Appello per una campagna cittadina per il diritto di voto attivo e passivo dei cittadini stranieri residenti a Roma
Condividi questo articolo


INIZIATIVA PUBBLICA DI PRESENTAZIONE DI
DUE DELIBERE D'INIZIATIVA POPOLARE
PER IL RICONOSCIMENTO DEL DIRITTO DI VOTO AI RESIDENTI STRANIERI
AI MUNICIPI E AL COMUNE DI ROMA

MERCOLEDI' 13 LUGLIO - ORE 16.00
SALA DELLE BANDIERE - PROVINCIA DI ROMA
PALAZZO VALENTINI, VIA IV NOVEMBRE 119/A


Interverranno: cittadini immigrati, associazioni, organizzazioni sindacali
Sono stati invitati consiglieri comunali, assessori di Regione, Provincia, e Comune di Roma, parlamentari


foto: archivio Servizio Stampa e Informazione Giunta RERfoto: archivio Servizio Stampa e Informazione Giunta RERfoto: archivio Servizio Stampa e Informazione Giunta RER




Appello per una campagna cittadina per il diritto di voto attivo e passivo
dei cittadini stranieri residenti a Roma


Siamo cittadini e cittadine, associazioni antirazziste e movimenti di immigrate e immigrati, organizzazioni sindacali e democratiche della città di Roma.
Da tempo ci battiamo per l'affermazione di una società interculturale, capace di garantire a tutte le donne e gli uomini che vivono nella capitale e nel nostro paese la piena e sostanziale garanzia dei diritti di cittadinanza.

Riteniamo che le politiche sull'immigrazione debbano essere indirizzate alla stabile integrazione degli immigrati  e tendere alla più ampia partecipazione democratica di tutte le persone che fanno parte della comunità cittadina, indipendentemente dalla loro provenienza.
Mentre continuiamo a batterci per una legislazione giusta  e capace di affrontare in maniera efficace e concreta le nuove sfide e i nuovi bisogni aperti dall'immigrazione e dunque per un mutamento significativo delle politiche migratorie, avviamo una campagna per il riconoscimento del diritto di voto attivo e passivo per i cittadini immigrati alle elezioni amministrative.

Numerosi paesi in Europa da anni hanno adottato misure, pur con sistemi diversi, in questa direzione: in Danimarca, Irlanda, Regno Unito, Olanda, Spagna, Portogallo, si pratica già un'idea di cittadinanza di residenza svincolata dall'appartenenza nazionale.

Riteniamo che anche i circa 250.000 immigrati che abitano a Roma, e i circa 2,5 milioni e mezzo di cittadini stranieri che vivono nel nostro paese, abbiano il diritto a una cittadinanza attiva che li veda partecipare alle decisioni del territorio nel quale vivono, studiano o lavorano stabilmente.

Per questo avviamo la raccolta di firme per due delibere di iniziativa popolare per l'introduzione del diritto di voto nel Comune e nei Municipi di Roma i cui punti qualificanti sono:

- l'introduzione del diritto di elettorato attivo e passivo per il Consiglio Comunale per i cittadini stranieri non comunitari che abbiano compiuto il 18 anno di età regolarmente presenti sul territorio nazionale e residenti nel territorio comunale;

- la predisposizione di una apposita lista elettorale di elettori stranieri, elaborata sulla base dei dati rilevati dai servizi anagrafici, per rendere effettivo tale diritto, costituita e aggiornata d'ufficio;

- la richiesta al Sindaco e al Consiglio Comunale di proporre una modifica dello Statuto Comunale al fine di ampliare l'elettorato attivo e passivo ai cittadini stranieri non comunitari e apolidi residenti nel Comune di Roma secondo i principi sopra elencati.

- la richiesta al Consiglio Comunale di Roma di un impegno a sollecitare il Governo e il Parlamento ad approvare una legge nazionale per la garanzia del diritto di voto attivo e passivo ai cittadini stranieri non comunitari in tutto il territorio nazionale.


Per adesioni:
votoimmigratiroma@yahoo.it



COMITATO PROMOTORE

Associazioni: Antigone, Arci Roma, Attac Roma, Lunaria, Progetto diritti, Rdb, Senzaconfine, Servizio Rifugiati e Migranti Fcei Roma, ICS, Comunità S. Egidio, Comitato Immigrati in Italia, Comitato Immigrati Roma, Bashani Sriti (Bangladesh), Action, Dhuumcatu, Centro Astalli, Associazione Giuristi Democratici, Coordinamento lotta per la casa, OMCVI - Donne Capoverdiane, Acrobax, Csoa Vittorio Occupato di Ostia, Casa dei diritti sociali Focus, Pax Christi Roma, ADBI (Donne brasiliane), Associazione culturale Piero Bruno, NO.DI., Carta, Chiama l'Africa, Associazione Illiria, Associazione Mediterranea, Casa delle culture, Ass. LIPA - Donne slave del Sud, Ass. Griot, Ass. Lavoratori Pakistani in Italia, Medici contro la tortura,

Singoli: Andrés Barreto (Comitato Immigrati in Italia), Vincenzo Bellini (RDB), Claudio Graziano (Arci Roma), Daria Pozzi (Attac Roma), Fabio Marcelli (Giuristi Democratici), Alessia Montuori (Senzaconfine), Grazia Naletto (Lunaria), Gennaro Santoro (Antigone), Virginia Valente (Progetto diritti), Hamadi Zribi (Responsabile Immigrazione Prc Roma), Militetzegga Zerziohannes, Simona Sinopoli (Avvocato), Aziz Darif (Consigliere Straniero Aggiunto in Campidoglio), Susanna Serpe, Shabir Khan (Ass. Lavoratori pakistani in Italia), Gerardo Mastrodomenico, Saleh Bassam, Maurizio Musolino (responsabile naz. Immigrazione PDCI), Hamidovic Nedzad (Presidente Coop. Roma Bosnia Erzegovina Onlus), Hamidovic Esma (Vice Presidente Consulta Immigrazione Municipio XI), Mario Angelelli (Avvocato), Arturo Salerni (Avvocato), Aziz Khan (Bashani Sriti - Bangladesh); Annamaria Rivera (Antropologa), Filippo Miraglia (Responsabile Immigrazione Nazionale ARCI), Alberto Giustini (Presidente Arci Roma), Eugenio Melandri (coordinatore Chiama l'Africa), Simonetta Crisci (Avvocato), Luci Zuvela (LIPA); Vladimir Kosturi (Associazione Illiria), Pilar Saravia (UIL Roma), Alfonso Perrotta (dipendente Comune di Roma), Pierluigi Sullo (Carta), Patrizia Pellini, Roberta Fantozzi (Responsabile naz. immigrazione PRC), Tiziana La Torre (ARCI di Roma), Ettore Zerbino (Medici contro la tortura),
 
Prime adesioni:

Loredana De Petris (Deputata Verdi), Paolo Cento (Deputato Verdi), Nando Simeone (Vice Presidente del Consiglio Provinciale), Francesco Martone (Senatore indipendente PRC), Giovanni Russospena (Deputato PRC), Carlo Leoni (Deputato DS), Ivano Peduzzi (Capogruppo PRC Regione Lazio), Silvana Pisa (Deputata DS), Alessio D'Amato (Consigliere PDCI Regione Lazio), Maurizio Fabbri (Capogruppo PRC Consiglio provinciale), Carla Minieri (Portavoce Verdi Roma Nord), Paolo Carrazza Assessore alle Politiche per le Periferie, lo Sviluppo locale e il lavoro del Comune di Roma, Luigi Nieri, Assessore al Bilancio, programmazione economico-finanziaria e partecipazione Regione Lazio, Stefano Galieni  (Dip. Nazionale Immigrazione PRC), Sergio Briguglio; Claudio Ortale (Direttivo CUB Lazio e Presidente Ass. BKP Roma); Adriana Spera (Presidente Commissione Lavoro-Scuola-Cultura al Comune di Roma), Cristina Fuga (Coordinatrice Prov. CUB scuola - Roma)



Condividi questo articolo

in Cittadinanza e Diritti: 'La casa e la dignità': parlano i rifugiati sfollati a Milano''Basta soprusi'' - razzismo e xenofobia<b>FIDH - Diritto d'asilo in Italia: </b>l'accesso alle procedure ed il trattamento dei richiedenti - Rapporto della Federazione
Internazionale dei Diritti Umani sull'Italia.FIDH - Droit d’asile en Italie : l’accès aux procédures et le traitement des demandeurs (fr/en)Zurigo: Le chiese criticano la legge sull’asiloCentri di detenzione per migranti - Mai piùE Amnesty mette il naso nei Cpt - Rapporto sui Centri di permanenza temporanea  in ItaliaLEGALITA’ E DIRITTI ANCHE NEL CPT - CGIL CISL UIL di MILANOL'OSSESSIONE DELLA SICUREZZA - di LAURENT BONELLIContro la creazione di campi alle frontiere dell'EuropaLes camps de réfugiés extraterritoriaux de l’Union européenne<b>Un petit morceau du rêve européen </b><i>Nous sommes des gens ordinaires. Tout ce que nous demandons, c’est une vie normale, travailler, fonder une famille…</i>Situation Alarmante dans le camps de Bel younechIl valore corrente di una democrazia a sovranità limitata (di Christian Marazzi)20 giugno - Emilia Romagna, Terra d’asilo - progetto promosso dalla Regione Emilia-Romagna e coordinato dalla Provincia di Parma, con azioni che coinvolgono il territorio regionaleCPT - Il no di Magistratura Democratica e uno sguardo all'Europa dei dirittiAl Forum di Bari Sajjad, rifiugiato pakistano, racconta l'orrore dei campi libici e l'inferno del ''Regina Pacis'' a San FocaRoma: 3 dicembre 2005 - Per chiudere i CPT.Tunisia, 13 anni di carcere a nove ragazzi per aver navigato su siti ''sovversivi''Cpt, l'indagine nascosta - Il governo rifiuta di pubblicare il rapporto del Consiglio d' Europa sui centri<b>LAMPEDUSA WATCHING - </b>SINTESI DEL RAPPORTO ARCI
sulla violazione dei diritti umani
a Lampedusa<b>Io, clandestino a Lampedusa  </b>Bilal: un nome inventato e un tuffo in mare<b>Io clandestino a Lampedusa</b> L'hotel a cinque stelle<b>Io clandestino a Lampedusa</b> - Maifrend ed altre crudeltà<b>Io clandestino a Lampedusa</b> - 26/27/28 settembre<b>Io clandestino a Lampedusa</b> - Sabato 24 settembreTreviso, sentenza del Tribunale ''Indossarre il burqa non è reato''Lodeserto condannato a un anno e quattro mesi per violenza privata e lesioni aggravate nei confronti di 17 immigrati che nel novembre 2002 avevano tentato la fuga dal Cpt di San FocaViolenze nel Cpt Regina Pacis, condannato don Cesare LodesertoRapporto di Amnesty international sui Centri di permanenza temporanea e assistenza (CPTA)Educazione ai diritti umani - Nazioni Unite - Conferenza di Vienna 1993''Mare nostrum'' : Basta con la censura sui Cpt e sulle violazioni dei diritti dei migranti - Campagna di sensibilizzazione sull'informazione sociale di PeaceLink, Articolo21 e Melting PotPisanu «spara» sugli immigrati<b>I contabili dei rifiuti umani </b>- l'analisi della modernità «liquida» di Zygmunt BaumanVERSO LA FINE DELLO STATO DI DIRITTO: DA LAMPEDUSA ANCORA DANNATI NEL DESERTO?Rifugiati, in Italia un diritto negato - Consorzio Italiano Solidarietà,  primo rapporto sul diritto d’asilo in ItaliaGli stranieri di Don Cesare e la stranezza dei Cpt - di Luigi ManconiRapporto Onu a Ginevra sulla Bossi-Fini: non tutela i diritti umaniPresentato il primo Rapporto dell’Osservatorio Crisi Dimenticate di Medici Senza Frontiere. Un’analisi dello spazio che i media italiani dedicano alle emergenze umanitarieRAPPORTO STATISTICO DELL'UNHCR: NEL 2004 DOMANDE D'ASILO AL LIVELLO MINIMO DAL 1988DICHIARAZIONI D’IMPEGNO PER UN’INFORMAZIONE A COLORILe tensioni tra terrorismo, diritto e giustiziaTorino, con una sentenza inedita - Clandestino e gay, niente espulsioneCpt - Lettera aperta ai Vescovi e ai credentiPer fermare i trafficanti di vite umane2 aprile 2005 seconda giornata europea di azione per la libertà di movimento, dei diritti universali e della lotta contro tutti i centri di detenzione per migrantiIMMIGRAZIONE - Il cuore dei diritti comuni - di FILIPPO MIRAGLIA ed ENRICO PUGLIESESylvester Weah: la prova delle espulsioni-scandalo<b>Nel deserto tra Libia e Niger. </b>Sui camion carichi di immigrati africani dopo l'accordo con l'Italia.E' la polizia che li prende di miraMinacce, arresti e censure la vita difficile di quei blogger. RSF premia il miglior blog che difende la libertà di espressione.Il rapporto della Commissione europea sui campi di detenzione di Gheddafi. E gli accordi con il nostro governo<b>Con l'arma impropria dell'universale le invettive contro il relativismo culturale</b> sono divenute luogo comune delle retoriche di destra, non di rado condivise a sinistra.Rapporto dell'EUMC sulla violenza razzista in Italia 2003-04Immigrazione: i fantasmi di Lampedusa, un delitto italianoAppel sur la situation des migrants en transit au Maroc - Un petit morceau du rêve européenConsiglio d'Europa - Protocollo n. 12 alla Convenzione per la salvaguardia dei Diritti dell'Uomo e delle Libertà FondamentaliImmigrazione, Strasburgo all'Italia ''No alle espulsioni collettive''MESSAGGIO DI SUA SANTITÀ GIOVANNI PAOLO II PER LA GIORNATA MONDIALE DEL MIGRANTE E DEL RIFUGIATO (2005)I modelli di analisi dei processi e delle istituzioni educative e le problematiche della diversità  <b>Appunti sui principali modelli di socializzazione</b>Cinesi fuori rotta - Ultima di una lunghissima serie, la tragedia dell'immigrazione a largo di RagusaLe aberrazioni delle decisioni del federalismo svizzero e le responsabilità politiche del centro e della destra nell’affaire immigrazioneAppello per una campagna cittadina per il diritto di voto attivo e passivo 
dei cittadini stranieri residenti a RomaDal Senegal alla Libia, il tragico business dell'immigrazione  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati