Tunisia, 13 anni di carcere a nove ragazzi per aver navigato su siti ''sovversivi''
Condividi questo articolo


Tunisia, 13 anni di carcere a nove ragazzi.
L'accusa: aver navigato su siti «sovversivi»

di Beatrice Montini

Internautes de Zarzis 


Abdelghaffar Guiza nella vita fa l’imbianchino. O meglio questo era il suo lavoro fino a due anni fa. Lo scorso 10 agosto Gauza ha infatti festeggiato il suoi 23mo compleanno nella prigione tunisina di Borj El Amri dove è stato rinchiuso, con il numero di matricola 10866, dopo il suo arresto nel febbraio del 2003. Ed è qui che Guiza dovrà passare i prossimi 13 anni della sua vita. Il reato che lo ha fatto finire in carcere è aver scaricato da internet alcuni documenti ritenuti «sovversivi» dal governo tunisino. Per questo Guiza, insieme ad altri sei ragazzi (più o meno della sua stessa età nella foto), è stato condannato in primo grado a 19 anni e 3 mesi di prigione, ridotti in appello a 13 anni.



In particolare secondo l'accusa Guiza e gli altri avrebbero aver cercato di stabilire un contatto con Al Qaida tramite Internet allo scopo di progettare un non meglio precisato attentato terroristico. In realtà nel corso del processo le imputazioni si sono progressivamente rivelate senza alcun fondamento probatorio e il dibattimento si è trasformato in un attacco incondizionato ai diritti di espressione, informazione e comunicazione.


Così la storia degli “internauti di Zarzis” (dal nome della cittadina tunisina dei ragazzi) è diventato un caso internazionale ed emblematico che ha fatto mobilitare le varie organizzazioni che si occupano di libertà di espressione, da reporte senza frontiere alla Lega tunisina per i diritti dell'uomo. Il governo tunisino infatti non è per niente “tenero” con chi si occupa di libera informazione. Dal 2001 ad oggi in particolare si sono moltiplicati i casi di giornalisti minacciati, imprigionati, ridotti al silenzio e in agosto in governo tunisino ha addirittura impedito la nascita di un sindacato di giornalisti. Il tutto sempre fatto passare da Tunisi come l’ennesimo provvedimento contro il terrorismo internazionale di cui Ben Alì, presidente della Tunisia dal 1987, si vanta di essere uno dei più strenui combattenti.


Ma oltre al danno, in tutta questa vicenda, c’è anche la beffa. Infatti proprio a Tunisi, dal 16 al 18 novembre, si svolgerà il Summit mondiale della Nazioni Unite sulla Società dell'Informazione (Wsis) . Un po’ come organizzare un convegno sul rispetto dei diritti umani nella prigione statunitense di Guantanamo.


Proprio per evidenziare la contraddizione di questa operazione e porre con fermezza il problema della libertà di espressione in Tunisia, sul tavolo del summit arriverà una petizione per la liberazione di ragazzi di Zarzis. Petizione lanciata da due organizzazioni italiane che sui loro siti raccolgono le firme: l’associazione di giornalisti indipendenti Lettera22
e Amisnet (che in preparazione del summit di novembre ha anche dato il via a un ciclo di trasmissioni radio su diritti di informazione e comunicazione ). «Avremmo potuto presentare una petizione sui blogger iraniani o sui cyber dissidenti cinesi – – spiega Francesco Diasio, diretto dell’agenzia radiofonica – Ma il caso degli internauti di Zarzis è stato scelto perché è emblematico e perché mette in evidenza le contraddizioni di un paese che da un lato ospita un summit Onu sulla libertà di informazione e dall’altro mette in carcere i propri cittadini che quella libertà vogliono esercitarla». «Il WSIS sarà il momento per chiedere ancora una volta la liberazione degli internauti di Zarzis – concludeEmanuele Giordana di Lettera 22 - e per ricordare che nel mondo sono ancora tantissimi i casi di repressione e persecuzione di chi si esprime attraverso il web».



http://www.unita.it/index.asp?SEZIONE_COD=tunisi&TOPIC_TIPO=&TOPIC_ID=45272



Condividi questo articolo

in Cittadinanza e Diritti: 'La casa e la dignità': parlano i rifugiati sfollati a Milano''Basta soprusi'' - razzismo e xenofobia<b>FIDH - Diritto d'asilo in Italia: </b>l'accesso alle procedure ed il trattamento dei richiedenti - Rapporto della Federazione
Internazionale dei Diritti Umani sull'Italia.FIDH - Droit d’asile en Italie : l’accès aux procédures et le traitement des demandeurs (fr/en)Zurigo: Le chiese criticano la legge sull’asiloCentri di detenzione per migranti - Mai piùE Amnesty mette il naso nei Cpt - Rapporto sui Centri di permanenza temporanea  in ItaliaLEGALITA’ E DIRITTI ANCHE NEL CPT - CGIL CISL UIL di MILANOL'OSSESSIONE DELLA SICUREZZA - di LAURENT BONELLIContro la creazione di campi alle frontiere dell'EuropaLes camps de réfugiés extraterritoriaux de l’Union européenne<b>Un petit morceau du rêve européen </b><i>Nous sommes des gens ordinaires. Tout ce que nous demandons, c’est une vie normale, travailler, fonder une famille…</i>Situation Alarmante dans le camps de Bel younechIl valore corrente di una democrazia a sovranità limitata (di Christian Marazzi)20 giugno - Emilia Romagna, Terra d’asilo - progetto promosso dalla Regione Emilia-Romagna e coordinato dalla Provincia di Parma, con azioni che coinvolgono il territorio regionaleCPT - Il no di Magistratura Democratica e uno sguardo all'Europa dei dirittiAl Forum di Bari Sajjad, rifiugiato pakistano, racconta l'orrore dei campi libici e l'inferno del ''Regina Pacis'' a San FocaRoma: 3 dicembre 2005 - Per chiudere i CPT.Tunisia, 13 anni di carcere a nove ragazzi per aver navigato su siti ''sovversivi''Cpt, l'indagine nascosta - Il governo rifiuta di pubblicare il rapporto del Consiglio d' Europa sui centri<b>LAMPEDUSA WATCHING - </b>SINTESI DEL RAPPORTO ARCI
sulla violazione dei diritti umani
a Lampedusa<b>Io, clandestino a Lampedusa  </b>Bilal: un nome inventato e un tuffo in mare<b>Io clandestino a Lampedusa</b> L'hotel a cinque stelle<b>Io clandestino a Lampedusa</b> - Maifrend ed altre crudeltà<b>Io clandestino a Lampedusa</b> - 26/27/28 settembre<b>Io clandestino a Lampedusa</b> - Sabato 24 settembreTreviso, sentenza del Tribunale ''Indossarre il burqa non è reato''Lodeserto condannato a un anno e quattro mesi per violenza privata e lesioni aggravate nei confronti di 17 immigrati che nel novembre 2002 avevano tentato la fuga dal Cpt di San FocaViolenze nel Cpt Regina Pacis, condannato don Cesare LodesertoRapporto di Amnesty international sui Centri di permanenza temporanea e assistenza (CPTA)Educazione ai diritti umani - Nazioni Unite - Conferenza di Vienna 1993''Mare nostrum'' : Basta con la censura sui Cpt e sulle violazioni dei diritti dei migranti - Campagna di sensibilizzazione sull'informazione sociale di PeaceLink, Articolo21 e Melting PotPisanu «spara» sugli immigrati<b>I contabili dei rifiuti umani </b>- l'analisi della modernità «liquida» di Zygmunt BaumanVERSO LA FINE DELLO STATO DI DIRITTO: DA LAMPEDUSA ANCORA DANNATI NEL DESERTO?Rifugiati, in Italia un diritto negato - Consorzio Italiano Solidarietà,  primo rapporto sul diritto d’asilo in ItaliaGli stranieri di Don Cesare e la stranezza dei Cpt - di Luigi ManconiRapporto Onu a Ginevra sulla Bossi-Fini: non tutela i diritti umaniPresentato il primo Rapporto dell’Osservatorio Crisi Dimenticate di Medici Senza Frontiere. Un’analisi dello spazio che i media italiani dedicano alle emergenze umanitarieRAPPORTO STATISTICO DELL'UNHCR: NEL 2004 DOMANDE D'ASILO AL LIVELLO MINIMO DAL 1988DICHIARAZIONI D’IMPEGNO PER UN’INFORMAZIONE A COLORILe tensioni tra terrorismo, diritto e giustiziaTorino, con una sentenza inedita - Clandestino e gay, niente espulsioneCpt - Lettera aperta ai Vescovi e ai credentiPer fermare i trafficanti di vite umane2 aprile 2005 seconda giornata europea di azione per la libertà di movimento, dei diritti universali e della lotta contro tutti i centri di detenzione per migrantiIMMIGRAZIONE - Il cuore dei diritti comuni - di FILIPPO MIRAGLIA ed ENRICO PUGLIESESylvester Weah: la prova delle espulsioni-scandalo<b>Nel deserto tra Libia e Niger. </b>Sui camion carichi di immigrati africani dopo l'accordo con l'Italia.E' la polizia che li prende di miraMinacce, arresti e censure la vita difficile di quei blogger. RSF premia il miglior blog che difende la libertà di espressione.Il rapporto della Commissione europea sui campi di detenzione di Gheddafi. E gli accordi con il nostro governo<b>Con l'arma impropria dell'universale le invettive contro il relativismo culturale</b> sono divenute luogo comune delle retoriche di destra, non di rado condivise a sinistra.Rapporto dell'EUMC sulla violenza razzista in Italia 2003-04Immigrazione: i fantasmi di Lampedusa, un delitto italianoAppel sur la situation des migrants en transit au Maroc - Un petit morceau du rêve européenConsiglio d'Europa - Protocollo n. 12 alla Convenzione per la salvaguardia dei Diritti dell'Uomo e delle Libertà FondamentaliImmigrazione, Strasburgo all'Italia ''No alle espulsioni collettive''MESSAGGIO DI SUA SANTITÀ GIOVANNI PAOLO II PER LA GIORNATA MONDIALE DEL MIGRANTE E DEL RIFUGIATO (2005)I modelli di analisi dei processi e delle istituzioni educative e le problematiche della diversità  <b>Appunti sui principali modelli di socializzazione</b>Cinesi fuori rotta - Ultima di una lunghissima serie, la tragedia dell'immigrazione a largo di RagusaLe aberrazioni delle decisioni del federalismo svizzero e le responsabilità politiche del centro e della destra nell’affaire immigrazioneAppello per una campagna cittadina per il diritto di voto attivo e passivo 
dei cittadini stranieri residenti a RomaDal Senegal alla Libia, il tragico business dell'immigrazione  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati