Non voglio più andare in via Quaranta
Condividi questo articolo



La Maiolo: ora è inserita in una scuola pubblica
Una ragazzina araba dice basta al velo

 

«Non voglio più andare in via Quaranta».

I genitori hanno sostenuto la scelta della figlia. Presto otterrà la licenza media

 

È la storia, discreta e a lieto fine, di una ragazza di 14 anni stufa della scuola di via Quaranta. «Non voglio essere costretta a mettere il velo, vorrei vestirmi come le altre ragazze, le nostre regole sono troppo rigide e poi anche mia mamma non è contenta di come si lavora, di quello che ci insegnano...», racconta agli operatori del Comune che hanno contattato la famiglia. La ragazza viene così inserita in una scuola elementare del Comune: siede accanto a bambini di prima elementare, molto più piccoli di lei, ma sorridenti e gentili come tutti i bambini che non vedono le differenze — neppure d'età — se non sono gli adulti a sottolinearle.

 

Grazie ai supporti del Comune, però, la giovane studentessa viene seguita nel corso di studi e a fine d'anno, dello scorso anno scolastico, può presentarsi come privatista agli esami di quinta elementare. A settembre, la ragazza passerà sui banchi di una scuola media serale: l'obiettivo è di poterla preparare agli esami che garantiscono la licenza media. In due anni, insomma, la ragazza avrà recuperato gli otto anni scolastici che in via Quaranta non vengono riconosciuti, «ma soprattutto una ragazza islamica si sarà integrata alle sue coetanee e al territorio».

 

La conclusione è dell'assessore comunale Tiziana Maiolo, che lancia così un appello alle altre famiglie egiziane che continuano a mandare i figli nella scuola di via Quaranta: «Il Comune offre una reale alternativa, che salvaguarda i valori e la cultura dei bambini e dei ragazzi islamici, garantendo però allo stesso tempo una reale integrazione». Il progetto sperimentale è stato avviato dal settore Politiche sociali lo scorso anno, in collaborazione con l'associazione Italia-Egitto: ne sono interessati finora 73 bambini, tra cui 8 che hanno abbandonato via Quaranta.

 

L'accordo, in sintesi, è questo: le famiglie accettano di iscrivere i figli a una scuola pubblica italiana. Il Comune, in cambio, offre un'assistenza mirata con corsi di arabo, formazione ad hoc per gli insegnanti che hanno in classe bimbi islamici, doposcuola e perfino corsi al sabato e alla domenica per aiutare chi ha maggiori difficoltà con la lingua o con l'apprendimento o per far recuperare gli anni di scuola perduti, come nel caso della ragazza quattordicenne prossima alla licenza media. I fondi utilizzati sono quelli della legge regionale 40 sull'immigrazione e per verificare il gradimento del servizio è stato da poco distribuito un questionario a tutte le famiglie coinvolte: «La nostra ambizione — insiste la Maiolo — è fare da ponte per tutti gli alunni di via Quaranta che, grazie al nostro servizio, potrebbero transitare in una scuola pubblica senza problemi e senza traumi».

 

Il giudizio della Maiolo sul caso via Quaranta, infine, è categorico: «La scuola deve chiudere e queste persone devono uscire dalla illegalità. Ma noi offriamo anche un'alternativa, nel rispetto della loro cultura e delle loro radici che nessuno di noi mette in discussione. Riteniamo che l'integrazione cominci dalle piccole cose: ad esempio, liberare una ragazzina di 14 anni dall'obbligo del velo».



Elisabetta Soglio

 



Condividi questo articolo

in Scuole arabe: ALLE BAMBINE E AI BAMBINI DELLA SCUOLA ELEMENTARE DI VIA QUARANTA E AI LORO GENITORI - Appello alla solidarietà di ReteScuoleMilano: la scuola araba parificata, riconosciuta sia dal ministero dell'Istruzione italiano che da quello libico.L'Islam moderato: Il lutto per la morte di SamirScuole etniche e intercultura nella scuola pubblicaGIU' LE MANI DALLE BAMBINE DAI BAMBINI ARABI - Appello all'altra Milano per difendere la dignità e l'integrità dei piccoli migrantiLa Lega se la prende con i bambini di via QuarantaVIA QUARANTA: L'ASSESSORE BARZAGHI LANCIA LA PROPOSTA DI UN TAVOLO COMUNE INTERISTITUZIONALERete Scuole - Perchè siamo solidali con la scuola di via Quaranta - Lunedì presidio pacifico e nonviolento12.IX.1938 - 67 anni dopo la storia si ripete in via QuarantaNuovi locali per la scuola islamica. Le lezioni riprenderanno in un altro edificio messo a disposizione dalla fondazione MantegazzaVia Quaranta: saltate le trattative. La soluzione era a un passo, ora è sempre più lontana.Via Quaranta: si riparte da zeroLa protesta davanti ai locali chiusi di via QuarantaIntervista a Lidia Acerboni, professoressa in pensione, che per due anni ha coordinato le lezioni in italiano in via QuarantaDa via Quaranta al liceoMilano - Un migliaio di bambini islamici non frequenta la scuolaComune di Milano: una sede in via Zama per la scuola islamica paritariaScuola islamica paritaria - Polemica dopo l’apertura di Simini alle richieste del centro di via QuarantaLa vergogna della chiusura della scuola di via Quaranta - Michele CorsiPisanu: Gli islamici nelle scuole stataliNiente bambini nella scuola islamica. Il Comune di Milano: è un edificio industriale, non può ospitare una scuola. L'opposizione: assurdo, intervenga il prefettoLe lettere tra la scuola araba ''Fajr'' e l’Ass. all’Educazione con l’impegno del Comune per la sede di via Zama e l’avvio del procedimento per il riconoscimento come scuola paritariaQualche notizia vera sulla scuola di via QuarantaNon voglio più andare in via Quaranta<img 
src=http://www.corriere.it/Hermes%20Foto/2004/07_Luglio/11/0I0NE4GC--230x180.jpg border=0><br> Per un progetto unitario e condiviso di società pluralista, di cui la scuola sia elemento importante: 7 esponenti della società civile milanese.Tavolo tecnico Ministero dell’Istruzione - Ministero dell’Interno per una ricognizione sulle scuole prive di riconoscimento legaleYah salamu aleykum (la pace sia con voi)- Moni Ovadia a proposito della scuola di via Quaranta.Primo giorno nella scuola araba ''Il provveditore venga a trovarci''Sulla scuola araba di via QuarantaL'imam: «I nostri bimbi non siano copie sbiadite degli italiani»  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati