Pisanu «spara» sugli immigrati
secondo il ministro Pisanu in certe regioni il 50% dei reati sarebbe commesso da immigrati clandestini
Condividi questo articolo


Pisanu «spara» sugli immigrati
Il ministro dell'interno in versione leghista attacca i «clandestini»: il 50% commette reati
CINZIA GUBBINI
ROMA



Clandestini uguale criminali. Centri di permanenza strumenti di difesa del territorio dai migranti sans papiers e, per questo, pericolosi per la comunità. Il ministro dell'interno Pisanu, di ritorno dal vertice del G5 a Parigi, tira fuori gli artigli. Ieri in occasione del centocinquantatresimo anniversario della Polizia ha difeso a tutto campo la linea dura del Viminale contro gli immigrati senza permesso di soggiorno, mentre a Lampedusa tornano le carrette del mare e la Corte di Strasburgo boccia le espulsioni troppo facili. Il discorso di Pisanu è semplice: «l'immigrazione regolare è una risorsa», quella irregolare «nella migliore delle ipotesi, finisce sul mercato ignobile del lavoro nero e, nella peggiore, tra le fila della manovalanza criminale». Una «palmare verità» dimostrata dai dati: «Su circa 611 mila persone complessivamente arrestate o denunciate nel 2004 ben 171.811 erano cittadini extracomunitari, tutti privi di permesso di soggiorno». E a partire dalla «palmare» verità, il ministro rifila uno schiaffo agli enti locali che si oppongono ai centri di permanenza temporanea «strumento indispensabile per il controllo dei clandestini». «So bene che molti amministratori sono oggetto di pressioni, anche violente, da parte di gruppi organizzati - dice il ministro - ma subire simili iniziative significa esporre le comunità a maggiori rischi e, allo stesso tempo ad opposte reazioni razziste».

Le reazioni non si sono fatte attendere, registrando un'insolita durezza da parte di quel centrosinistra che con la Turco-Napolitano ha istituito i cpt e che oggi trova il coraggio di parlarne (almeno quando deve rispondere al nemico) come luoghi in cui vengono violati i diritti umani. Di «centri per la detenzione prolungata di persone che non hanno commesso nessun reato nè hanno subito alcun processo e che vengono private di ogni libertà», parla ad esempio Massimo Brutti dei Ds, ricordando, ovviamente, che la destra ha fatto peggio del centrosinistra aumentando il tempo di detenzione da 30 a 60 giorni. E sulla Bossi-Fini sono strali: «E' una legge che si è rilevata inutilmente vessatoria nei confronti degli immigrati e sostanzialmente inefficace». Di «linguaggio leghista» parla invece Luigi Manconi, responsabile Diritti civili dei Ds ma anche garante dei diritti delle persone detenute per il Comune di Roma. Che con dati alla mano rovescia la prospettiva: «Tra gli stranieri, il 60% è composto da detenuti in attesa di giudizio, mentre tra gli italiani il dato scende al di sotto del 40% - spiega - e a parità di imputazione o di condanna, la permanenza in carcere degli stranieri è mediamente assai più lunga di quella degli italiani, sia in fase di custodia cautelare che dopo la sentenza». Addirittura, prosegue Manconi: «I dati mostrano che gli italiani in carcere hanno un numero medio di imputazioni superiore a quello degli stranieri: meno di 2 reati in media per ogni straniero, 4 per gli italiani». Per Pagliarulo del Pdci «i cpt sono campi di concentramento», mentre Mauro Bulgarelli dei Verdi invita Pisanu a non fare il «piazzista».

Agli alleati di Pisanu, invece, piace da matti la nuova veste del ministro, in genere sbrigativo nei modi ma attento a misurare le parole: «Se il nuovo atteggiamento del ministro è "leghista" ben venga», gongola il presidente dei deputati della Lega, Ghibelli. Mentre il forzista Alberto Di Luca, che presiede il Comitato parlamentare Schengen, apprezza le «parole coraggiose».

Cosa ne pensano, invece, gli amministratori locali del discorso di Pisanu che li da tutti per ostaggio di frange oltranziste? Il primo rispondere è il responsabile immigrazione dell'Anci, Fabio Sturani: «I cpt sono centri che non garantiscono i diritti inviolabili della persona, vere e proprie prigioni - osserva - In questi centri gli immigrati vengono trattati da criminali ed è questo il motivo per cui noi non ne condividiamo l'impostazione». «Non avere il permesso di soggiorno non è un reato, dunque sono assolutamente contraria alla costruzione di simil carceri per chi non ha un documento. Tanto più che con la Bossi-Fini è sempre più facile perderlo», dice Angela Burlando consigliere comunale dei Ds a Genova, che si è opposta alla costruzione di un cpt nella città ligure. Burlando fino a tre anni fa ha ricoperto la carica di vicequestore, e mette in guardia dai numeri facili di Pisanu: «Così si rischia di criminalizzare gli immigrati e di mistificare la realtà - spiega - Bisogna considerare che molti immigrati sono accusati di piccoli reati e spesso hanno maggiori difficoltà degli italiani a usufruire degli sconti di legge, perché sono penalizzati all'origine, hanno minori riferimenti.


Certo, chi non ha il permesso di soggiorno cade più facilmente nella criminalità. Ma è la clandestinizzazione che deve essere combattuta». Risponde per le rime anche il verde Alessandro Metz, consigliere regionale, che a breve andrà al processo di appello per una manifestazione del 1998 contro il cpt di Trieste, che in seguito fu chiuso. Il Friuli è la spina nel fianco del ministro Pisanu, che vorrebbe aprire sulla frontiera orientale un cpt a Gradisca d'Isonzo ma ha sempre trovato una ferrea opposizione dei movimenti ma anche degli enti locali, dal Comune fino alla Regione: «Come amministratore ritengo che i cpt siano fonte di tensione, altro che difesa della comunità. Il nostro territorio nasce da un modello di accoglienza. Quello della destra mira invece alla criminalizzazione dell'altro, e in particolare del clandestino, emblema della precarietà. Ci opponiamo a questa logica. Spero che lo faccia anche tutto il centrosinistra».


http://www.ideosfera.it/ilchiosco/index_rai.php?cat=109



Condividi questo articolo

in Cittadinanza e Diritti: 'La casa e la dignità': parlano i rifugiati sfollati a Milano''Basta soprusi'' - razzismo e xenofobia<b>FIDH - Diritto d'asilo in Italia: </b>l'accesso alle procedure ed il trattamento dei richiedenti - Rapporto della Federazione
Internazionale dei Diritti Umani sull'Italia.FIDH - Droit d’asile en Italie : l’accès aux procédures et le traitement des demandeurs (fr/en)Zurigo: Le chiese criticano la legge sull’asiloCentri di detenzione per migranti - Mai piùE Amnesty mette il naso nei Cpt - Rapporto sui Centri di permanenza temporanea  in ItaliaLEGALITA’ E DIRITTI ANCHE NEL CPT - CGIL CISL UIL di MILANOL'OSSESSIONE DELLA SICUREZZA - di LAURENT BONELLIContro la creazione di campi alle frontiere dell'EuropaLes camps de réfugiés extraterritoriaux de l’Union européenne<b>Un petit morceau du rêve européen </b><i>Nous sommes des gens ordinaires. Tout ce que nous demandons, c’est une vie normale, travailler, fonder une famille…</i>Situation Alarmante dans le camps de Bel younechIl valore corrente di una democrazia a sovranità limitata (di Christian Marazzi)20 giugno - Emilia Romagna, Terra d’asilo - progetto promosso dalla Regione Emilia-Romagna e coordinato dalla Provincia di Parma, con azioni che coinvolgono il territorio regionaleCPT - Il no di Magistratura Democratica e uno sguardo all'Europa dei dirittiAl Forum di Bari Sajjad, rifiugiato pakistano, racconta l'orrore dei campi libici e l'inferno del ''Regina Pacis'' a San FocaRoma: 3 dicembre 2005 - Per chiudere i CPT.Tunisia, 13 anni di carcere a nove ragazzi per aver navigato su siti ''sovversivi''Cpt, l'indagine nascosta - Il governo rifiuta di pubblicare il rapporto del Consiglio d' Europa sui centri<b>LAMPEDUSA WATCHING - </b>SINTESI DEL RAPPORTO ARCI
sulla violazione dei diritti umani
a Lampedusa<b>Io, clandestino a Lampedusa  </b>Bilal: un nome inventato e un tuffo in mare<b>Io clandestino a Lampedusa</b> L'hotel a cinque stelle<b>Io clandestino a Lampedusa</b> - Maifrend ed altre crudeltà<b>Io clandestino a Lampedusa</b> - 26/27/28 settembre<b>Io clandestino a Lampedusa</b> - Sabato 24 settembreTreviso, sentenza del Tribunale ''Indossarre il burqa non è reato''Lodeserto condannato a un anno e quattro mesi per violenza privata e lesioni aggravate nei confronti di 17 immigrati che nel novembre 2002 avevano tentato la fuga dal Cpt di San FocaViolenze nel Cpt Regina Pacis, condannato don Cesare LodesertoRapporto di Amnesty international sui Centri di permanenza temporanea e assistenza (CPTA)Educazione ai diritti umani - Nazioni Unite - Conferenza di Vienna 1993''Mare nostrum'' : Basta con la censura sui Cpt e sulle violazioni dei diritti dei migranti - Campagna di sensibilizzazione sull'informazione sociale di PeaceLink, Articolo21 e Melting PotPisanu «spara» sugli immigrati<b>I contabili dei rifiuti umani </b>- l'analisi della modernità «liquida» di Zygmunt BaumanVERSO LA FINE DELLO STATO DI DIRITTO: DA LAMPEDUSA ANCORA DANNATI NEL DESERTO?Rifugiati, in Italia un diritto negato - Consorzio Italiano Solidarietà,  primo rapporto sul diritto d’asilo in ItaliaGli stranieri di Don Cesare e la stranezza dei Cpt - di Luigi ManconiRapporto Onu a Ginevra sulla Bossi-Fini: non tutela i diritti umaniPresentato il primo Rapporto dell’Osservatorio Crisi Dimenticate di Medici Senza Frontiere. Un’analisi dello spazio che i media italiani dedicano alle emergenze umanitarieRAPPORTO STATISTICO DELL'UNHCR: NEL 2004 DOMANDE D'ASILO AL LIVELLO MINIMO DAL 1988DICHIARAZIONI D’IMPEGNO PER UN’INFORMAZIONE A COLORILe tensioni tra terrorismo, diritto e giustiziaTorino, con una sentenza inedita - Clandestino e gay, niente espulsioneCpt - Lettera aperta ai Vescovi e ai credentiPer fermare i trafficanti di vite umane2 aprile 2005 seconda giornata europea di azione per la libertà di movimento, dei diritti universali e della lotta contro tutti i centri di detenzione per migrantiIMMIGRAZIONE - Il cuore dei diritti comuni - di FILIPPO MIRAGLIA ed ENRICO PUGLIESESylvester Weah: la prova delle espulsioni-scandalo<b>Nel deserto tra Libia e Niger. </b>Sui camion carichi di immigrati africani dopo l'accordo con l'Italia.E' la polizia che li prende di miraMinacce, arresti e censure la vita difficile di quei blogger. RSF premia il miglior blog che difende la libertà di espressione.Il rapporto della Commissione europea sui campi di detenzione di Gheddafi. E gli accordi con il nostro governo<b>Con l'arma impropria dell'universale le invettive contro il relativismo culturale</b> sono divenute luogo comune delle retoriche di destra, non di rado condivise a sinistra.Rapporto dell'EUMC sulla violenza razzista in Italia 2003-04Immigrazione: i fantasmi di Lampedusa, un delitto italianoAppel sur la situation des migrants en transit au Maroc - Un petit morceau du rêve européenConsiglio d'Europa - Protocollo n. 12 alla Convenzione per la salvaguardia dei Diritti dell'Uomo e delle Libertà FondamentaliImmigrazione, Strasburgo all'Italia ''No alle espulsioni collettive''MESSAGGIO DI SUA SANTITÀ GIOVANNI PAOLO II PER LA GIORNATA MONDIALE DEL MIGRANTE E DEL RIFUGIATO (2005)I modelli di analisi dei processi e delle istituzioni educative e le problematiche della diversità  <b>Appunti sui principali modelli di socializzazione</b>Cinesi fuori rotta - Ultima di una lunghissima serie, la tragedia dell'immigrazione a largo di RagusaLe aberrazioni delle decisioni del federalismo svizzero e le responsabilità politiche del centro e della destra nell’affaire immigrazioneAppello per una campagna cittadina per il diritto di voto attivo e passivo 
dei cittadini stranieri residenti a RomaDal Senegal alla Libia, il tragico business dell'immigrazione  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati