Sulla scuola araba di via Quaranta
Condividi questo articolo








Sulla scuola araba di via Quaranta


di Marilena Adamo



Non si riesce ancora a proporre una soluzione ragionevole per la scuola araba.
Preso atto che il 95% dei bambini arabi e musulmani frequentano positivamente la scuola pubblica, siamo di fronte a una minoranza di una minoranza di genitori che ritiene - secondo me a torto, ma ciò è irrilevante – di voler mandare i propri figli a una scuola privata.



Per questi casi l’ordinamento legislativo italiano prevede diverse opzioni:
- la scuola “paterna” (quella frequentata finora)
- la scuola straniera (come quella americana, quella tedesca, etc.)
- la scuola privata autorizzata
- la scuola paritaria.


L’associazione Al Fajr, che gestisce la scuola considerata “paterna”, si è resa disponibile al percorso verso la parità passando attraverso le inevitabili tappe.
L’attuale sede non è tuttavia assolutamente idonea: anzi è pericolosa e va inibita agli usi didattici
Si tratta ora di verificare se le istituzioni – il Comune o la Provincia, o chi può - intendono aiutare i genitori che intraprendono quel percorso mettendo a disposizione una sede con affitto contenuto, come si è fatto e si fa per tante altre realtà, comprese le scuole private.
Negare a priori questa possibilità è da un lato discriminante e dall’altro spingerebbe davvero le famiglie coinvolte a soluzioni “clandestine” che nessuno vuole per il bene di più di 400 bambini.

Marilena Adamo
Consigliere



CORDOGLIO PER IL PICCOLO SAMIR


Il gruppo consiliare D.S. di Palazzo Marino piange commosso la tragica morte del piccolo SAMIR, investito ieri di fronte alla sua scuola, e partecipa all’inconsolabile dolore della sua famiglia, dei suoi amici e di tutti coloro che lo hanno amato


 

http://www.retescuole.net/contenuto?id=20050923124632

Condividi questo articolo

in Scuole arabe: ALLE BAMBINE E AI BAMBINI DELLA SCUOLA ELEMENTARE DI VIA QUARANTA E AI LORO GENITORI - Appello alla solidarietà di ReteScuoleMilano: la scuola araba parificata, riconosciuta sia dal ministero dell'Istruzione italiano che da quello libico.L'Islam moderato: Il lutto per la morte di SamirScuole etniche e intercultura nella scuola pubblicaGIU' LE MANI DALLE BAMBINE DAI BAMBINI ARABI - Appello all'altra Milano per difendere la dignità e l'integrità dei piccoli migrantiLa Lega se la prende con i bambini di via QuarantaVIA QUARANTA: L'ASSESSORE BARZAGHI LANCIA LA PROPOSTA DI UN TAVOLO COMUNE INTERISTITUZIONALERete Scuole - Perchè siamo solidali con la scuola di via Quaranta - Lunedì presidio pacifico e nonviolento12.IX.1938 - 67 anni dopo la storia si ripete in via QuarantaNuovi locali per la scuola islamica. Le lezioni riprenderanno in un altro edificio messo a disposizione dalla fondazione MantegazzaVia Quaranta: saltate le trattative. La soluzione era a un passo, ora è sempre più lontana.Via Quaranta: si riparte da zeroLa protesta davanti ai locali chiusi di via QuarantaIntervista a Lidia Acerboni, professoressa in pensione, che per due anni ha coordinato le lezioni in italiano in via QuarantaDa via Quaranta al liceoMilano - Un migliaio di bambini islamici non frequenta la scuolaComune di Milano: una sede in via Zama per la scuola islamica paritariaScuola islamica paritaria - Polemica dopo l’apertura di Simini alle richieste del centro di via QuarantaLa vergogna della chiusura della scuola di via Quaranta - Michele CorsiPisanu: Gli islamici nelle scuole stataliNiente bambini nella scuola islamica. Il Comune di Milano: è un edificio industriale, non può ospitare una scuola. L'opposizione: assurdo, intervenga il prefettoLe lettere tra la scuola araba ''Fajr'' e l’Ass. all’Educazione con l’impegno del Comune per la sede di via Zama e l’avvio del procedimento per il riconoscimento come scuola paritariaQualche notizia vera sulla scuola di via QuarantaNon voglio più andare in via Quaranta<img 
src=http://www.corriere.it/Hermes%20Foto/2004/07_Luglio/11/0I0NE4GC--230x180.jpg border=0><br> Per un progetto unitario e condiviso di società pluralista, di cui la scuola sia elemento importante: 7 esponenti della società civile milanese.Tavolo tecnico Ministero dell’Istruzione - Ministero dell’Interno per una ricognizione sulle scuole prive di riconoscimento legaleYah salamu aleykum (la pace sia con voi)- Moni Ovadia a proposito della scuola di via Quaranta.Primo giorno nella scuola araba ''Il provveditore venga a trovarci''Sulla scuola araba di via QuarantaL'imam: «I nostri bimbi non siano copie sbiadite degli italiani»  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati