Rifugiati, in Italia un diritto negato - Consorzio Italiano Solidarietà, primo rapporto sul diritto d’asilo in Italia
Condividi questo articolo


Ics: "Rifugiati, in Italia un diritto negato"


di Flavia Capitani ROMA -


Il titolo è eloquente: “Rifugiati in Italia: la protezione negata”. L’Ics, Consorzio Italiano Solidarietà, ha redatto il primo rapporto sul diritto d’asilo in Italia, che analizza tutte le carenze nella tutela di chi arriva nel nostro paese e richiede che gli sia riconosciuto lo status di rifugiato.


Ecco un’anticipazione dei principali temi analizzati nel rapporto:

I DATI
Secondo ICS nel 2003 i richiedenti asilo in Italia sono stati 25.795. Secondo il ministero dell’Interno 10.550. Un dato particolarmente significativo se si pensa che proprio per la mancanza di puntualità del governo nel produrre le statistiche, la commissione europea ha ridotto del 69.05% i finanziamenti per la tutela e l’accoglienza dei richiedenti asilo.

L’ACCOGLIENZA
I fondi stanziati dallo Stato per il “Sistema di protezione dei richiedenti asilo” coprono il 6,76% del reale bisogno. Coloro che non riescono ad entrare in questo sistema di protezione e accoglienza trovano alloggio presso connazionali, in strutture abitative temporanee per i senza fissa dimora o sono costretti a occupare capannoni dismessi e stabili abbandonati.

I COSTI
Nel 2003 accogliere un richiedente asilo all’interno delle strutture previste dal “Sistema di Protezione” è costato allo Stato italiano 17,99 euro al giorno (tutto compreso: vitto, alloggio e servizi di assistenza legale, orientamento sociale, inserimento). Trattenere un cittadino straniero in un centro di permanenza temporanea è costato in media 71.11 euro.
Quando a fine aprile entrerà in vigore il decreto di attuazione della Bossi-Fini i richiedenti asilo finiranno nei “centri di identificazione”, dove verranno trattenuti in attesa dell’esame della loro richiesta. Nel 2003 per l'attivazione, la locazione, la gestione dei Cpt e la costruzione, l'acquisizione di immobili destinati a centri di permanenza e identificazione per stranieri irregolari e richiedenti asilo sono stati spesi 131.123.164 di euro.

LE FRONTIERE
Solo nel 2004 sono state 280 le “vittime del Mediterraneo". Nel 2002 sono stati 37.656 i cittadini stranieri respinti alla frontiere. Nel 2003 24.202. Il respingimento alla frontiera vuol dire negare al cittadino straniero l’accesso al territorio italiano e negare quindi l'accesso alla procedura di asilo di chi cerca protezione. ICS denuncia nel rapporto l'assenza di qualsiasi forma di garanzia in merito.

LA COMMISSIONE CENTRALE PER IL RICONOSCIMENTO DELLO STATUS DI RIFUGIATO
Nel 2003 delle 11.319 istanze di asilo esaminate dalla Commissione, 555 sono state accolte e 9.878 respinte. E’ significativo notare la notevole diminuzione, in termini percentuali, delle domande accolte, che passano dal 15.8% del 2001, al 7.4% del 2002 fino al 4.9% del 2003.
Secondo l’ICS nonostante la Commissione Centrale sia un organo collegiale, il richiedente asilo viene spesso ascoltato da un’unica persona: il 30,4% delle audizioni si svolge in presenza di un solo commissario, nel 43,5% dei casi in presenza di due. “E’ fin troppo facile osservare come questa circostanza impedisca alla Commissione di mantenere una linea di condotta comune che garantisca omogeneità nelle decisioni. – si legge nel rapporto - La presenza di un solo commissario non tutela a sufficienza il richiedente asilo dal rischio inevitabile di valutazioni soggettive. Infine, il simultaneo svolgimento di più audizioni spesso impedisce al rappresentante dell’ACNUR di essere presente”.

Secondo lo studio effettuato dagli operatori del Consorzio Italiano Solidarietà la quasi totalità dei richiedenti asilo denuncia una generale insoddisfazione per la superficialità del colloquio: il poco tempo a disposizione, in media 15 - 20 minuti, non permette di raccontare in modo esaustivo e sufficientemente dettagliato la propria storia. Nel 5,48% dei casi l’intervista non dura oltre i 5 minuti e solo in 3 casi su 100 supera la mezz’ora. Questa durata comprende anche la traduzione dell’interprete. “Ovvio – si legge nel rapporto - che in così pochi minuti è pressoché impossibile per il richiedente asilo far emergere quanto vorrebbe e per i commissari raccogliere informazioni complete e approfondite. L’amarezza aumenta se si pensa alla sproporzione tra la lunga attesa per la convocazione (in media 18 mesi) e la durata dell’audizione stessa”.

Al termine del lungo e dettagliato rapporto l’Ics ribadisce soprattutto la necessità di una legge sul diritto di asilo e richiede che:
- l'accesso alla procedura di asilo sia garantito a quanti arrivano in Italia anche in modo irregolare, essendo molto limitati i casi nei quali i richiedenti asilo riescono a lasciare il proprio paese con un passaporto e un visto di ingresso per l'Italia;
- ci sia una procedura unica ed equa che si basi in via prioritaria sulle singole storie dei richiedenti asilo e non sulla generale valutazione del loro paese di origine;
- il riconoscimento dello status di rifugiato sia fatto sulla base di quanto stabilito dalla Convenzione di Ginevra del 1951 e dalla Costituzione italiana (all'articolo 10). Secondo quest’ultima il diritto di asilo viene riconosciuto allo straniero “al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana”.
- l'accoglienza di richiedenti asilo venga fatta in strutture che non limitino la loro libertà personale e che possano garantire servizi di assistenza legale e orientamento sociale;
- sia garantito il diritto alla difesa in caso di diniego di riconoscimento dello status di rifugiato e pertanto la possibilità di permanere regolarmente sul territorio italiano nel caso di ricorso al giudice, fino a quando non sia emanato un provvedimento definitivo in merito.


(21 marzo 2005 - ore 18.42)


http://www.ilpassaporto.kataweb.it/dettaglio.jsp?id=25582&s=0



Condividi questo articolo

in Cittadinanza e Diritti: 'La casa e la dignità': parlano i rifugiati sfollati a Milano''Basta soprusi'' - razzismo e xenofobia<b>FIDH - Diritto d'asilo in Italia: </b>l'accesso alle procedure ed il trattamento dei richiedenti - Rapporto della Federazione
Internazionale dei Diritti Umani sull'Italia.FIDH - Droit d’asile en Italie : l’accès aux procédures et le traitement des demandeurs (fr/en)Zurigo: Le chiese criticano la legge sull’asiloCentri di detenzione per migranti - Mai piùE Amnesty mette il naso nei Cpt - Rapporto sui Centri di permanenza temporanea  in ItaliaLEGALITA’ E DIRITTI ANCHE NEL CPT - CGIL CISL UIL di MILANOL'OSSESSIONE DELLA SICUREZZA - di LAURENT BONELLIContro la creazione di campi alle frontiere dell'EuropaLes camps de réfugiés extraterritoriaux de l’Union européenne<b>Un petit morceau du rêve européen </b><i>Nous sommes des gens ordinaires. Tout ce que nous demandons, c’est une vie normale, travailler, fonder une famille…</i>Situation Alarmante dans le camps de Bel younechIl valore corrente di una democrazia a sovranità limitata (di Christian Marazzi)20 giugno - Emilia Romagna, Terra d’asilo - progetto promosso dalla Regione Emilia-Romagna e coordinato dalla Provincia di Parma, con azioni che coinvolgono il territorio regionaleCPT - Il no di Magistratura Democratica e uno sguardo all'Europa dei dirittiAl Forum di Bari Sajjad, rifiugiato pakistano, racconta l'orrore dei campi libici e l'inferno del ''Regina Pacis'' a San FocaRoma: 3 dicembre 2005 - Per chiudere i CPT.Tunisia, 13 anni di carcere a nove ragazzi per aver navigato su siti ''sovversivi''Cpt, l'indagine nascosta - Il governo rifiuta di pubblicare il rapporto del Consiglio d' Europa sui centri<b>LAMPEDUSA WATCHING - </b>SINTESI DEL RAPPORTO ARCI
sulla violazione dei diritti umani
a Lampedusa<b>Io, clandestino a Lampedusa  </b>Bilal: un nome inventato e un tuffo in mare<b>Io clandestino a Lampedusa</b> L'hotel a cinque stelle<b>Io clandestino a Lampedusa</b> - Maifrend ed altre crudeltà<b>Io clandestino a Lampedusa</b> - 26/27/28 settembre<b>Io clandestino a Lampedusa</b> - Sabato 24 settembreTreviso, sentenza del Tribunale ''Indossarre il burqa non è reato''Lodeserto condannato a un anno e quattro mesi per violenza privata e lesioni aggravate nei confronti di 17 immigrati che nel novembre 2002 avevano tentato la fuga dal Cpt di San FocaViolenze nel Cpt Regina Pacis, condannato don Cesare LodesertoRapporto di Amnesty international sui Centri di permanenza temporanea e assistenza (CPTA)Educazione ai diritti umani - Nazioni Unite - Conferenza di Vienna 1993''Mare nostrum'' : Basta con la censura sui Cpt e sulle violazioni dei diritti dei migranti - Campagna di sensibilizzazione sull'informazione sociale di PeaceLink, Articolo21 e Melting PotPisanu «spara» sugli immigrati<b>I contabili dei rifiuti umani </b>- l'analisi della modernità «liquida» di Zygmunt BaumanVERSO LA FINE DELLO STATO DI DIRITTO: DA LAMPEDUSA ANCORA DANNATI NEL DESERTO?Rifugiati, in Italia un diritto negato - Consorzio Italiano Solidarietà,  primo rapporto sul diritto d’asilo in ItaliaGli stranieri di Don Cesare e la stranezza dei Cpt - di Luigi ManconiRapporto Onu a Ginevra sulla Bossi-Fini: non tutela i diritti umaniPresentato il primo Rapporto dell’Osservatorio Crisi Dimenticate di Medici Senza Frontiere. Un’analisi dello spazio che i media italiani dedicano alle emergenze umanitarieRAPPORTO STATISTICO DELL'UNHCR: NEL 2004 DOMANDE D'ASILO AL LIVELLO MINIMO DAL 1988DICHIARAZIONI D’IMPEGNO PER UN’INFORMAZIONE A COLORILe tensioni tra terrorismo, diritto e giustiziaTorino, con una sentenza inedita - Clandestino e gay, niente espulsioneCpt - Lettera aperta ai Vescovi e ai credentiPer fermare i trafficanti di vite umane2 aprile 2005 seconda giornata europea di azione per la libertà di movimento, dei diritti universali e della lotta contro tutti i centri di detenzione per migrantiIMMIGRAZIONE - Il cuore dei diritti comuni - di FILIPPO MIRAGLIA ed ENRICO PUGLIESESylvester Weah: la prova delle espulsioni-scandalo<b>Nel deserto tra Libia e Niger. </b>Sui camion carichi di immigrati africani dopo l'accordo con l'Italia.E' la polizia che li prende di miraMinacce, arresti e censure la vita difficile di quei blogger. RSF premia il miglior blog che difende la libertà di espressione.Il rapporto della Commissione europea sui campi di detenzione di Gheddafi. E gli accordi con il nostro governo<b>Con l'arma impropria dell'universale le invettive contro il relativismo culturale</b> sono divenute luogo comune delle retoriche di destra, non di rado condivise a sinistra.Rapporto dell'EUMC sulla violenza razzista in Italia 2003-04Immigrazione: i fantasmi di Lampedusa, un delitto italianoAppel sur la situation des migrants en transit au Maroc - Un petit morceau du rêve européenConsiglio d'Europa - Protocollo n. 12 alla Convenzione per la salvaguardia dei Diritti dell'Uomo e delle Libertà FondamentaliImmigrazione, Strasburgo all'Italia ''No alle espulsioni collettive''MESSAGGIO DI SUA SANTITÀ GIOVANNI PAOLO II PER LA GIORNATA MONDIALE DEL MIGRANTE E DEL RIFUGIATO (2005)I modelli di analisi dei processi e delle istituzioni educative e le problematiche della diversità  <b>Appunti sui principali modelli di socializzazione</b>Cinesi fuori rotta - Ultima di una lunghissima serie, la tragedia dell'immigrazione a largo di RagusaLe aberrazioni delle decisioni del federalismo svizzero e le responsabilità politiche del centro e della destra nell’affaire immigrazioneAppello per una campagna cittadina per il diritto di voto attivo e passivo 
dei cittadini stranieri residenti a RomaDal Senegal alla Libia, il tragico business dell'immigrazione  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati