:


“Mi auguro che scaturisca in mezzo a voi una comunità che inviti la gente al bene, che sappia imporsi nel comandare cose convenienti e proibisca le cattive azioni. Chi ne farà parte sarà gente che ha tutto da guadagnare.”
[Traduzione da “Il Corano”, a cura di Federico Peirone, Milano, Arnoldo Mondatori Editore, 1984, I, p.139]


O Dio! Facci essere oggi il popolo che invita al bene, che sa imporre ciò che è conveniente, che proibisce le cattive azioni. O Dio! In Te è la più alta consolazione di fronte a ogni sventura, in Te il compenso di ogni mancanza, in Te il risarcimento di ogni dolorosa perdita. O Dio! Noi abbiamo fiducia in Te, cerchiamo il Tuo aiuto e speriamo nella Tua misericordia. O Dio onnisciente, che tutto vedi, che tutto ascolti, Ti chiediamo di offrire sollievo ai cuori e alle menti del popolo del Darfur, di dare a tutti loro pazienza, forza e consolazione. Di dare speranza, fede e luce. O Dio! Ti chiediamo di alleviare l’oppressione e porre fine a quella atrocità. Chiediamo che smettano le uccisioni, abbiano termine i massacri, che donne e bambini possano vivere sicuri, sani e felici. O Dio! Proteggi questa gente e anche quelli che li aiutano. Restituisci al popolo del Darfur le case, le famiglie, le comunità, l’umanità, la speranza e i sogni per il futuro che gli appartengono. O Dio! Arresta la violenza, l’odio, gli stupri, la fame, le malattie e le stragi di massa di vittime innocenti. O Dio! Ti chiediamo che la comunità internazionale reagisca di fronte a questa crisi e agisca in fretta, senza permettere una crisi umanitaria. O Dio! Ti chiediamo che venga impedito ogni altro genocidio e che il mondo non rimanga in disparte ad assistere a un altro olocausto,un’altra Ruanda o un’altra Bosnia. O Dio! Ti chiediamo di dare saggezza ai nostri leader e la capacità di usare il loro potere per il bene e non per il male. O Dio! Perdona il nostro egoismo, permettici di sentire il dolore del Darfur e rendici capaci (credimi, possiamo) di fare qualcosa di diverso e di opporci alle avversità uniti e forti. O Dio! Dacci più comprensione, più empatia e la capacità di ricordare. O Dio! Purifica i nostri cuori e le nostre anime, scaccia il razzismo e l’orgoglio dal nostro essere.


Il profeta Maometto (la pace sia con Lui) disse: “Aiuta tuo fratello, non solo se è oppresso ma anche se è un oppressore.” E la gente gli chiese: “È giusto aiutarlo se è oppresso, ma come potremmo aiutarlo se è un oppressore?” Il Profeta rispose: “Impedendogli di opprimere gli altri.”



PREGHIERA PER IL DARFUR
Arcivescovo di Canterbury


Durante la mia visita in Sudan nello scorso marzo ho incontrato persone che erano state vittime di odio e disgrazie senza fine ma che, tuttavia, aspettavano con ansia che finisse la guerra nel sud per tornare a casa, terminare in fretta la ricostruzione e lavorare di nuovo per il futuro delle proprie famiglie e della propria comunità. Era la loro fede a sostenerli invece degli sforzi congiunti di comunità religiose, associazioni umanitarie e governi che hanno concesso prima una tregua e poi una pace da concordare.


Abbiamo lungamente riflettuto su quell’esperienza vissuta nel Sudan meridionale mentre pregavamo oggi per il Darfur. Siamo tutti sotto giudizio per come esercitiamo il potere che abbiamo, sia esso grande o piccolo. Quando nel Vangelo di Matteo i discepoli chiesero a Gesù: “Quando siamo venuti a visitarti in prigione o quando ti abbiamo visto ignudo o affamato?”, Lui rispose: “Quando avete vestito, visitato e sfamato l’ultimo dei vostri fratelli e delle vostre sorelle, lo avete fatto a me.”


Così la mia preghiera di cristiano è che possiamo vivere a livello internazionale nello stesso modo in cui cerchiamo di vivere nel nostro piccolo: sapendo che siamo tutti figli di Dio, senza un valore maggiore agli occhi di Dio di quelli di cui non conosciamo né nomi né villaggi.


Padre dei Cieli,
preghiamo per quelli le cui vite sono vissute ai margini delle nazioni e che soffrono a causa delle guerre che altri combattono intorno a loro. Preghiamo per le fazioni belligeranti, perché si sentano trafitti dallo sguardo di Dio e dallo sguardo di quelli che soffrono. Preghiamo per la gente del Darfur perseguitata dalla paura della violenza, della fame e della disperazione, perché possa continuare ad essere sfamata, visitata e difesa. Preghiamo per il lavoro degli operatori di pace, dei negoziatori e delle organizzazioni umanitarie, perché possa prevalere la sicurezza. Preghiamo per il governo del Sudan e per la sua unità. Preghiamo per la pace in nome di Colui che è il principe della pace, Gesù Cristo Nostro Signore.
Amen.



PREGHIERA PER IL POPOLO DEL DARFUR
Rabbino capo Sir Jonathan Sacks


O Dio di pace
che ci ordini di cercare la pace
manda pace al popolo del Darfur.
O Dio di compassione
che ascolti il grido degli afflitti
ascolta il grido delle vittime,
dei dolenti, dei feriti
e di tutti quelli che vivono le loro giornate nella paura.
Risveglia i cuori dei leader della terra
perché mettano fine ai massacri, alla violenza,
agli stupri, alla fame e al terrore
che hanno devastato e messo in pericolo un intero popolo.
Rimani vicino a chi lavora per la pace,
o si prende cura dei malati,
o procura cibo agli affamati,
o dà asilo ai senza tetto,
o spera per chi è vicino alla disperazione.
O Dio di giustizia e amore
non permettere che rimaniamo indifferenti
al grido dei perseguitati
e alle lacrime di quelli che hanno visto
le proprie case, le proprie famiglie e le proprie comunità distrutte.
E possano le loro richieste e la loro condizione
raggiungere le orecchie e i cuori di quelli che hanno il potere
per portare la pace in una regione sconvolta
e aiuto a un popolo devastato.
Oseh shalom bimromav
Tu che costruisci la pace nell’alto dei cieli
aiutaci a costruire la pace quaggiù sulla terra. Amen.


17 settembre 2006


Tradotto da: Maria Cristina Bitti – Traduttori per la Pace ( http://www.traduttoriperlapace.org )



Condividi questo articolo

in InVento di Pace: MAESTRI. NORBERTO BOBBIO: NON UCCIDEREAleksandar Zograf - Diario di guerraLa e-bomb che distrugge il pensieroBarbara Lee ha votato anche per me - L'altra America: calendario pacifista di San Francisco e della Bay AreaAPPELLO AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PER IL 2 GIUGNO FESTA DELLA COSTITUZIONE
SENZA PARATA MILITARE2e Salon international des Initiatives de Paix - Paris - 2, 3, 4 juin 2006 - BilancioRIPUDIARE LA GUERRA O LA COSTITUZIONE ? EMERGENCY - 30 giugno 2006IO VIVO IN PACE E VOGLIO LA PACE - Appello per il ritiro delle truppe dall'AFghanistanDa Beirut al silenzio di Cana: il viaggio degli aiuti umanitariBeirut prova a vivere sotto la guerra - Diario di un operatore umanitario dalla capitale libaneseAppello a tutte le donne e uomini di buona volontà. Il 26 agosto incontriamoci ad Assisi per la pace in Medio OrientePreghiere per il Darfur: Arcivescovo Desmond Tutu, Sceicco Ibrahim Mogra, Arcivescovo di Canterbury, Rabbino capo Sir Jonathan SacksLA STRATEGIA DELLA SICUREZZA NAZIONALE DEGLI STATI UNITI D’AMERICAUn Presidente alla derivaLa pace è la strada: appello per il ritiro delle truppeLettera di Alessandro Marescotti (Peacelink) ai leader del centrosinistraPer quale nobile causa - Cindy Sheehan in ItaliaLa Tavola della pace compie 10 anniPer  Non  Dimenticare  la   SHOAH - di Le colonne dei diritti: Itinerari scolastici ed extrascolastici di sensibilizzazione e formazione per una cultura di paceQuestione Iran: la società civile analizza due ipotesi per la pacifica soluzione della crisiProseguono le negoziazioni per la definizione del nuovo statuto dell'Alto KarabakhManuale delle Nazioni Unite sui negoziati umanitari con gruppi armatiDarfur: Rapporto dall'Alto Commissario per i diritti umaniMEMORICIDIO A BAGHDAD: gigantesche perdite sofferte dalle biblioteche e tra queste la biblioteca nazionaleEducazione e cultura per la Pace e la Legalità. Agnese:Una voce che canta la PaceHaifa: il simbolo violato50 anni di genocidio e guerra in SudanQuando finirà la guerra globale?La Nonviolenza è l'unica arma della Pace..!  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati