Proseguono le negoziazioni per la definizione del nuovo statuto dell'Alto Karabakh
Condividi questo articolo


Proseguono le negoziazioni per la definizione del nuovo statuto dell'Alto Karabakh



Dal 1997, su mandato dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) i tre co-Presidenti del cosiddetto “Gruppo di Minsk” – rappresentanti i Governi degli USA, della Federazione russa e della Francia – lavorano alla negoziazione della bozza di accordo determinante la conclusione del conflitto territoriale tra Armenia e Azerbaijan in merito alla regione dell’Alto Karabakh.


La regione – popolata in maggioranza da armeni - fu sottoposta alla giurisdizione territoriale dell’Azerbaijan dagli accordi franco-turchi del 1921. Lo svilupparsi del movimento per l’indipendenza dell’Alto Karabakh ha poi determinato una lotta armata con l’Azerbaijan, conflitto in cui – tra il 1988 ed il 1994 – oltre 25.000 persone hanno perso la vita e centinaia di migliaia sono sfollate. Ad oggi inoltre, l’Armenia – anch’essa partecipante alle operazioni belliche - occupa militarmente circa il 20% del territorio.


In un comunicato stampa datato 11 febbraio, i tre ambasciatori co-Presidenti del Gruppo di Minsk hanno lamentato il fatto che lo stato delle negoziazioni con i due Governi coinvolti non presenti alcuno sviluppo e che anzi i rappresentanti di Armenia e Azerbaijan non offrano margini di negoziazione; tale comunicato è stato emesso nella stessa giornata in cui il Presidente armeno ed il Presidente dell’Azerbaijan si incontravano a Rambouillet, anche per discutere della situazione del Karabakh.


I tre co-Presidenti del Gruppo di Minsk si riuniranno di nuovo a Washington all’inizio di marzo, al fine di stabilire la linea negoziale da adottare nei prossimi incontri con i Ministri degli esteri di Armenia ed Azerbaijan.




01/03/2006



Condividi questo articolo

in InVento di Pace: MAESTRI. NORBERTO BOBBIO: NON UCCIDEREAleksandar Zograf - Diario di guerraLa e-bomb che distrugge il pensieroBarbara Lee ha votato anche per me - L'altra America: calendario pacifista di San Francisco e della Bay AreaAPPELLO AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PER IL 2 GIUGNO FESTA DELLA COSTITUZIONE
SENZA PARATA MILITARE2e Salon international des Initiatives de Paix - Paris - 2, 3, 4 juin 2006 - BilancioRIPUDIARE LA GUERRA O LA COSTITUZIONE ? EMERGENCY - 30 giugno 2006IO VIVO IN PACE E VOGLIO LA PACE - Appello per il ritiro delle truppe dall'AFghanistanDa Beirut al silenzio di Cana: il viaggio degli aiuti umanitariBeirut prova a vivere sotto la guerra - Diario di un operatore umanitario dalla capitale libaneseAppello a tutte le donne e uomini di buona volontà. Il 26 agosto incontriamoci ad Assisi per la pace in Medio OrientePreghiere per il Darfur: Arcivescovo Desmond Tutu, Sceicco Ibrahim Mogra, Arcivescovo di Canterbury, Rabbino capo Sir Jonathan SacksLA STRATEGIA DELLA SICUREZZA NAZIONALE DEGLI STATI UNITI D’AMERICAUn Presidente alla derivaLa pace è la strada: appello per il ritiro delle truppeLettera di Alessandro Marescotti (Peacelink) ai leader del centrosinistraPer quale nobile causa - Cindy Sheehan in ItaliaLa Tavola della pace compie 10 anniPer  Non  Dimenticare  la   SHOAH - di Le colonne dei diritti: Itinerari scolastici ed extrascolastici di sensibilizzazione e formazione per una cultura di paceQuestione Iran: la società civile analizza due ipotesi per la pacifica soluzione della crisiProseguono le negoziazioni per la definizione del nuovo statuto dell'Alto KarabakhManuale delle Nazioni Unite sui negoziati umanitari con gruppi armatiDarfur: Rapporto dall'Alto Commissario per i diritti umaniMEMORICIDIO A BAGHDAD: gigantesche perdite sofferte dalle biblioteche e tra queste la biblioteca nazionaleEducazione e cultura per la Pace e la Legalità. Agnese:Una voce che canta la PaceHaifa: il simbolo violato50 anni di genocidio e guerra in SudanQuando finirà la guerra globale?La Nonviolenza è l'unica arma della Pace..!  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati