Presentato il primo Rapporto dell’Osservatorio Crisi Dimenticate di Medici Senza Frontiere. Un’analisi dello spazio che i media italiani dedicano alle emergenze umanitarie
Condividi questo articolo



…noi volontari siamo osservatori privilegiati che possono vedere l'orrore di fatti ed eventi che fanno della dignità umana un sanguinante misero fardello. E poi raccontare, urlare, le privazioni dei diseredati, la lontananza degli esclusi, indicare in abusi e violenze i veri terremoti contro cui è davvero difficile, se non impossibile, costruire argini o rifugi...". Carlo Urbani, medico.




Presentato il primo Rapporto dell’Osservatorio Crisi Dimenticate di Medici Senza Frontiere Un’analisi dello spazio che i media italiani dedicano alle emergenze umanitarie


Roma, 18 febbraio 2005. L’associazione umanitaria internazionale Medici Senza Frontiere ha presentato oggi a Roma il primo rapporto dell’Osservatorio Crisi Dimenticate: un’iniziativa in collaborazione con l’Osservatorio di Pavia e Orao-News e con il sostegno della facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università La Sapienza.


Lo studio ha analizzato dal punto di vista qualitativo e quantitativo lo spazio che i media italiani hanno dedicato alle emergenze umanitarie nel secondo semestre del 2004. Sotto la lente sono finiti i principali quotidiani e periodici e le principali edizioni (pranzo/sera) dei TG nazionali di Rai, Mediaset e La 7.


Le emergenze da monitorare sono state identificate in base a una lista di circa 40 parole chiave individuate da MSF (da Iraq a Congo, da tubercolosi a profughi, etc.). Dalla ricerca è emersa una diffusa tendenza dei media italiani a occuparsi di crisi internazionali quasi solo in relazione alle priorità politiche del momento (guerra al terrorismo, guerra in Iraq, etc) o in base a una logica sensazionalistica basata su appelli di personaggi famosi o di autorità.


Così si scopre che le emergenze umanitarie nel loro insieme hanno conquistato il 17,5% degli spazi sui TG, ma che 10 contesti – identificati da MSF come la "Top 10 delle crisi dimenticate" – hanno ricevuto appena lo 0,02% degli spazi TG e appena 140 citazioni (tra brevi e articoli) sulla carta stampata (su un totale di 949 uscite che menzionavano almeno una delle 40 parole-chiave). Se l’Iraq risulta la crisi più seguita dalle TV (58% del tempo dedicato alle emergenze internazionali), è anche evidente che l’81% dei minuti dedicati al conflitto iracheno hanno riguardato la cronaca di sequestri, esecuzioni e scontri. Un misero 1% dei minuti dedicati all’Iraq era mirato a informare gli italiani sulle reali condizioni di vita della popolazione civile o sugli interventi umanitari per alleviarne le sofferenze.


Solo per fare un esempio, un paese importante come l’Indonesia (che con oltre 217 milioni di abitanti è il più grande paese mussulmano del mondo), afflitta da malattie, catastrofi naturali e scontri inter-religiosi prima del terribile tsunami del 26 dicembre era sostanzialmente ignorato dai media italiani. Nell’arco dei 6 mesi monitorati all’Indonesia sono stati dedicate appena 4 citazioni sulla carta stampata e zero minuti dai TG.


Come l’Indonesia, altri contesti in cui uomini, donne e bambini sono privati dei più elementari diritti fino alla condanna a una morte prematura risultano assenti dai media italiani: la Liberia con i postumi di una guerra civile devastante, la Colombia dove la prima causa di morte è la violenza, la Somalia in preda a un caos anarchico che dura da anni, la Repubblica Democratica del Congo dove gli scontri tra gruppi armati e la totale assenza di strutture sanitarie hanno fatto calare a picco l’aspettativa di vita, l’Etiopia afflitta da carestie e malattie che condannano il 10% dei bambini a morire prima di aver compiuto un anno, l’Uganda dove decine di migliaia di persone vivono ancora in campi profughi improvvisati e dove 50mila bambini devono fuggire ogni notte per non essere rapiti o violentati, l’Afghanistan che riappare sui nostri giornali solo per parlare di elezioni o incidenti mentre si ignorano le drammatiche condizioni dei cittadini che ancora oggi non hanno accesso a cure sanitarie di base o acqua potabile.
Anche le emergenze emblematiche dei risvolti di una globalizzazione tutt’altro che perfetta sono oscurate: il dilagare della Tubercolosi che uccide una persona ogni 15 secondi nell’indifferenza delle autorità sanitarie internazionali che sembrano ignorare la necessità di sviluppare nuovi farmaci o il dramma del Burundi dove i finanziatori internazionali, in nome della sostenibilità, hanno imposto il pagamento di un ticket per l’accesso alle cure mediche che si traduce in un ostacolo insormontabile per una popolazione che per il 99% vive con meno di un dollaro al giorno.


Commentando questi dati, il professor Angelo Agostini dello IULM di Milano ha fatto notare come "in 1266 ore di telegiornali (pranzo e sera), pari a 52 giorni di trasmissione ininterrotti, lo spazio dedicato alle 10 crisi individuate da MSF è stato di soli 15 minuti. Una televisione di servizio pubblico che non trova il tempo per affrontare questi temi non sta svolgendo bene il proprio ruolo".


"Il mondo descritto dai media italiani è molto diverso da quello che vediamo ogni giorno nelle nostre missioni – ha detto il direttore di MSF-Italia, Stefano Savi -. Le complessità dei conflitti e delle dinamiche economiche che costringono buona parte dell’umanità a vivere in condizioni precarie scompaiono dagli schermi TV e dalle pagine dei giornali. Per anni ci siamo sentiti dire che il pubblico non è interessato a queste tematiche: noi vediamo il contrario! Le centinaia di migliaia di donatori e sostenitori che abbiamo in Italia sono affamati di notizie e informazioni sulla realtà di tutti gli angoli del mondo in cui operiamo".


Il professor Renato Guarini, rettore de "La Sapienza" ha dichiarato che "per l’Università occasioni di riflessione come questa costituiscono una missione e che comprendere fino in fondo le cause dell’opacità nelle rappresentazioni mediali e sociali significa utilizzare e conferire titolarità alle teorie e agli strumenti metodologici delle Scienze della Comunicazione".


Medici Senza Frontiere è nata dall’iniziativa di un gruppo di medici e giornalisti: la comunicazione e la testimonianza sono sempre stati complementari al lavoro di soccorso medico e umanitario svolto nei vari paesi. Attraverso l’Osservatorio MSF chiede a tutti coloro che lavorano nei media di impegnarsi per offrire un’informazione internazionale più attenta e calata nei diversi contesti. "Informare su quello che succede a miliardi di persone a questo mondo è una responsabilità di tutti noi. Il silenzio che li avvolge rischia di farli morire due volte: una prima volta perché il non sapere non ci permette di agire nel presente, una seconda volta, nel futuro, perché quei fatti non facendo parte della memoria non entrano nella storia – conclude Savi. Da parte nostra ribadiamo la disponibilità a un confronto costruttivo per mettere al servizio dell’informazione in Italia il nostro bagaglio di testimonianze dirette e conoscenze".




Condividi questo articolo

in Cittadinanza e Diritti: 'La casa e la dignità': parlano i rifugiati sfollati a Milano''Basta soprusi'' - razzismo e xenofobia<b>FIDH - Diritto d'asilo in Italia: </b>l'accesso alle procedure ed il trattamento dei richiedenti - Rapporto della Federazione
Internazionale dei Diritti Umani sull'Italia.FIDH - Droit d’asile en Italie : l’accès aux procédures et le traitement des demandeurs (fr/en)Zurigo: Le chiese criticano la legge sull’asiloCentri di detenzione per migranti - Mai piùE Amnesty mette il naso nei Cpt - Rapporto sui Centri di permanenza temporanea  in ItaliaLEGALITA’ E DIRITTI ANCHE NEL CPT - CGIL CISL UIL di MILANOL'OSSESSIONE DELLA SICUREZZA - di LAURENT BONELLIContro la creazione di campi alle frontiere dell'EuropaLes camps de réfugiés extraterritoriaux de l’Union européenne<b>Un petit morceau du rêve européen </b><i>Nous sommes des gens ordinaires. Tout ce que nous demandons, c’est une vie normale, travailler, fonder une famille…</i>Situation Alarmante dans le camps de Bel younechIl valore corrente di una democrazia a sovranità limitata (di Christian Marazzi)20 giugno - Emilia Romagna, Terra d’asilo - progetto promosso dalla Regione Emilia-Romagna e coordinato dalla Provincia di Parma, con azioni che coinvolgono il territorio regionaleCPT - Il no di Magistratura Democratica e uno sguardo all'Europa dei dirittiAl Forum di Bari Sajjad, rifiugiato pakistano, racconta l'orrore dei campi libici e l'inferno del ''Regina Pacis'' a San FocaRoma: 3 dicembre 2005 - Per chiudere i CPT.Tunisia, 13 anni di carcere a nove ragazzi per aver navigato su siti ''sovversivi''Cpt, l'indagine nascosta - Il governo rifiuta di pubblicare il rapporto del Consiglio d' Europa sui centri<b>LAMPEDUSA WATCHING - </b>SINTESI DEL RAPPORTO ARCI
sulla violazione dei diritti umani
a Lampedusa<b>Io, clandestino a Lampedusa  </b>Bilal: un nome inventato e un tuffo in mare<b>Io clandestino a Lampedusa</b> L'hotel a cinque stelle<b>Io clandestino a Lampedusa</b> - Maifrend ed altre crudeltà<b>Io clandestino a Lampedusa</b> - 26/27/28 settembre<b>Io clandestino a Lampedusa</b> - Sabato 24 settembreTreviso, sentenza del Tribunale ''Indossarre il burqa non è reato''Lodeserto condannato a un anno e quattro mesi per violenza privata e lesioni aggravate nei confronti di 17 immigrati che nel novembre 2002 avevano tentato la fuga dal Cpt di San FocaViolenze nel Cpt Regina Pacis, condannato don Cesare LodesertoRapporto di Amnesty international sui Centri di permanenza temporanea e assistenza (CPTA)Educazione ai diritti umani - Nazioni Unite - Conferenza di Vienna 1993''Mare nostrum'' : Basta con la censura sui Cpt e sulle violazioni dei diritti dei migranti - Campagna di sensibilizzazione sull'informazione sociale di PeaceLink, Articolo21 e Melting PotPisanu «spara» sugli immigrati<b>I contabili dei rifiuti umani </b>- l'analisi della modernità «liquida» di Zygmunt BaumanVERSO LA FINE DELLO STATO DI DIRITTO: DA LAMPEDUSA ANCORA DANNATI NEL DESERTO?Rifugiati, in Italia un diritto negato - Consorzio Italiano Solidarietà,  primo rapporto sul diritto d’asilo in ItaliaGli stranieri di Don Cesare e la stranezza dei Cpt - di Luigi ManconiRapporto Onu a Ginevra sulla Bossi-Fini: non tutela i diritti umaniPresentato il primo Rapporto dell’Osservatorio Crisi Dimenticate di Medici Senza Frontiere. Un’analisi dello spazio che i media italiani dedicano alle emergenze umanitarieRAPPORTO STATISTICO DELL'UNHCR: NEL 2004 DOMANDE D'ASILO AL LIVELLO MINIMO DAL 1988DICHIARAZIONI D’IMPEGNO PER UN’INFORMAZIONE A COLORILe tensioni tra terrorismo, diritto e giustiziaTorino, con una sentenza inedita - Clandestino e gay, niente espulsioneCpt - Lettera aperta ai Vescovi e ai credentiPer fermare i trafficanti di vite umane2 aprile 2005 seconda giornata europea di azione per la libertà di movimento, dei diritti universali e della lotta contro tutti i centri di detenzione per migrantiIMMIGRAZIONE - Il cuore dei diritti comuni - di FILIPPO MIRAGLIA ed ENRICO PUGLIESESylvester Weah: la prova delle espulsioni-scandalo<b>Nel deserto tra Libia e Niger. </b>Sui camion carichi di immigrati africani dopo l'accordo con l'Italia.E' la polizia che li prende di miraMinacce, arresti e censure la vita difficile di quei blogger. RSF premia il miglior blog che difende la libertà di espressione.Il rapporto della Commissione europea sui campi di detenzione di Gheddafi. E gli accordi con il nostro governo<b>Con l'arma impropria dell'universale le invettive contro il relativismo culturale</b> sono divenute luogo comune delle retoriche di destra, non di rado condivise a sinistra.Rapporto dell'EUMC sulla violenza razzista in Italia 2003-04Immigrazione: i fantasmi di Lampedusa, un delitto italianoAppel sur la situation des migrants en transit au Maroc - Un petit morceau du rêve européenConsiglio d'Europa - Protocollo n. 12 alla Convenzione per la salvaguardia dei Diritti dell'Uomo e delle Libertà FondamentaliImmigrazione, Strasburgo all'Italia ''No alle espulsioni collettive''MESSAGGIO DI SUA SANTITÀ GIOVANNI PAOLO II PER LA GIORNATA MONDIALE DEL MIGRANTE E DEL RIFUGIATO (2005)I modelli di analisi dei processi e delle istituzioni educative e le problematiche della diversità  <b>Appunti sui principali modelli di socializzazione</b>Cinesi fuori rotta - Ultima di una lunghissima serie, la tragedia dell'immigrazione a largo di RagusaLe aberrazioni delle decisioni del federalismo svizzero e le responsabilità politiche del centro e della destra nell’affaire immigrazioneAppello per una campagna cittadina per il diritto di voto attivo e passivo 
dei cittadini stranieri residenti a RomaDal Senegal alla Libia, il tragico business dell'immigrazione  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati