Eleganti, frenetici, rumorosi i mille volti di "Terra Madre"
Condividi questo articolo


Eleganti, frenetici, rumorosi i mille volti di "Terra Madre"


- TORINO - Le più eleganti sono le donne del Senegal, un mix felice di marrone e verde brillante. I più buffi sono i giapponesi. Indossano le tute bianche che usano per allevare le api da miele e qui a Terra Madre vogliono proporre un loro brevetto che mostrano con orgoglio a chiunque si mostri incuriosito. La più fotografata è la ragazza del Sud Africa che sfoggia frange di perline multicolore sull'abito nero. Le più frenetiche nello scattare fotografie al cellulare sono le ragazze del Marocco, che in abiti e veli bianchi per coprire i capelli vanno su e giù per immortalare l'evento. I più rumorosi sono i delegati afgani. I più seri, e anche giovanissimi, sono gli svedesi nel loro costume tradizionale che si chiama gakti. Il PalaIsozaki, teatro olimpico che con il suo gioco di specchi nell'ingresso rimanda l'immagine dei delegati in coda in attesa dell'accreditamento, ospita l'apertura ufficiale della quarta edizione di Terra Madre (data di nascita autunno 2004), un evento in costante crescita, luogo di incontro e di babele di lingue che si intrecciano.

Cinquemila persone accorse per seguire l'evento e all'appello mancano molti africani e tutti quelli transitati da Parigi e lì bloccati per gli scioperi che stanno paralizzando la Francia. Abbracci e strette di mano per Carlo Petrini che al termine della cerimonia iniziale scende dal palco circondato da fan in arrivo da 162 diversi Paesi. Cinque interventi in cinque diverse lingue indigene, in rappresentanza di cinque continenti. Apre un ieratico delegato della comunità "Gamo" che tiene in mano un'erba "simbolica". Lo segue un esponente dei "Sami", l'etnia nativa del nord Europa che vive nella regione Sapmi, fra Svezia, Norvegia, Finlandia e Russia.

A tutti loro Petrini dedica il suo intervento: "Dobbiamo imparare a difendere i saperi tradizionali, perché sono questi che forniscono gli strumenti indispensabili per la vita. Abbandonarli ci rende più poveri e deboli". Non è un caso che indigeni, donne, contadini e anziani, i veri depositari di questi saperi "sono le persone meno considerate dalla politica e dai media. Ma sono le persone più umili quelle che preservano la terra".

(21 ottobre 2010)

http://www.repubblica.it/solidarieta/cibo-e-ambiente/2010/10/21/news/eleganti_frenetici_rumorosi_i_mille_volti_di_terra_madre-8315465/

Condividi questo articolo

in News: Il ministero dell’Interno cerca mediatoriÈ nero il giacinto'Nei ghetti d'Italia, questo non è un uomo' - Adriano SofriREGIONE LAZIO, PARTE IL PROGETTO EDA A FRASCATICLASSI PONTE? UN'INVENZIONE ITALIANAItaliano Lingua Migrante: una proposta didawebVicenza - classi d'accesso per immigratiOsservatorio Nazionale Minori StranieriIdentità  nazionale tra dialetti e lingue minoritarie Incontro di StudiZingari le radici dell'odio - BARBARA SPINELLIdi Toni Fontana - 2008 - Apartheid a Treviso: tolleranza doppio zeroSOCIAL FORUM EUROPEO - ISTANBUL LUGLIO 2010 - ASSEMBLEA EUROPEA DELL’EDUCAZIONE - APPELLO ALLA MOBILITAZIONEFare inte(g)razione tra enti locali, scuola e comunitàL'odissea dei ricongiungimentiROMA - Materna, massimo 5 stranieri per classeIl giudice: reintegrate quel professore licenziato perché marocchinoMozione 1-00033 APPROVATA presentata da ROBERTO COTA
testo di martedì 16 settembre 2008, seduta n.050CELIO AZZURRO: La didattica e la formazioneIl peso delle parole di Igiaba ScegoSpose bambine Romeo «sgombero,polizia» e la sua maestraFRASCATI, TOPPI: <IMG 
src=http://3.bp.blogspot.com/_fmnIKx3y3v8/S0NwoiaP1vI/AAAAAAAAIb4/0B-PYOKjpzE/S310/logo.jpg border=0><br>Primo marzo 2010. Autoctoni e immigrati, uniti nella stessa battaglia di civiltà.Se gli israeliani parlano uno slang… araboIl Mozambico visto da una ventenne italianaLe Gallarate - Una mostra racconta i Scuola. Roma, Municipio I vota contro tetto a stranieriIl ministro e il velo di FatimaEleganti, frenetici, rumorosi i mille volti di  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati