Scuole etniche e intercultura nella scuola pubblica
Luigi Ambrosi
Condividi questo articolo



   Scuole etniche e intercultura
  nella scuola pubblica


     di Luigi Ambrosi


 


Scuole etniche a Milano ne esistono da tempo, quella ebraica, quella egiziana di via Quaranta, le diverse scuole che fanno capo ai consolati occidentali, così come esistono quelle di taglio confessionale come le scuole private di stampo cattolico.Anche i cinesi cercano da anni di fare scuole etniche, per ora si accontentano di spazi angusti al sabato.


I tentativi della scuola pubblica di accogliere i bisogni culturali degli stranieri in Italia sono affondati da anni, coi tagli ministeriali alla mediazioni culturale, con la mancata convocazione della commissione ministeriale relativa all'intercultura ed una qualsivoglia progettazione, con lo storno dei fondi della legge 40 da parte della Regione, e con gli ostacoli creati dal Comune alla concessione degli spazi scolastici ed altro.


Cosa resta da fare ad una famiglia cinese, araba, amerinda, che pure paga le tasse e quindi finanzia la scuola pubblica, che non vede soddisfatti i bisogni di salvaguardia della lingua e cultura d'origine, e di religione nel caso delle famiglie islamiche?


La scuola di via quaranta nasce come scuola consolare; cosa si insegna nelle scuole italiane all'estero? Non credo che nelle scuole italiane in uno stato islamico si insegni l'Islam.
Pur essendo contrario alle scuole etniche, ritengo legittimo il diritto delle famiglie di origine straniera di veder riconosciute le loro culture; oppure teorizziamo la colonizzazione e plagio culturale dei loro figli?


E la scuola non deve essere di mercato, quindi al servizio dei bisogni dell'utenza? Se l' utenza è di origine straniera, che la scuola si adegui...
Onestamente, possiamo andare oggi da queste famiglie e
garantire loro che la scuola andrà incontro ai loro bisogni, che vi saranno due-tre ore settimanali di lingua d'origine, che ci sarà spazio per storia e geografia dei loro paesi, e che un imam potrà svolgere due ore settimanali di religione islamica a chi ne fa richiesta? Se la risposta fosse positiva non avrei alcuna esitazione a sostenere che tutti gli studenti stranieri debbano frequentare la scuola italiana, ma sappiamo che non à e non sarà così perchè questa classe dirigente non lo vuole.


Proviamo ad immaginare che queste richieste, per altro accolte in altri stati europei (in scandinavia vi
sono ore settimanali obbligatorie e curricolari di lingua d'origine...), siano accolte nelle nostre scuole, magari provvisoriamente fuori dall'orario scolastico e/o al sabato.

Un imam al sabato mattina in una scuola elementare che fa lezione di religione?

Un mediatore culturale che insegna arabo o cinese in una scuola pubblica, magari a stranieri ed italiani insieme, sovvenzionato dal Ministero o dall'Ente locale? Proviamo a far deliberare i Collegi
Docenti su ciò ed a richiederne i finanziamenti....


A Milano la realtà è stata che i facilitatori culturali, ponte con le famiglie straniere, sono stati rimandati in classe, quindi i progetti interculturali sono stati affossati, il Comune ha ritirato le concessioni di spazi per la lingua d'origine ai cinesi in scuole pubbliche, spazi che tra l'altro concedeva a caro prezzo... Quindi che la Ministra non si sciaqui la blocca sostenendo che nelle scuole pubbliche si fa integrazione; che si chiariscano le idee se vogliono una società con stranieri ghettizzati oppure plagiati e colonizzati.


Luigi Ambrosi


luigi.ambrosi1@virgilio.it



Condividi questo articolo

in Scuole arabe: ALLE BAMBINE E AI BAMBINI DELLA SCUOLA ELEMENTARE DI VIA QUARANTA E AI LORO GENITORI - Appello alla solidarietà di ReteScuoleMilano: la scuola araba parificata, riconosciuta sia dal ministero dell'Istruzione italiano che da quello libico.L'Islam moderato: Il lutto per la morte di SamirScuole etniche e intercultura nella scuola pubblicaGIU' LE MANI DALLE BAMBINE DAI BAMBINI ARABI - Appello all'altra Milano per difendere la dignità e l'integrità dei piccoli migrantiLa Lega se la prende con i bambini di via QuarantaVIA QUARANTA: L'ASSESSORE BARZAGHI LANCIA LA PROPOSTA DI UN TAVOLO COMUNE INTERISTITUZIONALERete Scuole - Perchè siamo solidali con la scuola di via Quaranta - Lunedì presidio pacifico e nonviolento12.IX.1938 - 67 anni dopo la storia si ripete in via QuarantaNuovi locali per la scuola islamica. Le lezioni riprenderanno in un altro edificio messo a disposizione dalla fondazione MantegazzaVia Quaranta: saltate le trattative. La soluzione era a un passo, ora è sempre più lontana.Via Quaranta: si riparte da zeroLa protesta davanti ai locali chiusi di via QuarantaIntervista a Lidia Acerboni, professoressa in pensione, che per due anni ha coordinato le lezioni in italiano in via QuarantaDa via Quaranta al liceoMilano - Un migliaio di bambini islamici non frequenta la scuolaComune di Milano: una sede in via Zama per la scuola islamica paritariaScuola islamica paritaria - Polemica dopo l’apertura di Simini alle richieste del centro di via QuarantaLa vergogna della chiusura della scuola di via Quaranta - Michele CorsiPisanu: Gli islamici nelle scuole stataliNiente bambini nella scuola islamica. Il Comune di Milano: è un edificio industriale, non può ospitare una scuola. L'opposizione: assurdo, intervenga il prefettoLe lettere tra la scuola araba ''Fajr'' e l’Ass. all’Educazione con l’impegno del Comune per la sede di via Zama e l’avvio del procedimento per il riconoscimento come scuola paritariaQualche notizia vera sulla scuola di via QuarantaNon voglio più andare in via Quaranta<img 
src=http://www.corriere.it/Hermes%20Foto/2004/07_Luglio/11/0I0NE4GC--230x180.jpg border=0><br> Per un progetto unitario e condiviso di società pluralista, di cui la scuola sia elemento importante: 7 esponenti della società civile milanese.Tavolo tecnico Ministero dell’Istruzione - Ministero dell’Interno per una ricognizione sulle scuole prive di riconoscimento legaleYah salamu aleykum (la pace sia con voi)- Moni Ovadia a proposito della scuola di via Quaranta.Primo giorno nella scuola araba ''Il provveditore venga a trovarci''Sulla scuola araba di via QuarantaL'imam: «I nostri bimbi non siano copie sbiadite degli italiani»   dello stesso autore: <img src=http://www.didaweb.net/mediatori/immagini/frawe.gif height=60 width=70 border=0 align=left><FONT color=#663399 size=5>I CULTI SOLARI NELL’EMISFERO NORD</FONT>IL 25 DICEMBRE  NATALE  DEL SOLELE RADICI ASTRONOMICHE DEL NATALE:IL SOLSTIZIO D’INVERNO25 DICEMBRE DEL 274 D. C.25 DICEMBRE DEL 330 D.C.PROTESTANTI E “RIFORMA”: VIETATO FESTEGGIARE IL NATALECULTI  A ROMA  PRIMA  DEL NATALE CRISTIANO:I SATURNALIDIO SOLE SIRIANO: ''INVICTUS SOL ELAGABALUS'' DI EMESADIO SOLE INDO-PERSIANO-MESOPOTAMICOIL DIO SOLE EGIZIANODIO SOLE BABILONESE:DIO SOLE ARABO: IL CULTO DI DUSARES/HELIOSIL DIO INDIANO: KRISHNAALTRI CULTI SOLARIALTRI RITI E PERSONAGGI DEL NATALE:LA DATA DI NASCITA DI GESU’LA STELLA COMETABABBO NATALEL’ALBEROIL CEPPO NATALIZIOIL VISCHIOIl CAPODANNOLA STRENNAL’EPIFANIA  E  LA  BEFANAISTRUZIONI D’USOE’ vietato nelle scuole indossare simboli o indumenti che ostentino l’appartenenza religiosa: la legge francese<b>IL PROBLEMA DEGLI INVISIBILI: </b>Studenti stranieri ''fuori'' dalle scuole a MilanoScuole etniche e intercultura nella scuola pubblica<b>SOLSTIZIO INVERNALE: LA RINASCITA DELLA LUCE</b> - IL NATALE E LE SUE RADICI - I CULTI SOLARI NELL’EMISFERO NORD


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati