Cinesi fuori rotta - Ultima di una lunghissima serie, la tragedia dell'immigrazione a largo di Ragusa
Condividi questo articolo


Cinesi fuori rotta


STEFANO LIBERTI


Ultima di una lunghissima serie, la tragedia dell'immigrazione che si è consumata ieri a largo di Ragusa presenta tuttavia un indiscutibile elemento di novità: la nazionalità dei migranti. Il ritrovamento di cinesi nel canale di Sicilia indica un cambiamento di rotta rispetto alle usuali strade - lunghe ma piuttosto lineari - usate finora dai cittadini della Repubblica popolare diretti verso il nostro paese. Fin dagli anni Novanta, gli emigranti cinesi - provenienti per lo più dalle due province costiere meridionali dello Zhejiang e del Fujian - hanno sempre seguito un cammino ben definito: si dirigevano in treno o in aereo a Mosca, punto di partenza di un vero e proprio viaggio a tappe. Arrivavano a Kiev, principale punto di snodo per la Romania e l'Ungheria, da dove poi puntavano verso la Croazia o la Slovenia. Questa parte di viaggio era compiuta a bordo di tir o camion-frigorifero modificati. Era invece a bordo di autovetture o motoscafi che raggiungevano il confine italiano. Una via alternativa, già da anni caduta però in disuso, consisteva invece nell'arrivare direttamente in aereo a Belgrado, dove i cinesi potevano entrare senza visto, e da lì dirigersi verso l'Italia. I tragici fatti di ieri - sommati al ritrovamento due settimane fa di altri ventuno cittadini di Pechino al porto di Marina di Ragusa - potrebbero indicare che i gruppi che organizzano i viaggi clandestini dei cinesi preferiscono ora la rotta che da Malta attraversa il canale di Sicilia.

A differenza di quanto avviene per i cittadini africani, che si avvalgono dei servizi di passeurs solo per i tratti più ostici (in particolare l'attraversamento in barca del Mediterraneo), il viaggio dei cinesi è infatti normalmente «inquadrato» dall'inizio alla fine. Organizzazioni ben ramificate gestiscono l'intero tragitto, avvalendosi di una rete ben strutturata di «agenti locali» nei singoli paesi, in modo da stabilire una catena di sub-appalti conveniente per tutti. Il gruppo più attivo in questo settore era la joint-venture creata dal cittadino croato Josip Loncaric e dal suocero cinese Xu Bailang che, prima di essere arrestati nel 2000, gestivano in modo quasi monopolistico il traffico di migranti dalla Repubblica popolare.

Stando alle indagini del pool investigativo di Trieste diretto dal procuratore Nicola Maria Pace e dalle relazioni della commissione anti-mafia del Parlamento, il prezzo complessivo del viaggio si aggira tra i 12mila e i 15mila euro. Una cifra enorme, che viene messa insieme grazie a un articolato sistema di credito. Sempre secondo la commissione anti-mafia, le organizzazioni che forniscono il viaggio assistito intercedono su diversi soggetti interessati al trasbordo per ottenere il pagamento: l'immigrante stesso, le sue reti parentali nel paese d'origine, eventuali reti familiari nel paese d'arrivo, potenziali datori di lavoro disposti a saldare le spese in cambio dell'impegno a lavorare in condizioni para-schiavistiche.

Se probabilmente il prezzo per il trasbordo è rimasto invariato (i migranti indiani pagano normalmente per un viaggio tutto-compreso da New Delhi alle coste europee 12mila dollari), rimane invece da capire se il cambiamento di rotta rappresenta un mutamento strutturale o un evento eccezionale. Rimane da capire, in particolare, in quale modo e con quali difficoltà gli sventurati sono giunti a Malta. Se sembra difficile che la Valletta, appena entrata in Europa, possa aprire un nuovo fronte dell'immigrazione clandestina, non si può dimenticare che tra l'isola e le coste sicule ci sono appena 100 chilometri di mare.


da "il manifesto" del 25 Marzo 2005



Condividi questo articolo

in Cittadinanza e Diritti: 'La casa e la dignità': parlano i rifugiati sfollati a Milano''Basta soprusi'' - razzismo e xenofobia<b>FIDH - Diritto d'asilo in Italia: </b>l'accesso alle procedure ed il trattamento dei richiedenti - Rapporto della Federazione
Internazionale dei Diritti Umani sull'Italia.FIDH - Droit d’asile en Italie : l’accès aux procédures et le traitement des demandeurs (fr/en)Zurigo: Le chiese criticano la legge sull’asiloCentri di detenzione per migranti - Mai piùE Amnesty mette il naso nei Cpt - Rapporto sui Centri di permanenza temporanea  in ItaliaLEGALITA’ E DIRITTI ANCHE NEL CPT - CGIL CISL UIL di MILANOL'OSSESSIONE DELLA SICUREZZA - di LAURENT BONELLIContro la creazione di campi alle frontiere dell'EuropaLes camps de réfugiés extraterritoriaux de l’Union européenne<b>Un petit morceau du rêve européen </b><i>Nous sommes des gens ordinaires. Tout ce que nous demandons, c’est une vie normale, travailler, fonder une famille…</i>Situation Alarmante dans le camps de Bel younechIl valore corrente di una democrazia a sovranità limitata (di Christian Marazzi)20 giugno - Emilia Romagna, Terra d’asilo - progetto promosso dalla Regione Emilia-Romagna e coordinato dalla Provincia di Parma, con azioni che coinvolgono il territorio regionaleCPT - Il no di Magistratura Democratica e uno sguardo all'Europa dei dirittiAl Forum di Bari Sajjad, rifiugiato pakistano, racconta l'orrore dei campi libici e l'inferno del ''Regina Pacis'' a San FocaRoma: 3 dicembre 2005 - Per chiudere i CPT.Tunisia, 13 anni di carcere a nove ragazzi per aver navigato su siti ''sovversivi''Cpt, l'indagine nascosta - Il governo rifiuta di pubblicare il rapporto del Consiglio d' Europa sui centri<b>LAMPEDUSA WATCHING - </b>SINTESI DEL RAPPORTO ARCI
sulla violazione dei diritti umani
a Lampedusa<b>Io, clandestino a Lampedusa  </b>Bilal: un nome inventato e un tuffo in mare<b>Io clandestino a Lampedusa</b> L'hotel a cinque stelle<b>Io clandestino a Lampedusa</b> - Maifrend ed altre crudeltà<b>Io clandestino a Lampedusa</b> - 26/27/28 settembre<b>Io clandestino a Lampedusa</b> - Sabato 24 settembreTreviso, sentenza del Tribunale ''Indossarre il burqa non è reato''Lodeserto condannato a un anno e quattro mesi per violenza privata e lesioni aggravate nei confronti di 17 immigrati che nel novembre 2002 avevano tentato la fuga dal Cpt di San FocaViolenze nel Cpt Regina Pacis, condannato don Cesare LodesertoRapporto di Amnesty international sui Centri di permanenza temporanea e assistenza (CPTA)Educazione ai diritti umani - Nazioni Unite - Conferenza di Vienna 1993''Mare nostrum'' : Basta con la censura sui Cpt e sulle violazioni dei diritti dei migranti - Campagna di sensibilizzazione sull'informazione sociale di PeaceLink, Articolo21 e Melting PotPisanu «spara» sugli immigrati<b>I contabili dei rifiuti umani </b>- l'analisi della modernità «liquida» di Zygmunt BaumanVERSO LA FINE DELLO STATO DI DIRITTO: DA LAMPEDUSA ANCORA DANNATI NEL DESERTO?Rifugiati, in Italia un diritto negato - Consorzio Italiano Solidarietà,  primo rapporto sul diritto d’asilo in ItaliaGli stranieri di Don Cesare e la stranezza dei Cpt - di Luigi ManconiRapporto Onu a Ginevra sulla Bossi-Fini: non tutela i diritti umaniPresentato il primo Rapporto dell’Osservatorio Crisi Dimenticate di Medici Senza Frontiere. Un’analisi dello spazio che i media italiani dedicano alle emergenze umanitarieRAPPORTO STATISTICO DELL'UNHCR: NEL 2004 DOMANDE D'ASILO AL LIVELLO MINIMO DAL 1988DICHIARAZIONI D’IMPEGNO PER UN’INFORMAZIONE A COLORILe tensioni tra terrorismo, diritto e giustiziaTorino, con una sentenza inedita - Clandestino e gay, niente espulsioneCpt - Lettera aperta ai Vescovi e ai credentiPer fermare i trafficanti di vite umane2 aprile 2005 seconda giornata europea di azione per la libertà di movimento, dei diritti universali e della lotta contro tutti i centri di detenzione per migrantiIMMIGRAZIONE - Il cuore dei diritti comuni - di FILIPPO MIRAGLIA ed ENRICO PUGLIESESylvester Weah: la prova delle espulsioni-scandalo<b>Nel deserto tra Libia e Niger. </b>Sui camion carichi di immigrati africani dopo l'accordo con l'Italia.E' la polizia che li prende di miraMinacce, arresti e censure la vita difficile di quei blogger. RSF premia il miglior blog che difende la libertà di espressione.Il rapporto della Commissione europea sui campi di detenzione di Gheddafi. E gli accordi con il nostro governo<b>Con l'arma impropria dell'universale le invettive contro il relativismo culturale</b> sono divenute luogo comune delle retoriche di destra, non di rado condivise a sinistra.Rapporto dell'EUMC sulla violenza razzista in Italia 2003-04Immigrazione: i fantasmi di Lampedusa, un delitto italianoAppel sur la situation des migrants en transit au Maroc - Un petit morceau du rêve européenConsiglio d'Europa - Protocollo n. 12 alla Convenzione per la salvaguardia dei Diritti dell'Uomo e delle Libertà FondamentaliImmigrazione, Strasburgo all'Italia ''No alle espulsioni collettive''MESSAGGIO DI SUA SANTITÀ GIOVANNI PAOLO II PER LA GIORNATA MONDIALE DEL MIGRANTE E DEL RIFUGIATO (2005)I modelli di analisi dei processi e delle istituzioni educative e le problematiche della diversità  <b>Appunti sui principali modelli di socializzazione</b>Cinesi fuori rotta - Ultima di una lunghissima serie, la tragedia dell'immigrazione a largo di RagusaLe aberrazioni delle decisioni del federalismo svizzero e le responsabilità politiche del centro e della destra nell’affaire immigrazioneAppello per una campagna cittadina per il diritto di voto attivo e passivo 
dei cittadini stranieri residenti a RomaDal Senegal alla Libia, il tragico business dell'immigrazione  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati