Il valore corrente di una democrazia a sovranità limitata (di Christian Marazzi)
Da Il Manifesto 19-05-2005
Condividi questo articolo


Il valore corrente di una democrazia a sovranità limitata
Negli Usa e in Europa il governo delle imprese e il sistema politico sono stati accomunati dalla stessa logica «inclusiva» che ha però accresciuto il potere delle élite politiche e manageriali. Un sentiero di lettura sulla crisi della democrazia a partire dall'implosione del modello imprenditoriale della new economy


CHRISTIAN MARAZZI



Gli scandali che circondano la gestione delle grandi società quotate in borsa a partire dal 2000 non sono incidenti di percorso di un capitalismo dominato dalla finanza di mercato. Sono, al contrario, la manifestazione evidente di contraddizioni che sono al cuore stesso di un regime di crescita finanziarizzato. E' questa la tesi che Michel Aglietta e Antoine Rebérioux sviluppano in Dérives du capitalisme financier (Ed. Albin Michel), un libro che ha origine in una ricerca collettiva per conto del «Commissariato generale del Piano francese», iniziata nel 1999 quando imperversava l'ideologia della new economy, e diffuso per la prima volta nel 2001, un mese prima dell'esplosione dello scandalo Enron. Si tratta di uno studio rigoroso in cui gli autori, oltre a smontare la dottrina della sovranità azionariale (shareholder value) e i suoi effetti perversi sulla governance d'impresa, propongono una serie di riforme di democrazia economica «per rimettere il capitalismo contemporaneo sulla via del progresso sociale». Nell'analisi del capitalismo finanziario contemporaneo centrale è la crisi della sovranità degli azionisti come espressione dell'impossibilità di esercitare il controllo democratico dall'esterno dei processi produttivi. La liquidità dei mercati finanziari e lo sviluppo del risparmio gestito dai Fondi pensione e d'investimento con l'unica preoccupazione di massimizzare la rendita finanziaria, rendono del tutto illusorio il controllo delle imprese da parte degli azionisti. Questa contraddizione, tale per cui i proprietari di capitale (gli azionisti) non controllano le imprese in cui hanno investito la loro liquidità, e quindi lasciano ampi margini di manovra ai manager dirigenti, fu descritta per la prima volta da Berle e Means in The Modern Corporation and Private Property, pubblicato nel 1932.


Un'ideologia partecipativa


Aglietta e Rebérioux attualizzano l'analisi di Berle e Means alla luce delle trasformazioni dei modi di produrre che hanno fatto dell'impresa il luogo privilegiato della cooperazione lavorativa. L'impresa postfordista, nelle sue dimensioni tecnologiche, finanziarie, cognitive e organizzative, è per sua natura collettiva, «partenariale», e quindi non è un oggetto di diritti di proprietà. Ne consegue che centrale nella governance d'impresa non è più il controllo, bensì la formazione di un interesse collettivo che si esprime in una finalità riconosciuta e accettata dai soggetti della cooperazione produttiva. Questo esito democratico dovrebbe tradursi ugualmente nella gestione del risparmio collettivo, in modo da ridurre l'instabilità macro-finanziaria che sottende il capitalismo contemporaneo.


L'idea della democrazia economica come superamento delle contraddizioni poste in essere dalla logica della proprietà privata e del controllo esterno da parte degli azionisti dei processi di creazione della ricchezza sociale, merita di essere approfondita.


L'instabilità e la fragilità che minano alla radice la dottrina della «sovranità azionariale» e il concetto di democrazia su cui poggia, sono strutturali: «Il principio costitutivo di questa dottrina è di coniugare liquidità e controllo. Ora, la liquidità suppone precisamente una presa di distanza. E' sinonimo di esteriorità». Affinché la liquidità possa esistere è necessario che la proprietà non abbia alcuna relazione con il suo proprietario. Niente sarebbe liquido se il valore assegnato dipendesse dalla capacità, dallo sforzo o dalla volontà del proprietario. «Il marmo cesserebbe di essere facilmente vendibile - scrive Berle nel 1963 - se il suo valore dipendesse dalla sua relazione con lo scultore».


Ne consegue che più si privilegia, come nel capitalismo contemporaneo, l'interesse degli azionisti, più la gestione delle imprese deve essere fatta nel nome di una esteriorità (il mercato finanziario). Questo processo contribuisce a deresponsabilizzare il potere manageriale, col risultato, tra altri, che il rapporto tra la remunerazione media dei più alti dirigenti delle grandi corporation americane rispetto al salario operaio medio è passato da 85 nel 1990 a 400 nel 2004. L'inefficacia del controllo azionariale esterno (che è esterno in virtù della natura liquida del capitale) è duplice: rafforza l'autoreferenzialità dei mercati finanziari (bolla speculativa), destabilizza la cooperazione delle forze produttive (ristrutturazioni, fusioni, delocalizzazioni).


Il salariato che è contemporaneamente dentro i processi produttivi, come operaio, e fuori, come risparmiatore, ben esemplifica la contraddizione del capitalismo finaziario: come risparmiatore, i cui fondi pensione sono investiti in borsa, ha interesse al miglior rendimento dei suoi investimenti, ma come operaio subisce direttamente gli effetti della finanziarizzazione, mettendo a repentaglio il suo salario e il suo posto di lavoro. In questo gioco autodistruttivo tra dentro e fuori, alla fine gli unici a guadagnarci sono i manager, quella «aristocrazia venale» indifferente sia alla sorte dei lavoratori sia, in ultima istanza, a quella degli azionisti.


Le proposte di democrazia economica avanzate da Aglietta e Rebérioux, nella forma di una effettiva rappresentanza dei salariati nei consigli d'amministrazione (sul modello svedese o tedesco, in cui i salariati hanno diritti equivalenti a quelli degli azionisti), e nella forma di piani di risparmio salariale e di risparmio-pensione gestiti politicamente nell'interesse della collettività (socializzazione dei rischi), hanno quale comun denominatore l'obiettivo di interiorizzare il controllo, di superare quella esteriorità della «proprietà liquida» che è la causa principale della crisi del capitalismo finanziario. L'idea è quella di una democrazia inclusiva basata sul concetto di prorietà sociale del capitale emergente dalla natura cooperativa e collettiva dei processi di creazione della ricchezza.


Pratiche di relazione


Per quanto condivisibile sul piano logico e formale, vi è più di un motivo per essere scettici di fronte a questa concezione economica della democrazia. Le contraddizioni del capitalismo finanziario vengono gestite per estensione dei medesimi processi che hanno portato alla crisi della new economy. Si pensi, ad esempio, ai processi di outsourcing planetario che hanno fatto seguito alla crisi della new economy, processi tendenti appunto a includere spazi di valorizzazione relativamente esterni, con effetti devastanti per il salario e l'occupazione nelle economie occidentali, per non parlare delle derive antidemocratiche, come la guerra, che di questi processi sono il corollario.


La domanda che ci poniamo è se sia ancora possibile, o comunque sufficiente, ragionare sulla democrazia utilizzando la categoria politica dell'inclusione, o se invece non sia preferibile partire dalle forme di soggettività che questo stesso capitalismo ha determinato. Da questo punto di vista i comportamenti soggettivi delle donne nel sistema economico postfordista, che ha fatto di tutto per interiorizzare e mettere a valore le competenze comunicativo-relazionali femminili maturate nella sfera riproduttiva, permettono di sviluppare un concetto di democrazia basato sulla differenza, piuttosto che sull'inclusione.


«Il problema fastidioso per il business non è trovare talenti femminili, ma trattenerli», scrive Laura D'Andrea Tyson, decano della London Business School (Business Week, 28 marzo). Il problema di come «trattenere la differenza» all'interno di un universo produttivo, in cui il tasso di partecipazione femminile al mercato del lavoro tende a superare quello maschile, è oggetto di un'indagine apparsa sul numero di marzo della Harvard Business Review da cui emerge come le donne abbiano un rapporto col lavoro decisamente diverso da quello degli uomini. La differenza è particolarmente marcata tra le donne con qualifiche professionali elevate, e riguarda il rapporto delle donne col potere, con la leadership, con la carriera. Molte donne interrompono la loro attività, mettendo a repentaglio carriera e reddito, non solo per accudire i figli, ma sempre di più per autovalorizzarsi, per combattere la noia e la frustrazione del lavoro con la riappropriazione di spazi e di tempo per sé («It's boring at the top for female executives», titolava un recente articolo del New York Times).


La questione non è risolvibile con il solo aumento della rappresentanza delle donne ai vertici del mondo economico (che le vede comunque rappresentate per un solo 2% nelle prime 500 compagnie americane). E non è neppure circoscrivibile alle sole donne altamente qualificate, come dimostrano due preziose ricerche apparse in Italia (Le parole per farlo. Donne al lavoro nel postfordsimo, a cura di Adriana Nannicini, DeriveApprodi; Parole che le donne usano nel mondo del lavoro oggi, Quaderni di Via Dogana, il manifesto del 23/05/05).


Il lavoro della differenza


Si tratta, piuttosto, del «lavoro della differenza», di quello scarto, o «eccedenza», irriducibile alla sola dimensione economica e alle misure di «democrazia inclusiva» che già abbiamo visto all'opera nella fase ascendente della new economy con l'uso delle stock options per trattenere competenze e creatività della forza-lavoro. Peter Druker, in Il management della società prossima ventura (Etas) ricorda che «le aziende che si sono spinte maggiormente in questa direzione hanno avuto il turnover più elevato. E' incredibile quanto sono numerosi gli ex dipendenti Microsoft che mi è capitato di incontrare. Gli ex dipendenti della Microsoft odiano l'azienda, perché si rendono conto che essa offrì loro solo del denaro. Inoltre si rendono conto che il sistema di valori aziendale è unicamente finanziario, mentre essi si considerano professionisti, con un sistema di valori diverso».


L'ultimo libro di Richard Florida, The Flight of the Creative Class. The New Global Competition for Talent (HarperBusiness, 2005), si occupa, non a caso, della fuga dei knowledge workers americani verso altri paesi, una scelta difficilmente spiegabile sulla base dei soli differenziali salariali. La democrazia che andiamo cercando deve tener conto di quell'attivo sottrarsi, di quella resistenza della differenza, di quella esteriorità vitale, capace di innovazione di forme di vita e di valorizzazione. La democrazia è lo spazio del «dentro e fuori» abitato dalla pluralità di differenze.


Da Il Manifesto 19-05-2005



Condividi questo articolo

in Cittadinanza e Diritti: 'La casa e la dignità': parlano i rifugiati sfollati a Milano''Basta soprusi'' - razzismo e xenofobia<b>FIDH - Diritto d'asilo in Italia: </b>l'accesso alle procedure ed il trattamento dei richiedenti - Rapporto della Federazione
Internazionale dei Diritti Umani sull'Italia.FIDH - Droit d’asile en Italie : l’accès aux procédures et le traitement des demandeurs (fr/en)Zurigo: Le chiese criticano la legge sull’asiloCentri di detenzione per migranti - Mai piùE Amnesty mette il naso nei Cpt - Rapporto sui Centri di permanenza temporanea  in ItaliaLEGALITA’ E DIRITTI ANCHE NEL CPT - CGIL CISL UIL di MILANOL'OSSESSIONE DELLA SICUREZZA - di LAURENT BONELLIContro la creazione di campi alle frontiere dell'EuropaLes camps de réfugiés extraterritoriaux de l’Union européenne<b>Un petit morceau du rêve européen </b><i>Nous sommes des gens ordinaires. Tout ce que nous demandons, c’est une vie normale, travailler, fonder une famille…</i>Situation Alarmante dans le camps de Bel younechIl valore corrente di una democrazia a sovranità limitata (di Christian Marazzi)20 giugno - Emilia Romagna, Terra d’asilo - progetto promosso dalla Regione Emilia-Romagna e coordinato dalla Provincia di Parma, con azioni che coinvolgono il territorio regionaleCPT - Il no di Magistratura Democratica e uno sguardo all'Europa dei dirittiAl Forum di Bari Sajjad, rifiugiato pakistano, racconta l'orrore dei campi libici e l'inferno del ''Regina Pacis'' a San FocaRoma: 3 dicembre 2005 - Per chiudere i CPT.Tunisia, 13 anni di carcere a nove ragazzi per aver navigato su siti ''sovversivi''Cpt, l'indagine nascosta - Il governo rifiuta di pubblicare il rapporto del Consiglio d' Europa sui centri<b>LAMPEDUSA WATCHING - </b>SINTESI DEL RAPPORTO ARCI
sulla violazione dei diritti umani
a Lampedusa<b>Io, clandestino a Lampedusa  </b>Bilal: un nome inventato e un tuffo in mare<b>Io clandestino a Lampedusa</b> L'hotel a cinque stelle<b>Io clandestino a Lampedusa</b> - Maifrend ed altre crudeltà<b>Io clandestino a Lampedusa</b> - 26/27/28 settembre<b>Io clandestino a Lampedusa</b> - Sabato 24 settembreTreviso, sentenza del Tribunale ''Indossarre il burqa non è reato''Lodeserto condannato a un anno e quattro mesi per violenza privata e lesioni aggravate nei confronti di 17 immigrati che nel novembre 2002 avevano tentato la fuga dal Cpt di San FocaViolenze nel Cpt Regina Pacis, condannato don Cesare LodesertoRapporto di Amnesty international sui Centri di permanenza temporanea e assistenza (CPTA)Educazione ai diritti umani - Nazioni Unite - Conferenza di Vienna 1993''Mare nostrum'' : Basta con la censura sui Cpt e sulle violazioni dei diritti dei migranti - Campagna di sensibilizzazione sull'informazione sociale di PeaceLink, Articolo21 e Melting PotPisanu «spara» sugli immigrati<b>I contabili dei rifiuti umani </b>- l'analisi della modernità «liquida» di Zygmunt BaumanVERSO LA FINE DELLO STATO DI DIRITTO: DA LAMPEDUSA ANCORA DANNATI NEL DESERTO?Rifugiati, in Italia un diritto negato - Consorzio Italiano Solidarietà,  primo rapporto sul diritto d’asilo in ItaliaGli stranieri di Don Cesare e la stranezza dei Cpt - di Luigi ManconiRapporto Onu a Ginevra sulla Bossi-Fini: non tutela i diritti umaniPresentato il primo Rapporto dell’Osservatorio Crisi Dimenticate di Medici Senza Frontiere. Un’analisi dello spazio che i media italiani dedicano alle emergenze umanitarieRAPPORTO STATISTICO DELL'UNHCR: NEL 2004 DOMANDE D'ASILO AL LIVELLO MINIMO DAL 1988DICHIARAZIONI D’IMPEGNO PER UN’INFORMAZIONE A COLORILe tensioni tra terrorismo, diritto e giustiziaTorino, con una sentenza inedita - Clandestino e gay, niente espulsioneCpt - Lettera aperta ai Vescovi e ai credentiPer fermare i trafficanti di vite umane2 aprile 2005 seconda giornata europea di azione per la libertà di movimento, dei diritti universali e della lotta contro tutti i centri di detenzione per migrantiIMMIGRAZIONE - Il cuore dei diritti comuni - di FILIPPO MIRAGLIA ed ENRICO PUGLIESESylvester Weah: la prova delle espulsioni-scandalo<b>Nel deserto tra Libia e Niger. </b>Sui camion carichi di immigrati africani dopo l'accordo con l'Italia.E' la polizia che li prende di miraMinacce, arresti e censure la vita difficile di quei blogger. RSF premia il miglior blog che difende la libertà di espressione.Il rapporto della Commissione europea sui campi di detenzione di Gheddafi. E gli accordi con il nostro governo<b>Con l'arma impropria dell'universale le invettive contro il relativismo culturale</b> sono divenute luogo comune delle retoriche di destra, non di rado condivise a sinistra.Rapporto dell'EUMC sulla violenza razzista in Italia 2003-04Immigrazione: i fantasmi di Lampedusa, un delitto italianoAppel sur la situation des migrants en transit au Maroc - Un petit morceau du rêve européenConsiglio d'Europa - Protocollo n. 12 alla Convenzione per la salvaguardia dei Diritti dell'Uomo e delle Libertà FondamentaliImmigrazione, Strasburgo all'Italia ''No alle espulsioni collettive''MESSAGGIO DI SUA SANTITÀ GIOVANNI PAOLO II PER LA GIORNATA MONDIALE DEL MIGRANTE E DEL RIFUGIATO (2005)I modelli di analisi dei processi e delle istituzioni educative e le problematiche della diversità  <b>Appunti sui principali modelli di socializzazione</b>Cinesi fuori rotta - Ultima di una lunghissima serie, la tragedia dell'immigrazione a largo di RagusaLe aberrazioni delle decisioni del federalismo svizzero e le responsabilità politiche del centro e della destra nell’affaire immigrazioneAppello per una campagna cittadina per il diritto di voto attivo e passivo 
dei cittadini stranieri residenti a RomaDal Senegal alla Libia, il tragico business dell'immigrazione  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati