Spose bambine "In Italia pochissimi casi"
Condividi questo articolo


Spose bambine, i giornali e la realtà (vera):
"In Italia pochissimi casi"

 

L'Osservatorio nazionale smentisce i dati riportati dalla stampa: 156 casi nel 2007, contro gli oltre 1.500 del 1993. Le "esagerazioni" dei giornali "diffondono pregiudizi verso le famiglie migranti"

 

ROMA - I giornali esagerano: le "spose bambine" in Italia sono poche, diversamente da quanto lascerebbero pensare gli allarmi lanciati da alcune testate negli ultimi mesi. La precisazione arriva dal Centro nazionale di documentazione e analisi per l'infanzia e l'adolescenza, che proprio in questi giorni ha pubblicato sul suo portale (http://www.minori.it/) un articolo che contiene alcuni chiarimenti sul tema. Innanzitutto, "i casi accertati di matrimoni che coinvolgono minorenni nel nostro Paese erano 156 al 2007 e non 2 mila, come rilanciato da più parti". E sbaglia il Corriere della Sera, quando pubblica, il 20 gennaio scorso, un'inchiesta di due pagine in cui attribuisce erroneamente al Centro nazionale alcuni dati pubblicati da la Repubblica circa un anno fa.

Secondo i dati ufficiali del Centro, elaborati da fonte Istat, il numero delle spose bambine in Italia è in netto calo: se nel 1993 se ne contavano 1.562, nel 2007 le spose minorenni sono state appena 156. Numeri lontanissimi dalle stime di alcuni centri di ricerca internazionali, come l'International center for research on women, che parla di circa 2.000 spose bambine in Italia. Esiste in Italia, diversamente da altri Paesi, "una normativa che regolamenta il matrimonio dei minori: l'articolo 84 del codice civile", riferisce nell'articolo Lia Lombardi, docente di Sociologia della medicina all'Università di Milano. E' la stampa, dunque, che tende ad enfatizzare il fenomeno, inscenando un "gioco pericoloso, che replica e diffonde i pregiudizi verso le persone migranti".(Dires - Redattore Sociale)


22 febbraio 2010



Condividi questo articolo

in News: Il ministero dell’Interno cerca mediatoriÈ nero il giacinto'Nei ghetti d'Italia, questo non è un uomo' - Adriano SofriREGIONE LAZIO, PARTE IL PROGETTO EDA A FRASCATICLASSI PONTE? UN'INVENZIONE ITALIANAItaliano Lingua Migrante: una proposta didawebVicenza - classi d'accesso per immigratiOsservatorio Nazionale Minori StranieriIdentità  nazionale tra dialetti e lingue minoritarie Incontro di StudiZingari le radici dell'odio - BARBARA SPINELLIdi Toni Fontana - 2008 - Apartheid a Treviso: tolleranza doppio zeroSOCIAL FORUM EUROPEO - ISTANBUL LUGLIO 2010 - ASSEMBLEA EUROPEA DELL’EDUCAZIONE - APPELLO ALLA MOBILITAZIONEFare inte(g)razione tra enti locali, scuola e comunitàL'odissea dei ricongiungimentiROMA - Materna, massimo 5 stranieri per classeIl giudice: reintegrate quel professore licenziato perché marocchinoMozione 1-00033 APPROVATA presentata da ROBERTO COTA
testo di martedì 16 settembre 2008, seduta n.050CELIO AZZURRO: La didattica e la formazioneIl peso delle parole di Igiaba ScegoSpose bambine Romeo «sgombero,polizia» e la sua maestraFRASCATI, TOPPI: <IMG 
src=http://3.bp.blogspot.com/_fmnIKx3y3v8/S0NwoiaP1vI/AAAAAAAAIb4/0B-PYOKjpzE/S310/logo.jpg border=0><br>Primo marzo 2010. Autoctoni e immigrati, uniti nella stessa battaglia di civiltà.Se gli israeliani parlano uno slang… araboIl Mozambico visto da una ventenne italianaLe Gallarate - Una mostra racconta i Scuola. Roma, Municipio I vota contro tetto a stranieriIl ministro e il velo di FatimaEleganti, frenetici, rumorosi i mille volti di  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati