Primo marzo 2010. Autoctoni e immigrati, uniti nella stessa battaglia di civiltà.
Autoctoni e immigrati, uniti nella stessa battaglia di civiltà.
Condividi questo articolo


Stranieri non tanto dal punto di vista anagrafico, ma perché estranei al clima di razzismo che avvelena l'Italia del presente. Autoctoni e immigrati, uniti nella stessa battaglia di civiltà.


Primo marzo 2010


Cosa succederebbe se i quattro milioni e mezzo di immigrati che vivono in Italia decidessero di incrociare le braccia per un giorno? E se a sostenere la loro azione ci fossero anche i milioni di italiani stanchi del razzismo?

Primo marzo 2010 si propone di organizzare una grande manifestazione non violenta per far capire all'opinione pubblica italiana quanto sia determinante l'apporto dei migranti alla tenuta e al funzionamento della nostra società.

Questo movimento nasce meticcio ed è orgoglioso di riunire al proprio interno italiani, stranieri, seconde generazioni, e chiunque condivida il rifiuto del razzismo e delle discriminazioni verso i più deboli. Si collega e si ispira La journée sans immigrés: 24h sans nou, il movimento che in Francia sta organizzando uno sciopero degli immigrati per il 1 marzo 2010. Qui potete leggere il nostro manifesto programmatico.

Il colore di riferimento di Primo marzo 2010 è il giallo. Lo abbiamo scelto perché è considerato il colore del cambiamento e per la sua neutralità politica: il giallo non rimanda infatti ad alcuno schieramento in particolare.

Vi invitiamo, quindi, a usare già da oggi un braccialettino o un nastrino giallo come segno di riconoscimento.

La struttura di Primo Marzo 2010 prevede un Coordinamento nazionale, formato dalle fondatrici:
Stefania Ragusa, presidente e coordinamento comitati,
Daimarely Quintero, portavoce,
Nelly Diop, tesoriere,
Cristina Seynabou Sebastiani.
La struttura di Primo marzo 2010 prevede inoltre molteplici comitati locali.
Il logo è opera dell'artista siciliano Giuseppe Cassibba.

Per sostenerci
: abbiamo aperto un conto corrente presso Banca Etica a Milano. Chi volesse darci una mano dal punto di vista economico (e, non lo nascondiamo, ne abbiamo bisogno!) può utilizzarlo.
Questo è il nostro iban: IT98V0501801600000000130877
Intestatario del conto: Primo Marzo 2010


http://www.primomarzo2010.it/



Condividi questo articolo

in News: Il ministero dell’Interno cerca mediatoriÈ nero il giacinto'Nei ghetti d'Italia, questo non è un uomo' - Adriano SofriREGIONE LAZIO, PARTE IL PROGETTO EDA A FRASCATICLASSI PONTE? UN'INVENZIONE ITALIANAItaliano Lingua Migrante: una proposta didawebVicenza - classi d'accesso per immigratiOsservatorio Nazionale Minori StranieriIdentità  nazionale tra dialetti e lingue minoritarie Incontro di StudiZingari le radici dell'odio - BARBARA SPINELLIdi Toni Fontana - 2008 - Apartheid a Treviso: tolleranza doppio zeroSOCIAL FORUM EUROPEO - ISTANBUL LUGLIO 2010 - ASSEMBLEA EUROPEA DELL’EDUCAZIONE - APPELLO ALLA MOBILITAZIONEFare inte(g)razione tra enti locali, scuola e comunitàL'odissea dei ricongiungimentiROMA - Materna, massimo 5 stranieri per classeIl giudice: reintegrate quel professore licenziato perché marocchinoMozione 1-00033 APPROVATA presentata da ROBERTO COTA
testo di martedì 16 settembre 2008, seduta n.050CELIO AZZURRO: La didattica e la formazioneIl peso delle parole di Igiaba ScegoSpose bambine Romeo «sgombero,polizia» e la sua maestraFRASCATI, TOPPI: <IMG 
src=http://3.bp.blogspot.com/_fmnIKx3y3v8/S0NwoiaP1vI/AAAAAAAAIb4/0B-PYOKjpzE/S310/logo.jpg border=0><br>Primo marzo 2010. Autoctoni e immigrati, uniti nella stessa battaglia di civiltà.Se gli israeliani parlano uno slang… araboIl Mozambico visto da una ventenne italianaLe Gallarate - Una mostra racconta i Scuola. Roma, Municipio I vota contro tetto a stranieriIl ministro e il velo di FatimaEleganti, frenetici, rumorosi i mille volti di  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati