ALLE BAMBINE E AI BAMBINI DELLA SCUOLA ELEMENTARE DI VIA QUARANTA E AI LORO GENITORI - Appello alla solidarietà di ReteScuole
Condividi questo articolo


ALLE BAMBINE E AI BAMBINI
DELLA SCUOLA ELEMENTARE DI VIA QUARANTA
E AI LORO GENITORI





Chi volesse dare la propria adesione a questo
comunicato potrà farlo indirizzando una mail a
info@retescuole.net
specificando se possibile scuola e città


La solidarietà di ReteScuole



Siamo un gruppo di insegnanti, genitori, studentesse e studenti della scuola pubblica statale che in questi anni si sono battuti contro la politica scolastica del ministro Moratti. In particolare ci siamo opposti al tentativo di eliminare il tempo pieno, che nelle elementari permette alle bambine e ai bambini di rimanere a scuola anche il pomeriggio facendo una scuola di qualità. Ci sono molte altre cose che non ci sono piaciute nell'azione del governo: ad esempio ha eliminato i facilitatori linguistici, quegli insegnanti che aiutavano i bambini stranieri ad
imparare la lingua e a inserirsi a scuola senza traumi.
Non siamo d'accordo inoltre che nella scuola pubblica statale si possano imparare solo le lingue dell'Unione Europea. Per queste ragioni e per molte altre in questi anni abbiamo organizzato proteste e manifestazioni.

Noi pensiamo che voi abbiate diritto alla vostra scuola in lingua araba. A Milano vi sono scuole francesi e tedesche ed anche a carattere religioso, come le scuole cattoliche ed ebraiche, e non si capisce perché venga impedito solo a voi. Noi lottiamo perché nella scuola pubblica statale siano garantiti degli spazi dove tutte le culture, le lingue e le religioni possano incontrarsi. Questo è il nostro obiettivo, ma sappiamo bene che per ora non è così. Per questo difendiamo la possibilità che la vostra identità non venga annullata.

Noi pensiamo che l'attacco che voi avete subito sia di tipo razzista.
Nel nostro Paese c'è un clima di isteria antislamica e antiaraba senza precedenti, alimentato da partiti e da persone che seminano odio e incomprensione. E' gente che vive rinchiusa in torri di pregiudizio e di ignoranza.
Noi invece, che a scuola ci andiamo tutti i giorni, vi conosciamo e vi apprezziamo. Le bambine e i bambini, le ragazze e i ragazzi arabi frequentano le scuole dove sono iscritti i nostri figli e figlie, e dove noi lavoriamo come insegnanti. Consideriamo una grande ricchezza
conoscervi e frequentarvi, e vorremmo essere orgogliosi di vivere in un Paese che accoglie con un sorriso chi viene qui per lavorare e non chiede altro che di essere rispettato nella sua identità. C'è stata un'epoca in cui gli italiani emigravano nel mondo ed erano trattati molto
male, purtroppo in troppi oggi si sono dimenticati le sofferenze del nostro popolo migrante.

Sappiamo che state attraversando un brutto momento, ci dispiace non disporre della forza sufficiente per contrastare l'offensiva razzista della quale siete vittime, sappiate che comunque noi continueremo a batterci tra l'altro per:


    * garantire l'insegnamento delle lingue non comunitarie nelle scuole pubbliche
       (arabo, cinese, ecc.)
    * ripristinare nella scuola pubblica i semidistacchi dall'insegnamento
       per i facilitatori linguistici
    * garantire ai popoli migranti il diritto a costituire proprie scuole
       per salvaguardare la propria cultura d'origine

i genitori, le studentesse e gli studenti, le maestre e i maestri, i professori e le professoresse di ReteScuole

Hanno dato inoltre la loro adesione:
il Comitato Genitori Cittadino di Cinisello Balsamo
Giancarlo Benazzi, direttivo FLC-scuola - Milano

Carlo Avossa, insegnante di scuola elementare, primo Circolo di Senago (MI)
Camilla Bianchi, docente - Liceo Artistico di Brera - Milano
Clara Bianchi, maestra via Muzio
Monica Bacis, genitore, Milano
Alberto Ciullini, genitore, elementare Muzio, Milano
Michele Corsi, docente Itsos
Beatrice Damiani, maestra via Palmieri
Marco Donati, genitore- Milano
Donatella Fontana, insegnante di scuola media, Senago(MI)
Antonella Loconsolo genitore scuola media Cassinis, via Hermada 18, Milano
Raffaele Mantegazza, Cattedra di pedagogia
interculturale e della cooperazione Università degli Studi di Milano Bicocca
Gino Maurello, insegnante - Corsico
Roberta Migliavacca - genitore - Istituto
Tecnico-Agrario "C. Gallini" Voghera (Pv)
Giovanna Moretti, genitore - Licei Tito Livio e Vittorini - Milano
Mario Piemontese, docente - Liceo Scientifico Marconi - Milano
Paola Renzulli, docente, liceo artistico di brera
e genitore, scuola media di via vivaio.
Roberto Rivolta, docente - Milano
Patrizia Quartieri, maestra, Milano
Lella Trapella, genitore - Elementari parco Trotter - Milano

 



Condividi questo articolo

in Scuole arabe: ALLE BAMBINE E AI BAMBINI DELLA SCUOLA ELEMENTARE DI VIA QUARANTA E AI LORO GENITORI - Appello alla solidarietà di ReteScuoleMilano: la scuola araba parificata, riconosciuta sia dal ministero dell'Istruzione italiano che da quello libico.L'Islam moderato: Il lutto per la morte di SamirScuole etniche e intercultura nella scuola pubblicaGIU' LE MANI DALLE BAMBINE DAI BAMBINI ARABI - Appello all'altra Milano per difendere la dignità e l'integrità dei piccoli migrantiLa Lega se la prende con i bambini di via QuarantaVIA QUARANTA: L'ASSESSORE BARZAGHI LANCIA LA PROPOSTA DI UN TAVOLO COMUNE INTERISTITUZIONALERete Scuole - Perchè siamo solidali con la scuola di via Quaranta - Lunedì presidio pacifico e nonviolento12.IX.1938 - 67 anni dopo la storia si ripete in via QuarantaNuovi locali per la scuola islamica. Le lezioni riprenderanno in un altro edificio messo a disposizione dalla fondazione MantegazzaVia Quaranta: saltate le trattative. La soluzione era a un passo, ora è sempre più lontana.Via Quaranta: si riparte da zeroLa protesta davanti ai locali chiusi di via QuarantaIntervista a Lidia Acerboni, professoressa in pensione, che per due anni ha coordinato le lezioni in italiano in via QuarantaDa via Quaranta al liceoMilano - Un migliaio di bambini islamici non frequenta la scuolaComune di Milano: una sede in via Zama per la scuola islamica paritariaScuola islamica paritaria - Polemica dopo l’apertura di Simini alle richieste del centro di via QuarantaLa vergogna della chiusura della scuola di via Quaranta - Michele CorsiPisanu: Gli islamici nelle scuole stataliNiente bambini nella scuola islamica. Il Comune di Milano: è un edificio industriale, non può ospitare una scuola. L'opposizione: assurdo, intervenga il prefettoLe lettere tra la scuola araba ''Fajr'' e l’Ass. all’Educazione con l’impegno del Comune per la sede di via Zama e l’avvio del procedimento per il riconoscimento come scuola paritariaQualche notizia vera sulla scuola di via QuarantaNon voglio più andare in via Quaranta<img 
src=http://www.corriere.it/Hermes%20Foto/2004/07_Luglio/11/0I0NE4GC--230x180.jpg border=0><br> Per un progetto unitario e condiviso di società pluralista, di cui la scuola sia elemento importante: 7 esponenti della società civile milanese.Tavolo tecnico Ministero dell’Istruzione - Ministero dell’Interno per una ricognizione sulle scuole prive di riconoscimento legaleYah salamu aleykum (la pace sia con voi)- Moni Ovadia a proposito della scuola di via Quaranta.Primo giorno nella scuola araba ''Il provveditore venga a trovarci''Sulla scuola araba di via QuarantaL'imam: «I nostri bimbi non siano copie sbiadite degli italiani»  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati